costruzione nuova sala

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      :)

      comunque tanto per... questo è un pavimento flottante
      e questa è un'altra struttura che viene usata ,molto più spesso dell'altra,negli studi USA

      il meccanismo del pavimento flottante (che fa parte del concetto room in a room) e che la struttura è tutta un secondo leaf staccata con camera d'aria dalla stanza preesistente, quindi sfruttiamo i principi di abbattimento sia del rumore aereo che di quello a trasmissione meccanica (impatto,calpestio).
      Se costruiamo sul pavimento , lasciando una camera d'aria ma senza avere il meccanismo flottante funzionante (una "molla" che sotto una certa pressione crea il fenomeno) abbiamo solo una grossa pedana risonante, anche se è presente damping (con lane minerali o altro) ... inoltre se la struttura può essere considerata una "massa unica" col pavimento non abbiamo fatto altro che aggiungere massa a quel primo leaf senza ottenere nessun miglioramento nella trasmissione meccanica delle vibrazioni.

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Narco1981” ().

      questo era il pavimento flottante del mio vecchio studio ed è così che farò quello del nuovo:

      tappeto di gomma-catrame e cariche minerali > scheletro fatto con muraletti da 7cm > imbottitura fatta con tappetini (lanaroccia/ecopiombo/lanaroccia) > mdf marino > isolante per laminato > laminato

      Nota: sia il tappeto catramato che i sacchetti si usano anche per isolare le fondamenta... se ne parlava nel post della costruzione del mio vecchio studio se nn ricordo male dagli un'occhiata se ti va è tra quelli sugeriti ;)
      Immagini
      • 302891_4401023677127_1906840269_n.jpg

        18.49 kB, 206×275, scaricati 30 volte
      • 395141_4400965915683_1273747533_n.jpg

        35.45 kB, 216×288, scaricati 29 volte
      • 540093_4400904434146_1938739339_n.jpg

        27.77 kB, 216×288, scaricati 25 volte
      • 602324_4392362900613_896647129_n.jpg

        13.6 kB, 206×275, scaricati 29 volte
      La musica è rumore! Le parole sono musica!
      ciao DjMauiMC ti rispondo qui anche se forse potremmo essere OT non saprei :)

      Secondo me il discorso su come trattare il pavimento dovrebbe partire da alcune domande:
      perchè pensi di aver bisogno di un pavimento flottante?quale è l' STL che intendi raggiungere con l'insonorizzazione?
      una struttura del genere acusticamente non è mai una cosa buona perchè 1 risuona (e se costruito senza calcoli quella risonanza potrebbe tranquillamente essere nel range delle fondamentali di un kick di una batteria) e quindi sporca l'acustica interna della sala; 2 perchè PEGGIORA l'isolamento (come gia detto da quella risonanza in giu la struttura facilita la trasmissione sonora).
      Rifletteteci un attimo, se siete sul pian terreno e sotto di voi non avete niente altro che la terra ( e chilometri di terra sono sicuramente un ottimo damping) perchè sentite il bisogno di avere una struttura flottante con tutti i costi e rischi che comporta? perchè l'avete vista in altri studi? perchè "si fa cosi"?

      Un pavimento "solido" offre gia di suo una grossa massa e un alto abbattimento in db ( e acusticamente con una bella superfice di legno duro è l'ideale per la ripresa di strumenti acustici) , il punto può essere magari di voler disaccoppiare dalla trasmissione meccanica! (mettiamo che sala di ripresa e regia condividano lo stesso pavimento, il suono si trasmette nel solido molto più velocemente che nell'aria, e quindi ogni volta che il batterista pesta sulla cassa le vibrazioni arrivano fino al tuo sedere che sta comodamente seduto in regia),
      In questo caso il problema che vogliamo risolvere è quello della trasmissione meccanica! sia verso il suolo che verso le nostre nuove contropareti.,
      allora forse si può agire diversamente... ;)

