Controller per Fabfilter Pro Q2 e Pro C2. Genio o follia?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Controller per Fabfilter Pro Q2 e Pro C2. Genio o follia?

      Questi tipi stanno realizzando due controller specifici per Fabfilter Pro Q2 e Pro-C2. (ma utilizzabili anche con altri plugin)
      Al momento stanno consegnando i primi 100 e stand a quel che dice il sito tra poco sarà possibile ordinarne altri.
      Non ho capito se i prezzi si riferiscono ad un solo prodotto o a entrambi.

      il link al controller per l'EQ qui

      Non credo sia la soluzione definitiva, ma l'idea è interessante.
      Che ne pensate? Genio o follia? :D
      Potenziometri e non encoder?
      Significa che ogni volta che cambio canale/plugin me li devo riposizionare tutti a manazza prima di iniziare a usarli????
      Quindi come tanti altri controller midi ben più economici che esistono da una vita.
      Boh, non ne sentivo proprio la mancanza, se poi aggiungiamo che sono coniati a immagine e somiglianza di uno specifico plugin, mi pare la roba più fuori mercato che ci sia al mondo.
      Personalmente già da qualche tempo punto qualcosa di completamente opposto e flessibile, come questo Midi Fighter Twister.
      - Encoder rotativi senza fine corsa.
      - Colore led personalizzabile per ogni singolo encoder e per ogni preset.
      - Pressione che cambia funzione a ogni encoder, raddoppiando quindi i controlli.
      - Pagine multiple in ogni preset per moltiplicare ulteriormente.
      Se vedi le demo su YT la flessibiltà è lampante, siamo nel terzo millennio, oggi un controller si fa così.

      Un'alternativa più specifica, che comprende il software e porta verso un metodo di missaggio che ricorda quello delle console, è l'interessante Console1 di Softube.
      Un controller dedicato (ma moderno) tarato su una precisa disposizione a cui corrispondono diversi plugin della casa e anche qualcosa di compatibile di UA.
      E' sceso un po' di prezzo e oggi costa 500 incluso il plugin base che emula i canali del banco SSL 4000, altri modelli di console diverse si possono acquistare separatamente, ma se non siamo palati raffinati direi che può bastare, visto che con quella console c'è chi ci ha fatto la migliore musica degli ultimi 50 anni e continua a farcela.
      Mi pare più che onesto, chiaramente un acquisto che va fatto con consapevolezza perché ha senso se poi per praticità si mette su tutti i canali del sequencer e allora diventa quasi come mettere le mani su una console, ma si possono usare anche altri plugin senza gestirli da questo controller, anche perché chi usa come banco il SSL 4000 per avere il suo suono leggendario e la praticità, spesso ha anche un discreto assortimento di outboard esterni, vedi CLA e compagnia bella.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      P.S. non so se esista, ma fatto "in analogico" coi potenziometri e senza total recall, avrebbe più senso un controller fatto in verticale, che richiama il canale del banco, magari venduto in blocchi di 4-8 canali, ma con dentro tutto.
      A quel punto anche senza encoder rotativi o fader motorizzati, se te ne compri per un totale pari a 32-48 canali (ammesso che il prezzo lo consenta) ti fai praticamente un banco che controlla la DAW, e ragioni come sul banco, ovvero finisci un lavoro e poi rimetti ogni controllo a 0 prima di iniziarne uno nuovo.
      Ma questi in formato rack che hai linkato, fatti così mi chiedo veramente dove possano trovare posto, sia in senso fisico che pratico in un flusso di lavoro dentro un sistema digitale.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      In effetti ho le tue stesse perplessità per il recall quando si passa da un plugin all'altro. Ho come l'impressione che alla fine non sia cosi comodo.
      Grazie per i consigli ma conosco bene (di fama) sia il Midi Fighter che il console 1.
      Per quanto riguarda il primo, non mi ha mai convinto del tutto: non ho ancora capito bene se è un "semplice" controller MIDI o se porta con sé un software proprietario simile all'automap di Novation che "capisce" in maniera intelligente quale plugin stai visualizzando e ti permette di controllare più plugin contemporaneamente, ma credo di no.
      E questo lo rende poco interessante (dato il prezzo) a mio avviso.
      Il console 1 mi ha tentato per parecchio ma non mi piace il fatto che si debba visualizzare il tutto fuori dalla DAW, anche se oggi è una delle migliori soluzione oggi disponibile per gestire una channel strip completa con un controller.
      Io al momento utilizzo il Nektar panorama P1 che a mio avviso ha un software molto interessante e permette un controllo e una personalizzazione dei controlli di Mixer e plugin di alto livello.
      L'unica grande pecca è che ha "solo" 8 encoder programmabili per i plugin e quindi questo implica dover sfogliare le pagine del display in alcuni casi... se ne avesse avuti di più sarebbe perfetto.
      Io ho il Novation Nocturn, anche lui limitato a 8 encoder + pagine, e questo è il motivo per cui stavo guardando altro.
      Credo che anche il Midi Fighter abbia un suo software per associare i controlli, o non vedo come potrebbe considerarsi un controller midi compatibile, poi le pecche purtroppo si scoprono solo quando si mette mano fisicamente ai driver, e credimi anche l'Automap non è esente da limitazioni e scomodità.
      Per il Console 1 ho gli stessi tuoi dubbi, purtroppo è pensato in modo da prevaricare un po' il sequencer, ovvero non conta il canale che selezioni sul tuo software, ma il bottoncino che premi sul controller, si può cambiare abitudine, in ogni caso il richiamo del canale, le funzioni di mute e solo, e tutte queste cose qua, hanno senso solo se lo inserisci in tutti i canali della daw e se poi li richiami dal controller, e non ho capito se c'è il limite di 40 tracce (ovvero le 2 pagine x 20 bottoncini che selezionano le tracce) oppure si possa andare oltre.
      Certo che però in mezzo a tutta questa marea di scelte, quando si pensa al lavoro sulla console, che non è solo questione di suono ma anche di mentalità e metodo, si sarebbe stimolati a passare ad un sistema che magari ti impone certe restrizioni ma ti dà anche dei riferimenti sicuri, qualcosa in cui puoi mettere le mani anche a occhi chiusi con la certezza che troverai sempre quel pomello che corrisponde a quella cosa, e che diventerà tanto automatico da missare in un baleno e con risultati che impari a conoscere bene solo quando smetti di saltare tra mille plugin diversi.
      E standardizzando, ammesso che il software di Softube funzioni bene come credo (uso le versioni di NI incluse in Komplete) c'è anche probabilità che i lavori inizino ad assumere *quel* suono leggendario, seppure simulato, ma almeno presente su tutte le tracce, altrimenti ovvio che non ci avvicineremo mai neppure all'imitazione del suono di un banco.
      In questo senso credo non ci fosse altro modo per Softube di pensare il Console 1, o rimarrebbe solo un giocattolo da spendere su qualche traccia che poi si finisce per abbandonare, diventa invece un simulatore di banco quando gli si dà la precedenza sul resto, e il concetto non mi dispiace così tanto.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Pilloso” ().

