Per quanto tempo potrò andare avanti così....=

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Però Lattugo veramente le mie sono opinioni personalissime, non sto dando torto a te e ragione a me.
      Voglio solo dire che esistono modalità di approccio differenti.
      A me non piace mettere percussioni nei miei brani perchè non mi permettono libertà in performance di rallentare o accellerare mentre suono la chitarra acustica e canto. È una visione mia. Non la voglio certo esportare come giusta.
      Tutto é Soggettivo

      loyuit ha scritto:

      Però Lattugo veramente le mie sono opinioni personalissime, non sto dando torto a te e ragione a me.
      Voglio solo dire che esistono modalità di approccio differenti.


      Non è questione di ragione o torto, e nemmeno di modalità di approccio differenti.
      Il punto è cercare di aiutare il TS con consigli che abbiano un minimo di attinenza con la sua richiesta.

      Se tu hai un approccio minimalista va benissimo, però se uno chiede aiuto su come configurare un ambiente per un obiettivo come quello di realizzare soundtracks e film scoring sarebbe opportuno cercare di focalizzarsi sulle sue esigenze piuttosto che restare centrati nel proprio microcosmo.

      Ci sono (tante) cose che con sole 8 tracce di VSTi NON si possono fare, specie nell'ambito di applicazione che predilige. E perché il TS dovrebbe precludersi la possibilità di farle? Per coerenza con la TUA ideologia minimalista?

      Sarebbe opportuno cercare di consigliarlo per il meglio su come approntare un ambiente che possa consentirgli di creare le sue colonne sonore in maniera duratura e che copra le esigenze anche di una buona orchestra VSTi (visto che sono spesso pesantemente usate per questa applicazione specifica). Come da richiesta.

      Di filosofia parleremo in altri thread.
      Suppongo che con "soundtrack" e "film scoring" ci si riferisca a quel tipo di estetica che a volte viene chiamata "cinematic" (è un termine che vedo spesso nei titoli/descrizioni delle librerie rivolte a questo tipo di lavori).
      Non so se sia appropriato parlare di genere, ma è un termine che associo a sonorità/arrangiamenti abbastanza "complicati": se l'obiettivo è fare quel tipo di musica, un limite di 8 tracce è sicuramente insufficiente.


      Nessuno dice che non si possano fare ottima musica e valide colonne sonore con un numero molto limitato di tracce; un bel tema arrangiato per il solo pianoforte può essere molto efficace... però non credo sia quello che ha in mente il thread starter (l'abbonamento a EW Composer Cloud mi dice qualcosa sulle probabili intenzioni).


      Per quel che riguarda le sezioni orchestrali (e affini), penso che lavorare ITB sia inevitabile perché servono librerie con un certo livello di dettaglio (e conseguente pesantezza). Dato che queste parti probabilmente costituiscono una grossa fetta di un progetto di questo tipo, francamente sarei un po' restio a rompere questo tipo di flusso di lavoro solo per includere qualche hardware, tipo un synth... se fa davvero la differenza sul risultato, penso sia meglio trovare qualche software che dia dei risultati "equivalenti"...


      Chi sia chiaro, a me piace l'hardware, sono sensibile all'idea di non voler concentrare tutto in un'unica scatola (tant'é che in questi anni mi sono fatto un setup abbastanza decente dal punto di vista hardware), mi va bene per quello che faccio (house, techno), però difficilmente sarebbe la mia scelta se dovessi fare "colonne sonore".


      Basta guardare qualche video di Junkie XL (che ha pure un sacco di hardware che mi fa sbavare) in cui esamina i suoi lavori (tempo fa ne aveva pubblicato uno su un film di Batman, se non ricordo male... ma non chiedetemi il titolo del film) per farsi un'idea del ruolo del computer e dei campionatori software, nonché della quantità di tracce che vengono usate....


      Ma se proprio dovesse servire un synth hardware, dubito che prenderei in considerazione uno strumento della famiglia Nord Lead per questo tipo di musica. Per quanto non mi dispiacciano come macchine (possiedo anche un Nord Rack 2x), dubito che romperei un flusso di lavoro ITB solo per integrare un synth di quella famiglia, non credo mi porterebbe delle differenze tangibili e tali da giustificare lo sforzo...



      Oh, opinioni personali, eh!

      Poi c'è spazio per tutti i tipi di musica, da quella "semplice" fatta con un solo strumento, fino a quella supercomplicata fatta con decine e decine di tracce e via dicendo... L'importante è fare il tipo di musica che si ama e in cui si crede, riuscendo a comunicare qualcosa all'ascoltatore, qualunque sia la forma dell'opera.
      Il rispetto si costruisce solo insieme.
      Okappa ragazzi
      Io ritengo sia addirittura doveroso sviluppare con visioni trasversali dettate da esperienze differenti quanto trattato nel 3d.
      Credo faccia parte dello spirito di un forum che altrimenti si ridurrebbe a un manuale di istruzioni e di assistenza tecnica senza possibilità di trascendenza culturale. Quindi non ritratto i miei post ma come detto ripetutamente quoto anche i vostri che sicuramente sono più strettamente pertinenti alle richieste di @lupo27
      Ciao
      Tutto é Soggettivo
      Aggiungo che sono sempre stato affascinato da un setup minimal e zen anche parlando dell'estetica dello studio.
      E avere soltanto un computer super performante, due ottime casse monitor, un ottimo convertitore DA, una tastiera, un mouse dentro una stanza acusticamente perfetta la trovo una soluzione molto moderna e assolutamenta valida.
      Ciao
      Tutto é Soggettivo

      Per quanto tempo potrò andare avanti così....=

      Solo una mia impressione o girano composer sui forum internazionali con macchine Xeon e 32/64 GB di RAM sotto Windows e che parlano anche di 200 tracce?

      Insomma a partire dalle esigenze del TS scarterei OS se non che come macchina parallela.

      Non so, ma in termini di costi ci sono macro differenze.

      O mi sbaglio?
      ...Musicalmente Parlando...
      Non è un'osservazione sbagliata.
      Non avevo pensato neanche lontanamente a Windows dal momento che il TS ha nominato Logic...

      La macchina del TS, se i componenti sono sostituibili, con una spesa di alcune centinaia di euro può essere resa più performante: un SSD interno si trova a poco meno di 100€ per 500GB e sui 180-200€ per 1TB, mentre per 32GB di ram mi aspetto di spendere attorno ai 250€.
      Sono cifre che ritengo ancora abbastanza ragionevoli.


      Chiaramente poi dipende dalla complessità dei progetti, se serve tanta potenza di calcolo le macchine Windows sono una strada obbligata per motivi di costo. Purtroppo il TS non ha dato indicazioni sulla reale complessità dei suoi progetti (anche se, visto il genere, si può dare per scontato che non siano proprio minimalisti); a questo punto la cosa da fare è capire se la potenza attuale non gli basta, se è appena insufficiente o largamente insufficiente (in altre parole, la macchina è già al limite a metà del progetto?), magari supportato da un po' di numeri ricavati dallo strumento "Monitoraggio Attività" del Mac (l'equivalente del Task Manager di Windows), da mettere a confronto con dei dati sul progetto (numero di tracce, quanti e quali plugin sono in uso, scenario a pieno carico...).


      Sono scelte da valutare in base alla complessità dei progetti e al budget.


      Windows è sicuramente la strada obbligata se serve tanta potenza di calcolo.
      Giusto ieri sera ho guardato i nuovi Mac Mini (perché avrei bisogno di sostituire il mio che è del 2011) e il costo delle opzioni mi ha fatto venire il mal di testa. :( Mi limito a dire che l'espansione della ram dagli 8GB di base (che mi chiedo, alla soglia del 2019, come si faccia, a mettere un taglio così piccolo su macchine da oltre mille euro) a 64GB costerebbe 1680€ (iva inclusa, eh...), quando una rapida ricerca in rete mostra che per quel quantitativo di ram si oscilla dai 700-800€ (kit di moduli da 16GB) fino a circa 1000€ (modulo singolo da 64GB della Crucial)... per non parlare poi degli SSD, 240€ in più per avere 512GB...


      Io farei degli upgrade mirati (ram, ssd) al Mac, anche nel caso poi venga usato come macchina parallela (oppure da master, su cui fare il sequencing midi e pilotare i virtual instrument con le sezioni orchestrali caricate su un "server" windows), perché permettono di lavorare più fluidamente... poi è chiaro che se si sceglie questa strada magari bastino 16GB di ram (o forse anche solo 8) e un SSD di taglio piccolo sul Mac, giusto per renderlo più scattante, per concentrare la spesa sulla macchina Windows che farà il lavoro pesante...
      Il rispetto si costruisce solo insieme.
      Domandona
      Pc o Mac che sia quanta potenza servirebbe per far girare diciamo 50 tracce tenendoci bassi (sic), si parlava di 200, con un vst e qualche plugin entrambi di media pesantezza per traccia? Magari a 96khz?
      Tutto é Soggettivo

      loyuit ha scritto:

      Domandona
      Pc o Mac che sia quanta potenza servirebbe per far girare diciamo 50 tracce tenendoci bassi (sic), si parlava di 200, con un vst e qualche plugin entrambi di media pesantezza per traccia? Magari a 96khz?


      Non so se risponde alla domanda, ma io con un vecchissimo Q6600 gestisco tranquillamente progetti di 150 tracce audio 48/24 e diciamo una dozzina di VSTi orchestrali (EWQL) aperti, nei progetti più "ciccioni".

      Poi quando si passa alla fase di mix le tracce vengono razionalizzate e i VSTi trasformati in audio.

      E arrivo così ad avere anche più di 60/70 tracce (più gruppi e subgruppi), la maggior parte delle quali caricate con uno o più plug.
      Io con i3 e 8gb di ram quando mi divertivo a fare un po di elettronica facevo fatica ad aprire più di 10 tracce di vst con qualche plugin a 44khz
      Non so come fate sinceramente a gestirne 70.
      Dipenderà dai plugins e dai vst probabilmente.
      Tutto é Soggettivo

      loyuit ha scritto:

      Io con i3 e 8gb di ram quando mi divertivo a fare un po di elettronica facevo fatica ad aprire più di 10 tracce di vst con qualche plugin a 44khz
      Non so come fate sinceramente a gestirne 70.
      Dipenderà dai plugins e dai vst probabilmente.


      Non sottovaluterei anche l'ottimizzazione e il setup della macchina.

      loyuit ha scritto:

      Spiegati meglio Lattugo
      Io uso Mac e Logic Pro X


      Parlavo di ottimizzazione di ambienti MS.
      Il vantaggio di winzozz è che puoi (e ancor di più potevi con i sistemi fino a XP) facilmente ottimizzare il sistema per l'audio allocando opportunamente le risorse ed eliminando tutto ciò che non era necessario.
      Apple purtroppo non consente questo tipo di gestione.
      Ah ok
      A me su Logic sfrutta solo un core
      l'Altro rimane inutilizzato non so perchè
      Morale mi sono buttato sul minimal usando prevalentemente cose analogiche.
      E mi sono trovato più a mio agio.
      Poi ormai microfonando soltanto strumenti acustici e voci non sento la necessità di migliorare la parte software. Mi limito a sommare e a usare due riverberi plugin in aux send, cose gestibilissime insomma
      Ciao
      Tutto é Soggettivo
      Grazie a tutti per le risposte.....
      vi do qualche mia considerazione personale dal lato compositivo, visto che per quello più tecnico mi sono rivolto a voi!

      Ho fatto l'abbonamento al composer cloud proprio perchè suonando sempre campioni del tipo "full orchestra" o "string ensamble" mi è sempre mancato quel qualcosa che invece volevo (o meglio che avevo nella testa). E' un lavoraccio orchestrare/pensare a 8-9 linee melodiche per creare anche solo una base armonica che serve magari solo per accompagnare un pianoforte.... però ripeto lo faccio giusto per hobby, non ho un regista dietro che mi chiede ogni giorno quando ho finito!!!!! A questo aggiungiamoci che sto spulciando in questi giorni le librerie e le possibilità sono quasi infinite, soprattutto nel modo di articolare le note; e farti ingolosire dalle possibilità espressive porta ad avere più tracce dei soli violini ad esempio.
      Se dovessi però dirvi che riuscerei a utilizzare più di 200 tracce sarei un bugiardo....
      questo per dire che le 8 tracce (otto come numero simbolico del thread :) ) sono impossibili per me da tenere come limite.
      Non dico che non sono sufficienti a fare ottimi lavori, ma io vorrei esprimere quello che mi passa per la testa, ed ho bisogno di qualcosa in più. Azzarderei però che per ora 25/30 tracce potrebbero essere quello che mi serve.
      Vi ripeto che le possibilità offerte da questo abbonamento secondo me non stanno tanto nella quantità di suoni che ho, ma piuttosto dalle possibilità espressive che mi danno questi pochi strumenti..... Purtroppo però la possibilità espressiva in questo tipo di fare musica equivale a una traccia in più purtroppo.....

      loyuit ha scritto:

      Spiegati meglio Lattugo
      Io uso Mac e Logic Pro X
      Se utilizzi la DAW prevalentemente come audio recorder ,beh, con un Q6600 hai voglia a farne di tracce considerato che sono giusto le performance del disco ad essere utilizzate.

      Quando si parla di potenza di calcolo in termini di utilizzo prevalente della VST ,sia instru ents che FX , hai voglia ad ottimizzare un SO, snellirne avvio e file di registro da processi inutili alla DAW , o ,che so , cercare di ottimizzare l'uso della RAM intervendo sui file di sistema inerenti la memoria. Purtroppo un processore datato più di tanto non rende.

      Dall'introduzione degli i7 ad oggi molte cose sono cambiate ed in bene. Una macchina con un "vecchio" i7 Sandy Bridge e 16gb di RAM già permette di fare molto con poco. Magari per recuperare risorse si rendono le tracce VSTi in audio e si risparmia ,man mano, in risorse di calcolo e memoria.

      Oggi come oggi ,se acquisti usato in buone condizioni , con meno di un migliaio di euro , fai una signora macchina . Puoi prendere un i7 6700k e 16gb di ddr4 , e queste fanno purtroppo ancora lievitare il prezzo, con una mobo z170 , un buon SSD , magari nuovo, in formato 2.5 , un paio di dischi da 2 TB , un buon ali e un buon case . Se prevalente uso DAW non serve neanche una VGA discreta che quella integrata ,sotto i 4k di risoluzione , è sufficiente. Ma nei 1000 ,volendo ,con un pizzico di fortuna , ci sta pure una gtx 1050.

      Ora andate a vedere quanto costa un Mac con prestazioni simili.
      ...Musicalmente Parlando...
      Si Luigi mi è sembrato di capire che anche con sistemi super performanti i compromessi di approccio sono d'obbligo, perlomeno in fase di mix dove si esporta in audio e si disattivano i vst. Però ecco io quando facevo elettronica avevo la tendenza ad interagire coi Vst proprio in fase di mix. Ci riuscivo ma sotto le 10 tracce e con Vst modesti. Cambiare un inviluppo, la frequenza o l'onda di un Lfo o disattivare il kick e lo snare in un passaggio, improvvisare un solo di sintetizzatore sono cose che per me erano basilari in un approccio da musica elettronica. Se devo esportare in audio finisce l'approccio live, soul, onirico, perlomeno per le tracce ormai tramutate in audio.
      Può invece essere un buon sistema per la classica dove ti scrivi le partiture per ogni strumento "a la Mozart" e una per una da vst le porti in audio.
      In quel caso 200 tracce credo siano gestibilissime.
      Tutto é Soggettivo
      Beh..io ho perso parecchio tempo ad ottimizzare il pc per l'audio..ho un Lenovo portatile i5 e 16Gb di ram e 500Gb hdd. Non è mai su internet e lo uso solo ed esclusivamente per PT perciò ho tolto tutti quei programmi inutili di windows e oltretutto non ho nemmeno l'antivirus. Se una chiavetta mi arriva da un cliente o che prima di attaccarla al mio gli faccio fare un giro sul pc di servizio! Detto ciò l'ultimo progetto a cui sto lavorando ho gia 5/6 tracce midi con kontakt aperto e 0 problemi! Appena finito l'arrangiamento prima del mix passerò in audio solo gli strumenti percussivi e secondari in genere lasciando midi i pad e quelli principali in genere..per fare largo ai plugin
      5/6 tracce è più o meno come lavoravo io: tre synth e una drum machine (4 tracce midi), un Jazz Bass (vero), una tromba come pad (vera), un organo hammond (dalla mia tastiera Roland), una chitarra elettrica (vera)
      Poi passai in analogico anche per le sezioni di sintetizzatori, drum machines e bass line tenendo il JB per line piu mediose.
      Comunque storia vecchia
      : )

      Una postilla per il 3d
      Visto che itb non si instaura la risonanza simpatetica tra gli strumenti acustici, non potrebbe essere più performante e naturale in ambito di musica classica utilizzare i campioni ensemble su tracce singole piuttosto che usare più tracce per far suonare poniamo a 10 trombe la stessa nota? Un campione ensemble dovrebbe essere stato registrato in una situazione reale di ensemble quindi teoricamente dovrebbe avere in se le proprietà fisiche e naturali generate dall'interazione degli strumenti componenti. Lo dico non solo a teorico e presumibile vantaggio del sound ma anche per economie di risorse di cpu quando fossero limitate...
      Tutto é Soggettivo