Room EQ: Dal nulla allo studio casalingo

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Non lo avevi mai visto perchè era vecchio, i lavori procedono piuttosto a rilento.

      Una domanda al volo... sono stato da un grande fornitore di materiale termoacustico a roma sud est (via casilina, fuori dal raccordo).

      Un rotolo Isogomma 5 mm in rotolo dimensioni 1x10ml di densità 750 KG/mc, l'ho pagato 120 € è iva....

      E' troppo?

      Ciao.
      Swish
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Nessuno sa consigliarmi su questi blocchi isolanti? Come ho detto 11 €/mq, vi sembrano buoni?
      La parete principale sarà in blocchi isolanti, ho trovato questi (clicca 1 e clicca 2 :( Mi sembra buono e posso averlo a 11 € al mq
      E per quanto riguarda la struttura del pacchetto murario e pavimento?
      Ho preparato uno schizzo di come sarà, in sezione, la struttura --> clicca qui
      Grazie ancora per tutti coloro volessero pubblicare un aiuto (sicuramente prezioso).

      Ciao.
      Swish.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Allora,
      silenzio assenso, vada per i mattoni isolbloc (se sbaglio mi corrigirete).

      Veniamo al pacchetto murario, questa la mia idea .
      In blu c'è già una parete di contenimento del terrapieno già presente. La sala prove, dove suonerò la mia batteria, indiscutibilmente avrà una doppia parete. Per la regia possiamo essere più laschi.
      Sia il tratto in rosso, esternamente e quello in verde avrà una parete col mattone isolbloc.

      Ora veniamo alla parete interna della sala prove. Ho due possibilità:
      • camera in cartongesso, come ho visto fate in molti
      • camera ancora in isolbloc (magari di 7,5 cm, invece di 9,5 cm, per non avere la stessa frequenza di risonanza)

      Mi orienterei nel caso secondo, direi che comunque l'isolante di questo mattone è sempre meglio del cartongesso.

      Avrò dunque tre tipologie di pareti, descritte dall'esterno verso l'interno:
      • BLU --> parete_contenimento | lanaroccia o poliuretano | aria | isolbloc(7,5)
      • ROSSO --> isolbloc(9,5) | lanaroccia o poliuretano | aria | isolbloc(7,5)
      • VERDE --> Isolbloc | lanaroccia o poliuretano (parete singola)

      Che dite? Un piccolo consiglio dai dai...

      Grazie.
      Swish
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Wnoise, pitchkiller... amici tutti, dai, un piccolo aiutino...

      Mi veniva un dubbio, faccio la doppia parete in blocchi di cemento isolanti... ma come fare il tetto interno?

      Mi pare di capire da altri post che se lo si fa in carton gesso, non si azzera la sua utilità....
      quindi pareti interne in muratura, cotrosoffitto in cartongesso...

      Questa settimana ordino tutto il materiale.

      Ciao.
      Swish.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Allora, ho realizzato per pulirmi le idee una pianta di googlesk.

      Questa.
      In giallo le pareti che fanno parte della struttura già realizzata. In rosso i plinti di fondazione.

      Tutto il resto è da realizzare, le porte le metterei così, nel mio pensiero se non sono di fronte una all'altra è meglio per l'isolamento verso l'esterno. Le due pareti saranno entrambe realizzate con il blocco isolante detto, niente cartongesso, dunque. in mezzo lana di roccia e intercapedine come mostrato (marrone nel disegno).

      Cercherò di fare in modo che i due massetti che sostengono la parete esterna e quella interna siano diversi e non meccanicamente accoppiati. In parte per questo mi aiuta il plinto esistente (dove potrò la parete esterna l'appoggio lì). Credo sia corretto per svincolare maggiormente il tutto.

      Spero si capisca.

      Domani ordino i mattoni, ma tanto dovrò fare prima il massetto. Come vedete mi sono tenuto ben lontano dai pilastri esitenti.

      Se avete consiglio su alternative, considerate che non si può toccare solo il giallo o rosso.

      Per avere un'idea generale, questo è il contesto. Considerate che vado a rilento perchè sto facendo anche tutto il resto della casa, non solo la saletta!!!

