Phantom off

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Phantom off

      Ciao a tutti, sono un trombettista professionista (stefbartoli.wordpress.com) con la necessità lavorativa di armeggiare spesso con le attrezzature P.A ma sono nuovo del forum e pure "pivello" in certi argomenti.

      Veniamo al mio problemino: ho da poco acquistato un Mixer Soundcraft EFX8 un oggetto che per i miei live e le mie registrazioni casalinghe, definirei decoroso anche se i pre mics soffiano un pò ed ha un solo Aux ma con 270 euro cosa chiedere di più...

      Uso alcuni mics a condensatore mebrana grande e piccola e pochi dinamici a seconda delle situazioni (suono e lavoro molto anche con il teatro oltre che nel jazz)

      Mesi fa ho (dopo aver visto un tutorial su you tube...) tolto il trafo al mio Shure SM57 e devo dire che il mic migliora davvero tanto in alcuni parametri ma adesso se lo attacco ad un canale bilanciato con Phantom, non è detto ma ci sta che frigga la bobina del mic. poichè il trafo interno allo Shure che faceva da "protezione" dalla Phantom adesso non c'è più...

      Purtroppo io uso dinamici e condensatore insieme e quindi la Phantom devo attivarla per forza sul Soundcraft e questi non ha la Phantom attivabile per canale selezionato, o tutti o nulla.

      Mi hanno suggerito di comperare una DI tipo la ART X director ( thomann.de/it/art_xdirect.htm).


      Che ne pensate, si risolve? Mi isolerebbe lo Shure dalla Phantom? Le prestazioni in risposta in frequenza rimarrebbero intonse oppure si tornerebbe inevitabilmente alle prestazioni dello Shure pre modifica?

      Altri mi hanno suggerito di tagliare il Pin 1 del cavo XLR a cui collego lo Shure al Soundcraft così facendo mi è stato detto, la Phantom non passa più per il microfono.


      Perchè la risposta potrebbe anche essere, ricomprati un SM 57 e lascialo com'è!!! ah ah ah giusto.


      Grazie in anticipo a chi avrà la pazienza di rispondermi.
      Io ti consiglerei di comprarti una phantom box, con cui dai la phantom ai condensatori e poi entri in linea nel mixer.
      I dinamici li lasci sul mixer e non attivi la phantom.
      Interfaccia: Apollo quad Mics neumann u 67, 414, ribbon CGE Pre spl goldmike, octopre Outboard dbx 160a(x2) Urei 545 EQ Drawmer 1968 Mercenary Edition Ascolti Krk K-rok, Ns-10 Studio monitor.
      e tanta voglia di fare musica!
      Grazie della cortese risposta, la trovo semplice e pratica.

      Per caso hai qualche suggerimento su quale marca modello? (Economiche come intuirai...) benchè debba fornire solo i 48v magari ce ne sono di buone e cattive non so...

      Saranno tutte singole o ce ne saranno anche di multiple?


      Grazie ancora.
      L'alternativa credo potrebbe essere la realizzazione di un cavo/box con un paio di condensatori che blocchino la corrente continua tra il microfono e l'ingresso del mixer.
      Non so se possano esserci delle controindicazioni con questa soluzione, lascio la parola a chi ha conoscenze di elettronica più solide delle mie.
      bye bye
      sì, monta in serie a ciascun polo un condensatore da 100 uF 50VL (o 63) orientato con il + verso il mixer, questo bloccherà la phantom. Anche se in teoria non dovrebbe servire in quanto la capsula è una bobina collegata tra i 2 poli freddo e caldo, talquale come il primario del trasformatore che c'era in origine. La DI non farebbe che riaggiungere sul percorso un trasformatore come quello che avevi smontato.
      Grazie della cortese e precisa risposta tecnica, quando mi dici che "non dovrebbe essere necessario montare nulla" mi fai accendere una lampadina perchè gg fa avevo l'SM 57 collegato al mixer e non mi ero accorto che il Phantom era ON, il microfono ha funzionato (perfettamente) per 5 minuti, poi mi sono accorto della Phantom accesa e ho spento immediatamente pensando di aver arrostito la bobina del mic. invece funziona ancora...

      Quindi è evidentemente giusto quello che tu suggerisci(?)

      Grazie ancora della cortesia.


      Stefano
      Grazie grazie e ancora grazie ragazzi.

      Tra l'altro ho appena trovato su questo forum, una discussione davvero esaustiva su questa modifica al 57, mi scuso quindi per aver postato un quesito già da voi ampiamente trattato e chiarito ma purtroppo lo avevo cercato nei gg precedenti tra i vecchi post ma senza successo.

      Mi scuso ancora.


      Grazie a tutti dell'aiuto.
      La bobina del microfono è sicuramente isolata da massa (pin 1): i due capi sono collegati al 2 e al 3.

      Il problema nasce se, con il microfono collegato, cortocircuiti il 2 o il 3 a massa: in questo caso un capo della bobina va a massa e l'altro capo si trova alimentato a 48V. Questo non dovrebbe essere un problema perché i 48V sono forniti attraverso resistenze da 6,81kohm che limitano la corrente a circa 7mA, sopportabile tranquillamente dalla bobina.

      Il problema nasce dal fatto che all'ingresso del mixer (in serie) ci sono dei condensatori di disaccoppiamento da circa 47uF che senza carico (la bobina sta due punti equipotenziali, quindi non assorbe corrente) si caricano a 48V: cortocircuitando ad es. il 3 a massa, il condensatore che sta sul 2 va a scaricarsi attraverso la bobina e l'energia accumulata (0,06joule per 48V e 47uF) può interrompere la bobina.
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4