disaccoppiatori per monitors mito o realtà ?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      disaccoppiatori per monitors mito o realtà ?

      In questo periodo, visto che siamo in procinto di iniziare il nuovo lavoro, stò aggiustando la risposta dello studiolo in modo da evitare gli errori fatti in quello precedente ...

      per l'area monitors da aggiustare, oltre alla posizione mi stò interessando al disaccoppiamento e cercando ho trovato questo video

      ora mi chiedo se la enorme differenza acustica che si sente tra uno e l'altro sia dovuta ad un cambio di altezza dei monitors e dei mic o se è così diverso il risultato semplicemente cambiando i disaccoppiatori.

      al momento uso dei pad simil i meno performanti del video
      Microfono e diffusori devono essere nella stessa identica posizione...

      se così non è, il test si può ritenere nullo.

      Tuttavia, se il piano d'appoggio dei monitor è pessimo, un buon disaccoppiamento fa letteralmente miracoli!!
      questa è la mia situazione, immagino che per scoprire se un paio di disaccoppiatori più " tecnici" facciano al mio caso l' unica sia comprarseli...
      Non so quanto possa risuonare il rack su cui sono appoggiati che deve essere di truciolare da 20 mm ne il piano che è legno pieno di 35 mm, non vorrei comprare gli isoacustic per non cambiare nulla...
      Immagini
      • 20190116_181017_resized.jpg

        318.78 kB, 918×1,632, scaricati 9 volte
      Io negli anni sono passato dai classici MOPAD ai Primacoustic RX7.
      Attualmente (da qualche mese) ho gli Isoacoustics e mi sono piaciuti cosi tanto che li ho presi anche per il secondo ascolto e ho venduto gli RX7, che sono comunque buoni ma testandoli ho preferito gli ISO.
      Col mio desk la differenza è chiaramente apprezzabile e posso dire di essere soddisfatto.
      I diffusori acustici dovrebbero essere saldamente fissati su un blocco di granito: pensa che le membrane degli altoparlanti si muovono avanti e indietro, quindi succede in piccolo la stessa cosa che accade quando un fucile o un cannone spara: il corpo del diffusore dovrebbe rimanere perfettamente immobile. Se la base vibra, però, allora è meglio metterci qualcosa in mezzo...
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4
      Quindi, mi state dicendo che i miei "disaccoppiatori", formati da (partendo dal basso):
      1 piccolo supporto in mdf a "C" rovesciata, con astuccio degli occhiali e qualche cavo volante
      5 case di dvd (vuoti)
      1 scheda audio
      2 case di dvd vuoti (ancora)
      1 diffusore
      (sul diffusore):
      1 Portacd semi vuoto
      1 fondo bottiglietta di plastica con spicci vari (in valuta euro)
      NON VANNO BENE? ;( 8o :D :D :D :thumbsup:
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!

      Datman ha scritto:

      I diffusori acustici dovrebbero essere saldamente fissati su un blocco di granito: pensa che le membrane degli altoparlanti si muovono avanti e indietro, quindi succede in piccolo la stessa cosa che accade quando un fucile o un cannone spara: il corpo del diffusore dovrebbe rimanere perfettamente immobile. Se la base vibra, però, allora è meglio metterci qualcosa in mezzo...


      Si, non mettevo in dubbio il fatto che sia meglio mettere un calmiere tra 2 superfici che litigano, è solo che ascoltando le differenze in risposta dei 2 tipi del video mi chedevo se, al netto di riflessioni di piano - soffitto- e spostamento di altezza di diffusori e microfoni , la differenza tra uno e l' altro fosse così netta e rovesciando la cosa, se lo spostamento di alcuni cm dell'altezza che si vede nel video potesse causare cambiamenti così evidenti