      spanck ha scritto:

      Questi tipi stanno realizzando due controller specifici per Fabfilter Pro Q2 e Pro-C2. (ma utilizzabili anche con altri plugin)
      Al momento stanno consegnando i primi 100 e stand a quel che dice il sito tra poco sarà possibile ordinarne altri.
      Non ho capito se i prezzi si riferiscono ad un solo prodotto o a entrambi.

      il link al controller per l'EQ qui

      Non credo sia la soluzione definitiva, ma l'idea è interessante.
      Che ne pensate? Genio o follia?


      Io lo trovo molto bello
      Credo che non sia concepito per i preset altrimenti quoto che gli encoder con i led sarebbero sicuramente più efficaci.
      E non lo vedrei nemmeno col Q2 o similari. Piuttosto con plugins di eq e comp parametrici classici con knobs.
      Vedi TubeTech o Summit Softube ad esempio. Con approccio impreciso da analogico
      Io uso Faderfox e senza alcun driver sono riuscito sempre ad utilizzare i miei due controller con i plugins, soprattutto quelli di Logic e anche come Daw controllers in generale. Se fosse anche questo concepito per essere configurabile tramite midi learn itb universalmente lo riterrei potenzialmente un bellissimo prodotto. Se poi me ne facessero uno grafico da utilizzare con il nuovo vintage eq graphic di Logic potrei, nonostante sia un fan dell'analogico, valutare di acquistarlo.
      Sembra fatto molto bene e anche esteticamente, concepito per rack, mi darebbe la sensazione del vero hardware, cosa che difficilmente vedo nella maggior parte dei controllers.
      Tutto é Soggettivo

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “loyuit” ().

