In rilievo Tecniche di mix: Come mixare la batteria, due tecniche di base.

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Cose che mi ritrovo spesso a fare (La sequenza non è casuale ma precisa):

      SNARE up:
      - duplico
      - una la triggero equalizzo, saturo.
      - l'altra comprimo equalizzo saturo. (EQ taglio sotto i 100 Hz, sottraggo un pò sui 500 ma dipende, boosto leggerment ein zona 5000 con camnapa larga)
      - ultimamente sto provando non una compressione in parallelo ma un LIMITING che gli fa proprio fare SDANG !!! oppure SBGRAN !!!

      SNARE DOWN: cut anche più dei 100, taglio dai 10.000

      KICK IN: gate, comprimo equalizzo saturo (EQ: in genere boost 40-60 Hz- cut 500 Hz a campanatura larga, Boost sui 8.000-10.000)
      KICK TRIG: equalizzo saturo
      KICK OUT: taglio tutto sopra i 200 Hz, comprimo saturo e/o exciter

      TOM e FLOOR: gate, comprimo con attacco abbastanza veloce, equalizzo con forte taglio sui 500 e ovunque facciano SDONG !!!. boost dai 5k ai 10k, saturo


      Tutta la batteria va in un gruppo e da questo gruppo parte una mandata che va in un gruppo (quindi parallelo) compresso con attacco non a zero ma dove si sente il primissimo schiocco, threshold sui 12 db di azione (meno non funzona...) ratio dai 10 ai 20. e lo equalizzo togliendo un pò sui 500 e taglio u filo in zona cassa...

      Riverberi: uno apposta sul rullo al 90% un plate, uno per tutta la drum e attenuo in zona bassa per non far fare boooom alla cassa e forse taglio un pò anche sui 5000 dipende... Sicuramente provo a saturare e/o comprimere il riverbero per rendere il
      riverbero più denso.

      Su tutti i canali uso la chanle stip della skntoe che scalda e inciccionisce. I compressori sui singoli elementi se ci sono rientri prima li utilizzo per evidenziare l'attacco, e poi per arrotondarlo.
      Il compressore parallelo lo tengo abbastanza alto e mi paice la batteria che fa wonsh wonsh se i piatti lo fanno troppo li tolgo dal gruppo batteria e mando solo una mandata dai paitti alla compressione parallela.

      Sui piatti diversamente da tutto il resto del mixaggio, cerco la fondamentale e quella la attenuo invece di boostarla e invece uso un leggero boiost shelv dai 10.000 in poi così diventano più polverosi e meno fragorosi acidi. am con il nuovo EQ MCAUDIOLAB si può spinger anche sulla fondamentale. Mentre finchè rimango ITB sui piatti vado per sotrazione se no sono sciabole volanti. Anche la compresisone parallela faccio uno shelf sulle alte perchè in genere diventano troppo evidenti.
      Bel contributo corposo, Edo... :)

      Vedo che saturi in molte occasioni... anzi, forse fai prima a dire dove NON saturi hehehehe...

      Che saturatore usi ? Per caso il Grasso della SkNote? Ho visto la descrizione sul sito di Quinto, sembra una feegata. Se è RTAS & per MAC mi sa che lo piglio.

      O ti riferivi allo Sta-level? O al Channel Strip?

      Grazie.


      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      Anche io sono interessato a sapere con cosa saturi...io ho fatto un po' di esperimenti con il Tape Head della Massey, ogni tanto lo uso, ma non è che mi ha cambiato la vita...
      Va detto che certe cose, come il rullante, le saturo di brutto già in ingresso...

      Matteo
      Ultimamente ( circa 6 mesi ) il mio approccio è lasciare il mix di batteria per uno o due giorni con i seguenti inetrventi.
      Stesso eq per tutti gli elementi ( in gruppo o singoli ) , Tonelux Tilt eq ( shelving) , cut parametrico dall'eq di cubase nell'ordine di 3/5 db delle frequenze di risonanza dei fusti. No comp.
      Alla fine del mix cerco di capire se mi serve più cattiveria e duplico le tracce di kick e rullo e le processo . Poi aggiungo se necessario queste tracce.
      Nulla vieta di buttare tutto su un bus e schiaffarci sopra il saturatore / comp o quello che ti pare , nel rispetto di un suono che è già solido e lucido co poche lavorazioni.

      Live ci sono troppi drammi da tenere in considerazione :
      1) I rientri del palco e come il fonico di palco gestisce i monitor
      2) L'accordatura dei fusti e i mic che si usano
      3) Banco digitale ? Se ti va di lusso ed hai un Venue o un Digico può darsi che nella sommatoria finale tu non perda il drumset
      altrimenti il rischio c'è ed è concreto
      Altrimenti se hai un banco analogico con alimentazione switch a me il problema si presenta comunque. Raramente tiri su il master e godi !

      4) Outboard : Con la dotazione media dei 166 xl che più o meno hanno tutti i service non è detto che si possano ottenere delle cagate ma è cmq impegnativo
      comprimere bene , quindi forse è meglio non farlo. Con i bss e gli xta ti va meglio.
      5) Batteria su Vca , poi tiri giù 3 db e sparisce il mondo.
      6) Il Pa e il suo Xover .... un mondo a parte.
      Proprio per tutti quesi motivi me ne invento una per volta e me la gioco a seconda del tempo che ho e dell'artista che ho !
      sarà banale, ma dopo aver sperimentato miliardi di cose, sono giunto alla conclusione che è meglio fare pochi interventi, possibilmente fatti bene.
      il gate ad esempio, tendo a non usarlo. i tom li pulisco manualmente (gran perdita di tempo, ma mi trovo meglio così), su cassa e rullante di solito non lo metto, può sempre capitare che ne senta l'esigenza, ma di norma non lo uso.
      dopo aver equalizzato, comprimo molto leggermente cassa e rullante (max 3 db di gr, con compressore dell'E channel SSL di Waves) che poi andranno ai rispettivi bus di compressione parallela (CLA-76), sui tom non faccio compressione parallela ma schiaccio di brutto direttamente sulla traccia (sempre con l'E channel), gli over li comprimo molto leggermente, le room (quando presenti) dipende. se c'è un'unica traccia stereo la tratto più o meno come gli over, se c'è una mono oltre alla stereo la comprimo molto.
      in ogni caso tutte le tracce, riverberi inclusi (tranne i ritorni dei compressori paralleli di cassa e rullante), vanno al bus "batteria" che viene leggermente compresso da un Waves API 2500.

      sicuramente c'è ampio margine di miglioramento, sia per il "come" agisco, sia per il sistema che uso. però da quando applico queste operazioni, arrivo a un risultato che mi fa dire "oh! mi piace!", mentre prima mi rendevo conto di fare delle schifezze
      grazie a tutti per aver condiviso le Vs. esperienze!

      ci sono ottimi spunti per divertirsi sperimentando i vari approcci!!!! :thumbup:
      "Il blues è il riassunto della musica. E' triste e struggente ma se lo spari a manetta diventa rock'n roll!"

      Elettrica: Fender Stratocaster American Standard PU DiMarzio, Acustica: Breedlove D25, Basso Yhamaha BB424X, Sony Vaio Core Duo Ram2G, Line6 KB 37, Sontronic Mic Condenser stc-2, Cubase5.

      soundcloud.com/roberto-scaglioni
      COme saturatori uso soprattutto:
      - INFLATOR
      - MA e's coppiato l'amore anche per la Stripbuss di Quinto che non satura proprio ma prova a metterlo su tutte le tracce (non i canali) equando lo accendi dici letteralmente "ELLAMAXXONNA" consiglio eprò di mixare subito con la stripbuss acessa perchè se caricata dopo all'accensione sbilancia un pò il mix e le dinamiche. Sembra veramente un mixer e io che ho anche quella di Steven Slate posso dirlo... hihihi.
      Comunque non intendo dire che il suono è distorto ma semplicemente lo ADDENSO con questi aggeggi che lavorano in qualche modo come un pezzo d'HArdware che di passaggio in passaggio "dona" compresisone e densità... IMHO..
      P.s.: In realtà il mio approccio è motlo standard nel senso che tutti quelli che mi piacciono e che ho bvisto mixare mixano così. Riassunto:
      - comprimo eq saturo ogni singolo canale compreso riverbero
      - comprimo in parallelo la batteria

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “MuzakStudio” ().

      Allora,
      le soluzioni che adopero nei miei mixaggi sono dovute alle letture di TeetoLeevio, ai tutorial di MuzakStudio e alle perle di Giampiero Ulacco. Quindi preparo una bella polenta delle cose che ho raccolto e capito, ottenendo sempre un gran casino. Quindi da capo fino a quando dal fango esce qualcosa di comprensibile.

