Ma uno studio quanto lavora?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Ma uno studio quanto lavora?

      Ultimamente l"idea del CD dell'album si è molto ridimensionata.
      Anche qui non è questione di fare gli "estremisti"
      Tra spendere 5k per un album (magari non accessibile a tutti) e spendere qualche centinaio di euro per un singolo che testi il valore delle nostre idee c'è differenza.
      Lattugo se hai le tracce di quel brano prova a sentire cosa potrebbe tirarne fuori Pape (o Tizio o Caio) e poi valuti tu se il gioco vale la candela...

      Inviato dal mio GT-I9515 utilizzando Tapatalk

      danny83 wrote:

      tra il non farlo perché non ho da investire 5 10 15 mila, e il farlo da solo


      Senz' altro.
      Nulla contro la scelta dell' home recording. Del resto siamo tutti cresciuti e pasciuti in questo forum, che si chiama "Home Studio Italia" :)

      Ma un conto è decidere, assolutamente legittimamente, di realizzare il proprio disco dove e come si vuole, altro conto è pensare che sia uguale farlo da sé o farlo fare esterni.
      Il tuo post sembrava più andare nella seconda direzione. Tutto qui.

      Sul fatto che poi, non avendo i fondi o non volendoli spendere, si voglia produrre ugualmente la propria musica, nessuno dice nulla.

      DBarbarulo wrote:

      Probabilmente con una cifra molto al di sotto dei 6k fantomatici di cui parliamo potresti integrare nella tua filiera di produzione oggi un posto dove registrare la batteria acustica e eventualmente assoldare qualcuno per i mix


      Oh! Deo gratias! Una persona assennata :D

      Per com'è il mercato attuale, si sarebbero potute fare delle buone riprese di batteria per, toh, 500-800€ x un full (inteso come 12 brani e/o sui 40 min di musica) e 2k circa per mix (e consulenze sulle riprese) ed il livello qualitativo non sarebbe semplicemente salito, sarebbe schizzato.
      Non si vuole spendere per i mix, perché 2k sono troppi e "tanto li faccio da solo, che ho tutto il tempo che voglio"? Secondo me è una bella zappata sui piedi, però... almeno investire nella ripresa della batteria in una sala adeguata, seguita da un tecnico competente, sarebbe un valore aggiunto non da poco.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      Website
      no@papedroga figurati, io che ho uno studio farei fare il mio progetto a un altro tecnico, per non stressarmi e non essere coinvolto emotivamente in una fase delicata come il mix o il mastering.

      intendevo dire che chi procede da solo pensa sia uguale che farlo fare ad esterni del mestiere

      DBarbarulo wrote:

      Questa logica ti consentirebbe sicuro un margine di miglioramento ad una cifra non "problematica" da recuperare. Il mio è un esempio del pensiero ibrido al passo con i tempi di chi sa che non c'è grana in giro ed ottimizza le risorse.


      Premessa: si può fare tutto, il contrario di tutto, esperimenti, cazzi&mazzi (e se si ha budget, in genere è meglio).

      E sicuramente da qualche parte nel mondo c'è una formula che potrebbe, a prezzo accessibile, migliorare sensibilmente la qualità di quanto fatto, però quando hai margini così risicati non puoi permetterti il rischio di un buco nell'acqua, altrimenti il problema economico si aggrava oltre la soglia del consentito.

      Ma io non ho a disposizione una struttura presso la quale posso andare "a colpo più o meno sicuro" che possa darmi quel plus che valga i soldi dell'investimento. Dovrei provarne, ma pensate cosa possa implicare, per uno che fa un altro mestiere e che alla musica ci pensa dopo le otto di sera e nei weekend, una ricerca di questo tipo anche solo in termini di tempo.

      E, ripeto, quanto ho sentito in giro venuto fuori da queste strutture piccole NON corrisponde al livello che cerco, e questo disincentiva, o nel mio caso ha disincentivato, la ricerca di questo tipo di soluzione.

      Perché tra l'altro, alla fine dei giochi, nessuno ha mai sollevato una singola obiezione tecnica alla produzione che sinora ho consegnato alle stampe. Né gli editori (e uno dei soci è un produttore/sound engineer, e ci mette i suoi soldi in quello che pubblica), né nelle recensioni, né chi mi ha fatto dei commenti dopo aver comprato il cd.

