Collegamento Word Clock (esempi e chiarimenti)

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Collegamento Word Clock (esempi e chiarimenti)

      Ciao a tutti.
      con questo 3d vorrei raccogliere un po' di informazioni, più dettagliate e chiare, riguardo l'uso, ma sopratutto il collegamento di generatori di clock.
      Giusto per colmare la mia ignoranza e fare un po' di punti fermi sulla questione.

      Prenderei in esame, come hardware di esempio, il compatto ed ecominico SyncGen della ART, un modulo con BNC IN e OUT come la M-Audio ProFire2626 e una con solo IN tipo il Behringer ADA8000.

      Per risparmiarvi la farica di farvi scartabellare internet in cerca di informazioni, intanto allego una fotina del prodotto visto dal vero:

      Aggiungo inoltre che é fornito con addattati a "T" e terminazioni BNC da 75ohm.

      Fino a 4 elementi, credo che siamo tutti d'accordo sul fatto che la cosa più sensata sia collegare ogni BNC del SyncGen a un apparecchio da sincronizzare. Ma adesso? Bisogna far si che l'anello si chiuda attaccando i terminatori al BNC OUT dei pre (es: ProFire2626)?
      Nel caso di una macchina come l'ADA8000 che ha solo entrata é sufficiente entrare e basta, giusto?
      Questo sarà dunque un collegamento in parallelo... Sbaglio?

      Vedo gli adattatori a "T" e penso che si possano collegare gli apparecchi anche in serie...
      Del tipo, posso collegare più ADA8000 facendo passare il clock attraverso i "T", senza usare terminazioni? Sarebbe comunque un collegamento parallelo tra loro...
      Su una scheda come la ProFire 2626 che ha BNC IN e OUT, ne collego in serie un paio e poi devo metterci la terminazione?

      E cosa mi si dice riguardo questi S/PDIF OUT che spuntano dal retro?

      Mi sembra di vedere una rosa di configurazioni piuttosto ampia a seconda del tipo di scheda da collegare, e spero di trovare risposte... :)
      MacBookPro17"Mid'09 OSX10.10 | LogicPro9.1.8 | 2xM-AudioProFire2626
      M-AudioStudioPro4 | CerwinVegaD2-E
      RødeNT5Matched | 2xShureSM57 | 2xM-AudioNOVA | 1xAKG D112 | 3xBehringerGI100
      JacksonJS30WRw/EMG81 18V| IbanezRGR08LTDw/EMG81 18V | IbanezRG7321 | ShurePG14E | ADA MP1 | ZoomG9.2tt | MarshallEL34 100/100 | LaneyGS412LS | CerwinVegaV33
      Reborn From The Ashes
      Purtroppo oggigiorno non c'è una regola.
      Bisogna leggere i singoli manuali sopratutto delle macchine più anziane perchè le nuove hanno una specie di "terminazione automatica" che si inserisce a fine catena. (letto ma mai verificato sperimentalmente...)
      Ho un convertitore DA della Tascam che usa l'uscita WC come "thru" tipo le connessioni MIDI...e va benone.

      Quindi controlla i manuali per la tua ProFire.

      Ad esempio le ADA8000 vanno bene con il T sulla prima e collegato direttamente sulla seconda, quindi senza terminazione esterna.
      Stessa cosa ho fatto con il DDX3216 e lo 01V96 come fonte ed addirittura con due ADA ed un Alesis HD24 (quindi due T)

      Le SPDIF sono comunque un metodo di trasporto del clock.
      Se un'apparecchio non possiede un WC-IN ma ha la possibilità di ricevere il clock via SPDIF (penso ad un DAT piuttosto che un convertitore AD-DA stereo, lo setti in Digital In) puoi linkarlo al resto della catena senza doverla rendere "slave" in termini di Clock di quel singolo apparecchio.

