Componenti necessari per un buon "home recording"

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Componenti necessari per un buon "home recording"

      Ciao a tutti. Vi chiedo scusa in anticipo per le domande che vi porrò che, fidatevi, saranno parecchie :D
      Attualmente, registro dei provini in casa utilizzando il mio mac pro, logic pro x e una scheda audio tascam che, dopo anni, mi sta abbandonando. Mi trovo davanti alla necessità di dover fare un investimento notevole in strumentazioni utili per la mia attività e qui casca l'asino perché ho sentito tante voci e pareri che però mi hanno gettato ancora di più nella confusione.
      Partiamo dall'inizio: la scheda. Avendo un mac, ho la possibilità di utilizzare sia un'interfaccia Thunderbolt sia un'interfaccia USB. La prima domanda è questa: qual è la differenza tra i due tipi di scheda? Perché è meglio la thunderbolt di una usb o viceversa? Qualcuno di voi ha qualche scheda di ottimo livello da consigliarmi senza spendere eccessivamente? (Per "eccessivamente" intendo non più di 1500 euro)
      Seconda domanda: potreste consigliarmi un buon microfono a condensatore con un buon rapporto qualità prezzo da poter utilizzare principalmente per riprese di voci e chitarre acustiche?
      Terzo problema. Io lavoro in casa e lo spazio non è molto grande; oltre alla questione spazio, c'è la questione "rumore" nel senso che, abitando in un condominio e non potendo insonorizzare la stanza, lavoro praticamente sempre in cuffia. So che servirebbero, per fare un buon lavoro, sia delle casse monitor che delle cuffie ma sono costretto a virare su quest'ultima opzione; conoscete cuffie che possano essere utilizzare in fase di mixing e che riescano a darmi un audio "flat" influenzando quindi il meno possibile il suono in modo da farmi ascoltare quelle che effettivamente sono le qualità e le caratteristiche di ogni singola traccia?
      Quarta considerazione: sapreste consigliarmi un buon controller che abbia dei tasti semipesati per garantirmi un po' di dinamica nel momento in cui vado a suonare un pianoforte e magari anche dei pad per suonare batterie campionate?
      Quinta domanda; questa è l'ultima, lo giuro :P Capitolo preamp, mixer, convertitori e processori (compressori, limiter, equalizzatori, ecc.). La prima considerazione che faccio è: queste sono cose essenziali in uno studio o sono cose che si possono "sostituire" con plugin digitali? Per riuscire ad ottenere un buon volume di uscita ed un suono di ottima qualità, mi bastano plugin di ottima qualità o servono effettivamente queste apparecchiature? Io non ho bisogno di produrre brani con qualità da studio milionario ma vorrei poter fare qualcosa che avesse una qualità molto simile a brani presente su dischi.
      Mi scuso per la mole di domande poste ma voglio essere sicuro di non gettar soldi e di non dover quindi piangere dopo. Mi affido a voi che siete sicuramente più acculturati di me in quest'ambito. Grazie mille in anticipo a chi risponderà :thumbsup:
      Allora...senza scendere in lunghissimi dettagli anche se thunderbolt è superiore a usb entrambe sono valide e utilizzate per l uso professionale.
      Per la scelta della scheda non hai specificato il numero minimo di entrate. Posso dirti che cmq per il prezzo di 1500 puoi indirizzarti su apollo o motu. Entrambe adatte per l uso professionale.
      Per la domanda cuffia...per un missaggio professionale devi necessariamente utilizzare sia cuffie che casse studio monitor...entrambe e mai o solo una o l altra.
      Per il microfono non ti so dire.
      Per la tastiera coi tasti semi pesati puoi vedere le m audio che hanno anche i pad per suonare le percussioni.
      Per i plug in...si puoi avere un risultato professionale via software sia per il missaggio che per mastering ma solo con uad e acustica audio...utilizzandoli abbinati a un piccolo mixerino audio di buona qualità (Yamaha, allen & heat, soundcraft).
      Scheda audio RME Babyface pro (utilizzi max 2 microfoni giusto?) o RME ucx o qualsiasi roba apogee dalla duet in su

      Microfono Shure ksm32

      Le cuffie vanno bene se utilizzi dei riferimenti di brani già mixati a tuo gusto, e ti compri le grado sr60

      Controller akai mpk249 261 dipende dal numero di tasti

      Registri e mixi in the box (con plugin di qualità tipo fabfilter)

      Con questa attrezzatura, parecchia esperienza, molto talento e poco altro puoi fare uscire qualsiasi cosa


      PS Magari in futuro prenditi dei monitor anche piccolini da ascoltare sempre a basso volume (livello del tuo parlato)
      Grazie theequalizer e mime per la vostra risposta; per il numero di ingressi, io ho bisogno al massimo di due ingressi perché registro uno strumento alla volta, non registro batteria ed al massimo mi capita di registrare una chitarra acustica con un microfono diretto verso la cassa e la chitarra direttamente collegata per utilizzare anche il suono del pickup. Ci sono ancora due cose che però mi lasciano dei dubbi. In primis, la questione cuffie; è vero che ci vorrebbero anche le monitor ma io mi trovo a lavorare solo in cuffia e l'utilizzo delle monitor non è proprio possibile in quanto i miei vicini rompono già le scatole per la musica dello stereo. Ho provato a girare su internet ma ho trovato solo tanta confusione; ci sono un paio di cuffie che garantiscono un ottimo isolamento dall'esterno, un'ottima qualità dell'audio e soprattutto che non vanno ad enfatizzare alcune frequenze in modo da non compromettere poi il risultato finale? Poi, per la questione preamp e processori come compressori o processori multieffetto(la questione mixer è stata già risolta), questi servono effettivamente per cambiare la qualità del lavoro oppure sono cose delle quali posso fare a meno? Grazie a tutti :thumbsup:
      Personalmente ho trovato molto interessante questo video, se ti può aiutare. Per le cuffie intorno al minuto 46...
      Ciao