      Grazie.
      Swish.

      Ora comincio a pensare all'impianto di aerazione e quello elettrico (mi viene in mente di farlo passare sotto il pavimento).

      Semmai vi carico qualche foto, del cantiere.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Salve a tutti.
      Ci siamo, il massettista sta facendo i massetti dell'appartamento e così mi trovo a pensare alla mia saletta (che arriverà subito dopo).

      Per ora vi chiedo un supporto tecnico/logistico su quello che devo comprare di più difficile, non riesco a districarmi sulla quantità di materiali che ci sono in commercio e a trovare molti di quelli che invece sono postati in questo forum.

      Chiedo aiuto a qualche amico di Roma per l'acquisto di questi materiali e magari un'idea di caratteristiche e prezzo. Quello che devo comprare:
      • tappeto antivibrante su cui posare i mattoni fonoisolanti per le pareti della saletta (che spessore e caratteristiche?)
      • tappeto antivibrante per posare il pavimento sospeso (tipo ecorubber, dove lo trovo?)

      Naturalmente per evitare pubblicità, che magari non può essere ammessa, vi chiedo di scrivere eventuali negozi di fiducia di Roma, in privato.

      Grazie mille per ogni aiuto.
      Mario.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Me l'ero perso sto thread!!
      Non ho grossi consigli e sono fuori zona per rivenditori di materiali ma leggo con molta attenzione perchè sono nella tua stessa situazione.
      Sto cercando anch'io di capire i materiali per isolare al meglio (e al meno) una stanza, nel mio caso separata dalla casa ma confinante con il giardino dei vicini...

      In bocca al lupo!
      Andrea
      "...in viaggio dal mare di fango al muro di suono..."

      Raw Attitude - Crude Rock'n Roll Band - FB Page - ReverbNation Page
      Hey Swish è il migliore a Roma io ho comprato praticamente tutto da loro, hanno veramente qualsiasi tipo di materiale e il proprietario è davvero un grande , dedica un sacco di tempo ai clienti e non ti snobba come la maggior parte dei rivenditori romani.
      Per la cronaca... il "famoso " confessionale del grande fratello lo hanno ideato e costruito loro, oltre ovviamente ad aver sonorizzato tutta la casa!
      I prezzi sono i piu bassi ,io ho acquistato rubberhd(sarebbe l'ecorubber) da 1 e 2 cm,lana di roccia 50 e 75 kg,cartongesso con gommapiombo(tech sound) , gommapiombo sfusa,pendini...insomma un sacco di roba!!!
      Facci un salto merita davvero!
      Ah dimenticavo sul trasporto son un po cari!io mi son caricato tutto da me con un furgoncino di un amico!!
      Ciao

      Cominciamo dal pavimento

      Ciao a tutti,
      recupero questo thread. Come accennavo sto costruendo la casa con tutta la saletta prove per la mia batteria.

      Ci sono i muri in cemento armato e mattoni fonoisolanti, il pavimento realizzato mediante magrone controterra. Ho bisogno di una conferma da parte vostra se da qui in poi sto operando correttamente per "foderare il tutto". Cominciamo dal pavimento.

      Essendo controterra ho paura che mi salga l'umidità, dunque stenderò una guaina isolante, magari un paio di strati, ora vedo.
      Sopra questa, ovviamente ho bisogno del pavimento galleggiante che pensavo di realizzare così.




      In pratica metterò una striscia di antivibrate ecorubber, poi un listello di legno sopra, poi ancora striscia di ecorubber. Fino a formare un telaio a scacchiera sul pavimento, così:




      nei buchi del telaio metterò lana di vetro o roccia. Appena realizzato questo, poggerò sul suddetto telaio pannelli di legno, di quelli repellenti all'acqua che si usano per casseformi in cemento armato.




      Spero possa essere una buona soluzione. La prima domanda che allego è... lana di vetro va bene come riempitivo? Che densità mi consigliate?

      Grazie.
      Swish.

      P.S.: ho caricato le immagini su google drive ma non riesco ad inserire i link, li ho messi come immagini ma ovviamente non si vedono, dovreste copiare il link sul browser per vederli.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham

      Si ricomincia

      Pensavo di non rivedere più il mio post, e invece eccolo qui.