      ora analizziamo un attimo la tua struttura...
      dal pavimento in su hai: uno strato di gomma-catrame (sarebbe interessante conoscerne le caratteristiche per sapere se ha una lontana possibilità di poter flottare, così ha occhio non si può sapere ma è facile intuire che per essere compressa a dovere richiederebbe un carico moooooolto pesante sopra! un massetto forse...oppure potrebbe essere anche il contrario e magari con tutta la struttura sopra è pressata troppo ma direi + la prima ipotesi); poi hai i muraletti da 7cm, bene, anzi male, abbiamo la nostra bella camera risonante (7cm + l'altezza del materasso di gomma catrame, ma anche la distanza tra muraletto e muraletto nella struttura a scacchi che vedo in foto!); poi il "damping"di questa camera è stato fatto con questa lanadiroccia accoppiata a ecopolipiombo (bisognerebbe conoscere spessore e caratteristiche della lana per sapere come e se assorbe, erchè potrebbe anche essere troppo densa da non assolvere bene alla funzione di damping e con l'aggiunta di una membrana di piombo che non conosco potrebbe anche essere una massa e quindi un leaf), e poi sopra a chiudere uno strato da circa 2cm di mdf (la cui massa è inferiore ad una lastra di cartongesso di uguale spessore) ed è facilmente intuibile come non sia sufficente...
      questa struttura ha sicuramente una frequenza di risonanza troppo alta (e se mi dai dati precisi la possiamo calcolare assieme).

      intanto per farti un'idea: 1 strato di mdf da 2cm (15Kgm2) su una intercapedine di 7cm (il muraletto, poi andrebbero messi i dati della gomma) da:
      senza damping una risonanza di 58,55Hz
      con damping nella cavità una risonanza di 48,80hz

      se gia l'mdf diventano 2 strati da 2cm l'uno la risonanza si sposta a 44,4hz senza damping e 34,50Hz con damping e comunque la struttura non isolerebbe almeno fino ai 70Hz e risuonerebbe in maniera problematica in un range coperto da basso/cassa
      Ciao ho la possibilità di Avere in regalo circa 50 mq di lana di roccia con densità 40 kg / mc, spessore 6 cm pensate possa essere utilizzabile nella sala? Ho letto che serve almeno densità di 50 kg / mc o più, cosa mi consigliate?
      allora...i materassini isolano a sufficienza visto ceh sono sufficientemente elastici da sopportare una grande pressione! i muraletti sono riempiti con i tappetini che arrivano a a livello dei muraletti chiudendosi perfettamente con il ato delle tavole...questo riduce al minimo l'eventuale presenza di vuoti d'aria che, a conti fatti, praticamente non esistono! Il disaccoppiamento meccanico è garantito ed, infatti, non ho mai avuto problemi di risonanze! tutto fila liscio te lo garantisco per esperienza diretta perchè si aggiunge massa ovviamente ma è massa formata da materiali che sono in grado di assorbire molte frequenze anche e soprattutto quelle dai 90 in giù.... i materassini se nn ricordo male avevano lana roccia da 40kg m3 ed ogni materassino è formato da 2 fogli con alcentro il polipiombo! funzionano alla grande anche se costano un abisso... se nn ricordo male li pagai 14 € cu... si lo so un abisso, ma i miei vicini + giovani avevano 70 anni :thumbsup:

      marko per il fatto della lana dipende molto dalle tue possibilità...sicuramente non è il massimo un solo strato di quella lana però se vuoi risparmiare ti do un consiglio da imprenditore oltre che da fonico... prendila e adattati... cerca un compromesso altrimenti ti posso garantire che non ne uscirai mai sano di mente :thumbup:
      La musica è rumore! Le parole sono musica!
      l'unico mio dubbio sulla densità della lana di roccia era legato al fatto che temevo che fosse inutile quella da 40 kg/mc, in ogni caso ho gia messo in conto di acquistarne almeno altri 200 mtq con densità superiore per realizzare un doppio strato di lana di roccia. Ricapitolando mi consigli di prendere questa lana con densità 40 kg, (a caval donato non si guarda in bocca corretto?)

      DJMauiMC ha scritto:

      allora...i materassini isolano a sufficienza visto ceh sono sufficientemente elastici da sopportare una grande pressione! i muraletti sono riempiti con i tappetini che arrivano a a livello dei muraletti chiudendosi perfettamente con il ato delle tavole...questo riduce al minimo l'eventuale presenza di vuoti d'aria che, a conti fatti, praticamente non esistono! Il disaccoppiamento meccanico è garantito ed, infatti, non ho mai avuto problemi di risonanze! tutto fila liscio te lo garantisco per esperienza diretta perchè si aggiunge massa ovviamente ma è massa formata da materiali che sono in grado di assorbire molte frequenze anche e soprattutto quelle dai 90 in giù.... i materassini se nn ricordo male avevano lana roccia da 40kg m3 ed ogni materassino è formato da 2 fogli con alcentro il polipiombo! funzionano alla grande anche se costano un abisso... se nn ricordo male li pagai 14 € cu... si lo so un abisso, ma i miei vicini + giovani avevano 70 anni :thumbsup:

