costruzione nuova sala

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      costruzione nuova sala

      Salve ho finalmente iniziato la costruzione della mia sala, e volevo condividere con il forum l'avanzamento dei lavori, dato che grazie a questo sito ho deciso di cimentarmi nella costruzione della mia sala prove.
      Premetto che inizialmente l'ambiente sarà votato solo a sala prove e solo successivamente anche a sala di ripresa, riporto in allegato qualche foto e lo schema di come dovrebbe risultare alla fine il lavoro.
      Ho deciso di procedere con la realizzazione di una struttura doppia così costituita ( dall'esterno verso l'interno) cgesso 1cm guide 7,5 in cui sarà alloggiata lana di roccia di 7 cm guaina bituminosa, guide da 5 cm in cui sarà alloggiata lana di roccia da 5 cm cgesso da 1cm cagesso da 1,3 cm. Le pareti della stanza che sto realizzando saranno distanziate su due lati del cantinato di circa 60/70 cm ( ho dovuto lasciare un cavedio per ispezionare dei tubi di scarico che scorrono nel muro) e su un terzo lato di soli 2/3 cm il quarto lato è quello di ingresso della sala. il pavimento è di tipo galleggiante con struttura metallica alta circa 10 cm, devo ancora decidere come riempirlo, ma credo che procederò alla stregua delle pareti. analogamente il tetto.
      Ho un problema nel reperimento della lana di roccia che qui in sicilia sembra essere un materiale prezioso. Scusate ma 8 € al mq mi sembrano cari no? sapete consigliarmi qualche marca/distributore?
      spero di leggere numerose vostre repliche
      Grazie a presto
      Marco








      volentieri

      volentieri, se vuoi passa pure quando sei dalle mie parti, la struttura (cantinato) è mia, qualche anno fa quando acquistai il garage il vecchio proprietario insistette per vendermi anche il cantinato, che finalmente avrà un utilizzo. Vorrei realizzarci una associazione musicale, in modo da evitare anche rogne di carattere burocratico, tanto non ho intenzione di lucrarci, ma solo di recuperare le spese che sto sostenendo.
      Rinnovo la richiesta anche a te, se conosci qui in sicilia qualche posto dove la lana di roccia ha un costo abbordabile fammelo sapere.

      Ciao A presto

      Lana di roccia

      Oggi ho trovato della lana di roccia isover da 75 kg di densità dello spessore di 6 cm e 4 cm ad un prezzo accettabile, pensate che possa essere una buona soluzione adottare lo spessore da 4 cm per le guide da 5 cm e lo spessore da 6 cm per le guide da 7,5 cm?
      Aspetto vostri feedback
      personalmente credo che un po di vuoto d'aria male non faccia...io lo sfrutto sempre quando insonorizzo un locale... considera anche il fatto che se non esegui un disaccoppiamento meccanico del 100% e non utilizzi pannelli di cartongesso con una lamina di piombo accoppiata avrai sempre un bel po di suono che vien fuori...parlo per esperienza diretta e personale!
      La musica è rumore! Le parole sono musica!

      DJMauiMC ha scritto:


      personalmente credo che un po di vuoto d'aria male non faccia...io lo sfrutto sempre quando insonorizzo un locale... considera anche il fatto che se non esegui un disaccoppiamento meccanico del 100% e non utilizzi pannelli di cartongesso con una lamina di piombo accoppiata avrai sempre un bel po di suono che vien fuori...parlo per esperienza diretta e personale!
      si avevo immaginato che andasse bene lasciare l'aria tra i vari strati, non so se hai letto, ma vorrei adoperare tra la guida da 7,5 e quella da 5 cm uno strato di guaina bituminosa, certo non è piombo ma comunque in pochi millimetri aggiunge massa. Ero indeciso se inserire questo strato appunto tra le due guide o alla fine tra gli ultimi due strati di cartongesso. cosa mi consigli?
      direi che potrebbe andar bene!
      Altro discorso per le pareti perimetrali già esistenti però... dovresti o comprarti dei disaccoppiatori acustici o costruirteli (risparmiando un abisso)... sono semplicissimida fare:

