Moduli vintage per broadcast Tedeschi vari

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Moduli vintage per broadcast Tedeschi vari

      Ciao a tutti,
      sono nuovo del Forum, anche se spesso leggevo come guest,

      So che ci sono molti utenti esperti nella riparazione di macchine audio, e qualcuno specializzato in moduli Tedeschi da broadcast, come:
      Neumann, Siemens, Telefunken, TAB, ANT, LAWO, BFE ecc...
      Ho investito parecchio da un paio d'anni nell'acquisto di questi moduli e sono determinato a farli funzionare, non ho un solido backgound di elettrotecnica purtroppo, però me la cavo piuttosto bene col saldatore.
      I moduli saranno ad uso esclusivamente personale, non devo venderli, ma usarli nel mio studio, che vorrei finire di allestire rackando queste nuove macchine.

      Premessa: putroppo l'unico strumento di misura di cui dispongo è un tester digitale

      Inizio con un paio di domanda generiche :)
      - ALIMENTAZIONE:
      so che la stragrande maggioranza di questo tipo di moduli va alimentato a +24V DC, ciò significa avere in corrente continua un polo a +24V e l'altro a 0V che sarebbe poi la massa?
      Ho un paio di alimentatori dedicati, ma sono vecchi di almeno 30 anni (come i moduli del resto) e (ammesso che si tutto in ordine) immagino che gli elettrolitici siano andati; bene: come faccio a sapere se sono da sostituire o meno? che tipo di test posso fare? (visivamente sono come nuovi, senza perdite ne "bubboni")
      In caso di sotituzione, a parità di capacitanza, consigliate usare modelli per voltaggi più elevati? 105°C? low esr (o questi hanno senso solo nel percorso audio)?
      Qualsiasi info o consiglio è assoultamente ben gradito :)
      Anche perchè immagino che un recapping sarà un operazione molto frequente su tutti questi vecchi circuiti

      - Ho un fader attivo BFE PR-2S
      solo per fare un test al volo (visto che era già provvisto di telaio con In/Out su XLR) ho provato ad alimentarlo con un +24V (misura 23.5) al volo, l'alimentatore è del tipo economico per led o simili non saprei, mi aspettavo molto rumore, che c'è ma è decisamente contenuto (probabile sompaia utilizzando un PS serio).
      Misurando il voltaggio DC negli input xlr trovo tra 0 e 1 mV tra pin 2/3, e circa 600mV sia tra pin 1/2 che /1/3 in entrambi i canali, è normale? oppure è indice di qualche condensatore andato che non filtra più? L'out sembra non avere questa corrente tra i pin...
      Suona bene con una trentina di db di gain, solo devo indagare perchè "scoppietta" se i cavi xlr vengono premuti troppo sugli in/out :huh:
      (per misurare gli ohm in ingresso e uscita è sufficiente misurare la resistenza tra pin?)

      Per il momento grazie in anticipo ragazzi, vi auguro un felice WE!

      PS
      Se sarà possibile magari continuerò a postare domande qui di seguito anche per gli altri moduli, così sarà più semplice anche per altri interessati se vorranno avere lo stesso tipo di informazione.
      Thnkx!!

      woodsound wrote:

      Inizio con un paio di domanda generiche :)
      - ALIMENTAZIONE:
      so che la stragrande maggioranza di questo tipo di moduli va alimentato a +24V DC, ciò significa avere in corrente continua un polo a +24V e l'altro a 0V che sarebbe poi la massa?