      Ordunque se la lavoro ad una BUTTeria vera( ma da poco anche su ezdrummer), dopo aver regolato i livelli, messo al centro tutti gli elementi della batteria e messo in contro fase il rullo down, accade che:
      • cerco di isolare, con un gate, i singoli componenti dagli altri . Non troppo, perchè con qualche rientro il tutto rimane vivo. Gli over non li tocco. Su ezdrummer sto passaggio lo salto perchè non ci sono rientri.
      • comprimo anche fino a 10 con attacco lento (dai 10 ai 16 ms), rilascio rapido (max 5 ms) il rullante up, il rullante down, cassa, i tom, il timpano. Gli over non li tocco con nessun compressore. La soglia dipende...a volte anche -30 e oltre, a volte -20 db. Aggiungo gain controllando di rimanere entro i livelli.
      • equalizzo i rullanti, i tom, la cassa il timpano cercando di eliminare le eventuali risonanze (q stretta ma non troppo e -10/-18 db)
      • gli over tendo a limarli con un eq (shelving hi, shelving low, passa alto, passa basso...dipende dai casi) per rendere meno evidenti le basse, le medio basse e le zanzare. La zona alta dello spettro (sarà sfiga?... non lo so...perchè non microfono io le cose che mi arrivano) ha sempre avuto un filino di acidità nella zona degli 11KHz e 14 Khz, quindi mi è capitato spesso di abbassare di qualche db quella zona con q non troppo ampia. Su EZDrummer gli over sono già belli che trattati in basso. In alto sego anche dai 14 KHz
      • i due rullanti finiscono in un bus unico a cui controllo il livello. Quindi comprimo ed eq per scolpire il suono. A volte mi è capitato di usare, senza esagerare, un L2 che fa tando sdaaaaaaaaang. A me piace perchèmi fa nettezza urbana che in certe parti ha il suo perchè. Ma me lo hanno sempre bocciato. Alla fine, in questo bus, ci piazzo un riverbero mono. Su ezdrummer, non uso riverberi perchè c'è già parecchia room che esce dalla compressione parallela che faccio poi (vedi sotto).
      • la cassa (mi è sempre arrivata con un microfono), dopo la compressione, viene eq cercando di mettere in evidenza la punta della cassa agendo fra i 4 e i 6 KHz. Le basse le regolo in modo meno preciso perchè definirò tutto quando metterò mano al basso. In ogni caso cerco di eliminare il cartone, e di enfatizzare la zona tra i 60 e gli 80.
      • Tutti i componenti finiscono in un bus che a sua volta finisce in un altro bus. Quest'ultimo lo comprimo parecchio con attacco veloce e rilascio lento e lo uso per dare ciccia al bus princpale. Un saturatore, se lo uso , lo uso qui , con parsimonia ma prima del compressore, al fine di mantenere le armoniche aggiunte sempre a galla. La roba indesiderata la sego via con l'eq dopo il compressore.
      La disposizione stereofonica: a volte dispongo gli elementi come se stessi guardando la batteria, altre volte come se la stessi suonando.
      Cassa e rullanti al centro. Charly un 30% ai lati messo in mute sempre tranne che nei ritornelli. Adesso ho osato su un mio brano (fatto però con ezdrummer) un bel 70 % ed effettivamente funziona. Da quando ho letto sto post, mi sono accorto che il charly agli estremi è usato spessissimo ma non è che mi piace sempre...pippe mentali cmq.... Gli over sempre agli estremi.
      Pace & Pepe
      Lorenzo alias 69 Novanta
      L'ultimo vestito non ha le tasche...

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “69 Novanta” ().

      mazeleddeep ha scritto:

      Ma invece il discorso della sinusoide a 60 Htz in sidechain sul compressore della cassa come funziona??
      Non riesco a capire il routing... :huh:


      Non è difficile

      Apri su una traccia un generatore di sinusoide a 60 Hz (o a gusto tuo)
      in insert dopo il generatore metti un gate, che però è comandato dal segnale della cassa anzichè dal segnale della sinusoide, quindi agisce sulla sinusoide però aprendosi solamente sui colpi di cassa.

      Per fare ciò devi creare una mandata dalla traccia della cassa che vada a finire nell'ingresso key del gate!
      "...and you're working your way
      from the ground on down.."

      mazeleddeep ha scritto:

      Ma invece il discorso della sinusoide a 60 Htz in sidechain sul compressore della cassa come funziona??
      Non riesco a capire il routing... :huh:


      Volendo puoi anche usare un semplice trigger, se non vuoi impazzire con il routing del sidechain... che in alcuni sequencer è piuttosto ostico.
      Ti basta preparare una sinusoide della frequenza che preferisci, lunghezza che vuoi (che poi, volendo, puoi anche controllare meglio ed accorciare con un "normale" gate in insert sulla traccia) e la utilizzi come un qualsiasi altro campione.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      MuzakStudio ha scritto:

      - MA e's coppiato l'amore anche per la Stripbuss di Quinto che non satura proprio ma prova a metterlo su tutte le tracce (non i canali) equando lo accendi dici letteralmente "ELLAMAXXONNA" consiglio eprò di mixare subito con la stripbuss acessa perchè se caricata dopo all'accensione sbilancia un pò il mix e le dinamiche. Sembra veramente un mixer e io che ho anche quella di Steven Slate posso dirlo... hihihi.


      Accidenti, questo plugin non lo conoscevo. Addirittura meglio di VCC ? Non ho provato nessuna delle due.

      Cosa vuole dire "mettilo su tutte le tracce, non i canali" ? Processi offline ? O mi sembra che il concetto sia quello della relazione tra canali tipo sidechain ?

      Grazie.

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      Scusa forse ho scritto male:
      - va messo su tutte le tracce normali meglio non metterlo su gruppi e buss
      - da mettere nel 6 slot ma a inizio mix questi i consigli di Quinto
      - se metti VCC su tutte le tracce è figo ma non ti fa così la differenza mentre questo è un plug di carattere: CARATTERE BELLO !!!