In rilievo Roomeq: settaggio e utilizzo

      Grazie Gob! bel tutorial :thumbup:
      Io ho installato la nuova versione di REW, la precedente (quella che hai nel tutorial) mi dava dei problemi sul refresh video.
      In realta' anche la nuova ..ma meno :)
      Se controllo bene sono abbastanza sicuro che e' solo la versione di Java non aggiornata :D
      Grazie Gobert!
      MacBook Pro 15", Focusrite Saffire PRO 24, Telefunken v672, sE Electronics z5600a II, Shure SM 57, AKG K 141 mk II,
      Gibson Les Paul Classic, Fender Stratocaster Mexico MOD, Yamaha FG 380 S e vari strumenti etnici per far casino!

      PHILAB (il mio blog sul design nautico e l'architettura)
      bene...
      grazie a tutti per i commenti, sono contento che sia chiaro nei contenuti.

      MrRed ha scritto:

      Molto ben fatto, bella gobbo! :)
      Quindi la calibrazione del tuo mic sta in un range di 4 db?
      Ora che hai roomeq ben calibrato puoi cominciare la battaglia con quel piccone sugli 80 htz.... :D
      si, questa è la sua risposta....
      va detto che nel range critico sulle basse frequenze, la differenza non supera mai i 0,5dB...
      sulle alte invece, come si può vedere, non è molto lineare e la calibrazione specifica è di aiuto!

      per quanto riguarda i grafici che vedete nel video, va specificato che sono puramente a titolo di esempio...
      le misure infatti son state fatte con il pre UA LA610 (il segnale passa anche attraverso le valvole di eq e comp) e con il microfono in una posizione diversa dal punto di ascolto.

      certe caratteristiche della stanza, ci sono comunque, ma i grafici non sono attendibili....

      per le misure vere e proprie, sto aspettando il preamplificatore che ho ordinato nei giorni scorsi :)

      MuzakStudio ha scritto:

      Gibert per fare video tutorial bene e gratis scarica atubecather, registra in stereo molto bene e anche il video ha un dettaglio power ed è gratis !!! Se hai bisogno di dritte su come fare il routing per l'audio (base più parlato) non esitare scrivi in PM...
      grazie mille per la dritta Muzak...
      io ho cercato molto velocemente e putroppo non ho trovato di meglio.
      adesso lo scarico e ci do una guardata :)
      assolutamente no...
      la calibrazione della scheda audio, come evidenziato nel tutorial, la si fa tramite un loopback tra in e out...
      è una connessione di linea...
      e serve proprio per capire la sua risposta in frequenza.
      volendo, questa fase la si può evitare...perchè bene o male, credo che tutte le schede audio siano sufficientemente lineari da trascurarne il loro apporto...

      io non ho una scheda audio con i pre integrati...
      ho una Lynx L22 + i convertitori Apogee collegati via AES/EBU.

      I pre, sono quelli che ho negli outboard...e al momento sono quello UA, l'Api 512c e il clone Neve...
      sono tre pre piuttosto coloratelli e ho preferito comprare un pre neutro, adatto a questo scopo.A su tempo, stavo per comprare quello di fivefish audio in formato 500...
      era bello neutro, senza trasformatori, ma comunque musicale...
      solo che poi hanno smesso di produrlo in questo formato :(
      esatto...
      d'altronde, anche roomeq ti spiega come fare la calibrazione e a cosa serve...
      nello specifico, dice che tale operazione serve ad eliminare la risposta in freq. della scheda, come variabile nelle misure acustiche...roomeq compensa in automatico gli scarti di ± dB della scheda, esattamente come fa per il microfono.

      inoltre, come puoi uscire dalla scheda con connessione di linea e entrare nell'ingresso microfonico?
      Che è quello che mi chiedevo anche io..

      Ps: ma.... il titolo della discussione?
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad Solo (x2) - TC Konnekt48 - Cubase 9 - Adam A5+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500

      MrRed ha scritto:

      Vabbè, però tutta questa attenzione per calibrare mic e scheda e poi si fa passare il segnale per un pre senza ulteriore calibrazione?
      per esempio, prendi i dati di targa del pre :)
      Frequency Response:+0, -.3, 30 to 20 kHz


      Rosso, un giorno mi spiegherai com'è possibile calibrare correttamente il pre senza fare casini...
      non puoi far uscire il segnale dai diffusori perchè avresti la risposta della stanza e quella del mic, non puoi uscire con un normale segnale di linea per entrare nell'ingresso microfonico....

      al massimo, puoi usare le connessioni di linea del preamplificatore, ma non è la stessa cosa...
      ad ogni modo, questa misura l'ho già fatta per curiosità, in altre circostanze!