      Ok @loyuit ma non trovi scomodo quando passi da un plug all'altro (o tra istanze diverse dello stesso) trovarti dei potenziometri che non corrispondono mai a quello che hai su schermo?
      L'idea di "gesto automatico" che ho in mente è che se metti mano a un canale per alzare un eq da 2 a 3 db, dovresti trovare il potenziometro a 2 e fare quel minimo spostamente che lo porta a 3, come avviene su una console dove usi quel canale soltanto per la sua traccia. Invece coi potenziometri puoi trovarti il controllo a -5 e il plugin a +2, e devi sempre fare riferimento allo schermo per sapere dove sei, ma allo stesso tempo guardare la mano per vedere dov'è il potenziometro e quanto devi spostarlo, solo a me sembra così limitativo?

      @gobert4 ok total recall forse per console di un certo livello, ma mica tutte hanno i preset, un analogico senza controlli motorizzati te lo riporti a zero tu ogni volta che inizi un lavoro e non puoi passare da un lavoro all'altro con disinvoltura, se poi anche il preset ti dicesse dove devi mettere i controller, sono oltre un centinaio di pomelli da spostare a mano, non proprio istantaneo direi...
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ciao Pillo
      Diciamo che non uso plugins a parte i riverberi Chroma e Space Designer.
      A volte utilizzo il vintage graphic eq sempre di Logic sul master.
      Parlando di un unico eq sul master o di un unico comp quei controllers possono avere senso secondo me. Come dicevo l'approccio lo vedrei come da hardware appunto. Se ti compri un equalizzatore hardware, lo metti a rack e quello è e quello rimane. Più o meno la stessa cosa con quel controller: mi piace il Tube Tech channel eq della Softube ad esempio, ci dedico quel controller e mi dimentico del plugin. A rack sarà come avere un equalizzatore hardware. Con il vantaggio che se decidessi di passare ad un altro plugin di equalizzatore, sempre inteso per periodi lunghi, posso farlo. Al channel Tube Tech scopro di preferire il graphic eq di Logic? Configuro il controller per il graphic eq. C'è da dire che a foto sembrano fatti molto bene.
      Quoto il discorso encoder certamente. Ma li ho sempre trovati un pochino antiestetici con le lucine intorno al knob o con gli schermetti digitali. Un controller coi potenziometri solitamente va sincronizzato con il plugin a inizio sessione: giri i knob fisici e il plugin sincronizza i suoi knob virtuali con quelli del controller. Oppure si salva un setup base nel sequencer da cui si avvia ogni progetto. In questo setup base si salva già il plugin con i knobs virtuali tutti a 0 oppure al centro. In questo modo basterà settare a inizio progetto anche i knob fisici del controller in quella posizione e si partirà più o meno sincronizzati. Approccio un po più vintage per così dire rispetto a quello moderno dove tutto è interfacciato automaticamente all'accensione. Però ripeto, una volta sincronizzato a inizio sessione, lavoro da 10 secondi, lavorare con un controller di quella bellezza dimenticandomi del plugin itb che sto controllando, ha il suo perchè. Come ha il suo perchè l'analogico non solo per come lavora ma anche per come ti induce a lavorare, per l'approccio che ti impone, spesso limitato e macchinoso ma per certi versi soddisfacente se lo si ama.
      Ciao