      Ora, il commento di Pape sulla batteria mediosa, il basso a 300hZ, eccetera, mi ha fatto venire in mente una cosa curiosa: un giorno mi imbatto per caso in rete su un articoletto scritto su un sito di audiofilia estero da un tizio che aveva usato per testare non so se dei finali o dei diffusori, un mio lavoro. Non del progetto presentato qui, uno precedente, ma confezionato allo stesso modo, decantandone la profondità degli estremi, il dettaglio degli elementi, eccetera.
      Ho ancora l'articoletto perché mi sembrava una cosa curiosa.

      Ora, questo tizio non è nessuno, naturalmente. Come non è nessuno Pape (per sua stessa ammissione). Ma i miei CD non sono certo quella magnificenza che dice sto tizio, ma neppure quella merd4 che dice Pape.
      E' semplicemente un lavoro di cui siamo consapevoli dei difetti (io più degli altri, credetemi), ma che messo su uno scaffale non ha mai provocato una singola obiezione.
      E che, peraltro, ha un rapporto Q/P imbattibile.

      Una piccola nota sul discorso delle 350 visualizzazioni, su cui Pape si è dilungato. Forse avrete notato che io NON ho postato un video. E' un audio con su un'immagine, i brani del cd li ho messi io per evitare che lo facesse qualcun altro (cosa già capitata con i precedenti due lavori). Ora, un audio senza video su YT di visualizzazioni ne fa poche, figuriamoci quello di una band di nicchia.
      Sul tubo ci sono invece due video "ufficiali" della band, che invece sono stati postati su siti specializzati, eccetera (la promozione la fa l'etichetta) oppure allegati alle recensioni. Io non li promuovo perché entrambi i video non mi piacciono: ci siamo rivolti a videomaker che hanno fatto il lavoro per pochi soldi, molta buona volontà (e mi spiace dirlo, sono anche amici) ma l'output non posso dire che mi abbia soddisfatto.
      Quelli hanno visualizzazioni nell'ordine di alcune migliaia, mica grandi numeri.
      Va specificato che il nostro target di clientela non è molto iutubbaro (per quello io non è che miro alle visualizzazioni su YT), però ha un grande pregio: compra i cd. Perciò io sono ragionevolmente certo che se qualcuno si è preso la briga di andare a cercare sentire il link che vi ho postato, che è un pezzo a caso preso in mezzo al disco, beh, una buona parte di loro il cd lo ha poi acquistato.

      Ultimissima cosa, poi smetto di tediarvi con le mie vicende, il progetto di cui ho postato l'audio purtroppo non è più attivo perché ben due componenti del gruppo hanno avuto dei problemi personali e hanno dovuto abbandonare. Uno dopo un periodo di inattività ha ricominciato a girare saltuariamente con una cover band, e l'altro ha dovuto dire proprio addio alla musica.

      Nonostante ci fosse da parte dell'etichetta la richiesta per un ulteriore lavoro, e sarebbe stato il terzo con quella formazione. Questo per dire che dopo quel disco non è stata fatta promozione, a parte quella fatta dall'etichetta, ma ci è mancato proprio la possibilità di fare concerti e promuovere "sul campo", e sappiamo quanto conti in questo momento.

      Perciò le 350 visualizzazioni, stica... in queste condizioni sono pure tante.
      Edito e mi autocensuro. Perché da qui a trascendere sul personale il passo potrebbe essere breve.

      Facciamo che prendo la tua risposta per quello che è.
      Se possibile andrei avanti con la discussione saltando questioni individuali.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      Website

      Post was edited 2 times, last by “PAPEdROGA” ().

      @Pape,

      eri proprio incazzato, vero? :D

      Ho fatto in tempo a leggere il post, e mi è venuto in mente un altro aneddoto (poi giustamente la chiudiamo qui perché le mie vicende interessano poco).

      Band precedente a quella con cui ho suonato nell'ultimo decennio: abbiamo le take tutte registrate di una dozzina di brani, e cerchiamo un editore.
      Gli altri componenti decidono di portare le take ad uno studio "da 6K euro", chiamiamolo così, per commissionare il mix. Io non ero d'accordo, perché prima avrei voluto trovare un editore: per quello bastano i rough mix, non vedevo il bisogno di portare un prodotto finito per verificare l'interesse, inoltre ho pensato che potessero darci delle dritte per il mix stesso. Però ero in minoranza e li ho lasciati fare, semplicemente non ho partecipato alla spesa né ai lavori.

