Dimensioni minime vocal booth

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Dimensioni minime vocal booth

      Ciao a tutti,
      Mi piacerebbe realizzare una piccola vocal booth in taverna, l'esigenza è di poter cantare e registrare disturbando il meno possibile, o anche evitare di registrare il vicino che gioca al piccolo falegname in garage.
      Non pretendo di ottenere un insolazione da primato, ma quel tanto che basta per potersi esprimere liberamente.
      LO spazio a disposizione non è molto lo so le misure max di cui posso disporre sono 1.85mx1.40x2.37 di altezza.
      Secondo voi al netto di trattamento acustico interno, si può ottenere qualcosa di valido?
      Quale sarebbe il miglior modo per costruirla ottimizzando il poco spazio a disposizione?
      Io pensavo di realizzare le pareti esterne in cartongesso, magari doppia lastra con interposto materiale fonoisolante, ma non saprei quale, e poi andando verso l'interno, intercapedine d'aria da 5cm e lana minerale 12 cm.
      In pratica l'interno verrebbe 1mx1,40 circa, in teoria io e l'asta microfonica dovremmo starci...
      Che dite può essere fattibile?
      Ciao
      considera che sul mercato trovi cabine da 110x110 per cui con le tue misure avresti più o meno lo stesso volume.
      Per quanto riguarda l'isolamento direi che ciò che hai pensato sicuramente fa il proprio dovere (cabine già pronte usano anche materiali più sottili), ma come sai l'isolamente è sempre una brutta bestia piuttosto empirica ed è difficile prevedere (per noi mortali) il risultato finale.
      Ad ogni modo la doppia parete con 5 cm di aria e 12cm di lana minerale mi sembra più che buono, soprattutto se hai modo di disaccoppiare il pavimento e almeno la parete interna.
      Importante ovviamente è anche una porta adeguata.
      Ma non sono un esperto e in rete trovi di tutto a riguardo, oltre ad eventuali interventi più esperti qui sul forum.
      Ciao e grazie, questo un po' mi rincuora, ero molto titubante sulle misure.
      Per essere chiaro intendo una singola parete esterna con doppia lastra, poi aria, poi lana di roccia, che rimarrebbe a vista all'interno ovviamente rivestita da tessuto
      Magari in giornata posto uno schizzo almeno è più chiaro
      Sapresti suggerirmi che materiale usare tra le due lastre? So che esistono dei rotoli fonoisolanti...
      Avrei bisogno anche di un consiglio su quale lana usare, in modo da contattare un rivenditore e farmi fare un preventivo

      Intanto grazie
      Ci sono anche delle lastre sottili con uno strato di piombo all'interno, costicchiano, ma per una metratura così piccola può valerne la pena, perché risparmi spazio e l'abbattimento sonoro è eccezionale, magari ti risparmi uno strato di qualcosa e basta aggiungere un trattamento interno anche sottile per assorbire giusto i riflessi della voce.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      come ti dicevo non sono un esperto in materia per cui evito di consigliare acquisti specifici.
      Ma qui se ne è parlato molto per cui puoi trovare parecchi post a riguardo, ne ho letto uno negli ultimissimi giorni in cui si parlava dell'inserimento di pannelli in fibra minerale.
      E intanto chiediamo l'intervento di chi conosce i materiali.

      EDIT: ecco, intanto uno è già arrivato ;)
      Preciso che anche io non sono un esperto, quindi sul trattamento acustico interno lascio la parola agli altri, ma per quanto riguarda l'abbattimento e il risparmio di spazio in una doppia parete, prenderei in considerazione il piombo, che ho usato in una stanza tanti anni fa e riusciva a mettere in MUTE un'intero gruppo rock chiuso dentro la sala prove.
      Dentro al booth continuerà a servire un trattamento ma limitato a ottenere la giusta acustica interna, e a quel punto anche il disaccoppiare diventa di relativa importanza, però attenzione, se devono restare delle finestre nel booth il discorso è tutto da rivedere, se invece può essere tutto tappato è già più facile, come porta te la autocostruisci e imbottisci pure quella, oppure ci sono quelle tagliafuoco con guarnizioni, usate in molti studi, isolano abbastanza e si trovano spesso a pochi euro presso disfatture e demolitori.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Intanto grazie per i consigli provo a postare qualche foto per rendere tutto piu chiaro

      questa piu o meno è la situazione attuale
      foto
      e quello che vorrei realizzare
      Foto2
      foto3
      foto4

