Micorofoni per registrare in casa la chitarra acustica

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Micorofoni per registrare in casa la chitarra acustica

      Ciao a tutti! Sono un nuovo utente e avevo bisogno di alcuni consigli. Mi sto costruendo un piccolo home studio per registrare demo e provini per la mia band, ma anche per poter registrare le mie chitarre con una certa qualità, in modo da potermi, un domani, offrire per fare delle web recording, o comunque poter fare delle registrazioni casalinghe di qualità. Ho trovato degli ottimi modi (non so se sono veramente "ottimi", però il suono che ne esce mi piace ;) ) per registrare le elettriche, ma sono un po' perplesso sul da farsi per quanto riguarda la registrazione delle acustiche: pensavo di orientarmi su una coppia di condensatori a diaframma piccolo in modo da poter sperimentare vari tipi di microfonazione e cambiarne il posizionamento a seconda del suono che mi serve (uno strumming si riprende in maniera differente rispetto a una parte solista, giusto?). Siccome non ho bisogno di una qualità da studio elevata pensavo di rimanere su qualcosa di più "entry level": a tal proposito mi sembrano fare al caso mio, per rapporto q/p, i Samson C02 e i Behringer C2. Su quale dei due modelli dovrei puntare? Oppure ritenete che sia meglio un diaframma largo tipo il C01 (sempre della samson). Come già specificato non ho bisogno di una qualità esagerata, quindi non rispondetemi con frasi tipo "ma perchè i Behringer? comprati un AKG, un Neumann o un Royer" perchè non posso nemmeno permettermi una simile spesa. Il mio (semplicissimo) home studio è composto da: PC assemblato con Windows 7 64 bit, scheda audio Steinberg UR 22, midi keyboard Korg nanokey mk1, Shure sm57 (per registrare le elettriche), Cubase elements 7 (in bundle con la scheda audio). Grazie a tutti per la disponibilità.
      Se il tuo budget, come mi pare di capire dal tuo post è minimo, prendi i C2.

      Vanno molto bene PER IL PREZZO ESTREMAMENTE BASSO CHE HANNO. (Scritto in maiuscolo per dare più enfasi possibile al concetto). Su un'acustica li puoi usare tranquillamente per demo più che dignitose, se non hai pretese eccessive.

      La postilla (doverosa) è che, date le tue premesse, verosimilmente in futuro sentirai l'esigenza di salire di livello, perciò quando fai gli acquisti per step finisci sempre per spendere di più che se avessi comprato da subito qualcosa di definitivo, perciò tieni la cosa in considerazione.

      Per quanto riguarda strumming vs. solista e tecniche di microfonazione, il discorso è molto ampio.
      Anzitutto la prima cosa da considerare è la combinazione strumento e ambiente di ripresa (e già questo implica o obbliga a scelte di microfonazione diverse), ma anche il ruolo che la chitarra in questione avrà nel mix finale porta alla ricerca di un suono rispetto ad un altro già in ripresa.

      E, si, il posizionamento fa una GRANDE differenza.

      Lat.

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Lattugo” ().

      Grazie mille per la tua risposta, molto esaustiva. Faccio quindi un'altra domanda: potrebbe capitarmi di registrare (per progetti miei) una batteria acustica (mi diletto anche alla batteria :D ). Siccome la mia scheda audio ha solo due entrate, pensavo di riprendere la batteria con due microfoni: uno sulla cassa (penso prenderò il samson qkick che per quello che costa e per quello che ci devo fare suona fin troppo bene) e un overhead che riprende tutto il resto (rullo, tom, piatti e hi-hat). Il behringer andrebbe bene per qualcosa del genere? Cioè usato come overhead per riprendere tutto il kit (a parte la cassa che viene registrata con un mic dedicato)? E come dovrei posizionarlo? Grazie ancora per la disponibilità

      Simone Antollovich ha scritto:

      Grazie mille per la tua risposta, molto esaustiva. Faccio quindi un'altra domanda: potrebbe capitarmi di registrare (per progetti miei) una batteria acustica (mi diletto anche alla batteria :D ). Siccome la mia scheda audio ha solo due entrate, pensavo di riprendere la batteria con due microfoni: uno sulla cassa (penso prenderò il samson qkick che per quello che costa e per quello che ci devo fare suona fin troppo bene) e un overhead che riprende tutto il resto (rullo, tom, piatti e hi-hat). Il behringer andrebbe bene per qualcosa del genere? Cioè usato come overhead per riprendere tutto il kit (a parte la cassa che viene registrata con un mic dedicato)? E come dovrei posizionarlo? Grazie ancora per la disponibilità


      Là il discorso si complica.

      Non mi porrei problemi ad usare un paio di C2 come overhead inseriti in un kit più ampio, ma se devi registrare un'intera batteria con soli due mic la soluzione migliore è probabilmente la tecnica recorderman (sulla quale trovi parecchi thread anche qui sul forum).

      La recorderman prevede, di norma, l'utilizzo di due mic a diaframma largo che si dividono il lavoro equamente (la fonte da riprendere è ampia, produce una quantità di suoni enorme per spettro e dinamica, e muove tanta aria, ecco perché la dimensione del diaframma diventa importante), mentre la tua ipotesi punta a riprendere la cassa con un mic dedicato lasciando il compito di riprendere tutto il resto del kit ad un diaframma stretto... personalmente sarei un po' scettico.

      I miei due centesimi.

