Costruzione sala esclusivamente registrazione vocale

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Costruzione sala esclusivamente registrazione vocale

      Ciao a tutti, mi chiamo Paolo. Premetto che sono alle prime armi.
      Sto progettando di sistemare una saletta per utilizzarla ESCLUSIVAMENTE per registrare la voce.
      Mi interessa ESCLUSIVAMENTE il trattamento acustico.
      Le dimensioni sono:
      Stanza 240x220x220, praticamente quasi un cubo.
      Finestra 60x40
      Porta 210x85
      Piantina: drive.google.com/open?id=1lNrLZyHKAZbwWdz__bpKKkjXuBRn6cQs
      Particolarità: al posto della porta c'è un buco, la porta non è mai stata inserita.
      Adesso, ne ho lette di tutti i colori sul forum, onestamente non ho la più pallida idea su quali/quanti pannelli, bass traps e diffusori usare e come posizionarli. Se possibile, preferirei il fai da te.

      Per quanto riguarda le valutazioni della stanza alcuni consigliano l'applicazione Eq Room (o qualcosa del genere), un utente (si chiama Envision) invece diceva testualmente:

      "Per gli ambienti più piccoli dedicati non alla fruizione di un evento sonoro ma alla sua registrazione, elaborazione e post-produzione, come per sale radiofoniche o le regie degli studi di registrazione, il tempo centrale deve avere valori decisamente bassi, preferibilmente inferiori a 50 millisecondi, in quanto è fondamentale in questi ambienti che sia molto elevata la capacità percettiva e l’intelligibilità. Questi due parametri insieme ad altri basati sullo stesso approccio (indice di definizione, di chiarezza, early decay time,ecc..) vengono forniti per bande in terzi d'ottava dai suddetti plugins. Sono parametri su cui in passato sono state costruite le migliori sale d'ascolto del mondo; Room Eq è di certo un ottimo strumento ma spesso , come evidenziato può portare a sopravvalutare alcuni aspetti e sottovalutarne altri fondamentali.Per usare i plugins suddetti basta anche scaricare la versione trial di Adobe Audition (validità 30 gg) e installare i plugins del pacchetto Aurora, disponibili al link aurora-plugins.it/Aurora_XP/index.htm.Al link suddetto c'è anche una guida (in inglese) piuttosto chiara sul loro utilizzo. Per la misura della risposta all'impulso consiglio il semplice scoppio del palloncino, registrato con un classico microfono da misura omnidirezionale. Sconsiglio per chi è alle prime armi lo sweep con deconvoluzione perchè andrebbe fatto con sorgente omnidirezionale (dodecaedro) e quindi i risultati sarebbero poco attendibili."

      Qualcuno per favore mi sa spiegare come cavolo devo muovermi? Che passi devo seguire?
      Scusate lo sfogo, ma sono ore che leggo discussioni su discussioni. Non voglio un risultato super-eccezionale, cerco solo un buon rapporto tra sforzo e guadagno di qualità del suono della stanza.
      Grazie a chiunque risponderà.
      Ti serve un plugin, facile da scaricare! Probabilmente ce l'hai già, si chiama CLAP-CLAP®!
      Funziona così: entri nella stanza, batti le mani o schiocchi le dita, se senti riverberi o rimbombi o riflessioni bisogna aggiungere uomini morti con cappotti agli angoli, materassi alla porta, tappetoni a terra, tendaggi, e chi più me ha più ne metta!

      No non sto scherzando... se devi fare SOLO le riprese a te non servono bass trap (quelle servono per il trattamento acustico per missaggio o mastering) nè ti servono software di roomEq.

      Basta che non ci sia "aria", ovvero che la stanza non risuoni della tua voce quando stai registrando. e per far questo basta poco. Tutta l'effettistica verrà inserita DOPO, e che l'ambiente sia silenzioso, no ventole pc o altri rumorini.

      Tutt'altro discorso se vuoi effettivamente registrare (volutamente) il riverbero naturale come si faceva soprattutto negli anni 60/70, ma le tue misure non ti consentirebbero di avere chissà che effetti. Un tempo usavano le hall di qualche albergo! :D
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!
      fortunatamente per la voce non occorre chissà che progettazione, ti basta mettere del materiale fonoassorbente sulle pareti (non serve ricoprire il 100% della superficie) soprattutto se non vuoi spenderci chissà cosa andrebbero bene anche delle tende non leggerissime, o pannelli fonoassorbenti, e poi al limite comprare un acoustic screen fatto apposta per cantanti e speaker

      Paolino21 wrote:

      c'è uno schema riguardo come posizionarli da seguire?


      Probabilmente ci sarà pure uno schema, ma a te non interessa "correggere" delle frequenze, e quindi cercare il posto preciso.
      Devi solo evitare che il suono della tua voce rimbalzi sulle pareti (e pavimenti e soffitti) e ritorni al microfono, "sporcando" il risultato.
      Dove riprendo di solito la voce io non ho fatto assolutamente nulla. E' un laboratorio/studio/magazzino apparecchiature live e AGRICOLE, ed è già asciutto di suo. Al limite sposto il decespugliatore nell'angolo per non averlo tra i piedi! :D
      Chiaro che non sono uno "studio" professionale che abbia chissà che aspirazioni, ma le mie soddisfazioni me le sono tolte.
      Poi bisogna anche lavorare di posizionamento microfono, cercando la massima resa con il minimo gain (che porta su fruscio di fondo).
      Se poi c'hai un vocione da 100 db, allora bisogna prendere provvedimenti più mirati, perchè a quel punto la stanza potrebbe reagire.
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!
      Purtroppo (o per fortuna) ho piuttosto il vocione. Quindi in questo caso cosa si fa, devo comunque tappezzare la stanza il più possibile? In che percentuale? Che materiale fai da te per i pannelli mi consigliate? (va benissimo anche un link)
      Ultimissima domanda, posizionamento mic come mi comporto?
      posizionamento non al centro della stanza, diciamo 1/3 del lato più lungo
      puoi usare i cari vecchi piramidali passati di moda ma ancora utili in questi casi, inizia con un 30% della superficie andandoli a mettere ad altezza della testa e sul soffitto, fai dei test e in caso aumenta
      Devo comprarne di particolari o ad esempio questi vanno bene? Accetto suggerimenti
      amazon.it › Pannelli-Fo...
      Pannelli Fonoassorbenti Piramidali Correzione Acustica 50x50x6 D25 Pacco da ...
      Inoltre, i piramidali mi piacciono molto esteticamente, posso eventualmente metterci del feltro di sopra? Non modifica la loro azione giusto?
      scusami, nel post precedente mancava il "non"

      tutti i materiali alla vista morbidi e porosi hanno caratteristiche fonoassorbenti, chi più e chi meno. ci sono pannelli dello stesso materiale dei piramidali ma senza le piramidi, piatti alla vista, colorati, ce ne sono tanti in commercio, basta cercare pannelli fonoassorbenti su google, ne trovi svariati
      ok, hai per caso un prodotto specifico di una marca specifica da suggerirmi? Che magari è migliore rispetto ad altre per quello che devo fare io? Inoltre, qual è lo spessore adatto e la densità da utilizzare?
      Magari apro un altro thread.

      Post was edited 1 time, last by “Paolino21” ().

      A prescindere dal fatto che per creare un ambiente di registrazione vocale personalmente non consiglio piramidali dozzinali né piramidali in genere, - nel senso che vai a fare quello che spesso va nella direzione opposta a quello che ci si aspetta: asciughi solo le frequenze medio-alte e senza controllo delle basse la voce sarà totalmente intubata e priva di articolazione -
      mi piacerebbe sapere dove hai trovato quell'affermazione dell'utente Invision, perché è interessante.
      Se riesci a darmi un link è interessante, perchè si rieferisce anche ai vecchi plugin del prof. Farina, ai suoi impulsi, eccetera.

      Grazie in anticipo

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      Ciao, allora il link del commento è questo (ultima risposta in fondo):
      Trattamento acustico (finalmente tocca a me) - Lo studio : foto e domande - Homestudioitalia | Il forum italiano di home recording e strumenti musicali.

      Se ti posso chiedere, visto che si parla molto bene di te sul sito, se puoi dare un'occhiata a questo mio thread e magari darmi un tuo parere, te ne sarei molto grato.
      Domanda veloce veloce veloce - Lo studio : foto e domande - Homestudioitalia | Il forum italiano di home recording e strumenti musicali
      Grazie mille per il link ora mi sono ricordato di quella discussione,
      peraltro molto complicata e molto tecnica, per me assolutamente e totalmente fuorviante per chi ha solo bisogno di qualche buon consiglio.

      Ti hanno già risposto bene, non usare piramidale.
      usa assorbitori porosi non dappertutto - non superare il 65% delle aree coperte a parete e soffitto.

      Da qui in poi ci sarebbe un mondo da dire, ma sei in un cubo pressochè perfetto, e qualche magagna ce l'hai.
      Se registri solo voci ti basta inserire un bell' HPF, anche già nel pre, se ce l'hai disponibile...

      CIAO

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !