Pavimento Flottante o semplice antivibrante?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Pavimento Flottante o semplice antivibrante?

      ciao a tutti! sono in fase di progettazione del mio nuovo studio di registrazione semi-professionale, non ho ancora le misure esatte ma dovrei stare sui 45-50 mq circa (regia e 1 sala da ripresa). sto studiando un po di metodologie per realizzarlo, pareti-contropareti-controsoffitto e i vari materiali, ma ho un dubbio sul pavimento. considerando che sarà al pianterreno e che quindi sotto ci saranno solo le fondamenta, ha senso farlo flottante con le uboat, assi di legno, lana di roccia ecc oppure basterebbe soltanto isolarlo dalle vibrazioni con uno strato di gomma vulcanizzata o simili? apro questa discussione perchè nella vastità della rete alcuni dicono che non serve flottare se sotto non si hanno altre stanze, altri invece che è comunque fondamentale per l'isolamento dell'intero studio e i professionisti ovviamente puntato a guadagnarci facendoti spendere un esagerazione. serve davvero investire una discreta somma per flottare il pavimento? grazie :thumbsup:
      disaccoppiare la regia dalla struttura serve per contenere al massimo il suono che strutturalmente si propaga anche verso l'alto quindi anche a piani superiori. Però il vero intervento si fa costruendo una nuova struttura in ferro e cemento sui disaccoppiatori. Se invece metti una guaina o un gommino l'effetto è minimo. Se sopra ci abiti tu e non hai quindi vicinato, devi farne un uso saltuario ricreativo allora desisti.
      se vendete il database mi incazzo.

      Pavimento Flottante o semplice antivibrante?

      Studio semiprofessionale? Secondo me nel budget è TASSATIVO includere le spese di progettazione da parte di un professionista. Il minimo errore ti costa tutto il lavoro, perché rischiare? Fatti fare un progetto.

      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk

      MacGyver ha scritto:

      Studio semiprofessionale? Secondo me nel budget è TASSATIVO includere le spese di progettazione da parte di un professionista. Il minimo errore ti costa tutto il lavoro, perché rischiare? Fatti fare un progetto.

      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk


      si però farsi fare un progetto da un professionista oltre al costo del progetto stesso non mi garantisce l'efficacia nel senso che magari lui mi farebbe fare il pavimento flottante anche se non servirebbe, ovvero tanti soldi in più. il mio dubbio era solo se effettivamente flottare porta davvero tutti i benefici che dicono
      Se dai un'occhiata all'atro thread "ridurre i dB in appartamento" puoi trovare credo buoni indizi. :D

      Premesso che il solo argomento dei pavimenti flottanti è vastissimo, in particolare modo negli ultimi 10-15 anni ci sono stati notevoli miglioramenti di tecnologie e materiali.

      DB già ti ha detto alcune cose molto bene.

      Premesso che ogni soluzione DEVE essere studiata ad HOC e chi è serio DEVE quanto meno riservarsi di potere fare un sopralluogo FISICO IN LOCO, Il pavimento flottante è al 99% necessario in soluzioni di interpiano condominiale o in capannone, e/o se sotto di te hai intercapedini tipo box / cantine.

      In buona sostanza quando la flessione statica complessiva del tuo pavimento alza la frequenza di risonanza.
      Se la frequenza di risonanza del tuo pavimento complessivo è più alta della minima frequenza che riproduci nella stanza - RIPRESA O REGIA - semplicemente questa frequenza non potrà essere contenuta nella stanza stessa, bensì si propagherà, con un certo modello vibrazionale,, prima in orizzontale, ossia alle porzioni di pavimento / solaio / ambienti adiacenti e quindi immediatamente dopo, grazie ai tondini del cemento armato, verticalmente, prima ai piani alti (molto di più), poi ai piani bassi.

      Quindi o costruisci un pavimento flottante che abbia frequenza di risonanza inferiore alla soletta/pavimento esistente, oppure il pavimento flottante NON funzionerà alle basse frequenze.