      marko per il fatto della lana dipende molto dalle tue possibilità...sicuramente non è il massimo un solo strato di quella lana però se vuoi risparmiare ti do un consiglio da imprenditore oltre che da fonico... prendila e adattati... cerca un compromesso altrimenti ti posso garantire che non ne uscirai mai sano di mente :thumbup:
      djMauiMc: forse non ci siamo capiti io non metto in dubbio che per te i risultati globali raggiunti siano soddisfacenti ma ti faccio semplicemente riflettere sul fatto che : il tuo materassino di gomma farebbe flottare il pavimento SOLO se avesse delle caratteristiche ben precise e fosse sottoposto ad una pressione ESATTA che la farebbe comprimere in una certa percentuale! altrimenti non fa flottare nulla! al massimo smorza un po la trasmissione meccanica, ma questo lo avresti ottenuto anche SOLO col materassino o un altro genere (+ performante) di disaccoppiamento!

      poi...la camera d'aria non è tale solo perchè e se è VUOTA o a spazi d'aria! non fare l'errore di andare per congetture; puoi anche riempirla fino al millimetro preciso di lana (che ha solo funzione di damping e non di massa essendo nettamente inferiore alla massa del pavimento e dell' mdf/laminato sopra) resta "camera d'aria" e risuona!

      Ammettiamo anche che invece (ma molto improbabile) i materassini fossero (sia lana che polipiombo) talmente densi da poter essere ritenuti "massa" insieme a tutto il resto della struttura , allora sarebbe solo massa su massa, nessuna struttura flottante comunque.

      Poi ovviamente se per te ha funzionato nel vecchio studio lo replicheresti nel nuovo, io invece ti invito a riflettere...potresti ottenere risultati migliori, e costi inferiori ;)

      Marco.
      markob0676: la lana di roccia da 40Kg in 6cm non è molto densa ma può esserti utile per il trattamento acustico dell'interno della sala prove, in pannelli da 12-18 cm o magari accoppiata ad un altro pannello con caratteristiche di assorbimento migliori su tutte le freq (tipo i pannelli E100s di Isover che sono lana di vetro da 50kg x 5cm)
      Cerca sul forum o in internet "bass trap" per chiarirti le idee
      ;)


      edit: altro 3d interessante per chi volesse approfondire ;)

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Narco1981” ().

      ma il pavimento "galleggia" perchè lo scheletro appoggia non sul pavimento originale ma sul tappetino di gomma-catrame i materassini servono a bloccare le risonanze all'interno delle intercapedini dello scheletro proprio per evitare di farlo funzionare come un risuonaatore...fidati funziona!
      La musica è rumore! Le parole sono musica!
      @ Narco 1981

      Bravo.

      Solo per esprimerti i miei complimenti. D'accordissimo con te sul triple leaf e sulle considerazioni profonde sul pavimento floating.

      Si vede che ci hai sbattuto la testa e stai consigliando con grande pacatezza e competenza. :thumbsup: :thumbsup:

      Io predico da anni, anche nella pratica, ma non con tantissimi risultati, spesso si spende molto di più di quello che serve davvero. :wacko:

      Ragazzi, documentatevi prima di operare. Non chiudete le pareti perchè avete fretta di vedere il lavoro finito. L'acustica è bastarda, spesso l'opposto del buon senso epidermico.

      Detto da un vecchio zio.


      ;) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “teetoleevio” ().

      teetoleevio ha scritto:

      @ Narco 1981

      Bravo.

      Solo per esprimerti i miei complimenti. D'accordissimo con te sul triple leaf e sulle considerazioni profonde sul pavimento floating.

      Si vede che ci hai sbattuto la testa e stai consigliando con grande pacatezza e competenza. :thumbsup: :thumbsup:

      Io predico da anni, anche nella pratica, ma non con tantissimi risultati, spesso si spende molto di più di quello che serve davvero. :wacko:

      Ragazzi, documentatevi prima di operare. Non chiudete le pareti perchè avete fretta di vedere il lavoro finito. L'acustica è bastarda, spesso l'opposto del buon senso epidermico.

      Detto da un vecchio zio.


