Scheda audio per registrazioni/missaggio

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Scheda audio per registrazioni/missaggio

      Ciao a tutti, voglio cambiare la scheda audio ed bisogno di un vostro consiglio, non mi raccapezzo più tra mille topic.....
      Espongo subito la questione: ho da anni una m-audio firewire 410 (4 in-10 out), e vorrei cambiarla per affrontare le registrazioni ed il missaggio in maniera un pò più seria, con una schedi qualità superiore (magari focusrite o motu), senza spendere cifre esorbitanti, per ora.
      Mi serve per registrare uno strumento per volta (chitarra o basso) in genere in entrata diretta hi-z, e poi per fare i miei mix casalinghi per produzioni metal underground.

      Vado per punti che è meglio.
      1) Convertitori: sembrano decenti, ma non saprei giudicare l'effettiva qualità dei miei, visto che ho sempre avuto solo questa scheda, e non ho paragoni, ma credo servano più buoni possibile, anche per effettuare i reamp
      2) Pre: mi servono più silenziosi possibile, ovvio
      3) Meglio usb o firewire? quella che ho è firewire e va benissimo, ma sarebbe più comoda usb per registrarmi "in giro" col portatile, solo non so se ci sarebbe un decadimento di prestazioni
      4) Ho bisogno di almeno 4 out, per mandarli nel mixer e scegliere quali mettere in ascolto
      5) 96 o 192 khz? credo che bastino 96...o no?
      6) range dinamico sopra i 100db

      Come modelli ho adocchiato le seguenti schede:
      - Focusrite scarlett 2i4 - saffire pro 24 - 18i6 (un pò sovradimensionata per me)
      - Motu Audio Express - 4pre (un pò fuori budget)
      Alternative valide?

      Budget massimo 300€.

      Ok ho finito di rompere..... :)
      Grazie a tutti.
      Penso che con quel budget difficilmente si possa trovare di meglio, hai citato prodotti validi, io preferisco RME che a livello di qualità ritengo superiore ad entrambe, ma come budget temo sia fuori portata quindi fai bene a muoverti tra le due che hai già considerato, ovvio che volendo andare per le sottili se si pretendono convertitori di un certo livello bisogna alzare la spesa...
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ciao per le caratteristiche che cerchi in una scheda ( le stesse che occorrevano a me), e il budget da poter spendere,
      Mi sento di suggerirti la saffire pro 24. Davvero una buona scheda. Dei buoni preamplificatori (gli stessi della sorella maggiore),
      che non peccano di dettaglio e trasparenza. Una buona stabilità nei driver (focusrite li aggiorna ancora), e una affidabile connessione firewire.
      (La qualità non cambia tra firewire e usb)
      Forse la latenza non é il top, ma lavorando a 44100kbps è gestibilissima.
      Ma non mi dispiace più di tanto. per quanto mi riguarda è sufficiente.

      Da non trascurare le connessioni spdif e ottica... Potrebbero tornarti utili per un ulteriore salto di qualità successivo ;)
      °-________________MinIMiZe thE SounD - MaXimizE yOuRSelF________________-°

      Post was edited 1 time, last by “MiNiMaLiSta” ().

      Pilloso wrote:

      Penso che con quel budget difficilmente si possa trovare di meglio, hai citato prodotti validi, io preferisco RME che a livello di qualità ritengo superiore ad entrambe, ma come budget temo sia fuori portata quindi fai bene a muoverti tra le due che hai già considerato, ovvio che volendo andare per le sottili se si pretendono convertitori di un certo livello bisogna alzare la spesa...

      Perchè, dici che i convertitori focusrite fanno proprio schifo? Certo, ovvio che un singolo convertitore di ottimo livello costa parecchio, ma a me non serve, e io voglio capire se per un piccolo studio di registrazione/missaggio casalingo vanno bene i focusrite (ad es.) per produzioni metal underground.
      E' ovvio che con RME siamo su un altro livello, ma costano troppo e tra le altre cose hanno troppi canali per me inutili, non mi serve una scheda così.

