garage per batterista

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      garage per batterista

      ciao a tutti cerchero' di essere breve. Sto per affittare un garage sotterraneo per suonare e registrarmi.Non problemi di vicinato e per questo vorrei solo modificare l'acustica interna e assorbire riverbero. Avevo pensato a tendaggi su pareti e soffitto in quanto se poi dovessi spostarmi in altro luogo potrei portarmi via il materiale. Su Thomann ho visto queste tende Stairville Curtains che potrebbero a occhio e croce andare bene,oltre al mettere poi sul pavimento moquette e tappeti. Qualcuno di voi ha esperienza con queste tende? Il garage in questione è circa 15 m e siccome in mio budget è ridotto se avete soluzioni alternative ben vengano. Grazie!
      Ciao, non conosco le tende in questione, ma le percussioni fanno molto rimbombo e in genere la tenda è qualcosa che assorbe relativamente, da usare dove non si può fare in modo diverso.
      I materiali per assorbire sono più spessi (e porosi), non a caso quelli più funzionali sono le lane minerali (di roccia o vetro).
      Ottieni buoni risultati anche con dei materassi, che puoi rivestire come vuoi per avere un aspetto più gradevole, e se ne hai di vecchi da buttare, ovviamente è poca spesa e tanta resa.
      Come tende e tappeti puoi trovare materiale anche nei mercatini, qualche volta anche chi svende stock di stoffa ha degli scampoli di velluto pesante a prezzi molto onesti, però il consiglio resta quello di mettere qualcosa di spesso almeno su un paio di pareti, per assorbire delle onde che altrimenti in un garage continuano a rimbalzarti contro e ti assordano.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Grazie per le vostre risposte..ma non devo fare registrazioni super professionali, solo ridurre il riverbero..non avrei problemi di distutrbo in quanto sarei al secondo o terzo piano interrato, in una serie di garage senza abitazioni sopra..quindi solo modificare acustica interna.
      guarda io capisco che non hai aspettative super professionali, ma davvero non c'è motivo per fare le cose male, visto che con poca spesa puoi fare discretamente bene.
      1) Le tende al massimo possono toglierti qualche flutter echo sulla parte alta dello spettro. Certo, meglio una stanza con tende che una stanza tutta vuota e con pareti nude. Ma centomilavolte meglio la lana di roccia invece che le tende. Serve realmente allo scopo (le tende no) e costa anche meno.
      2) I tappeti sono sconsigliatissimi. Anche qui, possono sì togliere un po' di flutter echo, ma perchè adottare una cattiva soluzione (che non è una soluzione a quasi niente) quando puoi sceglierne una buona a minor prezzo? Nel trattamento anche altamente professionale di studi di registrazione e sale di ripresa il pavimento viene lasciato non trattato, nudo, e non importa se di legno o di cemento. Vengono invece trattate tutte le altre superfici, incluso il tetto (che è anzi di grande importanza). L'acustica migliore ce l'hai così...

      Ti consiglio di cercare in rete come autocostruirti semplicissimi pannelli in lana di roccia. Un telaietto di legno, 20 cm di lana di roccia, e stoffa fonotrasparente come rivestimento. tutto qua, niente altro. Li appendi alle pareti e al tetto con dei ganci, coprendo una buona parte di superficie.
      Ti resterà il problema delle basse frequenze, ma quello se vuoi una soluzione semplice e poco costosa non puoi fare altro che tenertelo.
      Molto meglio di sicuro che tende e tappeti.

      Datman wrote:

      Il pavimento di solito è flottante, migliore del cemento e permette di lasciare gli impianti sotto. Un'alternativa è farlo di legno: parquet classico oppure in pannelli preassemblati.


      c'è un lungo thread "sticky" sulla sezione trattamento acustico di Gearslutz, dove discutono in maniera anche molto tecnica e davvero di alto livello (leggi gli interventi di SAC in quel thread) sul pavimento. La conclusione è che legno e cemento portano a differenze nella riflessione del suono assolutamente trascurabili... mentre tutt'altro che trascurabile è il resto, sostanziale, del trattamento. Il pavimento flottante sembrerebbe invece poter cambiare il suono, anche in meglio (a parere di Eklund che porta grafici e sperimentazioni pratiche in proposito) per via dell'effetto membrana creato dalla vibrazione del pavimento flottante, non per il materiale in sè del pavimento flottante... I grafici di Eklund mostravano un assorbimento su frequenze comunque medie (centrate a 500Hz), sostanzialmente non mi pare questo enorme vantaggio...
      Mi limito naturalmente a riportare quanto scritto in quel thread da esperti di primissimo ordine (Eklund, Gervais, Brandt...), non ho esperienze di prima mano in proposito...