[Acustica] Posizionare il punto d'acolto vicino al muro posteriore.

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      [Acustica] Posizionare il punto d'acolto vicino al muro posteriore.

      Ciao ragazz ultimamente sto spostando un po' di cose e gira che ti rigira stavo pensando di posizionare il punto d'ascotlo con le spalle a ridosso del muro posteriore della stanza. Volevo sapere dal punto di vista "teorico" quali fossero le controindicazioni nel procedere così. Il muro gl'angoli & tutto quanto li tratterei pesantemente. Mi pare d'aver letto da qualche parte qui sul forum che come posizionamento non va niente bene.
      miciomiao
      non puoi trattare per le basse frequenze e ridossandoti al muro sentirai un botto di risonanze in bassa frequenza, più o meno come addossando le casse al muro. fai la prova ad ascoltare in quella posizione e te ne renderai conto immediatamente... ;)
      Il fatto è che tu dici che è come posizionare le casse addosso al muro . Ma cosa c'entra? Io mica sono uno speaker.
      I monitor addosso al muro creano problemi di SBIR . Come vedi nessun trattato.
      Fa niente dai. Vorrei attenermi al 3D. La prova l'ho fatta ma non ha molto senso senza trattamento ad hoc.

      Ciao
      miciomiao

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Giampier80” ().

      Non esiste un trattamento ad hoc che possa eliminarti l' influenza della parete posteriore se ci stai attaccato.
      Come detto da Serpava, una posizione del genere è del tutto sconsigliabile, come è sconsigliabile avere il punto d' ascolto a ridosso di una qualsiasi altra parete.
      Ma chiaramente poi vanno fatti i conti con le possibilità che la stanza ti offre...
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      A ridosso di una parete hai nodi per quasi tutti i modi longitudinali della stanza.
      In corrispondenza dei nodi hai i massimi di pressione dei rispettivi modi di vibrare.
      L'orecchio funziona all 90% in pressione.
      Risultato: otterresti il massimo dell'influenza dei modi sull'ascolto. Quindi è una pessima posizione d'ascolto.

      I diffusori montati in parete (flush mount, soffit mount, ecc. ecc.) hanno vantaggi e svantaggi. Il vantaggio più grosso è che è possibile correggere tramite equalizzazione il boost sulle basse frequenze che il montaggio provoca. Tale correzione si propagherebbe omogeneamente su tutta la stanza. Un secondo vantaggio è che un accorto proporzionamento del pannello da cui sbucano le casse eliminerebbe i fenomeni di diffrazione.
      Per contro questo schema di montaggio mal si presta a sistemi near-close field, per i principi che stanno alla base di questo tipo di ascolto.

      'Sto "SBIR" ha un po' rotto le scatole. Da che esistono i monitor non montati parete esistono le interazioni con la parete posteriore. Il montaggio attaccato alla parete è prorpio quello che minimizza questo problema, tant'è che per i near fild è peggio un montaggio a un metro dalla parete piuttosto che appiccicati. Per contro si hanno altri problemi di sollecitazione modale (correggibili tramite eq, entro certi limiti) e venting delle casse.

      Resta comunque il fatto che se la stanza è uno sgabuzzino, per quanto uno si sforzi di correggerla rimarrà sempre uno sgabuzzino.

      Spero di essere stato chiaro.
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"

      znal_lanz ha scritto:

      Spero di essere stato chiaro.

      molto, ti ringrazio. Non mi resta che rismontare tutto lo studio! :Sbonf!

      Come lunghezza ho 4 metri , il problema sono 2 tavoli (pensa ne avevo anche un terzo che ho rimosso). Uno è piccolo, l'altro è più grande e sarebbe proprio quello l'incomodo da eliminare.. ma è così utile e comodo.. M'inventerò qualcosa.