      8)
      Ho visto cose...
      VUmeter in fiamme sul bridge di una console Orion
      ed ho visto i supertweeter balenare nel buio sui monitor Tannoy
      e tutti quei momenti andranno perduti in un mastering
      ....è tempo di mixare...
      Ma in linea di massima, non ho detto cretinate, giusto?
      Grazie per la delucidazione sull'SPDIF... ;)


      Sent from my iPhone using Tapatalk
      MacBookPro17"Mid'09 OSX10.10 | LogicPro9.1.8 | 2xM-AudioProFire2626
      M-AudioStudioPro4 | CerwinVegaD2-E
      RødeNT5Matched | 2xShureSM57 | 2xM-AudioNOVA | 1xAKG D112 | 3xBehringerGI100
      JacksonJS30WRw/EMG81 18V| IbanezRGR08LTDw/EMG81 18V | IbanezRG7321 | ShurePG14E | ADA MP1 | ZoomG9.2tt | MarshallEL34 100/100 | LaneyGS412LS | CerwinVegaV33
      Reborn From The Ashes
      se hai due soli apparecchi da sincronizzare, scheda audio e ada8000, non ti serve il sync gen
      ti basta collegare il cavo bnc tra la scheda e l'ada8000
      se poi la tua scheda audio ha adat in e out ancora meglio: non ti serveneanche usare il wordclock, perchè puoi connettere i cavi adat sia in che out e il clock viaggia attraverlo il cavo ottico. puoi tenere la scheda audio master e inviare il cock, via adat out della scheda, all'adat in dell'ada8000
      Bosone, sto solo cercando di raccogliere informazioni di bagaglio sull'argomento... ;) Comunque, grazie anche per questa dritta.

      Per dire, al momento nel mio setup ho la FW1814 e la ProFire2626, collegate fra loro via ADAT e anche BNC... :)
      MacBookPro17"Mid'09 OSX10.10 | LogicPro9.1.8 | 2xM-AudioProFire2626
      M-AudioStudioPro4 | CerwinVegaD2-E
      RødeNT5Matched | 2xShureSM57 | 2xM-AudioNOVA | 1xAKG D112 | 3xBehringerGI100
      JacksonJS30WRw/EMG81 18V| IbanezRGR08LTDw/EMG81 18V | IbanezRG7321 | ShurePG14E | ADA MP1 | ZoomG9.2tt | MarshallEL34 100/100 | LaneyGS412LS | CerwinVegaV33
      Reborn From The Ashes
      quoto.
      da prova A/B effettuata proprio con la ADA e con il mixer digitale, la differenza tra clock Adat e WordClockè apprezzabile.

      8)
      Ho visto cose...
      VUmeter in fiamme sul bridge di una console Orion
      ed ho visto i supertweeter balenare nel buio sui monitor Tannoy
      e tutti quei momenti andranno perduti in un mastering
      ....è tempo di mixare...
      Anche io sto raccogliendo info intelligibili e sopratutto orientate verso il lato pratico della medaglia.
      Ti lascio ciò che ho trovato.

      Un articolo fatto molto bene Setting Up Word Clock
      Il manuale del Lucid Gen x192 dove ci sono degli esempi di collegamento ottimi.








      Un articolo (noiosissimo) di SOS - Doesyour studio need a master clock?

      In linea di massima da quanto ho capito si tende a settare come master il clock interno dell 'ADC (nel caso di una configurazione modulare non troppo complessa) senza aggiungere una generatore di clock esterno (master cock unit). Suppongo via S/pidf.

      Forse erano cose che già conoscevi, forse no. Nel dubbio te le ho postate.

      burp
      miciomiao
      Concordo sulla differenza sensibile tra clock via Adat e via WC, anche io sempre avuto problemi con il clock via Adat (qualche click c'era sempre) mentre con WC non ho mai avuto problemi.

      Sincronizzo semplicemente due pc entrambi con RME 9652 con un Tascam DM-24.

      Inviato via Tapatalk
      .:homestudio: 3 Pc , MotifES8, Tascam Dm-24, Alesis ION, CS80v... insomma tanti strumenti e tanta voglia di fare musica!.
      Questo thread è molto interessante! Vorrei capirne di più....

      Io ho la scheda RME Fireface800 che ho collegato via Adat al mixer Yamaha 01v96 e poi dalla uscita ed entrata s/pdif del mixer il multieffetto LEXICON PCM80.

      La RME fa da master clock. Dite che sarebbe meglio utilizzare i cavi BNCper il clock rispetto che a prenderli dai collegamenti ADAT? Come devo collegare? Devo usare la terminazione a 75 ohm all'uscita del mixer?

      Grazie, BOLLEPAOLO. :thumbup:
      Mi pare che sia stato molto di quello che può tornare utile.

      Aggiungo solo che il vantaggio del sincronismo con Word Clock di periferiche collegate in ADAT è che permette di lasciare l'output ADAT del master disponibile per altro. Il più delle volte infatti, nelle nostre case, il collegamento è tra un modulo preamp ad 8 canali ed una interfaccia audio con ingressi digitali. Bene. Per collegarli esclusivamente in ADAT occorre utilizzare sia l'IN che l'OUT dell'interfaccia.

      Utilizzando il Word Clock è sufficiente realizzare una connessione punto-punto adat IN-adat OUT. In tal modo l'uscita dell'interfaccia audio rimane libera per altro, anzichè essere utilizzata per la sola trasmissione di un clock.

      Nel caso dello 01v comunque puoi utilizzare attivamente entrambi i canali ADAT, quindi le considerazioni fatte finora hanno una validità limitata.

      I terminatori vanno utilizzati nel caso in cui le periferiche collegate non "carichino" adeguatamente l'amplificatore di uscita del generatore di clock. La conseguenza è una cattiva trasmissione del segnale con conseguenti problemi di sgancio del clock. Le condizioni perchè questo si verifichi dipendono da apparecchiatura ad apparecchiatura, pertanto è necessario leggere i manuali.

      Avere un terminatore a mano comunque non fa mai male considerando che costano poco e volendo uno se lo può anche fare (adesso però non ricordo qual'è il valore di impedenza da mettere)
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"

      znal_lanz ha scritto:

      Il più delle volte infatti, nelle nostre case, il collegamento è tra un modulo preamp ad 8 canali ed una interfaccia audio con ingressi digitali. Bene. Per collegarli esclusivamente in ADAT occorre utilizzare sia l'IN che l'OUT dell'interfaccia.


      Io utilizzo una Motu 828 MKII con un Sm Pro Audio EP84 collegato all'interfaccia tramite ADAT, eppure uso un solo cavo nell'IN della Motu. Cosa intendi per collegamento "esclusivamente" in ADAT?
      I'm not really here.
      Perchè mi sa che utilizzi come clock per l'adat quello proveniente dall'SM PRO Audio. Quindi utilizzi una connessione singola. Se invece vuoi utilizzare come master la 828 dovresti utilizzare la connessione doppia per poter trasmettere il clock tramite ADAT dall'828 alla SM Pro Audio. Il segnale, da che mi risulta, su una connessione ottica toslink gira solo da una parte, non è bidirezionale.

      Oppure ancora dovresti utilizzare il master Clock ADAT ma su connessione RS-422.
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      Nel pannello Audio Console, alla voce "Clock Source", ho sempre impostato Internal, mentre su Optical Input ho (ovviamente) impostato ADAT.

      Anche nel pannello del PR8IIA (la scheda Adat del pre in questione) ho selezionato lo switch per il clock esterno.

      Dici che dovrei mandare un Toslink anche nell'Out della Motu?


      La scheda Adat dell' EP84 sarebbe questa:

      I'm not really here.

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Sickman.” ().

      Onestamente per quanto ne so dovresti avere qualche problema di funzionamento. Se invece mi dici che funziona tutto perfettamente, allora mi manca qualche pezzo della connessione ADAT.