      - prendi i "cavalieri" (qui da me gli installatori li chiamano in questo modo), in pratica i ganci che si tassellano al muro e sui quali si incastra a scatto il montante di alluminio

      - prendi due gommini di quelli che si incollano sotto le sedie (di solito li vendono in bustine da 4 unità) e li posizioni sopra e sotto il buchino dove passa la vite

      - ovviamente blocchi tutto con la vite del tassello ed il gioco è fatto


      Anche se, me ne rendo conto, è una cosa noiosa e lunga da fare visto il numero di "cavalieri" da usare per ogni parete, ti posso garantire che ne vale la pena... ti assicuri il disaccoppiamento meccanico dalle pareti perimetrali e quindi eviti o, cmq, abbatti considerevolmente, il passaggio di vibrazioni sui muri!
      La musica è rumore! Le parole sono musica!

      disaccoppiamento

      Grazie per la risposta, in realtà considera che sono completamente disaccoppiato dall'esistente in quanto per due pareti mi distanzio di 70 cm, e per un'altra di qualche centimetro. in quest'ultima parete ho montato il cgesso su guide di legno disaccoppiate dal muro attraverso una guaina spugnosa. la parete in questione è spessa circa 80 cm (mattoni di tufo). Non ho capito se oltre al disaccoppiamento meccanico mi suggerisci di usare la guaina bituminosa tra gli ultimi due strati di carton gesso o all'interno della struttura a sandwich tra i due strati di lana di roccia?

      aspetto un tuo cortese feedback
      marco

      DJMauiMC ha scritto:

      direi che potrebbe andar bene!
      Altro discorso per le pareti perimetrali già esistenti però... dovresti o comprarti dei disaccoppiatori acustici o costruirteli (risparmiando un abisso)... sono semplicissimida fare:

      - prendi i "cavalieri" (qui da me gli installatori li chiamano in questo modo), in pratica i ganci che si tassellano al muro e sui quali si incastra a scatto il montante di alluminio

      - prendi due gommini di quelli che si incollano sotto le sedie (di solito li vendono in bustine da 4 unità) e li posizioni sopra e sotto il buchino dove passa la vite

      - ovviamente blocchi tutto con la vite del tassello ed il gioco è fatto


      Anche se, me ne rendo conto, è una cosa noiosa e lunga da fare visto il numero di "cavalieri" da usare per ogni parete, ti posso garantire che ne vale la pena... ti assicuri il disaccoppiamento meccanico dalle pareti perimetrali e quindi eviti o, cmq, abbatti considerevolmente, il passaggio di vibrazioni sui muri!
      Ciao, ho letto il 3d e attenzione che nel tuo progetto ci sono alcune cose su cui devi soffermarti un attimo a riflettere...
      primo punto le pareti e la loro struttura, attenzione che stai realizzando una partizione "triple leaf" che è meno efficace sulle basse frequenze di una "double leaf" : muro preesistente (primo leaf) - intercapedine - cartongesso 1cm(secondo leaf) - intercapedine (con lane minerali) - cartongesso 1cm+1,3cm(terzo leaf)
      altra cosa da considerare è il cartongesso...è la tua massa, cartongesso dello spessore di 10mm non ha abbastanza massa e ha una frequenza di risonanza troppo alta; oltreoceano per questo tipo di strutture di norma non si utilizzano pannelli di spessore inferiore ai 15mm (e se ne usano 2 o più layer);
      inoltre la struttura massa-molla-massa che vai a costruire (quindi lo spessore e densità del cartongesso, i cm di camera d'aria e la quantità di lane minerali) deve essere calcolata per "tarare" le pareti su una frequenza di risonanza più bassa possibile, non possono essere fatte così a occhio! altrimenti butti i soldi e ti ritrovi con una parete che non solo non isola ma che facilita la diffusione da una certa frequenza in giu!

      idem per lo stesso motivo il pavimento galleggiante (flottante), quello che stai per realizzare non sarà un vero pavimento flottante (struttura complicatissima e costosissima da realizzare) ma un'altra bella cassa di risonanza, a meno che tu non sia su un solaio e non al pian terreno e quindi con necessità di isolamento moolto più elevate ti sconsiglio vivamente di farlo, ci sono modi molto meno costosi e più sicuri se si vuole solo eliminare un po di trasmissione meccanica da un ampli o una batteria al pavimento.

