Acquisto per project studio (Soundcraft UI24R/Steinberg UR824)

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Acquisto per project studio (Soundcraft UI24R/Steinberg UR824)

      Ciao a tutti,

      Ho un piccolo studio di registrazione da circa un anno e da 3 anni utilizzo felicemente una Yamaha Steinberg UR824.
      Recentemente ho cominciato a effettuare anche service live autonomamente (prima li facevo come dipendente).

      Con i service da dipendente ho avuto modo di usare un mixer Soundcraft Ui24R, ne sono rimasto veramente colpito: bel suono, buoni pre, nessun problema di connettività, ottimo utilizzo con una DAW, l'ho provato anche in studio e la qualità di acquisizione è ottima.

      In vista di un lavoro a ottobre stavo pensando di comprare il soundcraft per i live, ma il mio dubbio è (partendo dal fatto che come interfaccia audio per la DAW funzione bene, l'ho già provato): non mi converrebbe a questo punto vendere la UR824 e utilizzare il Soundcraft anche in studio? la qualità dei convertitori in fase di mix e master ne risentirebbe (è la cosa che mi preoccupa di più)?

      P.s.: Lo farei anche per aumentare il numero di canali per poter registrare più strumenti insieme (che con 8 canali non mi è possibile al momento, dovrei comprare un'interfaccia ADAT)

      Grazie in anticipo :thumbsup:
      dai un'occhiata anche al Midas MR18 che mi sembra di aver capito sia più stabile del Soundcraft
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Datman ha scritto:

      Midas a 689€... 8o


      infatti, ci avevo pensato anch'io a prenderlo ma mi sono chiesto... a cosa mi serve?
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons