Consigli scheda audio per migliorare qualità vst

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Angix wrote:

      Al massimo comporterebbe problemi di ascolto nell'esecuzione o di sovraccarico cpu. Ma la latenza non influenza per niente la fase di export (se non quando fatta in tempo reale): lì è solo questione di calcolo puro e semplice.


      in teoria così dovrebbe essere...
      ma...
      se la traccia esportata viene aperta come traccia audio in un altro progetto?
      Se Dio esiste non può che ascoltare bluegrass...

      Vinx wrote:

      migliora un pò la qualità di ascolto e basta giusto?


      sbagliato.

      diminuisce il tempo (si tratta di millisecondi) trascorso tra l'nizio dell'elaborazione del segnale e la sua riproduzione...
      la qualità rimane invariata oppure peggiora, sicuramente non migliora.

      il miglioramento qualitativo si ha aumentando la latenza (ma non oltre ciò che la potenza di calcolo della macchina richiede, un aumento ulteriore non migliorerebbe ulteriormente la qualità... semplicemente diventerebbe ininfluente)

      per essere sicuro che un'eventuale latenza eccessivamente bassa non sia alla base dello scadimento qualitativo devi aprire la traccia (salvata come wav o come aiff o altro) con il player di sistema (mediaplayer per win o anche winamp...che generalmente bypassano le impostazioni dei drivers ASIO non usandoli...) evitando di aprirla in un progetto con un programma di sequencing che invece si appoggia ai drivers ASIO (sempre che sia stato selezionato questo tipo di drivers nelle impostazioni audio del programma)
      Se Dio esiste non può che ascoltare bluegrass...
      non è che le esportate in qualità diversa?
      Mazzu
      ---------------------------------------------------------
      Reaper, Focusrite Saffire PRO 40, M-Audio fast track, shure sm57, 2 audixD2, shure beta 52A, Zoom h2,
      mxl 9000, Oktava mk-012 matched pair, Golden Age fc4 matched pair, paso m200, stage box.

      tokarev_99 wrote:


      il miglioramento qualitativo si ha aumentando la latenza (ma non oltre ciò che la potenza di calcolo della macchina richiede, un aumento ulteriore non migliorerebbe ulteriormente la qualità... semplicemente diventerebbe ininfluente)
      Ho capito quello che intendi ma specifichiamo che non c'è nessun aumento della qualità.. Semplicemente si evitano più facilmente i disturbi dovuti al fatto che il sistema (o i driver) sono in overload.. Ma se uno lavora a 64 samples e l'ascolto risulta disturbato, l'esportazione non in real time sarà sempre quella.
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad PciEx - RME 802 - Cubase 10 - Adam A5x+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500
      Vi ringrazio mi siete tutti d'aiuto...sto iniziando a capirci qualcosa :) domanda ulteriore...se quando esporto aumento il rate di campionamento(adesso ce l'ho a 44 khz) tipo fino a 50-60 khz cambierebbe qualcosa? Cosa cambia dall'export in real-time e quell non in real-time?
      la frequenza di campionamento si intende da 44.100 e/ o 48.000 a multipli delle medesime, 60 Khz, pur essendo teoricamente possibile, non credo sia supportata da nessuna scheda (a parte RME in cui è possibile scalare la FC addirittura nota per nota)
      in ogni caso, dipende anche da cosa stai esportando; se hai una libreria di suoni campionati a 44.100 e 16 bit, ad es, esportare a 48 o 96/24 non cambierebbe molto la cosa
      se utilizzi synt o comunque strumenti a modellazione allora potrebbe valere la pena, anche se non saprei se riusciresti ad udire la differenza.
      per quel che riguarda la differenza di ascolto, l'unica cosa da fare è: suonare una sequenza (non importa su quale macchina
      esportare il relativo midifile e suonarlo sulle due macchine, caricando lo stesso strumento virtuale con le stesse impostazioni e naturalmente senza nessun plugin aggiuntivo e a 0dB, poi esportare le due esecuzioni in audio e caricarle su una terza macchina per la comparazione.
      è normale che ci sia qualche differenza di ascolto tra due macchine diverse, probabilmente dovuta alle differenze della scheda audio; non dovrebbero essere differenze colossali, però, quindi, se lo sono, ci devono essere altri fattori. uno che mi viene in mente è la diversa gestione della dinamica dello strumento virtuale da parte del software e/o della tastiera usb/interfaccia midi
      scusate ma così mandate Vinx fuori strada. Ma come fate a dire che la scheda audio non centra? La scheda audio centra in almeno 2 punti.
      Il primo è lo stadio di conversione da digitale in analogico. Quando cioè il messaggio digitale del synth software viene "tradotto" in segnale analogico. Si può sostenere che ormai i convertitori siano tutti più o meno sullo stesso piano, ma questo resta tutto da dimostrare. Tra l'altro, la mia esperienza con varie schede audio dello stesso livello economico ha evidenziato una qualità piuttosto differente a livello di resa audio.
      Il secondo è quello della qualità e delle capacità di "erogazione" del preamplificatore cuffia. Anche qui si possono trovare tra schede di costo equivalente notevoli differenze qualitative. Ci sono schede audio che hanno pre assolutamente inadatti a pilotare cuffie appena meno sensibili delle cuffiette dell'ipod. Non da ultimo, proprio questa caratteristica potrebbe essere la più eclatante.....
      Poi, anche i sequencer software suonano in maniera differente.....il problema è che spesso utilizziamo sistemi di ascolto poco risolventi e in questo modo tendiamo a minimizzare differenze che tuttavia esistono.

      Post was edited 2 times, last by “delmas” ().

      E aggiungo: non si parla nemmeno di conversione AD dato che si tratta di vsti suonati da una master usb. ^^
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad PciEx - RME 802 - Cubase 10 - Adam A5x+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500
      voi mi perdonerete l'insistenza....ma da come l'ho capita io Vinx ascolta una volta dall'uscita della sua scheda Yanaha e un'altra dall'uscita cuffia del mac dell'amico. Poi, Angix, quando ascolta il suono, sempre per come l'ho capita, sta ascoltando un segnale digitale convertito dalla scheda (ora la yamaha ora quella interna del mac). Un segnale digitale non può essere ascoltato.....deve prima essere convertito
      Sì lo. É la prima cosa che ho scritto in questo 3d.
      Ma siccome qui si parla di "differenza abissale" direi che i convertitori della scheda sono l'ultima spiaggia..

      Senza contare che l'ascolto é fatto su cuffie da 30 euro.. con tutto il rispetto, penso che sia difficile riuscire a percepire differenze dovute alla conversione DA con questo tipo di ascolto..

      Inviato da tapatalk
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad PciEx - RME 802 - Cubase 10 - Adam A5x+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500
      Delmas, io ho capito che l'ascolto viene fatto in una delle due daw.
      E comunque resta il fatto che come già qualcuno ha detto, sarebbe buona cosa postarli sti due file, altrimenti è una discussione abbastanza sterile.