Stanza grande o stanza piccola?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Stanza grande o stanza piccola?

      Buongiorno a tutti
      Una domanda apparentemente stupida (io capisco nulla di acustica )
      Ha casa sto allestendo un piccolo Home Studio per mixare un po
      Ho a disposizione una stanza piuttosto grossa 25mq in tavernetta e una stanza da 10mq al piano di sopra
      Capisco che é una domanda difficile ma vorrei sapere se tendenzialmente é meglio una stanza piccola o una più grande
      Grazie a tutti in anticipo
      no guarda, le domande in acustica sono sempre difficilissime e veramente solo pochi esperti possono darti una risposta seria nel 90% dei casi. Ma in questo caso la risposta è semplice e può dartela chiunque sia anche all'ABC: Scegli la stanza più grande che puoi.
      Nel tuo caso è quella da 25 mq (la mia ha più o meno le stesse dimensioni), e considera che in acustica una stanza viene considerata "piccola" sino a 60mq.
      In stanze troppo piccole il trattamento può diventare persino impossibile. Con 25mq puoi farlo senz'altro, ma ti consiglio di rivolgerti a un professionista se vuoi fare le cose sul serio.

      gobert4 wrote:

      Io valuterei quella con le proporzioni migliori...

      Se pensi di fare trattamento serio, in 10mq ci farai giusto giusto una control room e nulla più.


      Beh ma comunque una stanza di 25mq un cubo non può essere. Se, nella peggiore delle ipotesi, la stanza da 25mq avesse due lati eguali, tu potresti anche scegliere una stanza di 10mq con proporzioni migliori (secondo Bonello) ?

      gobbetto wrote:

      gobert4 wrote:

      Io valuterei quella con le proporzioni migliori...

      Se pensi di fare trattamento serio, in 10mq ci farai giusto giusto una control room e nulla più.


      Beh ma comunque una stanza di 25mq un cubo non può essere. Se, nella peggiore delle ipotesi, la stanza da 25mq avesse due lati eguali, tu potresti anche scegliere una stanza di 10mq con proporzioni migliori (secondo Bonello) ?


      Dipende molto dagli interventi che vuoi farci...
      Per questo valuterei tranquillamente anche un ambiente di soli 10mq.

      Chiaro...incrocerei le dita su quella da 25mq
      Scegli quella con le proporzioni migliori.
      Le misure sono meno importanti.

      Se quella da 10 ha delle buone proporzioni ti potrebbe venir fuori un gioiellino se fatto bene.
      Interfaccia: Apollo quad Mics neumann u 67, 414, ribbon CGE Pre spl goldmike, octopre Outboard dbx 160a(x2) Urei 545 EQ Drawmer 1968 Mercenary Edition Ascolti Krk K-rok, Ns-10 Studio monitor.
      e tanta voglia di fare musica!
      Ehm... non è proprio come dite voi ;)

      A parità di rapporto dimensionale lunghezza-larghezza-altezza (scalabile, proporzionalmente, ma fino a un certo punto)
      è indubbio che, senza eccedere un certo volume, una maggiore cubatura corrisponde a una frequenza di Schroeder inferiore.

      Numero uno: la frequenza di Schroeder è un dato sostanziale nelle regie, e detto in parole povere è la "soglia" sotta la quale sono concentrate le risonanze modali.

      Più grande è la stanza, minore è il range delle frequenze critiche basse, bassissime e subsoniche, maggiore è la possibilità / range di distribuzione dei modi, visto che Gobert menzionava giustamente Mr. Bonello...

      Anche se è assolutamente possibile correggerla "col martello" - ossia con misurazioni e perizia, una regia da 10 mq è oggettivamente molto piccola.

      E, numero due, sostanzialmente in una regia così piccola ...è tutta "distanza critica", altro concetto base per le regie stereo.

      Per un'infarinatura sulla distanza critica:
      http://education.lenardaudio.com/en/04_acoustics_2.html

      Se invece devi isolarti / insonorizzare lo studio, qui un mio articolo:
      progettazione-studi-di-registr…gistrazione-professionale

      Spero di essere stato utile !
      in bocca al lupo per il tuo nuovo studio !

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      incredibile, una volta tanto ci prendo :D

      no in realtà anche io avevo considerato come grande vantaggio il fatto di avere una frequenza di Schroeder più bassa, e quindi meno frequenze critiche sotto la soglia. La mia è abbastanza bassa proprio perchè la stanza è 25mq.
      Ad ogni modo, adesso vedrò di farmi i calcoli, ma comunque io avevo capito (da una spiegazione di teetoleevio in thread precedente) che in realtà anche nella mia sala (25mq) è tutta "distanza critica" (e quindi richiede comunque assorbimento a manetta).
      Ottimo il link di teetoleevio, non sapevo avessi un sito con degli articoli, lo leggerò attentamente.

      gobbetto wrote:


      Ottimo il link di teetoleevio, non sapevo avessi un sito con degli articoli, lo leggerò attentamente.


      Grazie. :)

      Eh, diciamo che finalmente ho avuto un po' di tempo per fare un sito sulla progettazione acustica degli studi di registrazione.

      Se tutto va bene in un paio di mesi trasferirò anche i vecchi articoli sulle tecniche di mix più altri articoli bomba su questo nuovo sito.

      Mi fa piacere se vi può essere di qualche interesse :thumbsup:

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      Io ho trovato interessanti le foto delle sue realizzazioni, sollevano qualche milionata di domande...
      Anche cose che non mi sarei aspettato, ad esempio: a volte ho visto che usa diffusione con QRD sul cloud, nella first reflection del punto di ascolto in regia... avevo letto che qualcuno lo fa, ma pensavo fosse generalmente preferito l'assorbimento in quel punto lì.
      E così anche per i listelli in legno (slat, o come vogliamo chiamarli) a destra e sinistra, sempre in corrispondenza delle first reflections. E poi ancora spesso, dietro i monitor e tra di essi, sul front wall, delle strane strutture che non avevo mai visto prima e che mi ricordano i poli (quindi ancora diffusione).
      Teeto, ovviamente qualunque commento (nel rispetto e nei limiti del segreto professionale) è benvenuto :)