Soffitto ad arcate in homestudio

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Soffitto ad arcate in homestudio

      Salve a tutti,
      diano due giovani studenti che stanno cercando di costruire il proprio homestudio.
      Abbiamo a disposizione una stanza, all'interno di una casa vecchia, e dunque il soffitto non è piatto, ma presenta una volta a 3 arcate.
      La nostra idea era di rendere piatto il soffitto posizionando pannelli rigidi di polistirolo, sostenuti da un grosso telo, a sua volta sostenuto da pochi listelli di legno (a vista)
      Per provare a spiegare meglio, dal basso si vedrebbero i listelli, poi il telo, e, nascosti sopra il telo, vicini alle basi degli archi e appoggiati sopra il telo (teso) ci sarebbero i pannelli di polistirolo.
      Voi cosa ne pensate? Ritenete che possa essere una soluzione valida, oppure è meglio trovarne altre, o lasciare il soffitto ad arcate? (anche se andando ad informarci abbiamo trovato che in homestudio sembra essere meglio un soffitto piatto)
      Non abbiamo problemi di "disturbo" dei vicini, la nostra idea per il soffitto servirebbe solo allo scopo di renderlo piatto, e poi eventualmente aggiungere dei pannelli cloud sopra la nostra postazione.
      Ringraziamo già in anticipo chiunque si interesserà alla questione e vorrà aiutarci :)
      Ovviamente se avete domande o bisogno di informazioni più precise, chiedete pure

      P.S. Avevamo anche pensato che potremmo magari fare in modo che sopra la scrivania il telo venga inclinato (rimanendo comunque teso) così da poi aggiungere sopra pannelli cloud (anche se l'inclinazione sarebbe ancora da calcolare)
      Ciao ragazzi e benvenuti sul forum.
      Per iniziare, il polistirolo ha pessime proprietà acustiche, nel senso che riflette, e assorbe zero.
      Le pareti piatte e nude sono in genere deleterie per l'acustica di una stanza, per cui se dovete crearne una artificiale nell'unico punto in cui avete la "fortuna" di avere un lato irregolare...
      Non è detto che poi quelle volte abbiano risonanze positive sul bilancio della stanza, ci saranno dei riflessi ma più indiretti e quindi più naturali e meno fastidiosi di quelli di una parete piatta, ma certamente va gestito con più criterio, non certo con materiali riflettenti.
      Molto meglio una banalissima tenda pesante, senza altro, che almeno qualcosina spezza e assorbe, anche se poco, ma se avessi penuria di materiale, anche la tenda preferirei metterla alle mie spalle per assorbire prima di tutto i riflessi che tornano dalla parete su cui puntano direttamente gli ascolti.
      Qualche dato in più e qualche foto aiuterebbero: quanto è alto questo soffitto? In che materiale è?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Io conosco simone e paolo e sono stato li nella stanza che intendono usare come control room. Quello che pensavo io era di riempire queste piccole volte con della lana minerale e poi tessuto. Se ben ricordo mi han detto che le travi sono di ferro. I ragazzi hanno preso tutte le misure e credo abbiano anche fatto una piccola pianta da poter postare qua.
      Se le travi di ferro sono giusto quelle che attraversano le volte, nell'acustica probabilmente non comportano nulla, potrebbero però essere un ottimo appiglio per sospendere qualcosa.
      Ci vedrei bene una nuvola, abbastanza spessa e assorbente sia dalla parte alta che quella bassa.
      Sul riempire le volte ci andrei con cautela, può avere benefici ma anche no.
      Attendiamo la piantina e anche la foto della volta che potrebbe dare meglio l'idea di una zona irregolare.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      molte volte un soffitto a volta può dare un bel pò di vantaggi, sopratutto se profondo. Sarebbe da provare un serie di numerosi e fitti pannelli (tipo clouds…) attaccati con cavi e fatti pendere verticalmente dal soffitto. Naturalmente con l’acustica si improvvisa poco, e prima o poi qualche misurazione va fatta.
      Rieccoci, grazie a tutti coloro che ci stanno aiutando
      Alleghiamo foto della pianta e della sezione, con le misure scritte, e foto della volta.
      Abbiamo già posizionato due listelli su cui eventualmente andrebbe poi posta la tenda, i quali in ogni caso ci servono per tenere l'illuminazione a led della stanza
      Images
      • IMG-20190817-WA0007.jpg