      Bentrovati a tutti, ricomincio di slancio. Tagliati in listelli il rotolo di gomma antivibrante da posizionare sopra e sotto gli assi di legno.

      Posizionata la struttura di legno e fissata con placce di metallo a L.

      Posati i corrugati.

      Comprata lana di roccia. E successivamente posata a riempire.

      Comprati i pannelli di legno (pannelli gialli per casseforme in cemento armato) e posizionati sul pavimento creando alcuni tasselli per stabilizzare il piano.

      Per tenerli assieme ho usato placche in metalle piatte come si vede qui.

      Questa è una vista d'insieme.

      Questo per fare un riassunto, in un successivo post ho alcune cose da porvi se avete consigli. :) come vi pare?

      Ciao.

      Swish.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham

      Ora tiriam su le pareti

      Salve,

      questo forum mi pare non abbia più la vitalità che lo caratterizzava una volta. Ad ogni modo, completato il pavimento mi trovo a tirar su le pareti senza ancorarle alla struttura, vorrei fare una orditura metallica su cui fissare le lastre di cartongesso completamente autoportante.

      Ho solo un dubbio... la porta. Non essendo ancorata alle pareti perimetrali la mia paura è che la porta, col suo peso e le sollecitazioni dovute ad apertura e chiusura, possano sollecitare troppo una struttura che troppo rigida non è.

      Voi che ne pensate? Esistono accorgimenti particolari per rendere il telaio porta (montanti e architrave) "sostenibili"? O il mio è un dubbio esagerato?

      Non sono riuscito a trovare nulla in rete.

      Grazie.

      Swish.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham

      E il soffitto?

      Ragazzi, ho veramente bisogno di un vostro aiuto, non vorrei azzerare tutto il bel lavoro fatto finora.

      Dunque, il pavimento è flottante, sopra ci poggiano le guide ad U, avvitate sul legno, per il cartongesso. Ora, mi trovo a mettere le stesse guide ad U sul soffitto, ma ovviamente devo fermarle con gli stop per muratura, creando l'unico vincolo meccanico di tutta la struttura alla muratura esterna.

      Sopra non abita nessuno, ma, a parte questo, secondo voi è veramnte un problema? Non vedo come altro posso fare per dare un minimo di stabilità alla struttura dal momento che ospiterà anche la porta che ha un suo peso.

      Secondo fornitore e consulente del materiale fonoisolante che mi ha fatto un capitolato del lavoro, non è un problema così critico. Ma voi che dite? Grazie per il vostro aiuto.

      Grazie mille in anticipo.

      Swish
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Va beh, proseguo...

      Orditura metallica rinforzata nella porta con travetti di legno... clicca qui

      Buco per installazione plenum, qui Questa è la parte che più mi turba, ho paura di perdere per tutto l'isolamento fatto in questo punto, se qualcuno ha dettagli su come fare la cosa veramente per bene, si faccia avanti.

      Infine qui un dettaglio, come vedete sotto ci sono i corrugati e non potevo passare i canali audio vicini e paralleli, dunque farò un foro all'angolo e passerò il segnale audio più o meno come da linea rossa, solo su un lato della saletta, non voglio fare troppi buchi. Si vede qui.

      Ogni commento è ben accetto.

      Swish.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      molto interessante !! devo dire fin'ora è stato un lavoro molto scrupoloso e preciso..
      per i canali audio , hai fatto bene non credo sia il massimo farli passare di fianco a fili elettrici ,
      per il buco plenum non saprei cosa dirti , posso linkarti una discussione dove un tipo ha iniziato da 0 ache lui e si intravede anche l'installazione per l'areazione
      homerecording.com/bbs/general-…studio-build-pics-340157/
      Swish, a meno che non sia giustificato da precise scelte che mi sfuggono, ci sono alcuni elementi poco efficaci.

      1 - Il pavimento flottante l'hai realizzato con uno schema del tipo gomma - telaio legno - gomma - assi (mi pare di ricordare visto che le foto non sono più visibili). Per quale ragione? Con quello che costa la gomma ne hai dimezzato l'efficacia rispetto a che se avessi adottato gomma (dello stesso spessore somma dei due strati) - telaio - legno.

      2 - Le assi che hai utilizzato costano un cappello di soldi! Belle eh, ma costano parecchio, soprattutto se consideri il fatto che sono fatte per staccarsi dal cemento. Se avessi impiegato dei pannelli di OSB avresti probabilmente speso la metà ed ottenuto una massa del pavimento superiore, senza incorrere in problemi di deterioramento da umidità. Anzi, considerando che sei appoggiato sul terreno, avresti potuto anche risparmiarti un po' di lavoro adottando altri schemi rispetto alla realizzazione di un pavimento flottante. Ormai le hai prese, ma almeno che rimanga ai posteri il fatto che esistono materiali più economici (e più pesanti.....)

      3 - Nell'isolamento delle pareti verticali è strategica la distanza tra parete interna ed esterna del guscio. Dalle foto mi pare di vedere che siano praticamente attaccate ( ??? ).

      4 - Aumentare la distanza tra le pareti ti avrebbe automaticamente risolto il problema della porta (che spero sia standard e non una porta pesante, altrimenti preparati a vederla sfregare ogni volta che la apri

      5 - La distanza tra orditura e parete avrebbe risolto il problema del passaggio cavi.

      6 - la distanza tra orditura e parete avrebbe permesso di impiegare un tubo a soffietto per il collegamento della bocca del plenum alla bocca per il ricircolo dell'aria.

      7 - resta da capire come effettuerai il riscaldamento/raffrescamento della sala che, per inciso, è il sistema parallelo alle soluzioni strutturali volto al controllo dell'umidità degli ambienti (come a suo tempo ti fu indicato, ma del resto, da me solo soddisfazioni e grandi suggerimenti !!! :D )

      8 - Per favore, non bucare le orditure metalliche se poi ci vuoi fare appoggiare sopra il soffitto. In questo caso, abbonda con i ganci elastici.
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      Znal_lanz, mi dai sempre grandi gioie.

      1. Ricordi bene, il motivo per cui ho adottato la soluzione è per via dell'elasticità del legno, non volevo inchiodarlo sugli assi per non trovarmi scricchiolii e attriti quando ci cammino sul contatto telaio/pannello. Ora al camminamento è tutto molto fluido ed elastico. Onestamente non avevo pensato addirittura di dimezzare l'effetto! Posto che sotto non ho nulla da isolare e comunque anche la guaina di bitume e terra sono buon ammortizzanti, spero non ci siano problemi (non sono poggiato sul cemento o mattonelle rigide per fortuna)

      2. Sai che c'è, come ho anticipato ho costruito tutta la casa, non solo la saletta, dunque un po' mi erano avanzate. Costano 24 euro l'una, ne ho prese 12, beh, un po' son costate. Dici che le OSB sono più pesanti? Stiamo parlando di 13/14 Kg al metro quadro, siamo quasi a due quintali di pavimento solo per gli assi di legno di 27 mm di spessore. Ma forse per altri schemi non so darti torto è stata una scelta sofferta, ma ho dovuto tenere conto di un po' di fattori, tra cui costo del magrone e calcinacci da smaltire già in situ. Per la regia farò come dici --> OSB

      3. Non sono attaccate, ma vicine, i corrugati ci passano ci passano. Avrei potuto lasciare di più, è vero. Me ne sono già pentito, ci sono praticamente 10 cm, in 5 andrà la lana, 5 sarà intercapedine pulita. Poi le pareti non sono drittissime, dunque in alcune parti ho effettivamente misurato 3 cm. Un po' pochi si.

      4. Per la porta vorrei utilizzare approccio descritto da Everest nel suo libro, dunque non ad incastro, ma sovrapposta alla parete con schiacciamento di gomma. Ecco perchè ho messo quei travetti di legno. Brutto? Non capisco perchè la distanza delle pareti mi avrebbe risolto la porta... uhm...

      5. I cavi ci passano, il fatto è che voglio fare quanti meno buchi possibile. A proposito di questo ho una domanda. Quanti cavi da 6,5 mm di diametro posso mettere in un corrugato da 20?