      MiNiMaLiSta wrote:

      Ciao per le caratteristiche che cerchi in una scheda ( le stesse che occorrevano a me), e il budget da poter spendere,
      Mi sento di suggerirti la saffire pro 24. Davvero una buona scheda. Dei buoni preamplificatori (gli stessi della sorella maggiore),
      che non peccano di dettaglio e trasparenza. Una buona stabilità nei driver (focusrite li aggiorna ancora), e una affidabile connessione firewire.
      (La qualità non cambia tra firewire e usb)
      Forse la latenza non é il top, ma lavorando a 44100kbps è gestibilissima.
      Ma non mi dispiace più di tanto. per quanto mi riguarda è sufficiente.
      Da non trascurare le connessioni spdif e ottica... Potrebbero tornarti utili per un ulteriore salto di qualità successivo ;)

      Da come scrivi sembra di capire che come modello la 24 è un pò vecchiotta, o sbaglio? poi di quanti ms di latenza parliamo (con quale buffer)?
      E la 24DSP? a cosa servono DAVVERO i DSp integrati?
      La 2i4 è uno degli ultimi modelli, mi pare, magari c'è miglior qualità essendo più nuova, o sto dicendo una caxxata?

      menestrello wrote:

      Ciao,
      usi Mac o PC?
      Perchè la Apogee Duet 2 magari usata sembra fatta a posta per te.
      Ciao Mauro

      ho un pc windows, quindi niente apogee...
      Il fatto è che comunque la PRO 24 è solo firewire, e mi "castrerebbe" nell'uso col portatile (non è vitale eh, però avendocelo perchè no?).
      La 2i4 invece come uscite secondarie ha gli RCA sbilanciati, non è che questo potrebbe crearmi dei problemi? in pratica io collego le 4 uscite a 2 canali stereo separati sul mixer, in modo da poter controllare il segnale generale del computer sui canali 1/2, e quello di cubase sui canali 3/4.
      Inoltre vedo che c'è un knob "input / playback", l'avevo già visto sulla vecchia m-audio fast track, ed era una boiata pazzesca: o ascoltavi o registravi!!!
      Non è che pure qui fa la stessa cosa? anche se penso che il mega-knob "monitor" dovrebbe scongiurare questo pericolo...
      No non intendevo che quei convertitori facciano schifo, anzi hai citato marchi rispettabili che in genere producono interfacce di qualità, tuttavia in quella fascia e a quel prezzo i convertitori potrebbero non essere gli stessi montati su modelli superiori della stessa casa.

      Il punto è che tu vuoi passare da una scheda che costa 260 euro a una che ne costi al massimo 300, quello che intendevo è che la differenza di un convertitore si inizia a sentire facendo un bel salto di qualità, se invece resti in quella fascia probabilmente avrai lo stesso convertitore, o di poco superiore, l'ho citato giusto perchè tu l'hai indicato come uno dei tuoi punti di interessa per fare reamp, che è giusto, ma così a mio avviso non cambia nulla.
      Se la scelta dipendesse da me non farei un passaggio ad una scheda quasi alla pari, attenderei piuttosto di avere qualcosa in più da investirci e passerei a prodotti superiori, oppure investirei su altro, tipo un piccolo preamplificatore non troppo costoso ma valido che se non hai può fare la differenza, come il Focusrite ISA One, se ne trovano di usati poco sopra il tuo budget.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      RE: Scheda audio per registrazioni/missaggio

      MetalloNero wrote:

      Espongo subito la questione: ho da anni una m-audio firewire 410 (4 in-10 out), e vorrei cambiarla per affrontare le registrazioni ed il missaggio in maniera un pò più seria, con una schedi qualità superiore (magari focusrite o motu), senza spendere cifre esorbitanti, per ora.
      Mi serve per registrare uno strumento per volta (chitarra o basso) in genere in entrata diretta hi-z, e poi per fare i miei mix casalinghi per produzioni metal underground.


      Oltre che quotare pilloso, tieni presente che sul discorso "missaggio" non esiste nessuna differenza di spessore.
      Quindi ok migliorare pre e conversione per una fase di acquisizione più raffinata, ma poi una volta chiusa la sessione di registrazione avere una scheda piuttosto che un'altra non ti cambia la vita.

      L'unico aspetto "tecnico" che può cambiare è la qualità di conversione D/A per il sistema di ascolto, ma onestamente bisognerebbe capire quanto potrebbe influire sul tuo lavoro partendo da dove registri, dove ascolti, con che cosa ascolti e via discorrendo..
      In altre parole, si rischia poi di entrare nel magico mondo delle pippe mentali senza fine.

      Una scheda che mi verrebbe da consigliarti in quanto utilizzata dal sottoscritto come scheda "mobile" (e ora quasi ferma, ahimé) è una Konnekt Live, (purtroppo) quasi introvabile sul mercato dell'usato.
      Oltre ad avere due preamp di discreta qualità, ha ingressi e uscite Adat e, soprattutto, una sessione di Fabrik C e Fabrik R, effetti presi direttamente da Powercore e di ottima qualità, da poter utilizzare in tracking oppure come vst sfruttando il dps integrato.

      Ora, non conosco direttamente la 410, ma ti posso assicurare che se pre e convertitori sono gli stessi della mia Project-mix, già con la Tc migliori nettamente sotto entrambi gli aspetti.

      Poi, come ti accennavano già prima, devi farti la domanda: ne vale la pena?
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad PciEx - RME 802 - Cubase 10 - Adam A5x+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500

      Post was edited 2 times, last by “Angix” ().

      Volendo "alzare il tiro" fino al max 400€, vedo che potrei appropriarmi di una bella MOTU:
      - UltraLite-mk3 Hybrid (nuova circa 480€, usata 300/400€) - tra l'altro l'unica che arriva a 192khz (ma me ne frega qualcosa?)
      - Audio Express (nuova circa 369€, usata 300€) - la più papabile per tutte le caratteristiche
      - 4Pre (nuova circa 400€) che non capisco in cosa realmente differisca dalla due sopra
      Sono tutte e tre ibride, nel senso che possono essere usate sia firewire che usb, e ciò sarebbe una vera svolta per me, usandola sia col fisso che col portatile.
      L'unica cosa che non conosco è l'effettiva qualità delle MOTU, ne ho solo sentito parlare bene e basta...
      i miei soliti 2 cents: la 410 è un vecchio mulo, ancora valido, ma una certa differenza con la circuiteria delle nuove serie la avverto, anche se non così schiacciante. concordo che cambiare una scheda da 300 euro con una da 350 non ha senso, e se troverai una motu usata, spendi tranquillamente i 100/150 in più ed avrai un attrezzo che ti darà una vita di soddisfazione altrettanto di quella che ti ha regalato la pensionabile 410. lascia perdere i 192 Khz, anche i 96 sono troppi, ti affaticano inutilmente la macchina. tieni presente che frequenza di campionamento e latenza sono strettamente collegate, se usi buffer bassi a 96 khz arrivi facilmente a 2 ms; a quella latenza, e con quel popò di flusso di dati, se cominci ad usare qualche plugin pesante, avrai qualche problemino con la cpu. se dovessi comprarti una schedina nuova, propenderei per una scarlett 2i4 focusrite, che al di sotto dei 200 euro sembra avere tutto ciò che ti serve. non ha senso comparre la 8i6, a meno che tu non debba collegarci più roba, e lascerei perdere la pro 24 e men che meno la pro 24 dsp, i cui processori lavorano solo in ingresso.
      Quoto Barbetta sul clock, non è così necessario lavorare alle alte frequenze, tuttavia quando sfogli le caratteristiche di un'interfaccia puoi distinguere quelle di vecchia generazione da quelle con dsp più recenti proprio da indicazioni di questo tipo, le schede che raggiungono i 192khz, anche se non serviranno, sono comunque indice di un progetto recente e non riciclato sotto altro nome con l'aggiunta di 2 pomelli come spesso accade in prodotti di fascia economica, quindi terrei comunque un occhio aperto anche su questo fattore.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ma quindi questi benedetti 192khz a cosa servono davvero?
      Io credevo che almeno in fase di reamping servissero...oltre che (ovviamente) in fase di registrazione.
      Calcolate che normalmente lavoro in registrazione con max 1 traccia midi e 4/6 tracce audio (con annessi plugin).
      In missaggio invece arrivo al massimo a una quindicina di tracce...
      Come ti è stato detto fare interi progetti a 192khz è anche troppo impegnativo per il pc e se scegli quelle frequenze dovresti farci il progetto intero, non so se ha un gran senso cambiare la frequenza solo sulle tracce in cui fai reamp per poi passare nuovamente a frequenze più basse.

