DI box passiva e phantom power

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      DI box passiva e phantom power

      mi sono deciso ad aprire questo 3d perchè non sono riuscito ad avere notizie precise sull'argomento :Tr

      qualche giorno fa la mia beata ignoranza è stata smossa da un fonico che ha esclamato "ah è una d.i. box passiva, non mandargli la phantom power o la bruci!"
      non essendomi mai posto il problema ho domandato qua e là (il rivenditore mi ha detto che non è un problema perchè la scarica a massa, ma mi diceva che non si era mai posto il problema...) ma non ho trovato una risposta definitiva

      la domanda è: è vero le d.i. boxes passive non devono mai ricevere la phantom dal mixer?

      o ci sono casi in cui possono e casi in cui no?

      nello specifico userò 2 d.i. boxes passive di questo tipo - qui -, monocanale. nel libretto di istruzioni non è specificato nulla riguardo alla phantom power, mentre per la stessa d.i. ma in versione a 2 canali, nelle istruzioni per l'uso è evidenziato che non può sopportare una certa tensione d'uscita (vedere qui)

      c'è qualcuno di pazienza che può dirmi qualcosa a riguardo?
      insomma ste di boxes passive muoiono con la phantom 48v? o muore il mixer? o non succede niente?

      RE: DI box passiva e phantom power

      La phantom accesa sul mixer consiste in una tensione di 48 V applicata ai piedini 2 e 3 del XLR di uscita, che rappresentano i 2 capi dell'avvolgimento del trasformatore di uscita. Dato che questa tensione è presente sia all'inizio che alla fine dell'avvolgimento è come se non esistesse, perchè quello che conta ai fini del suo funzionamento (finchè non si esagera con le tensioni in gioco) è solo la differenza tra 2 e 3. Quindi non gli accadrebbe nulla.
      Il problema può capitare se uno dei due capi del cavo diretto verso il banco va a massa, per cui avresti da una parte 48 V e dall'altra 0 V, allora sì che può rovinarsi qualcosa, ma sarebbe la conseguenza di un difetto di cablaggio a valle.
      Perciò in condizioni standard con le normali D.I. passive a trasformatore la presenza della phantom non sposta nulla, così come non sposta nulla nell'uso dei microfoni dinamici (la cui bobina si comporta elettricamente allo stesso modo dell'avvolgimento di un trasformatore) però visto il potenziale pericolo legato a difetti nei cavi è meglio usarle a phantom spenta.

      Post was edited 1 time, last by “Radioman” ().

      RE: DI box passiva e phantom power

      Originally posted by Radioman.
      Il problema può capitare se uno dei due capi del cavo diretto verso il banco va a massa, per cui avresti da una parte 48 V e dall'altra 0 V, allora sì che può rovinarsi qualcosa, ma sarebbe la conseguenza di un difetto di cablaggio a valle.


      la d.i. che ho ha questo schema qua (cliccando si apre ad una dimensione maggiore)



      puoi confermarmi che non dovrebbe subire danni con la phantom?

      thanks :stralol:

      Post was edited 1 time, last by “fish&chips” ().

      RE: DI box passiva e phantom power

      Originally posted by fish&chips
      la d.i. che ho ha questo schema qua
      puoi confermarmi che non dovrebbe subire danni con la phantom?

      L'avevo già visto per cui posso confermarti che essendo a trasformatore non gli succede nulla, a patto che non vada a massa qualche polo del cavo di uscita.
      thank you again!


      "a patto che non vada a massa un polo del cavo di uscita" :smoky:

      (visto che stai parlando con un ignorante :lolli:....)
      utilizzo la d.i. con connessioni bilanciate: il cavo xlr-xlr finisce nella ciabatta microfonica e da questa direttamente al mixer, sempre in xlr, tutto bilanciato. normalmente non dovrei mai avere il problema dello scaricamento a massa, no?


      :canta: