Misurazioni acustiche con REW, un aiutino please

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      teetoleevio ha scritto:


      La parete isolante in cartongesso e basta è sostanzialmente un risuonatore, ma bastano pochi accorgimenti per ottenere frequenze MAM sotto i 70 Hz.


      Che intendi per frequenze MAM?
      ...ma io lo so chi è Mark Lanegan, arrogante bottegaio indegno della roba che vendi qui dentro, alternativo dei miei coglioni che quando io ascoltavo i Dead Kennedys tu nemmeno ti facevi le pippe...
      Scusa Pilloso, mi sono un po' perso.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      novalium ha scritto:

      teetoleevio ha scritto:


      La parete isolante in cartongesso e basta è sostanzialmente un risuonatore, ma bastano pochi accorgimenti per ottenere frequenze MAM sotto i 70 Hz.


      Che intendi per frequenze MAM?


      Ciao a te.

      La frequenza di risonanza di qualsiasi partizione isolante mass-air-mass, dove la air è il materiale interno che funziona da molla per dissipare l'energia cinetica in calore e isolare.

      In buona sostanza tutti i sistemi a secco in cartongesso con all'interno lana minerale e magari degli altri materiali compositi o cose strane :D .

      L'obiettivo, insieme a garantire il massimo isolamento possibile della controparete o divisorio interno, è quello, a parità di costi e spessori (che rappresentano sempre spazio che rubi all'interno dello studio, quindi da valutare sempre con attenzione), la frequenza di risonanza la più bassa possibile.

      Più sei in basso, più gestisci le basse e sub, che sono quelle frequenze che disturbano di più ad esempio i vicini.

      E sono quelle che devi tenere fuori dai microfoni se hai ad esempio traffico veicolare pesante nei dintorni.

      E' il cosiddetto "rumble" che senti nei microfoni, in particolare a condensatore, e in particolare in quelli più costosi e sensibili.

      Magari nella voce solista principale ... con un bel microfono da 5-6K euro... :D


      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      Visto che siamo in ballo, balliamo

      ocio qua
      gearslutz.com/board/studio-bui…metal-panel-absorber.html

      discussione lunghetta ma se avete tempo e voglia...
      io ne ho un paio di grandi
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Paul Rain” ().

      altro link interessante
      guardate i vari test nelle varie configurazioni che G.E. ha avuto il buontempo di fare
      https://www.gearslutz.com/board/bass-traps-acoustic-panels-foam-etc/676662-trapping-traps-7.html

      Particolare attenzione al test F
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Paul Rain” ().

      Paul Rain ha scritto:

      Visto che siamo in ballo, balliamo

      ocio qua
      gearslutz.com/board/studio-bui…metal-panel-absorber.html

      discussione lunghetta ma se avete tempo e voglia...
      io ne ho un paio di grandi


      Ne ho fatti un po' ispirandomi a lui (usando però l'alluminio) e devo dire che funzionano benissimo.
      ...ma io lo so chi è Mark Lanegan, arrogante bottegaio indegno della roba che vendi qui dentro, alternativo dei miei coglioni che quando io ascoltavo i Dead Kennedys tu nemmeno ti facevi le pippe...
      Bello, il tizio così sembra avere assorbito parecchio sui 50hz, ma in realtà è in proporzione al picco che aveva proprio su quella frequenza.
      Ma la trappola su che frequenza sarebbe efficace, in realtà?
      E come si potrebbe adattare ad altre frequenze?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      questi pannelli sono accordati ma sembra non abbiano una banda stretta come quelli a membrana... da quello che mi ricordo uno da 200x100 con lastra in acciaio da 1mm e isolante da 10cm dovrebbe avere il picco a 80Hz ma vado a memoria

      @gobbetto in realtà il Test F non ha il pannello in metallo :) sono 20cm di Caruso IsoBond WLG035
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      visto che l'ho ritrovato posto qui il link per questo utilissimo calcolatore delle modali di una stanza, così so dove trovarlo la prossima volta :)
      http://www.hunecke.de/en/calculators/room-eigenmodes.html

      aggiungo anche questo interessante articoletto che da una idea abbastanza precisa di quando si ha a che fare con una modale e quando i problemi sono di interferenze tipo SBIR
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Paul Rain” ().

      @Paul Rain scusa la domanda banale, ma se i coefficienti di assorbimento di un prodotto sono più alti di quelli di un altro, si può dire che il primo è migliore ai fini del trattamento acustico?
      Ho visto ad esempio che i coeff. di assorbimento riportati per questo materiale usato da Caruso IsoBond WLG035 sono ad esempio più alti di quelli riportati da Oudimmo per le lane di roccia usate nelle sue bass trap broadband.
      @Pilloso se confronti il grafico della stanza vuota con ad esempio quello del test F noterai che sono soprattutto le risonanze che vengono accorciate, sopra i 200 non farei troppo valutazioni perchè ci sono solo uno, massimo due angoli trattati e li entrano in gioco anche altri problemi. In effetti non credo che si possa parlare di una frequenza di accordatura, a me sembra abbastanza broadband.

      @gobbetto in teoria si ma ti devi fidare :)

      @novalium secondo me il materiale che sta davanti cambia in modo radicale il funzionamento di una trappola, l'alluminio secondo me fa più l'effetto trappola a membrana per via della massa relativamente bassa e della poca tendenza a risuonare di per se, è più il sistema nella sua completezza che risuona, quindi se sigilli il retro in modo da creare una camera di risonanza dovrebbe funzionare ancora meglio.
      L'acciaio invece è più incline a risuonare a livello intrinseco (non per niente i veri Plate reverb sono fatto da una lastra di metallo) e risuona a diverse frequenze e non ad una sola, e non necessita di una camera sigillata.

      PS.: io sto esprimendo la mia opinione, pronto ad essere smentito.
      PPS.: Le opinioni sono come il buco del culo, ogniuno ha il suo
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons

      Il messaggio è stato modificata 3 volte, ultima modifica da “Paul Rain” ().

      le discussioni scadono?
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      Ciao, io ringrazio tutti per i contributi, ma ammetto che ci siamo addentrati su una strada per me nuova e molto ampia, che mi ha confuso un po' le idee.
      So che alcuni qui lo fanno per lavoro, quindi non posso pretendere consulenze gratuite, ma nella mia situazione avrei bisogno di essere preso per mano e accompagnato verso la soluzione giusta, ovvero capire cosa devo fare adesso, quale tipo di trappola scegliere e quale progetto tra i tanti visti finora, così potrei affrontare il passo successivo e mettermi all'opera, la volontà c'è tutta e il mio amico falegname ha già la sega circolare pronta.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.