      è chiaro che si cerca, dove possibile, di ridurre al minimo le variabili....
      ad ogni modo, non crediate che i pre abbiano variazioni assurde di svariati dB...anzi!

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “gobert4.1beta” ().

      Il Rosso intendeva dire: prendi il mic calibrato alla perfezione, compensi la risposta della scheda audio e poi fai passare il segnale da un pre che inevitabilmente "falsa" la risposta.. Certo è che si tratta, appunto, di "errori" minimi..
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad Solo (x2) - TC Konnekt48 - Cubase 9 - Adam A5+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500
      Quella della stanza unita alla quella del pre.. :rolleyes:



      Edit: comunque abbiamo capito.. Inutile insistere su questo punto tanto influisce relativamente e bisogna partire dal presupposto che mic e scheda calibrati li usano 1 su 100.. Figurarsi curarsi della risposta del pre...
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad Solo (x2) - TC Konnekt48 - Cubase 9 - Adam A5+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Angix” ().

      dico la verità...
      trovo la cosa molto contorta...

      non sono convinto di tutto ciò.
      mi chiedo come mai, in nessun sistema di misure acustiche si tiene conto della variabile del pre (krk ergo, roomeq, auralex ecc ecc), in nessun sito ho trovato procedure a riguardo...
      credo per l'impossibilità di una corretta calibrazione...altrimenti suppongo che si troverebbero guide e tutorial a riguardo.
      se qualcuno ha qualche fonte, ben venga così ci si da un'occhiata.

      in ogni caso, al lato pratico la variabile più importante è quella della stanza, seguita da quella del microfono (almeno in riferimento all'ecm8000).
      le risposte in frequenza del pre e della scheda audio, per me si possono trascurare...
      nel pre i fattori potrebbero essere altri da tener conto e le prove che farò tra dei pre colorati e un pre neutro, metteranno forse un pò di luce a riguardo...

      nel mio caso specifico poi, è un non problema...magari fossi qua a discutere su come sistemare i 0.5dB :-)))

      gobert4.1beta ha scritto:

      damiafix ha scritto:

      a tal proposito su gearslutz qualcuno qualche tempo si è fatto la stessa domanda, vale la pena dare una letta al breve scambio di info tra alcuni utenti. Io credo che il pre, potrebbe tranquillamente essere inserito nella catena, con gli adattamenti del caso ma è tutto da sperimentare.

      interessante...
      grande Ethan :D

      mi sa che farò qualche prova per curiosità.


      Grazie anche da parte mia. Interessate, provero' sicuramente.
      Scaricato Visual Analyzer, sono curioso di confrontarlo con REW :D

      Cracker ha scritto:

      Dove lavoro, nel laboratorio prove, hanno un emettitore di rumore bianco calibrato, con una sede dove incastrare il microfono di misura.
      Accendono l'emettitore col mic incastrato (il suono udibile ad orecchio è bassissimo) e con questo tarano lo strumento di acquisizione prima di ogni misurazione. Il tutto lo mandano a calibrare ogni anno. E parliamo di oggetti che costano ben di più rispetto ai nostri ECM.

      Trovo difficile (e probabilmente inutile) replicare un simile sistema in un ambito home

      Quoto.
      Anche dove lavoro io abbiamo un lab prove acustiche ed ovviamente hanno il sistema di calibrazione, sono attrezzature veramente costose e molto specifiche.
      Ho chiesto se potevano calibrare il mio ecm, ma a quanto pare i banchi di prova che hanno non sono adeguati per quel tipo di mic :(
      Credo sia roba della Bruel&Kjaer...

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “zeus@homestudio” ().

      Ciao Zeus,
      grazie a te. Una sola precisazione, Visual Analizer nasce per misurazioni su apparecchiature elettroniche per quanto, essendo munito di generatore di segnale e analizzatore di spettro nessuno ci vieta di usarlo per analisi ambientali per le quali personalmente continuo a preferire l'approccio di RoomEq. Ho proposto il suo uso solo come strumento complementare per comprendre meglio come affrontare la variabile "pre" ma una volta misurata la risposta in frequenza del convertitore con RoomEq se sufficientemente trasparente potremmo benissimo inserire in catena il pre in pad fornendo quindi al software una informazione più vicina alla realtà e che tornerebbe utile durante la fase di analisi vera e propria.
      Sono operazioni che chiaramente non muteranno drasticamente l'esito delle misurazioni ma ci aiuteranno a capire l'incidenza sull'analisi terminale di tutti gli elementi della nostra catena. Credo sia sempre bene conoscere nel dettaglio il comportamento di ogni singolo elemento e se ci preoccupiamo della risposta di un convo o la calibrazione di un mic, non possiamo non considerare la "ciccia" o la "brillantezza" aggiunta da un pre.

      Un saluto. D.
      “Et si omnes ego non”