      Per quanto riguarda lo spessore della lana minerale non vorrei rischiare a farlo troppo sottile, vorrei assorbire quanto piu in basso possibile, non voglio ritrovarmi con una stanza che rimbomba sulle mediobasse, o che mi restituisca delle take intubate o inscatolate.ecco perchè pensavo a 12cm di spessore

      intanto faccio una ricerca sul piombo, so che esiste lo sheetblock, ma non lo regalano....

      mi chiedevo dovrei prevedere una sorta di areazione? in caso avete consigli su come realizzare qualcosa di silenzioso a costi umani?
      Fai bene a curare in ogni caso la parte interna e mettere gli spessori giusti.
      Di areazione ho visto diversi progettini per ventole autocostruite dentro una scatola a "S" che tipo un labirinto abbatte parte del suono, dalla parte opposta ci vorrebbe una griglia, sempre con una scatola a "S" da cui l'aria entra.
      Però attenzione che se insonorizzi tutto, è possibile che per fare passare l'aria, parte dell'insonorizzazione se ne vada a ramengo, in fondo dove passa l'aria passa anche il suono...
      Io farei dei forellini diffusi in una delle paretine, diciamo in un'area 50x50, e dietro a quelli una scatola larga altrettanto, con il fondo rivestito in lana di roccia, e un lato che convoglia in un tubo con la ventola, quest'ultima la metterei in cima al tubo, portandola anche a 1mt di distanza verso il corridoio, dove puoi giocartela con gli spazi.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Si questa cosa dell'areazione merita un approfondimento, nel frattempo sto cercando informazioni sul materiale fonoimpedente da interporre tra le due lastre, e al momento il più valido sembra essere questo flatbarrier da 5kg a mq, masacoustic, non loregalano affatto ma non trovo alternative altrettanto valide a minor prezzo, voi conoscete altro?
      In tutto hai meno di 10mq da coprire, quindi può valere la pena di investire su materiale buono e assicurarti il risultato.
      Diversamente se occorre risparmiare, puoi anche mettere dei vecchi materassi dentro l'intercapedine, oppure sigillare bene le fessure e riampire l'intercapedine di sabbia, quest'ultima soluzione un po' atipica ma già usata per stoppare suoni e vibrazioni, con costi irrisori.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Domanda magari stupida (ma sto valutando alternative perché il solo flat barrier mi costerebbe 300 euro e la gomma piombo non costa meno) visto che l'intento è aggiungere massa tra le due lastre, una membrana bituminosa di quelle per l'impermebilizzazione dei tetti, potrebbe essere un alternativa o è inadatta?
      Esistono rotoli da 10mx1 adesivi a 45 euro. Peso 35kg

      Con 2 rotoli sarei a posto, ammesso che sia adatto allo scopo
      mah... se nessuno l'ha mai provata qui sarà dura avere una risposta che sia certa.
      Il problema sta proprio nell'empiricità della questione e fare prove con materiali sconosciuti per la loro risposta rischi di spendere meno per poi rimetterci mano e spendere di nuovo quello che avresti dovuto spendere prima.
      Tutti i palliativi per risparmiare che mi è capitato di condividere negli anni sono stai buchi nell'acqua.
      L'isolamento acustico purtroppo costa e tutto sommato 300 euro per l'acquisto di materiali commercializzati per lo scopo la vedo una spesa accettabile.
      La stessa cifra si spenderebbe tranquillamente per un buon microfono o un preamplificatore mentre la prima cosa è l'acustica che se buona ti permette di avere buoni risultati anche spendendo meno su tutto il resto.
      Poi magari funziona anche come dici tu, ma personalmente lo vedo piuttosto rischioso...
      Lo so, condivido il tuo ragionamento, in fondo sono riflessioni che ho già fatto, alla fine so che farò lo sforzo ed opterò per il materiale più adatto allo scopo, anche se l'esborso sarà maggiore...
      M visto che non ho fretta mi sto guardando intorno e mi chiedevo se ci fosse in giro qualche folle che avesse fatto da cavia con materiali alternativi che magari funzionano
      Quoto Flavio, 300 euro per un lavoro acustico fatto a modo e che ti risolve dei problemi sono NIENTE, se non sei disposto a investirli abbandona anche l'idea del ricambio di aria perché una buona ventola silenziosa o un depuratore possono costare altrettanto.
      Tra tutti i materiali che puoi farti venire in mente, non credo proprio che il catrame abbia alcuna proprietà acustica.
      A questo punto tanto vale mettere dei vecchi materassi tra due paretine di cartongesso e di sicuro ottieni di più che comprando cose strane.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ma no forse non mi sono spiegato, non metto in dubbio che 300 euro siano più che sensati, e che il materiale sia più che ottimo, e ripeto, non mi spaventa l'investimento, solo da ignorante in materia ho chiesto se un materiale come il bitume, che comunque ha un certo peso, potesse avere una qualche applicazione visto il costo decisamente più appetibile.

