Pannelli Vibranti

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Pannelli Vibranti

      devo costruire un pannello vibrante per abbattere una fastidiosa risonanza a 110hz nella mia stanza.
      ho fatto già delle bass trap negli angoli ma, sebbene abbiano migliorato la risposta acustica nella zona bassa e medio bassa, non sono sufficenti a risolvere il sopracitato problema.
      Quindi mi faccio nuovamente su le maniche e mi metto a costruire un pannello vibrante da posizionare adiacente alla parete davanti, dietro alla postazione....scelta di posizione dettata, sia dalle indicazioni trovate in rete, che dal fatto che se mi avvicino alla parete la risonanza di quella frequenza aumenta notevolmente, quindi immagino sia il posto giusto.
      Comunque volevo imbastire una discussione per sapere se qualcuno ha già affrontato la costruzione di tali pannelli.
      qui un link interessante per cominciare: vai
      La questione più importante per me da chiarire è se sia assolutamente necessario che la stuttura del pannello venga costruita direttamente sopra il muro o no, nella dispensa del link fa riferimento ad una superfice rigida, però in un'altra discussione in questo forum mi è stato detto che l'efficacia non sarebbe la stessa.
      Avendo avanzato due pannelli di lana di roccia della RockWool da 70 kg/mc da 5cm di spessore inserirò anche quelli in modo da aumentare il range di frequenze "assorbite", in modo che se un domani mi dovrò spostare (sicuramente tra max un paio d'anni) mi porterò via il tutto per la nuova stanza che avrà molto probabilmente problemi diversi.
      Ho calcolato in base alla frequenza che il pannello vibrante (che sarà un foglio di multistrato di pioppo da 4mm) dovrà essere a 12 cm dalla superfice rigida del fondo.
      aspetto commenti
      grazie a tutti da subito
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      chiudete và....tanto qua non interessa a nessuno
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      non chiudo, può sempre servire. Se proprio ti serve fai un up ogni tanto...
      "Per sua natura la musica non può spiegare niente: né delle emozioni, né dei punti di vista, né dei sentimenti, né dei fenomeni della natura. Essa non spiega che se stessa." (Igor Stravinsky)
      FACEBOOK
      ti rispondo io (ciao bich) perchè mi sono trovato in una situazione simile a casa di un amico. Abbiamo realizzato dei pannelli tipo i tuoi e poi per migliorarne, diciamo, la risposta abbiamo provveduto a sforacchiare randomicamente la superficie come letto da qualche parte in giro su internet o su qualche testo specifico.

      Così facendo riesci ad ottenere sia l'effetto di diffusione, necessario nel tuo caso visti i 110 Hz, sia l'effetto di assorbimento. Quest'ultimo sarà minimo ma nella mia pèrecedente esperienza ha giovato sull'equilibrio complessivo dell'acustica.

      il posto in cui posizionerai il diffusore è giusto in quanto significa, se ben ricordo la teoria, che l'onda stazionaria si genera proprio lì.

      Spero di esserti stato utile.
      <<Tutto va male contemporaneamente.>>
      <<ABIGUGU !>>
      in realtà a me, più che diffusione, serve proprio assorbimento, ocio il grafico: vai
      a parte la disperazione su tutti i fronti notate che a 110hz c'è un picco grosso e un susseguente avvallamento..
      io ho calcolato, basandomi su questa formula vedi inizio , che il pannello dovrebbe stare a 12 cm dal fondo per essere tarato esattamente a 110hz. inserendo del materiale assorbente si può ampliare lo spettro a scapito però dell'efficacia.
      ho letto anch'io qualcosa sui pannelli forati,i ma credo sia un principio diverso.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      aaaaaagh!!!
      per fortuna che, prima di cominciare i lavori, mi è venuto lo scrupolo di controllare che il peso al mq del pannello di multistrato di pioppo, che userò come componente vibrante, fosse corretto........infatti non lo è....
      per non saper ne leggere ne srcivere ho pesato quello che ho (spessore 4mm) e ho visto che 1mq pesa 1.6kg.
      quindi il pannello, per essere accordato a 110Hz, dovrà stare a 18,5 cm dal fondo rigido e non a 12 come avevo calcolato prima.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Paul Rain” ().

      eccomi qua.....finalmente ho avuto tempo da dedicare ai lavori nella stanza e quindi anche ai pannelli risuonatori.
      Risultato: meglio di quanto mi aspettassi.
      Ho provato a far suonare un sine della frequenza alla quale ho accordato i pannelli (110Hz), se ci appoggio la mano li sento proprio vibrare, se premo in modo da fermare la vibrazione sento di nuovo la fastidiosa risonanza......morale....... funzionano.
      Quelli che ho fatto sono relativamente piccoli per morivi di spazio e di reperibilità materiali, sono 100x50 profondi 12 all'interno ho messo della lana di roccia di spessore 5 cm e di densità 70kg/mc distanziata sia dal pannello (ovviamente altrimenti non vibra) sia dal fondo, sono delle scatole a se stanti, attaccate al muro come dei quadri.
      Sono molto soddisfatto anche se devo ancora fare delle misurazioni....già a orecchio sento la differenza lampante.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      Ciao,
      in questi quasi 10 anni avrai sicuramente fatto esperienza per quanto riguarda la costruzione di pannelli vibranti! :D
      Ho letto molte discussioni riguardo bass trap, pannelli vibranti, superchunk ecc... e in molte di queste ho trovato tuoi preziosissimi consigli.
      Oggi ho ordinato della lana di roccia da 40kg/m3 spessore 10cm. Ho scartato l'idea dei superchunk perchè, se non sbaglio, otterei un risultato simile anche tenendo soli 10cm di lana di roccia e lasciando aria tra il muro e il pannello. Pensavo di coprire i 4 angoli della stanza con dei pannelli vibranti per tutta l'altezza, anche per una questione di estetica, ma mi risulta difficile pensare di calcolare la distanza dal muro in quanto si parla di un angolo. I pannelli li dovrei chiudere in modo da avere una cassa o posso sfruttare la cassa che si forma tra la membrana e l'angolo del muro? 10cm di lana di roccia sono troppo pochi?

      Ti rigrazio in anticipo per questi vecchi post nei quali ho trovato molte risposte! :thumbsup: