Piano - diteggiature degli accodi

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Piano - diteggiature degli accodi

      Salve,

      vorrei gentilmnte sapere qualche suggerimento per un libro o un tutorial nel web che mi faccia vedere la diteggiatura dei principali accordi sul pianoforte. Oppure se ci sono regole generali da rispettare, ditemele! :)

      In particolare credo che a livello di accordi maggiori e minori sono riuscito da solo ad azzeccare le dita giuste da usare.
      Quel che mi mette in crisi sono gli accordi di settima, per un accordo di 4 note si usa una mano sola o entrambe?

      Parlo cmq di accordi in stato fondamentale, almeno per il momento.

      Preciso non voglio diventare un pianista, mi serve solo per suonicchiare un pò il piano.

      grazie!

      Lupinthe4th wrote:

      Quel che mi mette in crisi sono gli accordi di settima, per un accordo di 4 note si usa una mano sola o entrambe?


      Ciao,
      se nella mano hai tutte le 5 dita.... fino a 5 note li fai con una mano sola...
      se vuoi usare entrambe le mani sul pianoforte, con la sinistra puoi fare la parte del basso... ad esempio la fondamentale dell'accordo.

      Ad esempio accordo di SOL7 con la mano destra fai le note inerenti all'accordo, con la sinistra fai il SOL basso.

      In quanto a metodi... non saprei consigliarti... Innanzitutto puoi prendere un metodo di teoria musicale, per apprendere le nozioni di base... poi se cerchi in rete trovi un pò di tutto...

      Direi che per iniziare, se lo vuoi fare come autodidatta io ho trovato ben fatti questi metodi link io ho preso la versione per basso...

      In ogni caso ti consiglierei di rivolgerti a un insegnante che ti aiuta e ti corregge in ogni cosa, altrimenti rischi di prendere magari cattive abitudini che col tempo saranno difficili da abbandonare...
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      Molte grazie!

      cmq per chiarezza come dicevo non mi interessa diventare un pianista..sono un chitarrista con studi classici alle spalle, conosco abbastanza teoria e armonia musicale. Quindi la formazione degli accordi ecc.. non sono un segreto.

      Ho solo bisogno di una dispensa che mi faccia vedere come buttare giù le dita per eseguire gli accordi (quelli più complessi)..perchè imparare per imparare almeno imparo nel modo giusto.
      Allora se già hai un buon bagaglio di teoria potresti fare una bella chiacchierata con un pianista, magari proprio davanti al piano e provare sentendo di volta in volta il sound che ne esce.

      Come sulla chitarra, lo stesso accordo lo puoi costruire con diteggiature diverse, e a seconda di questo avrà sonorità differenti.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      Per diteggiature diverse e relative sonorità intendi i rivolti vero?

      per il momento non mi interessano comunque voglio solo apprendere le diteggiature per le posizioni di stato fondamentale..poi una volta acquisite non credo sarà molto complicato ricavarne quelle dei rivolti..
      cmq grazie molte per i consigli!
      si intendevo proprio i rivolti.

      Per il resto se cerchi in rete trovi tantissima documentazione scaricabile che ti spiega la costruzione degli accordi.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      per la diteggiatura in genere non ci sono regole rigide, dipende pure da come suoni tu, quindi all'inizio io mi preoccuperei soltanto di portare un accordo sulla tastiera (visto che conosci l'armonia non dovrebbe esseredifficile) creandomi un database mio

      comunque in generale l'accordo nella stragrande maggioranza dei casi lo puoi dividere tra mano sinistra e destra, suonando alcune note con la sinistra (esempio la nota fondamentale) e il resto con l'altra mano...

      nel caso in cui devi avere l'indipendenza delle due mani (tipo accompagnamento con la sinistra e solo con la destra) allora dovresti vedere anche i "voicings" (sul web trovi tantissime risorse ) che sono un modo per risolvere la mancanza di dita
      per suonare accordi complicati per numero di note (es 11ma... 13ma) :) e per suonare un
      accordo (privato di alcune note) solo con la mano sinistra. E' una cosa
      più da jazz ma aiuta a capire come suonare solo l'essenziale
      "...a alma é o segredo do negócio..." Zeca Baleiro
      SE un accordo ha la settima non è necessario fare quattro note. Come ti veniva suggerito sopra, nella musica moderna puoi fare con la sinistra il basso, di solito la nota fondamentale dell'accordo doppiata su due ottava, con la destra fai l'accordo che può contenere sia la fondamentale che no, dipende dalla profondità che vuoi dare all'armonia. PEr quanto riguarda la diteggiatura devi usare meno spostamenti possibili cercando di evitare di saltare in qua e in la sulla tastiera ussando quindi i rivolti.
      Per esempio se con la destra fai l'accordo di Do do (1 dito) re (2d) sol (4dito) per passare al La minore usi il suo rivolto (do-mi-la) alzi il 4 dito del sol e metti il quinto dito sul la e così via. La regola, ma anche l'armonia chiedono che tu tra un accordo e l'altro tenga più note comuni possibili e questo lo puoi fare usando l'accordo rivoltato, nell'esempio fatto prima il La minore è formato dalle note la-do-mi , do-mi-la è il suo rivolto, cioè le stesse note che formano l'accordo però suonate in successione diversa sulla tastiera.
      Perfetto ragazzi! grazie a tutti ora inizia ad essere più chiaro il tutto..gli accordi sulla tastiera riesco a portarli già abbastanza bene, sono un pò lento nei cambi ma nulla che un pò di esercizio non possa risolvere.
      Rispetto agli accordi di 11, 13 ecc.. sono già consapevole che bisogna eliminare delle note per far si che le dita bastino,
      nella chitarra è molto peggio sta cosa, visto che di dita ne puoi usare solo 4 (pollice a parte per casi eccezionali)! :)

      Cmq quello a cui pensavo era proprio il jazz a dire il vero, ovviamente lungi da me voler diventare un pianista jazz, mi serve solo per comporre e registrare la mia musica che al momento scrivo nota per nota con un programma midi! e non mi passa più!

      Grazie ancora!
      uno dei vantaggi (notevoli) dei voicing per la mano sinistra nel piano è che l'armonia si svincola un po' anche dalla tonalità, nel senso che il basso (inteso come strumento del gruppo e non come elemento dell'accordo) può essere più libero di spaziare e di improvvisare.. Inoltre i voicing ti consentono di passare facilmente da un accordo ad un altro (secondo le cadenze più comuni) spostando solo un dito

      in ogni caso se vuoi una panoramica esaustiva (la Bibbia diciamo :) ) sui voicings ascolta un po' il grande Bill Evans giusto per capire che si può fare con tre note solo sulla mano sinistra. (un esempio per tutti l'inizio del solo di "time remembered")

      altro consiglio (non so quanto facile da realizzare) è di usare un programma tipo "band in a box" (sincramente non so se esiste ancora) scrivere gli accordi nell'editor scegliere uno stile che ti piace e vedere come li suona lui :) si imparano tantissime cose te lo assicuro. Io nel periodo dell'Atari ho imparato veramente moltissimo con questo sistema un po' "alternativo"
      "...a alma é o segredo do negócio..." Zeca Baleiro
      eheh si esiste ancora ban in a box..io lo usavo quando imparavo ad improvvisare con la chitarra. Non è malaccio in effetti anche se per la stragrande maggioranza di stili e accordi (mi riferisco alle quadriadi ecc..) gioca ritmicamente sempre con 1,3 e 5.

      Cmq Eumir, sai dirmi se ci sono proprio dei libri su questi voicing??

      Ok l'ascolto di Evans ma preferirei analizzarli dallo scritto..

      Lupinthe4th wrote:

      Cmq Eumir, sai dirmi se ci sono proprio dei libri su questi voicing??
      ce ne saranno sicuramente molti, io metto il titolo di un libro che possiedo e che mi ha fatto capire molte cose. E'stato scritto da un grande pianista Davide Santorsola e che per me è anche un bravo didatta... si chiama "jazz: l'arte dell'improvvisazione" spartiti.biz/jazz/descri_jazz.asp?ref=95569 (l'ho consigliato altre volte qui e vorrei chiarire che non lavoro per ricordi e, purtroppo, non conosco Santorsola)
      :) ma mi è piaciuto appunto come vengono spiegate le cose

      Lupinthe4th wrote:

      Ok l'ascolto di Evans ma preferirei analizzarli dallo scritto..
      Pure perchè capire Bill Evans a volte è una impresa :D
      "...a alma é o segredo do negócio..." Zeca Baleiro

      Post was edited 1 time, last by “eumir” ().

      Eumir...siamo proprio sicuri che nn lavori per Ricordi vero??? :D

      Ti ringrazio...acquisterò la pubblicazione.

      Senti giusto per un esempio pratico..diciamo che devi metter giù un Dmaj7, che dita della mano destra e quali della mano sinistra utilizzi?

      Ti chiedo proprio di dirmi una cosa tipo, mano destra: mignolo reb, anulare re ecc...

      scusa eh..grazie!! :)

      classic wrote:

      per entrambe le mani:
      1=pollice
      5=mignolo

      RE7+
      mano sinistra RE e RE (1 e 5)
      mano destra DO# RE FA# (1 2 4)

      Mi pare pleonastico...!! RIpeti 3 volte il RE...!!

      Io farei, anzi faccio (a dire il vero..!) cosi:
      Mano sx RE 1 e 5
      Mano dx 1 LA , 2 DO# , 3 FA#

      Cosi' suddividiamo tutte le note dell'accordo tra le due mani e togliamo la fondamentale dalla mano dx visto che gia' la facciamo due volte con la mano sx ..!


      CIAO
      CHECCO
      Molte grazie anche a te Hal..anche se onestamente non mi è proprio utilissimo :P

      Perchè come dicevo sopra, conosco la musica, quindi so come si formano gli accordi.
      E nel prontuario da te indicato ci sono dei cerchi sopra le note che costituiscono l'accordo..io invece avrei bisogno di sapere con quali dita schiacciare le note segnate. :D

      E' questo che non so e non vorrei prendere cattive abitudini già in partenza.
      secondo me non dovresti cercare far memorizzare alla mano 24 diteggiature per i 24 accordi....
      anche perchè nei passaggi da un accordo ad un altro potresti trovarti in difficoltà. ti consiglio di provare tutti gli accordi con quante più diverse diteggiature riesci. tipo 1-3-5 / 2-3-5 / 1-2-4 / 1-2-3.....