      qui
      e qui
      trovi un po di informazioni a riguardo che ti saranno sicuramente fondamentali ;)

      Marco.
      guarda io farei così....

      muro > cavalieri custom con montato il perimetrale > il tuo bel sandwich con annessa guaina > e ci avviti i pannelli così hai un solo vuoto d'aria tra le due pareti

      con questo sistema hai una distanza tra muro e sandwichdi qualche cm, ora inutile dirti che andrebbero fatti calcoli di litraggio per capire questo vuoto d'aria quanto grande sia e, quindi capire quanto possa essere efficace, ma considera che avendone uno solo male non può fare secondo me ;)
      La musica è rumore! Le parole sono musica!
      se il "sandwich" è cartongesso-lana-cartongesso guardate che è gia di suo una doppia partizione! la lana non si può considerare massa quindi avresti una camera d'aria con spessore uguale alla distanza cartongesso-cartongesso ma con 100% di damping (lana minerale) che se pressata tra i 2 leaf fa anche da ponte meccanico!

      double leaf

      Narco1981 ha scritto:

      Ciao, ho letto il 3d e attenzione che nel tuo progetto ci sono alcune cose su cui devi soffermarti un attimo a riflettere...
      primo punto le pareti e la loro struttura, attenzione che stai realizzando una partizione "triple leaf" che è meno efficace sulle basse frequenze di una "double leaf" : muro preesistente (primo leaf) - intercapedine - cartongesso 1cm(secondo leaf) - intercapedine (con lane minerali) - cartongesso 1cm+1,3cm(terzo leaf)
      altra cosa da considerare è il cartongesso...è la tua massa, cartongesso dello spessore di 10mm non ha abbastanza massa e ha una frequenza di risonanza troppo alta; oltreoceano per questo tipo di strutture di norma non si utilizzano pannelli di spessore inferiore ai 15mm (e se ne usano 2 o più layer);
      inoltre la struttura massa-molla-massa che vai a costruire (quindi lo spessore e densità del cartongesso, i cm di camera d'aria e la quantità di lane minerali) deve essere calcolata per "tarare" le pareti su una frequenza di risonanza più bassa possibile, non possono essere fatte così a occhio! altrimenti butti i soldi e ti ritrovi con una parete che non solo non isola ma che facilita la diffusione da una certa frequenza in giu!

      idem per lo stesso motivo il pavimento galleggiante (flottante), quello che stai per realizzare non sarà un vero pavimento flottante (struttura complicatissima e costosissima da realizzare) ma un'altra bella cassa di risonanza, a meno che tu non sia su un solaio e non al pian terreno e quindi con necessità di isolamento moolto più elevate ti sconsiglio vivamente di farlo, ci sono modi molto meno costosi e più sicuri se si vuole solo eliminare un po di trasmissione meccanica da un ampli o una batteria al pavimento.

      qui
      e qui
      trovi un po di informazioni a riguardo che ti saranno sicuramente fondamentali ;)

