materiale per isolare un isobox

      materiale per isolare un isobox

      Ciao a tutti.
      Sto' costruendo un isobox ed i risultati non sono male, pero' vorrei capire se posso isolare meglio magari riducendo lo spazio occupato
      Lo spazio che ho a disposizione non e' moltissimo ( un vano da 100 cm x 58 ) e il cabinet e' un 1x12.
      Per ora ho creato:
      - un box di legno rivestito internamente ed esternamente di topsilent (lamina di polipropilene + feltro spesso in tessuto di poliestere)


      -un secondo box in mdf che contiene il primo.
      Tra i due ho messo uno strato di gomma antivibrante.
      Dentro questo secondo box ho inserito poi della lana di vetro ad alta densita' (isover con db/ 200 che con spessore 50mm da' uno 0.85 di assorbimento acustico)

      - sto' infine realizzando un un mobile a muro che nella parte bassa conterra' l'isobox.
      Avendo ancora qualche cm l'ho rivestito sempre di topsilent
      (nella foto manca il pannello superiore realizzato con un "panino" di legno :) contenete lana di vetro isover e rivestito di topsilent
      + il pannello frontare sempre con topsilent



      In pratica ho fatto una matrioska :D :D

      Come dicevo i risultati non sono male e riesco a tenere l'ampli a circa 3/4 del volume senza un eccessivo volume esterno.

      Pero'!.... c'è sempre un però :D :D
      la percezione esterna e' di qualche rimbombo sulle frequenze basse, non sono esagerate ma ci sono (ovviamente suonando alcune zone della chitarra)
      Non ho ancora misurato per capire quale range e'.

      Quello che vi chiedo e':
      - esiste qualche altro materiale da sperimentare con buon isolamento acustico (per esempio delle schiume)
      - si possono ridurre ulteriormente le frequenze che escono ancora ?
      - sbaglio qualcosa nella costruzione o e' normale che sia cosi' ?

      Grazie

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “zeus@homestudio” ().

      Ho sempre avuto un enorme dubbio sugli isobox: ma quanto gireranno le frequenze in uno spazio così piccolo e quanti problemi di fase andranno a creare?
      ...ma io lo so chi è Mark Lanegan, arrogante bottegaio indegno della roba che vendi qui dentro, alternativo dei miei coglioni che quando io ascoltavo i Dead Kennedys tu nemmeno ti facevi le pippe...

      novalium ha scritto:

      Ho sempre avuto un enorme dubbio sugli isobox: ma quanto gireranno le frequenze in uno spazio così piccolo e quanti problemi di fase andranno a creare?

      sinceramente ho piu' problemi di spazio e di disturbo che di fasi o frequenze :D

      La registrazione e' naturalmente molto close sul cabinet e non viene malaccio. (normalissimi sm57 e greenback vintage 30)
      chiaramente e' un compromesso che deve accontentare me, la mia famiglia ed i vicini :D
      poi siamo d'accordo che se uno dispone di un luogo dove poter microfonare normalmente e' meglio.

      Nel fare quest'oggetto ho cercato in giro anche isobox commerciali.
      Ho visto che ci sono l'axetrack e il randall, ma non ho mai avuto modo di provarli.
      mi stupisce molto la dimensione dell'axetrack.
      Ciao Zeus, ti chiedo giusto qualche curiosità.
      Che amplificatore usi? Se alzi ancora il master oltre i 3/4 (che è già tantissimo :rolleyes: ), il volume
      (dB generati) aumenta? Perchè a quel volume sulle mie testate il finale è già in saturazione da un po': da circa ore 13:00 in poi sulla Dual Rectifier aumenta solo la distorsione... Sulla SLO dovrei riprovare ma mi pare che fosse simile il comportamento...

      Anche io mi sono costruito una isobox l'anno scorso (a dire il vero totalmente diversa, più grossa) e la uso assieme ad un attenuatore.

      Se hai dato un'occhiata alle isobox commerciali segnalo anche la Rivera Silent Sister: c'è un confronto A/B con una Demeter e non c'è proprio storia a favore della Rivera.

      Davide

      davidosky ha scritto:

      Che amplificatore usi?

      Egnater rebel 30..puoi regolare la potenza da 1 a 30 watt :)
      Tieni conto che ha anche l'uscita rec e si puo' usare in "silent mode" quindi mettere poi un eventuale emulazione di cabinet sulla daw.
      Questa opzione non e' male in registrazione ..anche se' tutto sommato se riesco vorrei microfonare il celestion :D

      grazie per la segnalazione del SilentSister, non lo conscevo gli do' un occhiata :D

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “zeus@homestudio” ().

      ho tolto il box in mdf (quello della seconda foto) ed inserito un cuscino di 5 strati di lana di vetro ..in pratica una bass trap :D
      il tutto funziona molto meglio! la riduzione e' notevole e ovviamente l'asorbimento delle basse e' aumentato quindi si sentono molto meno verso l'esterno.

      Ho tolto il box in mdf per fare una prova in quanto ho letto un articolo che parla di triple leaf effect.
      Effettivamente avevo in pratica 3 scatole di legno, ora non so' se quello era il problema ma il risultato e' molto buono...un po' ingombrante ma buono :D

      Ora la configurazione e':
      -un box di legno di circa 2cm rivestito internamente ed esternamente di topsilent
      -una camera d'aria con la "bass trap" semplicemente appoggiata sopra il box di legno
      -il mobile rivestito internamente sempre con topsilent (sara' la base dell'armadio a muro che devo fare)

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “zeus@homestudio” ().

      zeus@homestudio ha scritto:

      ho tolto il box in mdf (quello della seconda foto) ed inserito un cuscino di 5 strati di lana di vetro ..in pratica una bass trap :D
      il tutto funziona molto meglio! la riduzione e' notevole e ovviamente l'asorbimento delle basse e' aumentato quindi si sentono molto meno verso l'esterno.

      Ho tolto il box in mdf per fare una prova in quanto ho letto un articolo che parla di triple leaf effect.
      Effettivamente avevo in pratica 3 scatole di legno, ora non so' se quello era il problema ma il risultato e' molto buono...un po' ingombrante ma buono :D

      Ora la configurazione e':
      -un box di legno di circa 2cm rivestito internamente ed esternamente di topsilent
      -una camera d'aria con la "bass trap" semplicemente appoggiata sopra il box di legno
      -il mobile rivestito internamente sempre con topsilent (sara' la base dell'armadio a muro che devo fare)


      Ciao zeus, sto per costruire anch'io una isobox per gli stessi tuoi motivi e sto cercando gli ultimi accorgimenti / consigli da prendere prima di fare l'ordine tra legno e materiale isolante fonoassorbente.
      Il modello che avevo scelto è quello di Giacomo Castellano visibile su youtube, successivo come data rispetto al tuo ultimo messaggio:


      Invece del pioppo avevo intenzione di utilizzare multistrato di betulla perchè mi è stato consigliato dal mio liutaio, ma non l'ho ancora trovato dello spessore di 3 cm, solo da 1.5 cm, quindi andrebbero incollati 2 pannelli per lato. il costo è considerevole rispetto al pioppo, quindi penso di prendere pioppo; i materiali interni invece saranno gli stessi del video.
      L'isobox la farei abbastanza capiente per metterci una cassa 2x12 in piedi, cioè: 100x100x65 (lunghezza x larghezza x profondità)
      Volevo chiederti come ti stai trovando con la tua isobox dopo questi anni e se hai dei consigli da darmi sia per quanto riguarda il legno che i materiali da utilizzare internamente.

      ciao