      ;) Teetoleevio


      Ti ringrazio Teetoleevio :) si ci ho sbattuto la testa perchè come loro e tanti altri mi sono cimentato nella bella quanto complicata impresa di tirare su un piccolo studio privato, e il messaggio (e unico vero consiglio) che ho cercato di trasmettere dalla mia piccola esperienza e che in acustica tutto quello di cui non si è in grado di capire e padroneggiare i meccanismi è meglio NON REALIZZARLO! fare SOLO quello che si è capito come funziona, il perchè funziona, e di cui si ha piena certezza!
      Dedicate tempo ed energie alla fase di progettazione che è fondamentale! fate dei rilevamenti prima di tutto, chiaritevi le idee su quanto effettivamente necessitate di abbattere e quale potrebbe essere il vostro "weakest link" che è dove giocherete la partita più importante... e occhio alle geometrie che gia da sole possono risolvere o amplificare problemi ;)

      Densità lana di vetro

      Rieccomii qui, ho sentito un po' tutti i fornitori di lane di vetro, e tutti mi hanno detto di non usare nell'intercapedine materiale troppo rigido, in particolare affermavano che le doti di insonorizzazione delle onde riflesse peggiorano all'aumento della densità del materiale. Insomma sostenevano di adoperare lana di vetro con densità max di 18/ 20 kg/mc, inoltre consigliano di adoperare materiali con resistività al flusso d'aria compresa tra 5 e 10. Cosa sapete dirmi a riguardo?

      Densità lana di vetro

      Rieccomii qui, ho sentito un po' tutti i fornitori di lane di vetro, e tutti mi hanno detto di non usare nell'intercapedine materiale troppo rigido, in particolare affermavano che le doti di insonorizzazione delle onde riflesse peggiorano all'aumento della densità del materiale. Insomma sostenevano di adoperare lana di vetro con densità max di 18/ 20 kg/mc, inoltre consigliano di adoperare materiali con resistività al flusso d'aria compresa tra 5 e 10. Cosa sapete dirmi a riguardo?
      Ciao markob0676, non è proprio esatto e soprattutto...dipende dagli spessori utilizzati.
      qui trovi un'interessante tabella (che mi sembra di ricordare fu postata da un utente su questo forum qualche anno fa) che ti mostra i coefficienti di assorbimento alle varie frequenze delle varie tipologie di lane minerali (lana di vetro, lana di roccia...etc) a seconda della densità e degli spessori ;
      pannelli semirigidi di densità comprese tra i 40-50kg per spessori di 8-10cm circa sono quelle che garantiscono un miglior e più omogeneo assorbimento su tutto lo spettro di frequenze.
      Densità più basse (vengono dette "fuffy") sono molto efficaci ma in spessori decisamente maggiori.

      Narco1981 ha scritto:

      Ciao markob0676, non è proprio esatto e soprattutto...dipende dagli spessori utilizzati.
      qui trovi un'interessante tabella (che mi sembra di ricordare fu postata da un utente su questo forum qualche anno fa) che ti mostra i coefficienti di assorbimento alle varie frequenze delle varie tipologie di lane minerali (lana di vetro, lana di roccia...etc) a seconda della densità e degli spessori ;
      pannelli semirigidi di densità comprese tra i 40-50kg per spessori di 8-10cm circa sono quelle che garantiscono un miglior e più omogeneo assorbimento su tutto lo spettro di frequenze.
      Densità più basse (vengono dette "fuffy") sono molto efficaci ma in spessori decisamente maggiori.
      Dalla tabella si evince che per spessori di 10 cm circa la lana di vetro che offre maggiori performance su un po' tutto lo spettro e' quella con minore densità . Mi sbagliò?

      Narco1981 ha scritto:

      701, plain 4" (102mm) on wall 1.5 pcf (24 kg/m3) 0.73 1.29 1.22 1.06 1.00 0.97 1.15
      703, plain 4" (102mm) on wall 3.0 pcf (48 kg/m3) 0.84 1.24 1.24 1.08 1.00 0.97 1.15
      705, plain 4" (102mm) on wall 6.0 pcf (96 kg/m3) 0.75 1.19 1.17 1.05 0.97 0.98 1.10
      Ecco scoperto l'arcano, io guardavo un'altra sezione della tabella con montaggio a 16 pollici ovvero circa 40 cm e in questo caso la ANA meno densa e più prestante. Cmq sei sempre preciso nei tuoi interventi. Complimenti