attingere dalla musica classica per nuove canzoni rock

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      attingere dalla musica classica per nuove canzoni rock

      Mi chiedevo quali fossero esattamente i limiti per attingere dalla musica classica e rimaneggiarla per ottenere nuovi brani rock.

      Ipotizziamo che voglia usare come intro un accenno al requiem di Mozart, giusto qualche battuta, poi preseguire con un brano tutto mio ma che magari sfrutta per il ritornello lo stesso giro di accordi di quel requiem, e che di tanto in tanto accenna sempre al brano classico attraverso un riff di qualche nota oppure una brevissima interruzione per un accenno ad un passaggio del brano classico, anche se melodia e testo ovviamente sono del tutto originali e il brano si sviluppa in una sequenza di strofe e ritornelli che ha poco a che fare con la musica classica.

      C'è qualche regola da osservare in merito?
      E' possibile depositare il brano come proprio senza accennare che per l'arrangiamento si sono sfruttati brevi passaggi di un brano classico?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Sì beh certo saranno parti brevissime ma riconoscibili, l'intento è proprio di omaggiare il compositore e non di rubare a man bassa per fare pezzi propri, tuttavia i pezzi sono veramente inediti, con testi e melodia che nulla hanno a che fare con dei brani classici, e tutto un arrangiamento con strumenti rock che al massimo fanno giusto il "verso" ad un brano classico per restare in tema, potrei citarti i Muse anche se lo fanno in modo molto meno evidente ma certi giri loro sono omaggi ai classici, magari giusto in introduzione poi cambia tutto, esattamente come vorrei fare io.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Aggiungerei che, per evitare problemi di autorizzazioni, il brano citato deve essere di un compositore morto da almeno 70 anni, in modo che ricada nel pubblico dominio.
      Se depositi alla SIAE un brano contenente delle citazioni, il brano è comunque tuo, salvo che le citazioni non abbiano la prevalenza, in quel caso si parla di "elaborazioni" (della citazione) e non di pezzi originali.
      Esistono compositori che hanno fatto della citazione una marca stilistica (Shostakovich o Shnittke), ma anche tanti cantanti di musica pop citano spesso (mi viene in mente Russuan di Sting, che cita Prokoviev, tanto per restare sui classuci russi): i pezzi sono i loro, perché la citazione ha solo un ruolo evocativo, ma il pezzo nell'intero è qualcosa di originale.
      Buon lavoro