Ed ora soffitto e batteria.

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Ed ora soffitto e batteria.

      Allora, ho trattato la sala ripresa con pannelli autocostruiti e trappole per i bassi.

      Sono abbastanza soddisfatto, suono con la mia band e con tutte le persone con cui ho suonato mi sono sentito dire "non ho mai suonato in un posto con un'acustica come questa saletta". Ovviamente nessuno di noi è professionista, sta di fatto che a Roma, le sale prove a noleggio, sono spesso pessime e pare che il mio lavoro sia stato ben fatto.

      Era quello di cui avevo bisogno, volevo qualcosa che piacesse all'orecchio e che rendesse semplice fare le prove col mio gruppo a volumi non altissimi. Ovviamente assorbire i bassi sembra non sia mai abbastanza, ad ogni modo ora il problema è quel soffitto sopra la batteria. E' fin troppo riflettente, anche sugli alti, in particolare rullante (ho un Peal soprato da 4 pollici in ottone, molto squillante e poco caldo) e piatti.

      Cosa posso mettere su quel soffitto secondo voi? Ancora lana minerale nei classici pannelli fai da te? Non ho molte possibilità di "aggancio dei pannelli" e vorrei qualcosa di sensato. Ora, mi aspetto che molti di voi dicano, difficile da dire, serve una consulenza, etc... ma giusto per avere una idea, se credete debba fare una misurazione, posso farlo.

      Pubblico qualche foto:​Grazie per qualsiasi aiuto o consiglio su come procedere.

      Mario.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      uhm... nessun consiglio?

      Allora facciamo così, provo io ad abbozzare una risposta. Devo cercare di rendere meno riflettente sugli alti quel soffitto. Probabilemente essendo alti, un buon pirimidale potrebbe aiutare (spero). Non so se però è meglio poliuretano e melamina, qualche idea?
      Ha senso mettere anche alcuni pannelli a bandiera?

      Nella seconda foto si nota anche quel muro bianco in alto dovuto alla doppia altezza della sala. Probabilmente anche lavorare su quegli angoli potrebbe essere non sbagliato, mi piace molto questa soluzione.

      Considerate che al momento dentro la sala non ci sono pannelli piramidali, ho lavorato dure solo sulle basse e il risultato è veramente buono. Ad orecchio ovviamente.

      Ho anche degli strumenti di misura, sto cercando un tutorial sufficientemente semplice che mi faccia capire come configurare room eq e cosa farmene dei risultati ottenuti.

      Consigli?
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Prima ovviamente sempre meglio misurare x sapere esattamente le frequenze che disturbano. Cmq prova con dei classici fonoassorbenti (piramidali se no ci sono anche se vuoi ridurre echo e riflessioni su frequenze molto alte ma farlo a caso non è detto risolverà la situazione).
      Anche dei pannelli diffusori acustici potrebbero aiutarti probabilmente
      Ciao @barbagranata.

      Scrissi parecchio sulla costruzione della mia sala, trovi tutto qui.

      Tuttavia è un post molto vecchio e qualche foto si è persa.

      Provo a riassumerti in breve il pavimento.
      1) Sono partito da qui. clicca.
      2) ovviamente ho dovuto fare un magrone su terrapieno e stendere una resina che mi evitasse di venir su umidità. su questa ho fatto un reticolato di assi di legno, che poggiano su ecorubber ben dimensionato (non metterne troppo). Qui vedi gli assi (clicca). Qui vedi come li ho assestati (clicca qui). Sul prossimo link il risultato finale, vedi quelle macchie nere sul reticolato? sono strisce di ecorubber su cui poggerà il pavimento, ce ne sono anche sotto, tra assi e pavimento (clicca per vedere supporto pavimento).

      3) una volta realizzara questa struttura, ho poi messo lana di roccia nelle parti rimaste vuote --> clicca qui

      4) a questo punto ho dovuto procedere con la posa del pavimento di supporto. Ho usato i pannelli gialli che si usano per le armature delle casseforme --> clicca qui. E' un materiale fantastico, costa un pochino, ma è pensato per stare a contatto con l'umidità, è flessibile ma anche resistente a carico e flessione.

      5) non ho una foto d'insieme. Ma qui si vede il pavimento giallo --> clicca qui

      6) poi alla fine, dopo aver fatto pareti, pavimento, soffitto, verniciato tutto... ho messo un bel laminato in legno. qui se ne vede un pezzettino --> clicca qui

      Ho quindi ottenuto un pavimento flottante o galleggiante, insomma, l'idea è assorbire ogni vibrazione, per evitare che il suono si propaghi. Non è l'unico modo per bloccare il suono, ma spesso è l'unico percorribile (come nel mio caso).

      Chiedi pure. ho fatto un lavoro lungo, faticoso e sono contento di condividerlo.

      Ciao.
      swish.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham