Giro analogico_Uscire e rientrare nella scheda audio

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Giro analogico_Uscire e rientrare nella scheda audio

      Ciao a tutti, ho una scarlet 2i4 e vorrei provare a fare questacosa: uscire dalla scheda per poi rientrare nella stessa (di modo che possa anche collegare degli effetti come equalizzatori analogici per esempio)
      Mi chiedevo, posso farlo con la mia focus rite 2i4? Come si fa fanno i collegamenti?
      Grazie a tutti!
      tipo cane che si morde la coda? :D
      Non avrebbe senso, a parte che va in loop, in segnale pulito sarebbe "colorato" una volta uscito, e rientra "colorato" dove si colora ulteriormente, riesce, aricolora, arientra, ari-aricolora ecc ecc.!
      alla fine potrebbe crearsi un buco nero e risucchiare il pianeta! :D
      Meglio usare i "colori" PRIMA della scheda, tra sorgente e scheda, oppure un mixer, in modo da dosare i colori.
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!
      In realtà ha solo chiesto un modo per usare degli outboard in mix, cosa che si può fare assolutamente avendo qualche connessione disponibile.
      Ovviamente per non entrare nella modalità loop che dice BjHorn, bisogna gestire bene il funzionamento di uscite e ingressi, o dal software della scheda quando c'è, oppure dal sequencer.
      Immaginando di avere un bel compressore hardware, bisognerà fare in modo da mandargli quello che desideriamo comprimere (e solo quello) poi farlo rientrare in un canale che viene registrato su una nuova traccia (e assolutamente non rimandato in uscita, altrimenti chiaro che si crea il loop infinito).
      Dove non arriva la scheda, in genere arriva la DAW, quindi in qualche modo si può sempre fare, con un po' di attenzione.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:

      In realtà ha solo chiesto un modo per usare degli outboard in mix, cosa che si può fare assolutamente avendo qualche connessione disponibile.

      Hehehehehe... Lo so lo so!
      Ma considerata la scheda (2 in 2 out) e usando solo quella si può fare molto poco, per questo ho parlato di mixer o intervenire prima della scheda. :D
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!
      Beh certo ci sono molte limitazioni ma impostando il routing a dovere si fa, la fortuna è che la 2i4 ha 4 uscite, quindi le 1 e 2 resteranno dedicate agli ascolti principali mentre le 3 e 4 possono essere destinate a un outboard senza fare strani accrocchi, poi per forza di cose dovrà rientrare dagli unici 2 ingressi che sono i pre microfonici della scheda, ma non si può fare diversamente.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:

      la fortuna è che la 2i4 ha 4 uscite

      Errore mio! E' la 2i4 e non la 2i2!
      Quando non conosco il prodotto di cui si parla faccio un giro sul web per vedere qualche caratteristica, e invece della 2i4 ho guardato la 2i2 e non me ne sono reso conto!
      Chiedo venia!
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!

      Pilloso wrote:

      Beh certo ci sono molte limitazioni ma impostando il routing a dovere si fa, la fortuna è che la 2i4 ha 4 uscite, quindi le 1 e 2 resteranno dedicate agli ascolti principali mentre le 3 e 4 possono essere destinate a un outboard senza fare strani accrocchi, poi per forza di cose dovrà rientrare dagli unici 2 ingressi che sono i pre microfonici della scheda, ma non si può fare diversamente.


      Ciao ragazzi, grazie innanzitutto per le risposte! Vi giro anche il link dal quale ho preso questa ispirazione:
      Quindi Pilloso, se ho capito bene, la cosa da fare sarebbe usare le uscite 3/4 e andare in questo EQ, per poi rientrare nella scheda usando le due entrate della scheda, poste sul pannello frontale.
      Come vedi nel video viene consigliato di entrare prima in una DAC, poi dentro delle valvole (oppure negli effetti che si desidera usare, tipo eq) e poi rientrare nella scheda.
      Dato che non so proprio nulla di nulla di queste cose, se ho sbagliato qualche passaggio dimmelo senza farti problemi! Al massimo mi dai una mano!
      Grazie!
      Io ti parlavo di un metodo generico per lavorare con un outboard qualsiasi che abbia 2 ingressi e 2 uscite.
      Credo che il gioco valga la candela se hai per le mani un processore che abbia un senso, non credo che valga la pena comprare cose a caso solo per fare uscire e rientrare il suono passando per qualche accrocchio che apporterà un 2% di modifica al suono.
      Tanto vale a quel punto scaricare dei plugin gratuiti tipo saturazione vavolare e giocare un po', senza spendere quattrini in robetta e fare inutili giri di cavi.
      Se vuoi comunque farlo segui le istruzioni, ma devi sapere tu quello che stai comprando, io su roba che non conosco non mi sbilancio, poi su quella super economica sono anche scettico. Magari sbaglio.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Certo Pilloso, hai ragione, meglio andare sulla qualità delle.cose che si comprano, di fatti opterei per un equalizzatore costoso, o comunque valvole di qualità maggiore. Quello sul quale mi volevo informare è il metodo per fare questi collegamenti, come fare questo "giro analogico" di cui si parla nel video. Se ho capito bene si esce dall'uscita rca 3/4 della scheda, si passa in tutti gli effetti che vogliamo usare, e poi si rientra nella scheda dalle due entrate principali. Dopodiché bisognerà usare un plugin come il Rea insert, sul master, che ti permetta di sfruttare effettivamente questi collegamenti (sempre se ho capito bene). Immagino che su Fl studio ci sia un altro plugin dedicato ecc...
      Non serve nessun plugin, basta regolare bene le impostazioni dell'ingresso.
      La cosa più importante è che gli ingressi che registri non tornino direttamente alle uscite 3-4, altrimenti per forza di cose si crea quel loop che dicevamo.
      Dovresti invece settarli per andare in ascolto diretto sulle uscite 1-2 così puoi sentire dalle casse quello che fai.
      Riguardo l'outboard, solo tu puoi sapere cosa ti serve, equalizzatore valvolare non significa niente, a parte che esistono eq valvolari pietosi e altri eq ottimi senza valvole.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:

      La cosa più importante è che gli ingressi che registri non tornino direttamente alle uscite 3-4, altrimenti per forza di cose si crea quel loop che dicevamo.
      Certo, credo di aver capito, intendi che sulla mia DAW devo selezionare come ascolto l'uscita 1/2, ovvero le casse. Se per sbaglio settassi 3/4 invece cosa accadrebbe? Ascolterei solo gli effetti? Giusto per capire tecnicamente quello che succede.

      Pilloso wrote:

      Riguardo l'outboard, solo tu puoi sapere cosa ti serve, equalizzatore valvolare non significa niente, a parte che esistono eq valvolari pietosi e altri eq ottimi senza valvole.
      Certo, solo oggetti di qualità. E gia che ci sono chiedo consiglio al forum, io ho bisogno di quel che viene chiamato "Analog Gear", un pò di questo mi farebbe piacere averlo in studio, e quindi più precisamente sento il bisogno di avere un qualcosa che mi "scaldi" il suono, che me lo renda più Real, meno digitale, meno finto..ecco, avrei bisogno di un qualcosa che quando inserito mi cambi il sound conferendogli quel sapore più Release Pro e meno Home studio. Si parla ovviamente di piccolissimi cambiamenti nel suono, ma quel poco che basta per sentire una differenza (ovviamente per chi ha le orecchie buone, e riesce a cogliere la differenza). Che strumento sto cercando? Lo chiedo a voi.
      Assolutamente si può fare se utilizzi gli OUT della scheda allo stesso modo di un qualsiasi BUS o AUX di un mixer analogico o digitale...utilizzerei le uscite 3-4 per andare su un outboard esterno e le OUT bilanciate 1-2 per un eventuale sistema di monitoraggio...il problema sono i soli 2 IN...ne avessi avuti 4 avresti avuto maggiore flessibilità...con soli due IN, il segnale che arriverà ai monitor o alla DAW sarà interamente processato...per cui la scelta dell'outboard esterno dovrà essere oculata. Inoltre rientrando dal processore esterno attraverso gli unici due ingressi, ti precludi la possibilità di collegare un MIC o un synth o altro...
      GSR-24M, Outboard esterni, SSL Fusion, Roland Fantom 8 2019, Yamaha genos, Virus TI Desktop, Prophet Rev2 Desktop...My Project Studio...altro...

      Dj Fugo wrote:

      Giusto per capire tecnicamente quello che succede.

      Succede che che se mandi un segnale a un aggeggio che te lo ributta dentro la scheda, e la scheda te lo ributta alle due uscite che tornano all'aggeggio, e così via all'infinito, molto probabilmente si crea un fischio a un volume talmente esagerato che ti spacca le orecchie e ti fonde le casse, ammesso che non rovini qualcos'altro, quindi giusto un pelo di attenzione e logica nel modo in cui destini i canali.

      Dj Fugo wrote:

      io ho bisogno di quel che viene chiamato "Analog Gear"

      E' tutto e niente, e quasi tutti gli outboard sono analogici, ma se non sai che outboard ti serve, probabilmente non ti serve un outboard.
      La mia impressione è che tu ti sia fatto un po' troppo condizionare da quel tutorial dove con un trick ti fanno vedere che se il segnale passa fuori ne guadagna, ma le macchine magiche non esistono e quello è un trucco come un altro, se guardi più tutorial di quel canale vedrai che ti insegna come saturare anche con dei plugin gratuiti e in tanti modi alternativi, senza spendere un euro, e coi plugin giusti il risultato potrebbe essere migliore che spendendo centinaia di euro in una macchina esterna, e con molti meno sbattimenti.
      Ci sono fonici di fama mondiale che hanno iniziato a missare delle hit solo coi software, quindi se lo fanno loro, non è che noi dobbiamo per forza spremere la schedina a due canali e spendere dei soldi. Certe cose magari le fai quando hai già in casa qualcosa su cui sperimentare e un setup con più connessioni disponibili, oltre che convertitori di qualità, che sono quelli che più contano per conservare un segnale decente in questi passaggi.
      Quale hardware? Ti potrei consigliare cose a caso (e quindi senza alcuna logica) tipo 2 compressori in stile 1176, se compri dei discreti cloni spendi almeno un migliaio di euro per la coppia. A poche decine di euro trovi il plugin che emula l'hardware in modo molto apprezzabile e puoi piazzarlo su tutte le tracce che vuoi... vale la pena di spendere in una macchina senza sapere che risultato aspettarti e senza la scheda più adatta a fare queste cose? Secondo me no.

      motif74 wrote:

      con soli due IN, il segnale che arriverà ai monitor o alla DAW sarà interamente processato...

      Certo ma non vedo il problema, se vuoi processare la batteria mandi solo quella alle uscite 3-4, le passi nell'outboard e le fai rientrare nei 2 pre, per registrarla processata, e poi via via con gli altri canali a seconda di quello che vuoi farci sopra. Ma secondo me o hai un'esigenza particolare di avere quel particolare eq e quel particolare comp perché il software ti sta stretto, oppure con l'interfaccia a 2 canali meglio i plugin mille volte, ma senza neanche pensarci.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Mah. Prima di "infilare" la Scarlet 2i4 in un Tegeler crème o Manley Variable MU, hai preso in considerazione di provare passare qualche bus da un 4-tracks a cassette o da una piastra giocando sulla qualità del nastro audio delle tapes?
      ( senza fare il giro out-in ovviamante...)

      Post was edited 1 time, last by “Teleborian” ().

      Teleborian wrote:

      Mah. Prima di "infilare" la Scarlet 2i4 in un Tegeler crème o Manley Variable MU, hai preso in considerazione di provare passare qualche bus da un 4-tracks a cassette o da una piastra giocando sulla qualità del nastro audio delle tapes?
      ( senza fare il giro out-in ovviamante...)

      Interessante, so che questo metodo si usa spesso in certi generi che richiedono questo tipo di mastering tipo il Lofi o l'Hip Hop...In tal caso non si fa il giro out-in? Come mai? Come funziona quest'altro metodo?

      Pilloso wrote:

      E' tutto e niente, e quasi tutti gli outboard sono analogici, ma se non sai che outboard ti serve, probabilmente non ti serve un outboard.
      La mia impressione è che tu ti sia fatto un po' troppo condizionare da quel tutorial dove con un trick ti fanno vedere che se il segnale passa fuori ne guadagna, ma le macchine magiche non esistono e quello è un trucco come un altro, se guardi più tutorial di quel canale vedrai che ti insegna come saturare anche con dei plugin gratuiti e in tanti modi alternativi, senza spendere un euro, e coi plugin giusti il risultato potrebbe essere migliore che spendendo centinaia di euro in una macchina esterna, e con molti meno sbattimenti.

      Si è vero, mi ha condizionato molto quel tutorial, ma ne ho visto anche un altro, molto interessante che mi ha convinto, è questo qui:



      In entrambi i tutorial si sente quanto l'analog Gear in studio possa darti uno strumento in più da usare, ogni tanto, quando serve..ovviamente anch'io non ho intenzione di spendere 2000 euro o passa per questo genere di cose, avrei avuto piacere ad avere qualche attrezzino in più in studio, ma come dici tu, mi stai facendo ragionare...a cosa serve comperare cose a basso prezzo con la mia scheda audio piuttosto dozzinale per raggiungere quel poco di sound in più? Forse a nulla. Forse è meglio tenere in tasca i soldi e continuare con il digitale (che comunque resterà sempre diverso dall'analogico nel modo di suonare, basti sentire il link che ho appena postato, qui senti davvero un'enorme differenza..ma qui si parla di certo di attrezzature molto ma molto belle, suppongo, non me ne intendo). ;)
      Mah... ho visto quest’ultimo video e secondo me dice davvero poco... nel senso: si sentono delle differenze (percepite con le cuffiette dell’iPhone) soprattutto sulle ultime due take, però guarda caso su queste c’è della compressione... per fare dei confronti sarebbe stato meglio mettere una compressione simile (un plugin di compressione - possibilmente buono/recente - della stessa tipologia del Warm Audio) e con settaggi per quanto possibile simili, in modo di confrontare la catena con dell’outboard con una equivalente fatta con dei plugin.