      Ho un paio di alimentatori dedicati, ma sono vecchi di almeno 30 anni (come i moduli del resto) e (ammesso che si tutto in ordine) immagino che gli elettrolitici siano andati; bene: come faccio a sapere se sono da sostituire o meno? che tipo di test posso fare? (visivamente sono come nuovi, senza perdite ne "bubboni")

      Usali, se non senti ronzii di fondo nemmeno collegando più moduli in parallelo vuol dire che sono ancora buoni
      In caso di sotituzione, a parità di capacitanza, consigliate usare modelli per voltaggi più elevati? 105°C? low esr (o questi hanno senso solo nel percorso audio)?
      Qualsiasi info o consiglio è assoultamente ben gradito

      I 105° low esr sono necessari per gli alimentatori switching, per quelli normali son un di più che male non fa ma non sono indispensabili anche se si presume che dureranno di più

      - Ho un fader attivo BFE PR-2S
      solo per fare un test al volo (visto che era già provvisto di telaio con In/Out su XLR) ho provato ad alimentarlo con un +24V (misura 23.5) al volo, l'alimentatore è del tipo economico per led o simili non saprei, mi aspettavo molto rumore, che c'è ma è decisamente contenuto (probabile sompaia utilizzando un PS serio).
      Misurando il voltaggio DC negli input xlr trovo tra 0 e 1 mV tra pin 2/3, e circa 600mV sia tra pin 1/2 che /1/3 in entrambi i canali, è normale? oppure è indice di qualche condensatore andato che non filtra più? L'out sembra non avere questa corrente tra i pin...
      Suona bene con una trentina di db di gain, solo devo indagare perchè "scoppietta" se i cavi xlr vengono premuti troppo sugli in/out :huh:

      Su questo non ti so dire, una differenza di tensione indica una massa del circuito diversa dalla massa dello chassis ma non è facile capire da cosa dipenda,specialmente se sull'uscita non c'è
      (per misurare gli ohm in ingresso e uscita è sufficiente misurare la resistenza tra pin?)

      no perchè ci sono i condensatori di disaccoppiamento in mezzo che ti danno circuito aperto in continua
      Grazie per le risposte Radioman,

      Radioman wrote:


      Su questo non ti so dire, una differenza di tensione indica una massa del circuito diversa dalla massa dello chassis ma non è facile capire da cosa dipenda,specialmente se sull'uscita non c'è

      Sarebbe possibile ipotizzare qualcosa a proposito? Così forse potei provare a risolvere, immagino non sia buona cosa avere questa differenza di tensione.

      Per quanto riguarda i condensatori, generalizzando: ogni volta che posso ascoltare hum/ronza dalle uscite audio e so che non era presente all'ingresso posso incolpare i condensatori della sezione di alimentazione? Sarebbero da sostutiore tutti in blocco?
      A titolo informativo, cosa può succedere se continuassi ad usare la macchina? Brucio qualcosa? Solitamente quando avviene il danno a causa di elettrolitici andati, e che conseguenze porta?

      Altra cosa, gli elettrlitici più piccoli sul percorso audio si esauriscono? è possibile misurarli con un DMM senza dissaldarli uno ad uno? a volte sono svariate decine per canale in certi vecchi compressori per esempio

      Grazie mille! :)

      woodsound wrote:


      Sarebbe possibile ipotizzare qualcosa a proposito? Così forse potei provare a risolvere, immagino non sia buona cosa avere questa differenza di tensione.

      non ti so dire, occorrerebbe avere lo schema
      Per quanto riguarda i condensatori, generalizzando: ogni volta che posso ascoltare hum/ronza dalle uscite audio e so che non era presente all'ingresso posso incolpare i condensatori della sezione di alimentazione? Sarebbero da sostutiore tutti in blocco?

      in generale quello che si usura di più è quello più grosso posto dopo il trasformatore ed il ponte di diodi, gli altri sono meno stressati
      A titolo informativo, cosa può succedere se continuassi ad usare la macchina? Brucio qualcosa?

      no
      Solitamente quando avviene il danno a causa di elettrolitici andati, e che conseguenze porta?

      avviene col tempo e porta a ronzio di fondo
      Altra cosa, gli elettrlitici più piccoli sul percorso audio si esauriscono? è possibile misurarli con un DMM senza dissaldarli uno ad uno? a volte sono svariate decine per canale in certi vecchi compressori per esempio

      col tempo si esauriscono anche loro, il parametro che peggiora , oltre alla capacità, è l'ESR che si può misurare con appositi strumenti, per esempio sulla baia vendono un tester universale con schermo LCD basato su processore che misura componenti passivi e giunzioni e dà anche l'ESR.

      Radioman wrote:

      col tempo si esauriscono anche loro, il parametro che peggiora , oltre alla capacità, è l'ESR che si può misurare con appositi strumenti, per esempio sulla baia vendono un tester universale con schermo LCD basato su processore che misura componenti passivi e giunzioni e dà anche l'ESR.


      Ciao,
      il tester in questione si chiama "MESR100 V2" (AutoRanging In Circuit ESR Capacitor Meter Tester)?

      Nel frattempo ho (fortunatamente) avuto un pò da fare per lavoro, ma sono riuscito comunque a fare qualcosina sui miei moduli,
      ho messo in funzione 2 preamp Siemens (c71392 a48 a1) davvero vecchi, e testato il corretto funzionamento di 4 fader attivi PR812 della Germania EST (questi alimentati separatamente a -20Vdc); posterò foto a breve ... avevo comunque sottovalutato tutto il lavoro "metalmeccanico" per il racking... ho idea mi rallenterà parecchio...
      Infatti per ora ho costruito in scatolotto di legno un alimentatore +24Vdc con uscite multiple usando due alimentatori switching in parallelo 2+2A, non dovrei far danni giusto? :) Ho usato sia prese da stompbox con massa su connettore separato, che TRS Tip(+) Ring(-) Sleeve(Gnd) come connettori di alimentazione, potevo usare anche XLR ma è più brigoso per i fori e tiene più spazio :)
      Col senno di poi però ragionandoci su credo di essere obbligato a connettere i moduli alimentati con trs solo con alimentatore spento per evitare inversioni di polarità/corti durante l'inserimento del connettore...
      A breve posterò qualche foto
      A presto Grazie!
      O.
      Ho appena acquistato un kit di uno di questi cloni, poco più di 7 euro dalla Cina... se arriva :)
      Vedo che ci sono molti kit super-economici che potrebbero essermi utili, come generatori di rumore bianco, generatori di segnale/frequenze, oscilloscopio, analizzatore di frequenze... cosa mi consiglieresti di acquistare? anche altri apparecchi che non ho preso in considerazione se servono per questi tipi di lavori e riparazioni circuiti audio
      sicuramente un generatore di funzioni in banda audio serve, poi un oscilloscopio doppia traccia è molto utile però non so questi digitali a basso costo come se la cavino, io mi riferisco ad un classico analogico che funziona sempre e non ha problemi di versioni di SW
      se ho visto bene costicchiano mannaggia...
      per l'uso che devo farne io magari inizierò con uno di questi a basso costo...

      il link che mi avevi dato portava ad un sito che non conoscevo, è affidabile? ho preso li kit per misurare l'esr, dovrebbe arrivare a metà settembre... volevo comprare li anche gli altri kit però prima volevo ricevere l'AVR ... solo che poi si arriva al 2020 :S
      Ho un dubbio su questa idea di filtro DC preso da beavisaudio.com:
      sarebbe per 9v DC dei comuni pedalini da chitarra/basso, funziona anche sui 24V?
      devo cambiare qualche valore?
      Pensavo di usare 2R da 1W in parallelo del valore più vicino a 5ohm, 470uF come C1, 6.8 uF come C2, entrambi elettrolitici
      Usando un calcolatore online dovrei avere un filtro passsa basso a circa 2.2 khz 6db/ottava
      Funziona l'idea o sto perdendo tempo inutilmente? :)
      (ps: il voltage divider e relativo Vref out non mi servono, non li ho presi in considerazione)


      Altra domandona:
      in linea generale come mi devo comportare con impedenze di carico - sorgente su IN / OUT dei vari moduli di preamp?
      intendo, ci sarà da saldare una R (fissa, variabile?) tra i pin del modulo collegati a 2-3 dell'XLR, i quali sono direttamente connessi ai trasformatori di ingresso e uscita del modulo audio.... oppure no? o in serie... sto cercando di comprendere questo "meccanismo" da applicare poi in tutti i contesti :)

      Nello stadio di ingresso, al di la della quantità di guadagno del circuito di preamp, la differenza tra line amp e mic amp è data dal valore dell'impedenza in ingresso?

      Grazie in anticipo!
      Images
      • Cattura.JPG

        113 kB, 1,162×625, viewed 6 times
      Per ridurre la VDC puoi usare una basetta con LM7809 (V fissa) o LM317 (V variabile) o LM2576 (V variabile switching, più rendimento e meno calore disperso), gli schemi li trovi nei relativi datasheet, e le basette sul ebay o ali express.
      nono non devo ridurre il voltaggio in continua, chiedevo se l'idea del filtro è corretta anche per i 24V, e se i valori modificati sono più o meno efficaci degli originali per filtrare rumori e interferenze da alimetazione switching

      Mi sapresti anche dare qualche info e consigli in linea di massima sulle impedenze da usare in ingresso e uscita nei trasformatori dei moduli di preamp?

      thnkx!
      quel filtro va bene solo per alimentare apparecchi con piccoli assorbimenti (<100 mA), al salire si devono usare circuiti attivi. Per le impedenze puoi guardare gli schemi dei pre classici del passato e trovare i dati di impedenza dei trasformatori, cmq grossomodo 10-20 kohm un ingresso linea e 1000-3000 ohm un ingresso micro.

      Post was edited 1 time, last by “Radioman” ().

      100mA in effetti sono pochini... se viene usato per assorbimenti diciamo di 1A cosa succede, smette di filtrare o si brucia qualcosa?

      Per quanto riguarda le impedenze, ho questi 2 preamp Siemens c71392 a48 a1, non ho trovato alcunchè online, almeno funzionano, soltanto che ho idea sia necessario usare resistenze per caricare e terminare in maniera corretta, perchè il suono è gradevole ma molto scarico di bassi e scuro, se ho capito bene posso provare a saldare una R in parallelo tra pin 2-3 di 10k per line in, e 2k per mic in (su switch a due posizioni magari), e immagino una 600 ohm per terminare l'uscita.
      Avendo gli schemi e i dati dei trafo di altri moduli, devo saldare una R del valore dichiarato sulla carta per farli funzionare correttamente?
      100mA in effetti sono pochini... se viene usato per assorbimenti diciamo di 1A cosa succede, smette di filtrare o si brucia qualcosa?

      La tensione scende sotto il minimo di funzionamento e si cuociono le resistenze di caduta da 100 ohm

      Per quanto riguarda le impedenze, ho questi 2 preamp Siemens c71392 a48 a1, non ho trovato alcunchè online, almeno funzionano, soltanto che ho idea sia necessario usare resistenze per caricare e terminare in maniera corretta, perchè il suono è gradevole ma molto scarico di bassi e scuro, se ho capito bene posso provare a saldare una R in parallelo tra pin 2-3 di 10k per line in, e 2k per mic in (su switch a due posizioni magari), e immagino una 600 ohm per terminare l'uscita.
      Avendo gli schemi e i dati dei trafo di altri moduli, devo saldare una R del valore dichiarato sulla carta per farli funzionare correttamente?

      Per me non c'è bisogno di montare nessuna resistenza aggiuntiva tra i pin.
      forse entrambe le cose, quei filtri broadcast sono molto morbidi da quel che ho ascoltato, settati come standard a 40-15k hz, a 20-20k sono a -4 circa se non sbaglio, quasi più un attenuazione di un filtro
      il suono che ottengo però è decisamente attenuato, a orecchio mi viene da dire -15db o più, quindi principalmente saranno sicuramente gli elettrolitici
      in effetti ho tentato la fortuna, li volevo ascoltare con tutti i componenti originali... :)

      volendo provare a modificare la resistenza in ingresso e uscita, per ascoltare cosa cambia e per capirne un pò di più, basta saldare diciamo una 2k tra i connettori collegati all'in xlr 2-3, e una 600R in out?
      essendo a trasformatori qualcosa cambierà di sicuro come risposta in frequenza