      Si fa il mix, qualche tempo dopo, allacciamo i rapporti con un'etichetta di Milano, che si dice interessata. Portiamo il CD con il master (costato non so esattamente quanto, ma non meno di 1.5K, comunque) a Milano.

      Un paio di settimane dopo ripasso io da Milano, senza gli altri membri, con me c'era invece un'altra persona.

      Il titolare dell'etichetta, con molto tatto comincia a dirmi.... "Andrea, io non so come dirtelo... non vorrei offenderti, so il lavoro che c'è dietro un disco, e blablabla... ma qui i mix sono un problema: sono tutti da riaprire, praticamente c'è da rifare il lavoro." - e aggiunge - "Peccato, perché i brani sono bellissimi, ma con un mix così siamo fottuti: la prima recensione che ci fanno ci stronca e noi rimaniamo con tutte le copie nelle scatole".

      Dopodiché mi ha tenuto un intero pomeriggio a risentire tutto quanto, sollevandomi obiezioni puntuali brano per brano ed insistendo sul fatto che erano stra-interessati, ma a patto che rifacessimo i mix.

      Torno a casa, mi metto al lavoro con la mia piccola DAW, e dopo un paio di mesi presento all'editore la mia versione: appena sentita mi chiama: "non toccare niente, quando volete firmiamo il contratto e pubblichiamo".

      Ora: il mix era stato fatto da un professionista che tecnicamente aveva fatto tutto bene! Mi si consenta il parallelo (perché un pochino il tuo stile ormai lo conosco), è un mix che avresti potuto fare tranquillamente tu, solo magari un po' meno saturo...

      E sono arciconvinto, e ci scommetterei pure venti arrosticini, che se ti facessi sentire i mix uno a fianco all'altro tu concluderesti che il SUO è una figata e il MIO fa schifo ai morti!!! :D

      Eppure...

      Infine, nel tuo post abortito, parlavi di "progetto naufragato" o giù di lì. Credimi, non è così, non potresti essere più lontano dal vero.

      Le cose iniziano e finiscono, come è giusto che sia. Ma io sono orgogliosissimo di quello che siamo riusciti a raggiungere.

      E parlo di soddisfazioni concrete, esterne (certo, non economiche, anche se tutti i soldi investiti sono stati più che recuperati, e anche questo è un piccolo traguardo non scontato di questi tempi).
      Ti dico solo che l'apprezzamento di alcuni miei lavori da parte di qualcuno in giro qua e là mi ha dato la possibilità di fare esperienze a livello elevatissimo, e a volte lì davvero mi chiedo come sia stato possibile, ma concludo che forse, alla fine, qualcosa di buono doveva pur esserci.

      Perciò, se ti va, riprendiamo a discutere di questioni generali, perché come hai detto saggiamente tu, metterla sul piano personale non è il caso, in secondo luogo io non porto nessun rancore, infine mi sa che annoieremmo tutti :D

      Peace!

      Lat.

      Lattugo wrote:



      Ti dico solo che l'apprezzamento di alcuni miei lavori da parte di qualcuno in giro qua e là mi ha dato la possibilità di fare esperienze a livello elevatissimo, e a volte lì davvero mi chiedo come sia stato possibile, ma concludo che forse, alla fine, qualcosa di buono doveva pur esserci.


      Lat.


      Tipo suonare con Roberto Pianta? ;)
      se vendete il database mi incazzo.

      DBarbarulo wrote:



      Tipo suonare con Roberto Pianta? ;)


      La globalizzazione e internet hanno portato due problemi:

      1 non si vendono più i dischi;

      2 se non hai un sound word class si sgama subito perché ci metti un attimo a fare ab con un brano di riferimento.

      Però la musica si fa per passione.

      Si è sempre fatta per passione.

      Anche quando alle spalle dei musicisti c'era chi finanziava a ci faceva business.

      E credo che aver suonato con il signor Pianta valga più di 4 5mila euro di siae in più o in meno.

      Così come fare il lavoro che ti piace valga più di qualche "sicurezza" economica in più.
      La mia didattica
      Le mie foto...


      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...