      Ciao thx
      miciomiao

      znal_lanz ha scritto:

      i modi

      Scusa mi daresti una mano a capire una cosa di questo sito bobgolds.com/Mode/RoomModes.htm
      nello specifico non riesco ad interpretare
      imageshack.us/photo/my-images/832/kakk.png/ questo.

      a intuito mi verrebbe da dire che il verde scuro è il meno "pericoloso" e il rosso il più "pericoloso". Ma non ne sono sicuro. In più non capisco quel rapporto.

      Thanks :)
      miciomiao

      Giampier80 ha scritto:

      Come lunghezza ho 4 metri , il problema sono 2 tavoli (pensa ne avevo anche un terzo che ho rimosso).


      ... che è.... una sala da pranzo??? :D

      Beh, il concetto che esprime una scala di colori dal verde al rosso è proprio quello di una criticità da bassa ad alta, un po' come un semaforo: verde = ok, rosso = stai attento e fermati. :rolleyes:

      Il sistema dà una rappresentazione grafica schematica della distribuzione dei modi all'interno della stanza, dando una valutazione che permette di capire quanto i modi sono distribuiti omogeneamente e quante corrispondenze ci sono all'interno di una stessa banda dell'ampiezza di circa un semitono.

      E' logico attendersi che modi differenti ma con frequenze caratteristiche molto vicine o coincidenti possano dare problemi. Al contrario, una distribuzione omogenea nelle varie bande di frequenza porta ad attendersi un migliore comportamente "teorico" della stanza (da cui la progressione di Bonello).

      Se, come indicato nelle istruzioni per comprendere il significato della rappresentazione, provi a mettere una stanza di 10x10x10, vedrai che razza di strage modale salta fuori.
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      L'ho fatto, ma non iesco a capire

      0 to 1
      1 to 2
      2 to 3
      above 3

      cosa indica?

      esempio: come mai il verde scuro è: "negative" e il verde chiaro è 0 to 1?

      significa che il livello di pereicolosità del verde scuro è negativo, quindi non pericoloso e che la pericolisità pare dallo 0 to 1 del verde chiaro?
      non riesco proprio a capirlo
      miciomiao

      Il messaggio è stato modificata 3 volte, ultima modifica da “Giampier80” ().

      Explanation of Weightings:
      - group is a range of frequencies separated by 5% from the next range
      - groups wider than 5% are considered safe, e.g. the last big one
      - each frequency in a group is Minus 0.5
      - iso is how isloated/separated a group is. if > 10% Plus 1
      - Near is frequencies within 1% of another, if axial Plus 1, else +0.5
      - Same is coincident/identical frequencies, if axial Plus 2, else +1
      - To see examples of colours, try 10'x10'x10' and 10'x10'x9'
      - a 5% frequency separation is about a piano semitone

      Spiegazione delle pesature:
      - un gruppo è un intervallo di frequenze separate da un 5% dall'intervallo successivo
      - gruppi più larghi del 5% sono considerati sicuri, ad esempio l'ultimo enorme.
      - ciascuna frequenza in un gruppo comporta un -0.5 (nel conteggio per giascun gruppo)
      - "iso" corrisponde a quanto isolato/separato è un gruppo. Se tale isolamento è maggiore del 10%, comporta un +1
      - "Near" corrisponde a frequenze distanziate di un 1% rispetto alle vicine. Se il modo è assiale si conta +1, altrimenti +0.5.
      - "Same" corrisponde a frequenze conincidenti/identiche. Se il modo è assiale comporta un +2 altrimenti +1
      - Per vedere un esempio dei colori, prova con le misure 10'x10'x10' e 10'x10'x9' (l'apostrofo indica l'unità di misura anglosassone "piede")
      - un 5% di separazione in frequenza corrisponde circa ad un semitono.


      Penso che qui sia tutto chiaro su come funzioni il conteggio della pesatura e su come funzioni la separazione in gruppi.

      Ripeto, è un metodo grafico per schematizzare la qualità della distribuzione modale nella stanza in esame.

      Di più non so che dire.

      Ciao
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"