      6. Eh, hai ragione per il plenum, dovrò fare una nicchietta che spogerà sulla parete di cartongesso e il buco sarà sotto. Ci penso un attimo, ma qua non posso che fare ammenda.

      7. Allora, l'idea è usare il buto che si vede nella foto per passare (l'ho fatto un po' più grandicello) i tubi di andata e ritorno per condizionatori d'aria più deumidificatori insieme al foro di uscita del plenum. Un altro plenum verrà posto invece in basso, imboccherà in un aera di un garage asciutto e fresco, valuterò poi se mettere pure ventola.

      8. Il soffitto sarà su ganci elastici, considera che sopra di me non abita nessuno e anche la casa è sfalsata, inoltre mi sono tenuto lontano da travi e pilastri. Il soffitto non sarà appoggiato, ma sarà dentro... In pratica metterò il primo strato di pannelli in cartongesso caricato con gomma (che costano un bel po), poi metterò orditura per controsoffitto avvitata su questi. Poi metterò i pannelli controsoffitto, poi secondo strato pannelli parete e poi secondo strato pannelli controsoffitto, a scaletta. Approfitto per chiederti questo, sencondo te, il cartogesso caricato con gomma, è anche questo un costo che mi posso risparmiare mettendo un pannello di cartongesso normale?



      Grazie infinite, veramente.

      Swish.
      « è senz'altro il feeling la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo » Billy Cobham
      Direi che la cosa ha il suo senso, e mi fa piacere che ad obiezioni le risposte siano state date grazie a ragionamenti.

      1 - E' chiaro. Il discorso del dimezzare l'effetto è in realtà un'esagerazione. La parte elastica che hai messo sotto al telaio di legno fa il suo lavoro in relazione allo spessore che ha ed in base alla massa di telaio + piani. La gomma sotto alle assi lavora solo su quelle, quindi è meno efficace dal punto di vista dell'isolamento. Mettendo tutto lo spessore di gomma sotto il telaio l'effetto sarebbe stato "doppio" (esagerando) ;) La cosa dello scricchiolio magari poteva essere risolta con materiali meno costosi e più cedevoli come il noprene.

      2 - Per dire, il 30 mm di spessore costa 12-14 €/mq ed ha una massa, per il fenolico, di 18 kg/mq, più o meno. La soluzione alternativa che avevo in mente comunque era rivolta all'economia, più che al potere insonorizzante. Risulta infatti essere ben efficace anche il solo magrone disaccoppiato dalle pareti laterali.

      3 - Anche io avrei lasciato di più

      4 - Con più spazio avresti potuto mettere una doppia fila di profilati in modo da aumentare la resistenza.... ho capito il tipo di porta ma non mi ricordo i dettagli costruttivi, mi vado a rileggere le pagine dell'Alton Everest.

      5 - Dipende da quante curve fanno, ma in generale pochi. Se riesco domani vado a vedere nelle tabelle.

      6 + 7 Direi ottimo ... sfiga per la nicchia, l'importante è che il motore non tocchi le pareti interne del guscio

      8 ... to be continued. Me la devo leggere bene ;)
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      5 - Diciamo che, ad essere fiscali, con 3 cavi da 6.5 sei già fuori limite. Questo vale per corrugato già in posa... se fai l'azzardo di inserire i cavi nel corrugato prima di posarlo puoi guadagnare qualche cosa, ma poca roba (1 o 2 fili, ma se poi devi modificare qualche cosa sei fritto. Può funzionare su una macchina, ma in edilizia si va incontro o rogne interminabili). Come mai impieghi cavi così grossi? sono già dei multicore oppure inpieghi cavi microfonici standard?

      8 - Onestamente non ho capito la sequenza di montaggio. Mi pare che ci siano veramente un sacco di strati e non è chiaro come vengono collegati tra di loro o se sono tutti indipendenti. Considera che una bella rogna sarà la tenuta tra pareti verticali e soffitto (mi pare di capire che lo risolvi con il sistema a scalettatura, ma non m'è chiaro)...
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"