      Lat.
      ciao!

      avendo gia un sm57, investirei in un solo microfono invece di due.

      ho il 57, ho avuto i c2 e parecchi altri. i c2 suonano fini fini, direi quasi un po scricchiolanti :) per l'acustica preferisco qualcosa di piu rotondo. ad esempio la classica coppia di oktava mk-012 non ha quel tipo di problema, ma siamo su altri budget.

      con meno di 100 euro un diaframma largo forse si difende meglio, per esempio un AT 2020 o un MXL Cube (lo puoi sentire anche nel video linkato da lattugo), ma ce ne sono tanti in quella fascia di prezzo.

      buona scelta.
      Shure SM57 - T-Bone RB500 - Takstar SM10B - SMPro PR8E - S2000 - Motu 828MkII - Reaper - T-Amp - NS-10

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “cisco” ().

      Ciao Lattugo e cisco, grazie ancora per lavostra disponibilità. A questo punto credo che mi orienterò su un multi pattern, tipo il Behringer c3 o il Samson C03, così ho sia il microfono a diaframma largo che quello a diaframma piccolo (due in uno :D ) . I prezzi sono interessanti e come qualità mi sembrano validi. Penso che per l'acustica sia preferibile un diaframma piccolo mentre per la batteria, come mi avete spiegato, funziona meglio un diaframma largo perchè prende più bassi e quindi presumo registri meglio la batteria intera.

      Simone Antollovich ha scritto:

      A questo punto credo che mi orienterò su un multi pattern, tipo il Behringer c3 o il Samson C03, così ho sia il microfono a diaframma largo che quello a diaframma piccolo (due in uno :D ) .


      Attenzione.
      Stai confondendo il diagramma polare con il diaframma ;)
      Parlando di "diaframma" ci si riferisce proprio alle dimensioni fisiche della capsula, mentre il diagramma polare è il pattern.

      Lat.
      Oops! Purtroppo come dice il forum, sono veramente un novizio e quindi anche piuttosto inesperto :D :D . Ho letto un po' meglio le specifiche basandomi su quello che mi hai detto: il c3 (o il c03) sono "switchabili" da supercardioide a omnidirezionali e per quel che voglio farci non credo sia necessaria la ripresa omnidirezionale. Quindi direi che posso escluderli dalla scelta. A questo punto credo che punterò sul c01 (o sul c1), sempre per il fatto che, grazie al diaframma largo, dovrei coprire uno spettro di frequenze maggiore, cosa che può tornarmi utile nel caso mi dovesse capitare veramente di registrare una batteria, e sarebbero anche ottimi nel caso volessi provare altri modi di registrare l'elettrica e, perchè no, una voce (non la mia, non sono minimamente capace di cantare). E poi immagino che anche la ripresa dell'acustica può funzionare egregiamente con questo microfono.
      Ciao,

      per quel che può valere (ovviamente poco) se ci fai caso nel video su YT che ho inserito nella prima risposta (vabbeh, lo riposto qui che faccio prima) :D click si dimostra la tecnica recorderman sia con dei diaframmi larghi che stretti (AT 4051) e addirittura con dei dinamici (Sm57).

      Ripeto, per quel che può valere l'audio di youtube il risultato può dare un'idea indicativa delle diverse attitudini tra diaframma largo e stretto.
      Se ascolti con un paio di cuffie senti bene le differenze e i pro e i contro delle diverse soluzioni, almeno a livello macroscopico.

      Lat.

      Simone Antollovich ha scritto:

      Più che altro quello che mi preme ela ripresa dell'acustica; il C01 farebbe un buon lavoro in questo caso?


      Sai che non l'ho proprio mai sentito lavorare?
      Non saprei dirti.

      Non credo, però, che su quella fascia di prezzo passare da Behringer a Samson o ad altri entry level di marchi noti faccia una grande differenza, i prodotti sono analoghi.
      Più che altro bisogna vedere se la qualità, in generale, è in linea con le tue aspettative.

      La cosa migliore sarebbe ovviamente fare una prova prima di scegliere, se possibile.

      Lat.
      Ciao

      quoto la risposta di cisco. Per le acustiche ci sono diverse tecniche di ripresa, prenderei un diaframma largo per la cassa ed utilizzerei in accoppiata il 57 sulla tastiera, cosa che già faccio, Appena potrai permetterti una coppia matched di qualità la comprerei. Fra quelle che hanno entusiasmato parecchio le mie orecchie le shure ksm 137 (avevano una risposta fedele dello strumento cambiando il genere di tecnica, cosa che altri mic non avevano perchè magari sul fingerstyle andavano meglio e poi si perdevano nello strumming).
      ciao,io sono un patito delle acustiche,non capisco come si possa consigliare un sm57
      che è il microfono più sordo e fesso che ci sia per una acustica.
      se la spesa non è troppo alta ti consiglierei un rode nt3 che ci fai di tutto e risente meno
      della stanza.
      se vuoi stare su un dinamico(sempre per problemi di ambienti)non erano tremendi l akg d321 o anche il 3800 o anche sennheiser ma non so dirti il modello preciso.
      io ho un fake del beta 57a che non suona affatto male sull acustica,il problema è che non so come suona quello vero!!
      anzi,se qualcuno di bologna ce l ha e ha voglia di perdere un pomeriggio..volentieri!
      altrimenti i soliti cloni cinesi suggeriti da radioman(io li ho di una marca che è scomparsa i waveelite)che per il loro prezzo erano dignitosi.