      Marco.
      Grazie per la risposta, la spiegazione è stata più che esauriente. provo a spiegarti meglio il progetto, vediamo se sono in tempo per recuperare.
      Innazitutto la sala sarà ralizzata in un cantinato che sta sotto terra, sotto di me non c'è nessuno. in secondo luogo le pareti esistenti del cantinato hanno uno spessore di circa 80 cm /1 m. Ho pensato di mettere 1 primo strato di cgesso da 1cm per evitare che le polveri derivanti dalla lana di roccia si diffondessero nell'ambiente, considerando appunto che si verranno a creare almeno per 2 lati dei cavedi di circa 70 cm di larghezza tra il muro esistente e la sala, inoltre per evitare che il cgesso da 1 cm vibri eccessivamente ho preferito per il primo strato di montanti distanziarli gli uni dagli altri di 40 cm anzichè 60. Pensi che dovrei aggiungere un'ulteriore lastra da 1 cm a quella esistente per recuperare? o eliminare anche la prima lastra? inoltre non so se a questo punto l'inserimento della guaina bituminosa tra i due strati di lana di roccia sia una cosa corretta o meno.
      Grazie aspetto un tuo cortese riscontro
      Ciao, allora...il punto di partenza è gia moolto buono in se a quanto ho capito, sei in uno scantinato, sotto di te c'è l'intero pianeta Terra, le pareti sono molto spesse quindi gia di loro abbatteranno un qualcosa compreso tra i 30-50db, l'altezza mi sembra anche superiore ai 3m quindi puoi prenderti tutto lo spazio di cui necessiterai per isolare e avere comunque una buona altezza interna delle sale!
      La soluzione + logica è la classica stanza nella stanza con partizione double-leaf quindi , dovendolo fare da 0 ti direi di fare la struttura delle pareti con montanti da 10cm staccati dalla parete (di quanto dipenderà esattamente dalla MASSA del nostro secondo leaf che andremo a costruire col cartongesso o cartongesso accoppiato che sia, conoscendo la massa potremo calcolare l'intercapedine) , doppio strato di cartongeso da 15mm e l'intercapedine tra i montanti e il cartongesso riempita di lana minerale...
      ora nel nostro caso invece la struttura delle pareti e l'intercapedine sono gia date (costruite) , l'unico modo che abbiamo per controllare e tarare quella risonanza e agire sulla massa del nostro secondo leaf (a parità di intercapedine maggiore sarà la massa più la freq di risonanza della struttura si muoverà verso il basso) e sulla quantità di lana minerale (aggiungendo lana la freq di risonanza si abbassa ancora ulteriormente con una Q più larga)

      Quindi comincerei anzitutto ad eliminare quel primo leaf di 10mm di cartongesso , poi farei un calcolo della MASSA della partizione interna che stai per costruire (cartongess0,piombo,guaina o quant'altro...vanno considerati accoppiati perchè sono la massa) e da li poi vedi come è meglio muoverti, se aumentare lo spessore del cartongesso , quanta lana minerale etc

      nel primo link che ti ho mandato ci sono vari pdf e file .xl con tutte le formule di cui hai bisogno

      grazie ancora

      Ovviamente continuo a ringraziarti per la pazienza che hai nell'illustrarmi le cose.
      Purtoppo ho un'altro vincolo che non ti ho illustrato, ovvero su due pareti devo necessariamente distanziarmi dalle pareti esistenti di almeno 70 cm, questo perchè su queste pareti scorre un tubo di scarico che vorrei rendere ispezionabile anche in futuro. Per questo ho creato i due cavedi di cui ho parlato nei precedenti post. Come sbroglio questa matassa?

      Narco1981 ha scritto:

      Ciao, allora...il punto di partenza è gia moolto buono in se a quanto ho capito, sei in uno scantinato, sotto di te c'è l'intero pianeta Terra, le pareti sono molto spesse quindi gia di loro abbatteranno un qualcosa compreso tra i 30-50db, l'altezza mi sembra anche superiore ai 3m quindi puoi prenderti tutto lo spazio di cui necessiterai per isolare e avere comunque una buona altezza interna delle sale!
      La soluzione + logica è la classica stanza nella stanza con partizione double-leaf quindi , dovendolo fare da 0 ti direi di fare la struttura delle pareti con montanti da 10cm staccati dalla parete (di quanto dipenderà esattamente dalla MASSA del nostro secondo leaf che andremo a costruire col cartongesso o cartongesso accoppiato che sia, conoscendo la massa potremo calcolare l'intercapedine) , doppio strato di cartongeso da 15mm e l'intercapedine tra i montanti e il cartongesso riempita di lana minerale...
      ora nel nostro caso invece la struttura delle pareti e l'intercapedine sono gia date (costruite) , l'unico modo che abbiamo per controllare e tarare quella risonanza e agire sulla massa del nostro secondo leaf (a parità di intercapedine maggiore sarà la massa più la freq di risonanza della struttura si muoverà verso il basso) e sulla quantità di lana minerale (aggiungendo lana la freq di risonanza si abbassa ancora ulteriormente con una Q più larga)