        69.21 kB, 540×960, viewed 8 times
      • IMG-20190817-WA0014.jpg

        81.1 kB, 540×960, viewed 10 times
      • IMG-20190817-WA0013.jpg

        43.8 kB, 960×540, viewed 6 times
      • IMG-20190817-WA0011.jpg

        45.29 kB, 960×540, viewed 7 times
      • IMG-20190817-WA0012.jpg

        43.01 kB, 960×540, viewed 7 times
      • IMG-20190817-WA0009.jpg

        31.66 kB, 960×540, viewed 6 times
      • IMG-20190817-WA0010.jpg

        41.32 kB, 960×540, viewed 8 times
      Ciao, a occhio e croce direi che questo tipo di soffitto non è un limite ma una piccola risorsa.
      Non si tratta di ampi archi che possono creare risonanze, ma semplicemente di un lato non piatto e non parallelo al pavimento, quindi l'effetto è che già di suo varia un minimo i riflessi (giusto un minimo, sia chiaro).
      Questo non significa che lasciarlo nudo sia la soluzione, però è già meglio di un soffitto normale, quindi non focalizzerei le attenzioni su quello, e certamente eviterei di portarlo a superficie piatta, sarebbe controproducente.
      Oltretutto con la fortuna delle travi, quello che farei io è proprio una nuvola sospesa, lasciando che le volte restino sopra di essa, e senza ostinarmi a chiudere tutto il soffitto ma solo una parte prevalentemente sopra gli ascolti.
      Mi raccomando, la nuvola deve essere di materiale assorbente, dimenticate il polistirolo, qui e altrove.

      Prima di tutto dovreste scegliere la parete su cui fare la regia, ci sono diverse opzioni, tutte con piccoli pro e contro.
      L'unica parete "intera" pare essere quella verde, quindi potrebbe essere la più indicata, a patto che ai fianchi delle casse e dietro di voi riusciate a mettere dei bei pannelli assorbenti, perché sono i punti dei primi riflessi.
      L'unico svantaggio potrebbe essere la finestra che rimarrebbe alle vostre spalle a sinistra, ma in una situazione senza troppe pretese si potrebbe coprire con una tenda molto pesante, un tappeto appeso, o un pannello su un suo piedistallo.

      Un'altra opzione potrebbe essere mettere la regia ad angolo, visto che la stanza è quasi quadrata, l'angolo più indicato credo sia quello tra la parete verde e la parete con la porta.
      Questa soluzione aiuta per i primi riflessi, poiché la stanza rispetto alle casse è "a rombo" e non più con pareti parallele, chiaro che vanno fatti in ogni caso dei trattamenti, perché i riflessi cambiano ma ci sono comunque.
      Lo svantaggio potrebbe essere che le travi a soffitto non sarebbero più parallele alla regia, rendendo meno facile / estetica la realizzazione di una nuvola, ma si può ovviare con qualche traverso, già il fatto che ci siano come appigli è un grosso aiuto.

      Lascio la parola anche ad altri perché magari vedono soluzioni alternative.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 2 times, last by “Pilloso” ().