      Purtroppo nonostante mi stia da tempo documentando, in materia acustica non sono ferratissimo....

      Abbiamo comunque appurato che era una pessima idea, pertanto grazie di averlo chiarito
      Domanda riguardante invece il ricambio aria
      Mi sto documentando un po' a proposito e ho appreso che volendo creare un ricircolo d'aria è necessario in primis praticare due fori nella parete, per l'ingresso e l'uscita dell'aria. Ad uno di essi, tramite un tubo flessibile che passa in un "labirinto" fonoassorbente, sarà collegata una ventola che potrà estrarre aria o soffiarla all'interno della cabina. L'altro foro se ho capito bene dovrebbe agire autonomamente senza un ulteriore ventola e a seconda se la ventola lavora in estrazione farà entrare aria, se invece la ventola soffia aria farà da uscita.

      Quello che non mi è chiaro è quale delle due configurazioni sia più efficace, sia dal punto di vista del ricircolo ed eliminazione di aria esausta, sia dal punto di vista acustico.


      Consigli?
      ciao, da quello che ho visto fare in altre situazioni, in genere si mette la ventola di estrazione, e sarà la differenza di pressione interna alla vocal booth a fare il resto, nel senso che se non vuoi andare sotto vuoto tipo i salami del conad, il secondo foro farà entrare l'aria all'interno per non creare appunto differenza di pressione con l'esterno. per un ricircolo migliore dovresti tenere la ripresa a livello pavimento e l'immissione in alto

      l'acustica è una bella rogna, perché per fare delle serpentine con del materiale assorbente vorrebbe dire fare un canale non piccolo, mandando a benedire l'insonorizzazione, perciò ci sono in commercio delle scatole insonorizzanti che fanno passare l'aria e fermano il suono

      Post was edited 1 time, last by “danny83” ().

      danny83 wrote:

      ciao, da quello che ho visto fare in altre situazioni, in genere si mette la ventola di estrazione, e sarà la differenza di pressione interna alla vocal booth a fare il resto, nel senso che se non vuoi andare sotto vuoto tipo i salami del conad, il secondo foro farà entrare l'aria all'interno per non creare appunto differenza di pressione con l'esterno. per un ricircolo migliore dovresti tenere la ripresa a livello pavimento e l'immissione in alto

      pensa che io avrei avrei agito al contrario, vedo sempre i fori di estrazione in alto, anche nei bagni ad esempio

      l'acustica è una bella rogna, perché per fare delle serpentine con del materiale assorbente vorrebbe dire fare un canale non piccolo, mandando a benedire l'insonorizzazione,

      e infatti si tratta di fare due buconi da almeno 100mm e la cosa un po mi preoccupa devo capire come renderli "indolore"

      perciò ci sono in commercio delle scatole insonorizzanti che fanno passare l'aria e fermano il suono


      potresti linkare qualcosa cosi da farmi un idea

      intanto grazie
      in una stanza piccola come una vocal booth la metterei in basso solo perché polvere e roba simile eviterei di farla girare verso l'alto ma cadere in basso spinta da aria nuova. ragiono per logica e non per una conoscenza diretta della materia. noi in studio abbiamo la ripresa in basso e la mandata in alto. vediamo se altri consigliano diverse modalità.

      per i link appena posso posto qualcosa
      ho cercato al volo qualcosa, però l'ultima volta che ho dovuto affrontare questo problema è stato circa 5 anni fa. Di prodotti ce ne sono tanti, basta cercare su google "silenziatori impianti di aerazione" ed esce fuori di tutto e a prezzi molto diversi, dai 40 euro ai 700, e immagino tu non voglia spenderci chissà cosa.
      Noi ce lo siamo autocostruito, abbiamo fatto una scatola messa davanti alla bocchetta della mandata (abbiamo sia il motore di estrazione che di immissione di aria), e non potevamo metterlo fuori la stanza per motivi strutturali.

      La scatola è stata rivestita internamente di piramidale e abbiamo messo solo una piccola deviazione al'interno di questa scatola a circa 10 cm dalla bocchetta, perciò l'aria deve fare una sorta di "S" senza l'ultimo tratto verso sinistra (spero si sia capito). Per noi si è reso necessario farlo perchè le due sale prova comunicano tra loro tramite l'impianto di aerazione, e inizialmente una sentiva l'altra, con questo sistema abbiamo ridotto drasticamente in problema, certo non è il silenzio assoluto, ma immagino che tu non abbia una band metal a 5 metri