Cambio pc! Windows o IMac?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Cambio pc! Windows o IMac?

      Salve ragazzi, attualmente ho Windows home premium con 4 giga di ram, hard disk da 500 gb insomma non “ prestante “ ma fino ad oggi mi ha sempre accompagnato in tutti i lavori... adesso però inizia ad avere crash ed è pure rallentato, quindi dopo quasi 10 anni è giunto il momento di cambiare... Avevo pensato di prendere un Imac 27 pollici con queste prestazioni... Processore Intel Core i5 quad‑core di settima generazione a 3,4GHz
      Turbo Boost fino a 3,8GHz
      8GB di memoria a 2400MHz, configurabile fino a 32GB
      Fusion Drive da 1TB1
      Radeon Pro 570 con 4GB di memoria video
      Due porte Thunderbolt 3
      Display Retina 5K P3 5120x2880
      Secondo voi meglio Mac o Windows??
      Io sono passato a iMac 3 anni fa dopo anni di windows; risultato: un anno fa ho preso un portatile Asus, processore i7, 16gb di ram, ssd da 500gb, hdd da 1T, 1300 euro su eprice.
      Guarda tu cosa costa un macbook di pari caratteristiche. Una cosa è certa: i Mac, NON valgono i soldi che costano, non sono più performanti e stabili dei PC. Se poi dici che fino ad ora hai fatto le tue cose con una macchina di 10 anni....hai voglia
      Da utente Mac da 10 anni, ti direi di rimanere in ambito Windows; attualmente i prezzi in casa Apple sono decisamente alti...


      Tutti gli "optional" rispetto alle configurazioni standard si pagano a caro prezzo se comprate al momento dell'ordine e su alcuni modelli la memoria di massa (hard disk / fusion drive / ssd) e/o la ram sono saldati (questo significa che su quei modelli puoi espandere le caratteristiche solo al momento dell'ordine e che le paghi ai prezzi di Apple... senza contare mi preoccupa un po' manutenzione e l'espandibilità della macchina sul lungo termine... è un aspetto che non va molto d'accordo col mio concetto di "macchina professionale").

      Sull'iMac da 27" vedo che la ram è "accessibile dall'utente", quindi dovrebbe essere possibile comprare la ram da terze parti e montarsela (anche se credo sia un po' impegnativo sull'iMac... bisognerebbe guardare qualche guida, tipo quelle di iFixit), mentre su altri modelli (come il 21", oppure l'iMac Pro) suppongo sia saldata... Ad ogni modo è bene verificare con cura questo aspetto prima di un eventuale acquisto.


      Il Fusion Drive inoltre mi convince poco come concetto, preferisco un bel SSD... gli SSD ormai hanno prezzi abbastanza accessibili (a patto di non comprarli da Apple!), mentre i Fusion Drive mi sembrano una soluzione di compromesso pensata per contenere i costi e che oggi ha poca ragione d'essere (anche perché si portano dietro i problemi dei dischi meccanici).



      Il mio prossimo computer quasi certamente sarà un assemblato con Windows (e lo dico a malincuore, perché Windows proprio non mi piace); aspettavo la revisione dei Mac Mini, ma quanto è uscito questo autunno mi sta spingendo verso Windows (probabilmente la prossima primavera assemblerò un fisso).
      Il rispetto si costruisce solo insieme.

      andrea9875 wrote:

      Io sono passato a iMac 3 anni fa dopo anni di windows; risultato: un anno fa ho preso un portatile Asus, processore i7, 16gb di ram, ssd da 500gb, hdd da 1T, 1300 euro su eprice.
      Guarda tu cosa costa un macbook di pari caratteristiche. Una cosa è certa: i Mac, NON valgono i soldi che costano, non sono più performanti e stabili dei PC. Se poi dici che fino ad ora hai fatto le tue cose con una macchina di 10 anni....hai voglia


      devi vedere però come funzionano insieme... i componenti del Mac sono prodotti tutti da Apple, e funzionano alla grande insieme...

      StudioMusic wrote:

      andrea9875 wrote:

      Io sono passato a iMac 3 anni fa dopo anni di windows; risultato: un anno fa ho preso un portatile Asus, processore i7, 16gb di ram, ssd da 500gb, hdd da 1T, 1300 euro su eprice.
      Guarda tu cosa costa un macbook di pari caratteristiche. Una cosa è certa: i Mac, NON valgono i soldi che costano, non sono più performanti e stabili dei PC. Se poi dici che fino ad ora hai fatto le tue cose con una macchina di 10 anni....hai voglia


      devi vedere però come funzionano insieme... i componenti del Mac sono prodotti tutti da Apple, e funzionano alla grande insieme...


      Apple non si produce più i componenti già da molto.
      io sono un maccofilo convinto. Per usi generici non c'è alcun dubbio che OSX da molti meno grattacapi di windows. Ciò non toglie che il mio mac ha anche un ssd bootable con un windows 10 pro. La macchina schizza ma in windows non ho niente al di fuori della app che mi serve e relative estensioni. Se devo controllare la posta devo riavviare in osx. A mio avviso però, non confrontare un mac con la somma di parti per assemblare un pc. Scegli sempre una configurazione di un'azienda seria tipo Dell, HP ecc. Temo che i prezzi siano gli stessi alla fine.
      se vendete il database mi incazzo.

      mark88 wrote:

      pc windows di 10 anni? collegato a internet? quand'è l'ultima volta che hai formattato e reinstallato windows?
      Formattare una partizione di sistema e reinstallare Windows non è esattamente un'operazione di manutenzione periodica programmata, eh! :) Con i computer che ho avuto fino a oggi non sono mai arrivato a quel punto! Basta un po' di buon senso e di manutenzione preventiva:

      1) Fare partizioni separate per il S.O. (C:), le applicazioni installate (D:) e i dati (E:) sia per non frammentare sistema e applicazioni salvando o cancellando file in E:, sia per poter fare agevolmente un backup dei dati, sia per poter, in caso di estrema necessità, formattare C: senza perdere i dati né doverne fare un backup al momento.

      2) Fare almeno 2 volte al mese pulizia con ccleaner o simile.

      3) Controllare con un antivirus i programmi scaricati prima di installarli.

      4) Deframmentare periodicamente la partizione di sistema e, ogni tanto, le altre due. Con Windows 10, però, la deframmentazione manuale non dovrebbe essere necessaria.
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4

      Datman wrote:

      mark88 wrote:

      pc windows di 10 anni? collegato a internet? quand'è l'ultima volta che hai formattato e reinstallato windows?

      manutenzione preventiva:


      3) Controllare con un antivirus i programmi scaricati prima di installarli.




      ... io direi non scaricare niente e non mettere nemmeno l'antivirus. I pc non connessi alla rete funzionano perfettamente.
      se vendete il database mi incazzo.

      Datman wrote:

      mark88 wrote:

      pc windows di 10 anni? collegato a internet? quand'è l'ultima volta che hai formattato e reinstallato windows?
      Formattare una partizione di sistema e reinstallare Windows non è esattamente un'operazione di manutenzione periodica programmata, eh! :) Con i computer che ho avuto fino a oggi non sono mai arrivato a quel punto! Basta un po' di buon senso e di manutenzione preventiva:

      1) Fare partizioni separate per il S.O. (C:), le applicazioni installate (D:) e i dati (E:) sia per non frammentare sistema e applicazioni salvando o cancellando file in E:, sia per poter fare agevolmente un backup dei dati, sia per poter, in caso di estrema necessità, formattare C: senza perdere i dati né doverne fare un backup al momento.

      2) Fare almeno 2 volte al mese pulizia con ccleaner o simile.

      3) Controllare con un antivirus i programmi scaricati prima di installarli.

      4) Deframmentare periodicamente la partizione di sistema e, ogni tanto, le altre due. Con Windows 10, però, la deframmentazione manuale non dovrebbe essere necessaria.


      il fisso dedicato a audio/video non vede mai internet. se devo inviare qualcosa passo obbligatoriamente per un altro computer che fa solo da tramite con la rete.
      e infatti rimane stabile nel tempo e non rallenta mai.

      viceversa il portatile per internet che fa quache registrazione al volo riceve una semestrale formattazione per restare nelle stesse condizioni. sembra impossibile ma è così.
      Giusto per dire la mia: io uso il mac dello studio collegato ad internet da almeno 15 anni. Mai avuto un problema di SO: ne ho avuti con i dischi, con le schede logiche, ma MAI un problema che mi ha costretto a formattare il computer.
      È indubbio che la soluzione di non collegarlo alla rete resta la più sicura, ma solo per dire che, con le dovute accortezze, secondo me si può fare.
      E la prima delle dovute accortezze si chiama Little Snitch :)

      Infine, tornando al thread, la famosa battaglia Mac vs Pc ormai è roba vecchia.
      Io utilizzo entrambi e devo ammettere che ormai si lavora molto bene anche con PC ma, in quanto a stabilità e rogne varie, il mac ancora stravince. Sui pc ogni tanto salta sempre fuori qualcosa o almeno questa è la mia esperienza.
      In studio ho l'ultimo iMac Top di gamma comprato oltre un anno fa (i7 4,2Ghz, SSD, 40Gb Ram, Radeon 580) e devo dire che è una macchina potente e vale i TANTI soldi che costa (spesso la gente dimentica che il 27" monta uno schermo da circa 1000 euro).