      In ogni caso se con le monitor nun se po', nun se po'....c'é poco da fare. L'ideale sarebbe trovarti un altro posto per lavorare :D

      il mixer è solo deleterio in un setup casalingo, soprattutto mixer da pochi canali e poca qualità, le cuffie te le ho già consigliate ed i processori esterni ti serviranno (ma anche no) quando la tua esperienza sarà tale da ricercare alcune sfumature ottenibili solo con alcune macchine, con il setup che ti ho indicato sei virtualmente operativo per tutta la vita (o la vita dell'elettronica) e qualitativamente allineato ad un project studio, mancherebbe solo sapere cosa e come farlo per bene...
      Grazie mille memi! Ora mi è tutto più chiaro. Ma per delle monitor piccole che mantengano un'ottima risoluzione sonora a volumi bassi? Consigli? E poi, a questo punto, mi sorge spontanea la domanda: per poter contare su degli ottimi preamp integrati nella scheda, su una latenza bassissima e su un'ottima qualità del suono, meglio RME Babyface Pro o RME Fireface UCX?
      i pre dovrebbero essere gli stessi, con la ucx dovresti avere solo più ingressi e uscite, il ksm32sl dovrebbe avere più accessori tipo il ragno, il CG è lo stesso microfono ma la differenza di prezzo non dovrebbe essere enorme. Monitor piccoli ci sono di tutte le marche ma io valuterei un monitor "standard" con cono da 5 o 6 e lo ascolterei a volumi contenuti, non stiamo parlando di un ampli valvolare la resa è uguale in tutti i range di volume. Per quanto riguarda il microfono però, immagino che la tua stanza non sia trattata come una sala di ripresa ed inoltre hai parlato di rumori esterni, ti chiederei di valutare un microfono dinamico di lusso, shure sm7b oppure ev RE20, sono 2 microfoni nati per la radio con cui sono stati prodotti diversi dischi di successo, come pro avresti un minore rientro di rumori di fondo e difetti della stanza, come contro una inferiore analiticità della sorgente ripresa, ma qualcuno che non faccia classica o jazz purissimo è alla ricerca dell'analiticità?

      mime ha scritto:

      il mixer è solo deleterio in un setup casalingo, soprattutto mixer da pochi canali e poca qualità, le cuffie te le ho già consigliate ed i processori esterni ti serviranno (ma anche no) quando la tua esperienza sarà tale da ricercare alcune sfumature ottenibili solo con alcune macchine, con il setup che ti ho indicato sei virtualmente operativo per tutta la vita (o la vita dell'elettronica) e qualitativamente allineato ad un project studio, mancherebbe solo sapere cosa e come farlo per bene...
      per un corretto utilizzo del forum non mettete in discussione risposte di altri utenti altrimenti ognuno mette in discussione l altro e non si finisce piu. l utente che crea il post scegliera le proprie decisioni in base alle varie risposte.
      ti consiglio innanzitutto di valutare seriamente l'ambiente, a tuo dire non molto idoneo, in cui ti trovi ad operare, che ti potrebbe vanificare in toto qualsiasi scelta.
      se un'apparecchiatura ha un valore qualitativo, poniamo, 100 ed un'altra 1000, rischi seriamente che quest'ultima qualitativamente sulla carta superiore, nel migliore dei casi ti valga 101 e nel peggiore (microfono per es.) 80. per cui il consiglio è: non farti tante fisime sulla differenza tra apparecchiature tutte simili, che tanto non cambieranno molto nemmeno con quelle attuali.
      Probabilmente, mi sono espresso male prima per quanto riguarda il rumore. La stanza non è insonorizzata ma è molto piccola, i vetri sono antisfondamento e quindi molto spessi. A volte, quando ci sono i miei parenti, può sentirsi qualche rumore ma comunque l'ambiente nel complesso silenzioso. Per la questione rumore, io mi riferivo principalmente al fatto che, abitando in un condominio, non posso ascoltare brani a volumi parecchi elevati. La camera nella quale lavoro è inoltre abbastanza piena, non vuota: ci sono mobili in legno, c'è un tappeto e altra roba per cui non c'è per niente rimbombo di alcun tipo. È solo per la questione vicinato che cerco casse che, ad un volume non alto, riescano a darmi un suono di ottima qualità e soprattutto flat. Chiedo venia per l'errore di esposizione ;)
      il discorso rimane comunque valido, in certa misura. il fatto che tu non possa suonare a certi livelli implica che se quei livelli stanno al di fuori della tua stanza ci penetreranno. hai certamente delle riflessioni di cui non ti rendi conto, magari roba che comunque potrebbe non essere d'ostacolo. continuo a ritenere che due apparecchiature il cui costo differisce di cento-duecento euro non possano comportarsi diversamente che in modo del tutto marginale, e che per avvertire veramente una differenza tra queste ed altre superiori di un fattore X (due/tre volte) ti occorra un ambiente diverso ed una maggiore esperienza.