      Conta più un buon convertitore a 44khz che uno mediocre a 192, non faresti altro che aumentare il dettaglio su qualcosa che per suoi limiti si perde una parte di informazioni già a monte.

      Considera che anche vari professionisti non vanno oltre gli 88 o 96, e qualcuno fa persino tutto a 44, quindi non mi fisserei su questa cosa, ma se per te è importante la qualità devi pensare a investirci qualcosa di più sopra o resterai sempre su convertitori di fascia bassa.

      Edit: comunque potrai provare e vedere come si comporta il tuo pc, se non avrà difficoltà e se hai tanto spazio su disco non vedo problemi, però non fare troppo affidamento sui 192k finchè non vedi che funziona tutto regolarmente.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 1 time, last by “Pilloso” ().



      Mi viene un dubbio, causato dalla mia ignoranza in materia di connessioni audio.
      Sul sito focusrite c'è scritto che la scheda ha i seguenti out:

      - 2 balanced monitor outputs – TRS (channels 1-2)
      - 4 unbalanced outputs – RCA Phono (channels 1-4)

      Ora, calcolando che come dicevo in apertura, ho bisogno di uscire in un mixer e da qui ai monitor, per gli out 1/2 di cubase siamo ok, ma per gli altri out? quanti cavi RCA devo attaccarci per avere un'altra coppia di out (ad es. 3/4)? Uscendo in RCA sbilanciato non perdo qualcosa in qualità audio? Inoltre dovrei mettere degli adattatori RCA/TRS per entrare nel mixer, ciò non aumenterebbe rumore di fondo, etc.?
      Npn ho ben presente cosa devi fare col mixer, se non hai bisogno di livelli separati per altri ascolti diversi dai tuoi, esci solo dalla coppia main con 2 cavi jack e sei a posto.
      Cubase ha vari modi di gestire il routing dei segnali in registrazione, ovviamente se la Focusrite ha un software dedicato che gestisce indipendentemente ingressi e uscite sarà ancora più pratico tenere controllo del tutto.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      In pratica dagli out 1/2 faccio uscire cubase, mentre dagli out 3/4 faccio uscire l'audio di sistema del pc: spesso mi serve per ascoltare contemporaneamente sia l'audio di sistema che quello di cubase, per vari motivi, quindi ho bisogno di avere i 4 out.
      In pratica dagli out principali 1/2 TRS entro nel mixer sul canale 1/2, mentre dagli out RCA 3/4 entro nel mixer sul canale 3/4, (inoltre ho pure il giradischi sul canale 5/6); in questo modo posso variare i volumi d'ascolto di tutto ciò che passa nel mixer, da cui - ovviamente - esco sui monitor da studio.
      Ora la mia domanda ha più senso?
      grazie.
      Ok allora direi che non ci sono problemi di cavi, se parti da rca e concludi con 2 jack non c'è alcun deterioramento del suono, se non ti fidi della qualità di certi connettori compri un cavo già fatto da doppio rca maschio e doppio jack maschio e con 10 euri sei a posto.
      Un singolo RCA è come un jack ossia sono 2 contatti che portano il segnale di un canale, quindi come per avere L+R delle uscite principali ti servono 2 jack, per avere L+R di un uscita secondaria ti servono 2 RCA, presumibilmente il 3 e il 4 visto che 1 e 2 essendo numerati così sembrano semplicemente delle repliche delle uscite main su jack.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Io invece un problema ce lo vedo: i divers asio non sono multiclient, di conseguenza utilizzare due uscite per cubase e due per l'audio del pc non credo sarà possibile, a meno di non usare l'uno e l'altro separatamente. Quando adoperi cubase non va il pc e viceversa. Dovrai mettere cubase in background
      Infatti il sistema non usa driver Asio, comunque normalmente una scheda con più uscite lavora regolarmente con suoni di sistema e suoni da sequencer, salvo qualche piccolo ritardo o glich quando si fa partire uno mentre sta andando l'altro.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.