      Da qui spesso la scarsa utilità di pavimenti flottanti improvvisati. Se non hai frequnza inferiore, in buona sostanza non stai migliorando la situazione esistente, stai solo spendendo più soldi e perdendo magari preziosi centimetri nell'altezza finita della regia o ripresa. Se sei sotto i 270, in un colpo solo rendi quella stanza dell'appartamento NON abitabile...
      Quindi se poi vendi l'appartamento, un acquirente furbo poi ti pianta delle rogne :)

      Se non hai un pavimento flottante serio, suoni una cassa in un seminterrato e ti sentono inspiegabilmente al quarto piano. E al secondo piano magari no... :S

      Ci sono invece situazioni in cui se sei controterra puoi non fare nulla, o operare speciali, ma economicissimi, tagli nei massetti e/o nelle solette, quindi risparmiarti il pavimento floating. Anche qui le situazioni sono molto diverse tra esempio pavimento controterra senza vespaio, con vespaio tradizionale o vespaio moderno con casero plastico tipo IGLU' o GRANCHIO.
      Nel senso che al variare dell'altezza e del tipo di cassero cambia anche il modulo elastico, quindi il rapporto della zattera / soletta soprastante, eccetera.

      Non è facile.

      Personalmente invito a non impressionarsi, bensì, se sai che la tua è una situazione delicata, a documentarsi BENE e a fondo prima di agire.

      Miti da sfatare / consigli per il pavimento flottante:

      Primo: scegli una location adatta prima di fare qualsiasi studio o sala di ripresa o sala prova.

      Pavimento:
      Il pavimento NON si flotta direttamente su lana minerale. Questo si faceva 30 anni fa e sostanzialmente in determinate condizioni NON funziona per nulla.

      Se chi è specializzato non calcola la frequenza di risonanza, non è specializzato :)
      FATE SEMPRE DOMANDE PRECISE AI POTENZIALI ESECUTORI E CERCATE DI OTTENERE RISPOSTE RAPIDE, CONVINCENTI E PRECISE.

      Poi ci sono più livelli di pavimento, che in buona sostanza si differenziano per grandezza di massa sospesa vs. altezza intercapedine vs. sistema di sopraelevazione che può andare da blocchetti speciali DI CUI CONOSCI MODULO ELASTICO ALTRIMENTI NON E' POSSIBILE CALCOLARNE LA PERFORMANCE, a costosissime molle.

      Sulle masse sospese passi da impalcati tradizionali a gettate di sabbia e/o cemento sopra intercapedine silenziata
      Attenzione alla tenuta statica del tutto.

      Ossia se fai una caldana da 20 cm di cemento su un solaio normale e ci metti sopra un banco da 200 kg, vai giù al piano di sotto tu, il pavimento e il banco in un colpo solo.

      In ogni caso questo aspetto dell'acustica ha molte teorie anche contrastanti. E tutti hanno ragione e tutti torto, perchè secondo me purtroppo non puoi generalizzare, ma devi studiarti caso per caso.

      Attualmente lo studio di acustica più trendy, scandinavo, impone il pavimento flottante, meglio se ad alta massa, come diceva DB, con una struttura reticolare in acciaio sopra blocchetti speciali. E la impone ovunque, ma è costosissima.
      La scusa è che comunque anche nell'acustica interna migliori la propagazione delle basse e blablabla.

      Altri, tipo gli americani Gervais e Brandt sostengono che in molti casi il pavimento floating non sia necessario.

      Io, che non ho ancora certamente 1000 studi realizzati, cerco sempre e comunque di valutare caso per caso.

      Spesso, in situazioni di acustica interna non buona, avere a disposizione il pavimento fonoisolante come parete acustica diaframmatica è comunque un bel bonus perchè ti aiuterà nella regia.

      Di certo se vuoi fare bene, e sopratutto se sei in una situazione delicata circondato da rompicog*lioni - situazione normale in qualsiasi posto in Italia - consiglio di non fermarsi ai pochi e soliti documenti di ditte semi-professionali che trovate al primo o secondo posto di Google. Un pavimento di 5 cm non serve a nulla. Se hai blocchetti senza specifiche per me può anche funzionare, ma vai al buio. Se flotti su lana minerale, occhio agli spessori.
      Se usi un tappetino di appoggio, anche 5 cm, non serve a nulla.

      Fare bene o male costa sostanzialmente lo stesso, secondo me.



      Spero di averti dato delle informazioni che normalmente non è facile trovare, credo.
      Sempre in bocca al lupo per la costruzione dello studio !!!! :thumbsup:

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “teetoleevio” ().

      @teetoleevio grazie mille per tutte le stra dettagliate info!! il mio dubbio è nato proprio perchè ci sono un sacco di ditte che ti spiegano più o meno la stessa cosa per venderti i propri prodotti. comunque visto che non sono dei lavori che dovrò fare a breve, studierò il più possibile e nel caso valuterò anche un progetto da un professionista. se qualcuno ha da passarmi dei documenti o dei link per potermi informare meglio è ben accetto!! graziee :thumbup: