Costruzione subwoofer

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Costruzione subwoofer

      Costruzione subwoofer


      Salve a tutti come da titolo vorrei costruirmi un bel subwoofer passivo da utilizzare all'esterno magari in qualche concerto o serata... sono nuovo però il forum mi sembra ottimo... ho bisogno di sapere praticamente tuttooo!! dal tipo di cono che devo scegliere al litraggio ed il tipo di box: reflex chiusa..ecc... (vorrei fare un sub abbastanza grosso) se potete aiutarmi!!!!

      GRAZIE IN ANTICIPO
      se pensi di utilizzarlo in luoghi pubblici ti sconsiglio vivamente di intraprendere la costruzione.
      in questi utilizzi ogni apparato utilizzato deve essere certificato pena pesanti sanzioni.

      detto questo i progetti sono validi ma se non trovi un canale preferenziale per l'acquisto dei coni il prezzo resta elevato.
      per utilizzi in esterni dovresti costruire dei sub a tromba, (che più che sub sono unità bassi quindi woofer) uno da solo non rende moltissimo, gruppi di 2 o meglio 4 potrebbero rappresentare una buona soluzione con i conseguenti limiti di dimensioni e peso (ti ci vorrà un furgone per movimentarli e braccia moolto robuste).

      insomma imho meglio prendere qualcosa di già fatto e sopratutto meglio progettato ed ottimizzato da chi fa (bene) questo lavoro e con la risposta processata tramite DSP.
      speakerplans.com
      se riesci a metterci due soldi in più io ti consiglierei di puntare piu su altoparlante precision devices / rcf che ciare

      buon divertimento
      Buy our Super Duper Funcoolizer Top Notch LImited Edition : dettaglio estremamente basso, rumore e ultrahigh guadagno.
      _insult notecontrol inc. on soundcloud and get a great djset for free

      Post was edited 1 time, last by “notecontrol” ().

      serpava wrote:

      se pensi di utilizzarlo in luoghi pubblici ti sconsiglio vivamente di intraprendere la costruzione.

      in questi utilizzi ogni apparato utilizzato deve essere certificato pena pesanti sanzioni.
      la certificazione serve (per dirla in breve) per apparecchi dove circola corrente (220 o 380 V), non per casse passive quindi, ma ad esempio, per amplificatori e finali di potenza, mixer, ecc.
      DottMac: sei proprio sicuro?

      Per fare una conto approssimativo, un sub da 500 W RMS, ammettiamo a singola bobina, 8 ohm, viene alimentato con amplificatori con il ramo in corrente continua a +- 110 V o maggiore.

      Questo determina automaticamente che il dispositivo, anche se passivo, deve rispondere alla direttiva bassa tensione e non solo visto che esiste la normativa IEC 60065 recepita in Italia dalla omonima CEI EN 60065 (che resta valida anche per dispositivi di potenza inferiore) che definisce i requisiti di sicurezza per i dispositivi audio-video.

      Quindi.... in parole molto povere, anche un sub passivo deve avere la marcatura CE per potere essere utilizzato.
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      sarà .. :huh: ma a me nessuno è venuto a dire nulla quando abbiamo presentato questa certificazione :D
      tutto multistrato e carta bollata come si può vedere
      Buy our Super Duper Funcoolizer Top Notch LImited Edition : dettaglio estremamente basso, rumore e ultrahigh guadagno.
      _insult notecontrol inc. on soundcloud and get a great djset for free

      Post was edited 1 time, last by “notecontrol” ().

      Si si, non lo metto in dubbio. Puoi anche andare ai 200 in autostrada. Finchè non succede nulla o non passa qualcuno con la paletta, si può procedere....

      In realtà poi cosa è accaduto, tanto per dire: che su 100 che realizzano prodotti a modo, ce n'è uno che invece li fa a caso. Ci scappa l'incidente ed a quel punto interviene qualcuno a regolamentare.

      Oppure ancora, su 100 che realizzano prodotti a modo, ce n'è uno che pur di abbattere i costi comincia a costruire da schifo, tanto chi se ne accorge. Ma a quel punto i 100 dicono: " e noi chi siamo? I pirla della situazione? Aspetta un po' che impongo dei criteri per rendere un prodotto commercializzabile".

      Personalmente ritengo che valga un concetto: dove il buonsenso non riesce ad arrivare, è necessaria una legge.

      E con questo, notecontrol, non dubito che per realizzare un muro di subwoofer da due TeraWatt non abbiate utilizzato il buonsenso!!! :D :D :D
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"

      znal_lanz wrote:

      DottMac: sei proprio sicuro?

      Per fare una conto approssimativo, un sub da 500 W RMS, ammettiamo a singola bobina, 8 ohm, viene alimentato con amplificatori con il ramo in corrente continua a +- 110 V o maggiore.

      Questo determina automaticamente che il dispositivo, anche se passivo, deve rispondere alla direttiva bassa tensione e non solo visto che esiste la normativa IEC 60065 recepita in Italia dalla omonima CEI EN 60065 (che resta valida anche per dispositivi di potenza inferiore) che definisce i requisiti di sicurezza per i dispositivi audio-video.

      Quindi.... in parole molto povere, anche un sub passivo deve avere la marcatura CE per potere essere utilizzato.

      la marchiatura CE è una cosa, la certificazione è un altra!

      riporto quanto scritto in una mail di risposta, dove chiedevo le certificazioni per finale di potenza e casse passive:

      "Gentile Cliente,
      in allegato la certificazione da lei richiesta, relativa al solo finale XXXXXX.
      Per quanto riguarda la cassa passiva XXXXXX non è necessaria alcuna certificazione in quanto si tratta di un diffusore passivo.
      Resto a disposizione per eventuali chiarimenti."

      la certificazione riporta:


      "....a cui la seguente dichiarazione fa riferimento, è in accordo con i seguenti standard
      e/o documenti di standardizzazione
      - EN 55013:2001+A1:2003+A2:2006
      - EN 55020:2007
      - EN 61000-3-2:2006
      - EN 61000-3-3: 2008
      - EN 60065:2002+A1:2006
      "
      ragazzi non scherziamo.
      Avete mai visto chi e come fanno i controlli quando c'è un concerto?
      arriva il vigile che ti chiede le certificazioni e il corretto montaggio (che neanche guarda), dice ok e va via. 10 minuti sono troppi. Non guarda nenache cosa c'è sopra o intorno al palco e come sono fatti gli allaci.

      ..pensare se va a guardare se una cassa passiva è CE o RoHS....

      Detto questo, comunque io ho tutto in regola. Solo non andiamo a trovare il pelo nell'uovo.
      Ci sono (purtroppo) anche molti service (e alcuni anche grandi) che non hanno tutte le certificazioni che ho io che son piccoletto, eppure non hanno problemi....