      PERO' il vero nodo secondo me è se scegliere un All-in-one oppure una workstation: un iMac non è una workstation e questa cosa si paga.
      Si paga perché non è pensato per essere "spremuto" tutto il giorno e cosi magari scopri (come ho scoperto io) che quando lavori con i progetti "pesanti" parte la ventola a 200 km/h che fa un casino assurdo ed è fastidiosa. (nel modello precedente questo problema non c'era)
      Si paga perché non puoi aggiungere dischi interni o schede Usb/thunderbolt/firewire se ne avessi bisogno. Non puoi cambiare niente eccetto la ram.
      E questo si traduce (nel mio caso) in 2 Hub USB da 10 porte pieni zeppi di cavi, per alimentare tutti i dischi esterni e le varie periferiche. Senza contare lo spazio che occupano tutti i dischi esterni se non sono SSD.
      E poi, si rompe il disco interno? Portalo alla Apple e spendi il doppio (se ti dice bene) per sostituirlo. Perché aprire un iMac è una missione quasi impossibile e rischi di fare grossi danni.
      Invece con un workstation sfili il disco in 2 minuti, scendi sotto casa e ne compri uno nuovo e dopo mezz'ora hai un nuovo disco funzionante.
      Stesso discorso per scheda video o scheda logica. Anzi, li ti fai ancora più male con Apple, parlo per esperienza.
      Sembrano dettagli, ma possono fare la differenza. Almeno per me.
      Io sono rimasto ad Apple quasi "obbligato" dal fatto che uso Logic e non ho la fantasia di passare ad un'altra DAW, ma una workstation SERIA mi manca molto.

      Comunque, se stai prendendo in considerazione Apple, non posso non citarti il nuovo Mac Mini che ha prestazioni spaventose e un costo decisamente abbordabile per ciò che offre. (ma hai gli stessi potenziali problemi dell'imac)
      Oppure puoi aspettare il "famoso" modulare che Apple dovrebbe presentare a inizio 2019... ma credo che i numeri saranno MOLTO alti.
      Ormai è vecchia, gli antivirus non esistono praticamente più perchè sono interni sia al SO che a qualunque browser decente, la deframmentazione pure perchè è automatica, essere connessi ad internet non comporta nessun problema.
      Capisco che vi sentiate nel 1999 ma ormai ragazzi siamo nel quasi nel 2019 e i buoni motivi per comprare un Apple sono finiti nel 2005 quando la suddetta casa di ladri ha dismesso i powerPC e contestualmente ha spostato la ricerca quasi esclusivamente sui cellulari :D :D :D
      ...ma io lo so chi è Mark Lanegan, arrogante bottegaio indegno della roba che vendi qui dentro, alternativo dei miei coglioni che quando io ascoltavo i Dead Kennedys tu nemmeno ti facevi le pippe...

      novalium wrote:

      Capisco che vi sentiate nel 1999 ma ormai ragazzi siamo nel quasi nel 2019 e i buoni motivi per comprare un Apple sono finiti nel 2005 quando la suddetta casa di ladri ha dismesso i powerPC e contestualmente ha spostato la ricerca quasi esclusivamente sui cellulari


      Parzialmente d'accordo, come si evince dal mio post. Soprattutto sul fatto che hanno focalizzato la ricerca sui dispositivi mobili, tralasciando il resto.
      Ma io non credo che i buoni motivi siano finiti nel 2005, perché fino al 2010 i Mac Pro erano delle ottime macchine. Io ancora lavoro su un dual-Xeon esa-core del 2010 che ha ancora prestazioni eccellenti. Ripeto eccellenti. Mai formattato, tra l'altro,
      Non sembra una macchina di 9 anni fa. Certo, è stato pagato 5200 euro (non da me), ma dopo 9 anni io quasi non vedo la differenza col mio imac 2017 con un i7 7700k da 4.2Ghz... non mi sembra roba da poco.
      Ad ogni modo, quelli dell'Apogee fino ad un anno fa (come altre case) sviluppavano solo per Mac.
      Non credo siano stati cosi idioti da precludersi il 95% del mercato mondiale senza una valida ragione. :)