      Quindi comincerei anzitutto ad eliminare quel primo leaf di 10mm di cartongesso , poi farei un calcolo della MASSA della partizione interna che stai per costruire (cartongess0,piombo,guaina o quant'altro...vanno considerati accoppiati perchè sono la massa) e da li poi vedi come è meglio muoverti, se aumentare lo spessore del cartongesso , quanta lana minerale etc

      nel primo link che ti ho mandato ci sono vari pdf e file .xl con tutte le formule di cui hai bisogno
      in realtà mi riferivo al fatto che su due lati sono costretto a mantenere una distanza dal muro esistente non inferiore a 70 cm, credi possa essere un problema?
      inoltre dovrei dal tuo punto di vista inscatolare i tubi dello scarico del palazzo per evitare che la musica prodotta in sala salga su attraverso di essi fino agli appartamenti sopra?

      Narco1981 ha scritto:

      ....se è solo per coprire la lana va bene una qualunque copertura che abbia una massa talmente bassa da essere considerata trascurabile (telo, tessuto...etc)
      non è un problema (2strati di cartongesso distanti di 70cm dalla parete dovrebbero darti una risonanza tranquillamente sotto i 20hz , casomai un peccato dover rinunciare a 70cm per non so quanti metri di lunghezza alla fine sono un bel po di mq, forse potrebbe esserci una soluzione alternativa ma non saprei consigliarti

      si le tubature vanno opportunamente isolate perchè trasmetterebbero facilmente il suono in tutto l'edificio, ma con tutta quella intercapedine credo (e qui ripeto credo) basterebbero interventi minori

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Narco1981” ().

      non sono riuscito a editare...volevo aggiungere:

      occhio che l'acustica non è un gioco ma una materia molto complessa che spesso funziona al contrario di come ci si potrebbe aspettare, non si può improvvisare, possiamo pensare che fare le cose da soli sia la via più economica ma se si fanno errori per incompetenze rischia di diventare la più costosa e potrebbe non portare comunque ai risultati sperati... chiarisciti un po le idee sul tuo progetto con l'aiuto di quei link e poi rifletti bene se vuoi continuare col DIY o forse potrebbe essere una scelta migliore rivolgersi ad un ingegnere acustico qualificato

      ripeto il tuo punto di partenza è molto buono, ma come puoi vedere (dagli errori che stavi facendo) la cazzata è dietro l'angolo ;)
      Marco.
      grazie ancora per i suggerimenti, stanotte ho pensato e ripensato ad un rimedio e volevo confrontarmi con voi su possibili implementazioni.
      innazitutto ho capito come procedere su un lato della sala, ovvero quello in cui mi distanzio pochi cm dal muro esistente, ma il dubbio mi resta per le altre tre pareti.
      La prima quella di ingresso alla sala non ha pareti del cantinato vicine ma verrebbe creata apposta per delimitare la sala dal resto del cantinato. in questo caso non credo che la soluzione da me illustrata sarebbe triple leaf ma double. Al più se ho capito bene si divrebbe aumentare la massa dell'ultimo strato di cgesso che lasciato da 1 cm sarebbe sottodimensionato
      le altre due pareti come detto più volte sono volutamente lasciate a 70 cm dai muri esistenti in quanto devo necessariamente prevedere dei cavedi di ispezione dei tubi di scarico del condominio che mi sta sopra. Anche in questo caso dovrei fare in modo di ottenere il max dell'isolamento dal sandwich di cgesso, in quanto se così non fosse il cantinato sarebbe inondato di fantastiche vibrazioni acustiche. In un certo senso le pareti del cantinato e come se non ci fossero e a parte per un lato (quello in cui mi distanzio pochi cm) io devo costruire un sandwich che isoli il più possibile. Sono indeciso in queste due pareti se aumentare la massa del primo strato di cgesso (quello da 1cm) o eliminare del tutto questo primo strato e lavorare solamente alla massa dello strato interno.
      Vi riporto un'immagine che spero chiarisca cosa intendo dire, ovvero una riproduzione del cantinato con indicate le pareti della sala che devo realizzare
      Immagini
      • chiarimento.jpg

        35.77 kB, 329×507, scaricati 42 volte