      Altra considerazione: registrare una take con la compressione è un “rischio”, stai prendendo delle decisioni. Se sai quello che fai, haiil materiale che va già nella direzione che deve andare, ma se canni ti ritrovi con una take da buttare...

      Ah, comunque l’hardware citato in quel video non è roba “stellare”... nel complesso non costa due lire ed è comunque un investimento, ma non è nemmeno roba al di fuori della portata di noi comuni mortali...

      Francamente non consiglierei dell’outboard con una scheda tipo la Scarlett, che è una linea di prodotti “economici” (che non vuol dire che non siano buoni; anni fa si spendeva di più per prodotti che suonavano peggio): a meno che non acquisti outboard davvero entry level (eviterei!), quasi sicuramente degli outboard “economici” ti costerebbero di più della tua scheda.

      Se poi vuoi un suono preciso e ti sei innamorato di una certa catena hardware, è un altro discorso... ma ragionando col pallottoliere, ti direi di riflettere bene prima di prendere dell’hardware.


      Piuttosto, ti direi di provare qualche plugin di qualità... se hai un pc abbastanza potente, al momento si può avere gratis il plugin “Cherise” (spero di averlo scritto giusto, vista l’ora e gli occhi che si stanno finalmente chiudendo) di Acustica Audio... io non ho ancora avuto modo di provarlo (solo installato), ma in genere i prodotti di questa ditta dimostrano che si possono fare grandi cose anche rimanendo ITB (poi ovviamente conta la tecnica, ma è per dare un’alternativa “valida” come termine di confronto)...
      Il rispetto si costruisce solo insieme.
      Credo che la confusione iniziale si stia allargando ulteriormente.
      Il secondo video non parla di ripassare l'audio in analogico, ma semplicemente di registrare usando un pre dedicato ed eventualmente anche un compressore, cosa che facciamo in tanti, se non tutti.
      Quindi chiarisciti le idee su cosa vuoi, perché stiamo parlando di cose diverse, questa serve e c'entra poco o niente con l'altra.
      Serve però se sei disposto a investire almeno su un preamp decente, cioè da un minimo di 300 euro in su, altrimenti lascia stare.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Pilloso wrote:

      Credo che la confusione iniziale si stia allargando ulteriormente.
      Il secondo video non parla di ripassare l'audio in analogico, ma semplicemente di registrare usando un pre dedicato ed eventualmente anche un compressore, cosa che facciamo in tanti, se non tutti.
      Quindi chiarisciti le idee su cosa vuoi, perché stiamo parlando di cose diverse, questa serve e c'entra poco o niente con l'altra.
      Serve però se sei disposto a investire almeno su un preamp decente, cioè da un minimo di 300 euro in su, altrimenti lascia stare.


      Certo, scusate il cambio di discorso, quello l'ho postato per mostrare un esempio di quanto le apparecchiature Hardware possano giovare al sound generale, quindi sia che si tratti di registrazione che di riproduzione audio, passare attraverso un compressore può dare un "colore" al suono, come dimostrato nel video, però come mi consigli tu e altri, potrebbe non essere una buona idea acquistare Hardware senza avere una buona scheda audio in partenza. Sono gia abbastanza deciso su cosa voglio, voglio qualcosa che mi scaldi il suono, vorrei conferire un suono meno digitale ai miei mix (anche se faccio elettronica), quindi se parliamo di un compressore, quello lo si può mettere anche sul master senza toccarlo, e gia ti cambia un pochino il suono (questo per fare un esempio).
      Quindi a questo punto non saprei che fare, Pilloso che strumenti mi consigliavi sopra i 300 euro, c'è qualche oggetto interessante che magari posso andare a vedere in negozio?

      sin night wrote:

      per fare dei confronti sarebbe stato meglio mettere una compressione simile (un plugin di compressione - possibilmente buono/recente - della stessa tipologia del Warm Audio) e con settaggi per quanto possibile simili, in modo di confrontare la catena con dell’outboard con una equivalente fatta con dei plugin.

      Beh si, verissimo, c'è da considerare anche quello, che lui sta comprimendo la voce con iol suo comp, e di sicuro aumenta la gradevolezza dell'audio che sentiamo, perchè senti una voce più stabile e quindi più piacevole.