      Ps
      Non so effettivamente se i controllers linkati da Spanck nel primo post fungano universalmente come controller midi sui cc delle daw.
      Il mio ragionamento da per scontato che funzionino in questo modo ma non è detto che sia cosi
      Tutto é Soggettivo
      Ciao Loyuit,
      sì ora capisco meglio l'approccio, ha senso, anche se a quel punto, se un controller ben fatto inizia a costare 250-300 euro, si può veramente pensare a un clone di eq neve, ammesso di essere disposti a ripassare tracce all'esterno, ma almeno è un vero hw.
      Ho visto dei ragazzi che lavoravano in studio così, quasi tutto ITB più una coppia di eq neve esterni, e dicevano di trarne un gran bel vantaggio.
      Riguardo le lucine, certo toglieranno la sensazione dell'analogico, ma pensavo quanto sarebbe bello, tipo in quel Midi Fighter, mettere gli stessi 4 colori delle 4 bande eq dell'SSL 4000, riprodotti anche sulle principali emulazioni plugin, lasciando spenti gli encoder che non usi, e questo comunque aiuta a richiamare a colpo d'occhio quello su cui stai mettendo mano, di vedere i valori sugli indicatori del controller anche se l'interfaccia a video rimane nascosta, insomma, anche in questo caso bisogna trovargli una logica, lo assocerei anche io a un massimo di 3-4 plugin diversi, e facendo in modo che la disposizione degli encoder accesi più i colori facciano capire al volo su cosa si sta lavorando, differenziandosi dagli altri pannelli.
      Altrimenti è chiaro che 16 encoder colorati a caso e tutti accesi diventano un qualcosa di anonimo che fa perdere il gusto di mettere mano a uno strumento che ha uno scopo preciso.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Io ci vedrei un Elysia XFilter 500, un XPressor 500 e una lunchbox da 4 slot come alternativa economica analogica.Peró la spesa sarebbe comunque molto maggiore.
      Tutto é Soggettivo
      Scusate l'intrusione, una domanda veloce per @Pilloso , io ho sia il nocturn che un icon qcon pro x (che vabbè ora come ora mi sta dando problemi ma questa è un altra storia) quello che volevo chiederti è: tu hai detto di avere il nocturn, ma hai solo quello? te lo chiedo perchè l'icon e il nocturn non funzionano assieme uno annulla delle funzioni dell'altro, banalmente il transport si sposta sul nocturn disattivandomi i tasti dedicati sull'icon.
      Non conoscevo questa problematica.
      Io ho il Nocturn e anche il Presonus Faderport, che però non uso mai, ma non credo che assieme abiano problemi, almeno su Reaper che li vede come periferiche separate.
      Forse il conflitto di cui parli dipende molto anche dal sequencer che usi e dalla sua modalità di interfacciarsi coi controller, so che alcuni hanno una gestione dei controller abbastanza indipendenti tra loro, mentre altri accorpano i comandi e non danno la stessa flessibilità.
      Che software usi per missare?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Non posso azzardare una risposta del genere, ma forse qualcuno sul forum ti sa aiutare proprio per PT, oppure credo esistano anche forum dedicati agli utenti PT dove magari ci sono già le risposte.
      Però indagherei chiedendo appunto in quel senso, perché ogni sw ragiona a modo suo e questa incompatibilità è certamente di sw, dubito che sia un conflitto hardware.
      Le interfacce midi sono in genere molto elastiche e parametrizzabili, le più generiche sono come un foglio bianco e semplicemente rispondono alle associazioni tra controlli e canali midi che gli si dà, se non vengono gestite come controller "generici" ma vanno a occupare certi segnali e sovrapporsi ad altri controller, è una questione di driver / software.
      In più anche l'Icon se non sbaglio nasce proprio per PT quindi solo chi usa questo sw può avere riscontrato problemi simili e saperti rispondere, può darsi che nascendo come accoppiata ideale per quel software, abbia già dei parametri preimpostati su cui non si può intervenire, ma almeno potrai evitare di mettere gli stessi sul Nocturn, così che non si accavallino.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Io uso FaderFox (Lv3 e Ft3) e sono molto belli
      Made in Germany, Class Compliant senza driver si interfacciano con Logic (e in passato anche con Ableton) perfettamente via control change e midi learn
      Unica cosa un pochino piccoli. Mi piacerebbe se la FaderFox facesse un controller da rack o desktop 8 canali con fader e knob grandi da vera console
      Tutto é Soggettivo
      Prendendo spunto da 2 famosi plug in penserei ad un controller come quello in foto ossia,una scatolozza rettangolare tipo la costruzione del nocturn come spessore,ma come misure ovviamente più grande con sezione eq e comp,ripeto presa come ispirazione da 2 plug,nel quale hai la comodità di interfacciarti con tutti i plug o vst più blasonati più o meno

      Sotto carico altri esempi di come si potrebbe interfacciare,NON son stato a selezionare tutti i controlli perchè sto solo facendo una breve illustrazione,per ora son stati creati solo controller limitati nei controlli,oppure troppo dotati ma disposti e pensati in maniera blanda,confusionaria,un controller per dire che sia già pensato con la configurazione di un eq e comp come quello in foto dove son anche già scritti i parametri che vai a manipolare penso sia un ottimo compromesso,ovviamente se devi mappare un synth sai già che l eq e comp in questo caso verranno usati per l interfaccia del synth e ti devi ricordare cosa assegni ad ogni knob,ma se uno mappa il synth con la logica del synth (come nell'esempio del nexus foto sotto) e riporta bene o male i parametri prendendo come riferimenti e disposizione i parametri del synth che sta mappando è a cavallo,come logica di software andrebbe bene anche una cosa come automap,che ne pensate?
      Immagini
      • imgext.png

        769.43 kB, 1,022×632, scaricati 7 volte