      Non sono esperto in materia, ma avete riscontrato delle effettive problematiche relative al soffitto (che potrebbe non causarle) oppure state lavorando su "supposizioni"?
      La morale è che bisogna agire quando necessario e con interventi mirati, fatti da un professionista che sa dove mettere le mani (e le bass trap...) perchè lavorare ad capocchiam senza avere i parametri giusti vi farà perdere tempo e soldini.
      Se per creare un ambiente atto a fare riprese microfoniche è relativamente facile (basta smorzare, SE NECESSARIO, i riflessi) ben altra cosa è predisporre l'ambiente per missaggio e mastering, e qui o sapete dove mettere le mani (oltre che nel portafoglio) o, ripeto, consultare un professionista.
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!
      @BjHorn non l'hanno scritto qui, ma sul loro post di presentazione dicevano "Siamo abbastanza squattrinati e il nostro budget non supera le poche centinaia di euro (molto poche)".
      Per questo mi sono permesso di partire dalle basi, dando per scontato un lavoro semplice e in economia.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Grazie a tutti per le possibili soluzioni e i vari consigli che ci avete dato. Sì, noi non abbiamo moltissime disponibilità economiche e infatti non abbiamo grosse pretese (qualunque studio venga fuori, sarà sicuramente meglio di ciò che c'era in precedenza).
      Pensavamo di posizionarci con la regia lungo la parete verde, sfruttando la trave posta sopra la scrivania per appendere la nuvola.
      Abbiamo a disposizione alcuni pannelli fonoassorbenti piramidali che avevamo intenzione di utilizzare per la nuvola, ed alcuni fogli di lana di roccia da utilizzare per le prime riflessioni (e coprire anche in parte la finestra).
      Avevamo una mezza idea di ricoprire la parete verde con fogli di espanso multi denso (utilizzato in edilizia) per migliorare un po' l'estetica della parete e eventualmente anche l'acustica; può essere una valida soluzione?

      Simone&Paolo wrote:

      Avevamo una mezza idea di ricoprire la parete verde con fogli di espanso multi denso (utilizzato in edilizia) per migliorare un po' l'estetica della parete e eventualmente anche l'acustica; può essere una valida soluzione?


      Ripeto: NO.

      L'espanso è riflettente, acusticamente non migliora proprio niente.
      Anche il piramidale non è l'ideale per la nuvola, meglio di niente, ma assorbe solo alcune frequenze (e poco).
      Il materiale migliore sono le lane (di roccia, di vetro) in spessori da 5 a 10 o più mm, ma per fare le cose in economia potete sfruttare anche vecchi materassi, tappeti pesanti, ecc.

      La parete della regia non è quella prioritaria da trattare, poiché non contribuisce ai primi riflessi, eppure anche quella va trattata un minimo. Un bel tappetone / tendone è meglio di niente, così fa sia la funzione estetica che un pochino quella acustica. Tra tutti i posti in cui mettere il piramidale, forse potrebbe essere quello uno dei più indicati, così andate ad assorbire quel minimo di riflessi che tornano verso quella parete.
      La nuvola la farei invece con lana di roccia, così anche qualcosa ai lati degli ascolti, e sul fondo un misto di assorbenti e riflettenti.
      Tagliando il polistirolo in listelli di misure diverse potreste farvi dei QRD per il fondo, così sfruttete anche quello, ma in modo più funzionale.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 1 time, last by “Pilloso” ().

      Ok grazie, allora per la nuvola utilizziamo pannelli di lana di roccia... Non sappiamo però a che altezza e con quale inclinazione sarebbe meglio appenderli (o non sappiamo come calcolarlo)
      Tornando invece ancora al soffitto, se mettessimo solo il telo, un po' "smollato" in modo che non resti totalmente piatto? Potrebbe funzionare, o meglio lasciare stare e tenersi le piccole volte?
      Scusate se abbiamo tanti dubbi, ringraziamo invece voi per la tanta pazienza
      Per i calcoli quoto quanto detto da @BjHorn, bisognerebbe rivolgersi a qualcuno che si occupa di acustica per professione, sul forum ce ne sono di molto onesti, ma ovvio che se il budget è così ristretto, temo vada speso tutto nei materiali.
      Che il telo sul soffitto faccia delle conche o meno è indifferente, può anche essere teso, ma deve essere un po' spesso perché abbia una funzione un minimo assorbente, altrimenti sarà quasi inutile.
      Però se fate una bella nuvola un po' estesa, tipo 3x1,5mt, ossia metà del soffitto, probabilmente coprite già la parte più critica, e il resto potete anche vederlo in un secondo momento e lasciarlo per ora com'è.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.