      Da quello che so la connessione ADAT su Toslink è unidirezionale. Va da un'uscita su cui è presente un led che produce luce opportunamente modulata e arriva ad un fotodiodo che rileva la luce e la trasforma in segnale. Non mi risulta che sia reversibile la cosa, quindi anche il clock va dall'out all'in. Questo per quanto ne so. Poi l'ignoranza non ha limiti e sinceramente m'è venuto il dubbio di poter aver detto una cavolata.

      Questo per me cosa significa: che il clock può essere passato tramite adat, ma va da un out a un in. Al contrario non mi risulta che funzioni.

      Ora, il fatto che a te funzioni perfettamente e senza problemi mi fa venire il dubbio che ci sia dell'altro, ma non saprei cosa.

      Sicuramente con quel convertitore non puoi collegare un altro adat ottico poichè non mi pare che ci sia la connessione.
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      Le mie perplessità sono se io utilizzassi come trasmissione del clock dalla RME Fireface800 (master) al mixer 01V96 (slave) anzichè i cavi ADAT (che utilizzo anche per la trasmissione audio...) i BNC ne avrei maggiore stabilità oppure no? E poi devo mettere la terminazione all'out BNC del mixer oppure non serve?

      Grazie, BOLLEPAOLO. :thumbup:
      Il concetto di fondo è: prova, tanto la realizzazione della maggior parte delle linee di trasmissione del word clock in contesto home è scorretto... ma funziona ugualmente.

      Gli elementi da considerare sono:

      - il clock su linea ADAT ottica gira assieme al segnale grazie al sistema con cui lo stesso segnale viene codificato. Per la natura stessa della connessione adat su Toslink (punto punto), la diffusione del clock è destinata ad avere le gambe corte. Questo significa che finchè hai 2 dispositivi da collegare, è ok. Quando si comincia ad avere più dispositivi la cosa si complica e il clock via adat non funziona più a dovere per le ragioni che ho espresso sopra. Nel tuo caso, avendo solo due dispositivi, la cosa è indifferente. Qualitativamente parlando, la linea ADAT è più complessa e c'è più roba. In generale, maggiore complicazione = maggiori problemi.

      - mettere un terminatore a fine linea significa semplicemente mettere un'impedenza sul cavo che la vada a caricaricare correttamente in modo da minimizzare le onde stazionare interne alla linea stessa. Questo problema, alle frequenze operative delle linee word clock, è marginale. Può però avere rilevanza nel caso di connessioni lunghe in quanto le onde stazionarie provocano un abbassamento dell'intensità di segnale, da sommare a quello provocato dalla lunghezza del cavo.

      - con 2 m di cavo coassiale queto problema, anche a 96 kHz è pressochè irrilevante.

      - irrilevante per cavi corti è anche l'abbassamento della potenza del segnale in seguito agli sdoppi con T. Quello che accade è che si vanno a mettere due carichi in parallelo sulla stessa linea, dimezzandone il valore visto dall'amplificatore di uscita (a parità di lunghezza di cavo... corto). Questo provoca un dimezzamento della potenza di segnale trasferita sul ricevitore. Nel Word clock la potenza è talmente alta e concentrata in una sola banda da non presentare problemi, finchè si rimane in un numero decente di sdoppiamenti. Se cominciano ad esserci una decina di diramazioni, beh, si potrebbero avere dei problemi.

      - la realizzazione di una corretta rete di distribuzione del clock segue delle regole del tutto simile a quelle di un impianto TV... con un po' più di tolleranza. Quindi occorre cercare di creare dei rami bilanciati e CORRETTAMENTE TERMINATI! Però leggere il manuale di un Behringer ADA8000 e non riuscire a capire se è terminato oppure no, è già sintomo che con questo tipo ti apparecchiature l'unica soluzione è, come dire, andare un po' a "culo" :D :D
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"