Fader Logic sv Cubase

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Fader Logic sv Cubase

      Salve ragazzi , vi giro una questione di un mio amico (ma anche un pò mia).
      Dunque , lui lavora su Logic e produce musica elettronica diciamo "estrema" (hardstyle) ed è uso su questa piattaforma ( Logic) lavorare una sorgente facendola passare per più canali in cascata.
      Ogni canale è dotato di distorsori/equalizzatori/compressori utilizzati in maniera molto spinta , non solo , si utilizza anche la distorsione digitale del canale e la risultante è ovviamente un suono che ha poco dell'originale.
      Questo è il procedimento tipico che si utilizza ad esempio per ottenere casse tonali .
      Ma veniamo al dunque , una volta ottenuto ciò che si desidera , si regola il master , si esporta e fine si è ottenuto un sample da caricare in un campionatore.
      Bene....anzi....male , perchè su Cubase questo non si può fare !
      Abbiamo tentato più volte , ma nulla , si riesce ad ottenere il suono , lavorando di subgrouping a manetta e distorcendo in maniera varia ed eventuale un suono di partenza ma se si tocca il master per evitare lo schiantamento eccessivo la pasta del suono cambia.
      Se invece non si tocca il master e si esporta direttamente il risultato è una porcheria che non è ciò che si è lavorato.
      La supposizione è la madre di tutte le caz*ate , certo , ma verrebbe quasi da pensare che il master fader di cubase operi sui singoli canali per ottenere l'attenuazione/esaltazione di volume che noi impostiamo.
      Riuscite a spiegarmela ?
      Differenza di architettura/algoritmo di calcolo tra il Cubico e il Logico oppure stiamo prendendo una cantonata colossale io ed il mio amico ?

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “mrk_lab” ().

      Logic 9 e 10 , ma credo funzionasse così anche prima , la cosa è cmq irrilevante.
      Cubase fino al 5 si comporta così , release + recenti non so , potrebbero anche aver cambiato o aver lasciato questa funzione opzionabile , non ho idea , magari lo è anche sul 5 ma mi sfugge quale possa essere il parametro che gestisce questo comportamento. Un pò come la gestione del PAN che è relativamente customizzabile per intenderci.
      Logic ha la risoluzione interna a 32 bit floating point già dalla versione 8.
      SU cubase5 non ci metterei la mano sul fuoco per cui credo che la differenza sia che in logic, finché non esci dai convertitori, in clip non ci puoi andare praticamente mai mentre su cubase il master ti produce onde quadre.
      Le mie foto...
      SenzaLegge
      Il mio soundcloud

      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...
      Anche Cubase può essere settato a 32 float , e a suo tempo avevamo provato senza risultati positivi.
      Ma il problema è che se abbasso il master , il suono cambia come se venissero abbassati i singoli canali.
      Sai meglio di me che la saturazione dovuta ad un effetto dipende dal livello a cui lavora quell'effetto , se tocchi il volume di input il punto di lavoro cambia e di conseguenza il suono ,
      Sul logic , abbassi il master e il suono non cambia.
      Onestamente, per come la penso io, i vari logic, cubase, reaper, pro tools, etc sono tutti della stessa buona qualità.
      Sta a noi scervellarci un attimo per settarlo in maniera ottimale rispetto alle nostre esigenze.
      Ad ogni modo sicuramente @barbetta57 ci saprà svelare l'arcano.....
      Le mie foto...
      SenzaLegge
      Il mio soundcloud

      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...

      mrk_lab ha scritto:

      Anche Cubase può essere settato a 32 float


      a dire il vero, la risoluzione del mixer non è impostabile dall'utente, ma è a 32f.p. e stop...
      perchè è questo che intendeva MrRedddde.



      mrk_lab ha scritto:

      Mi riferivo al routing quando dicevo "sicuramente inferiore".


      sul discorso routing, i sequencer sono tutti praticamente uguali; quello che cambia è conoscere bene il software che si utilizza.



      tutti i sequencer, operano allo stesso modo...
      sicuramente c'è qualcosa che vi sfugge.
      stai confrontando due cose diverse. cubase 5 non è cubase 7.5, il routing è cambiato completamente. come al solito (me compreso, per carità) si fanno confronti fra software di cui uno lo si conosce e gli altri no, ovvero ci si basa su versioni vecchie (guardacaso, cubase 5)
      il processing interno di cubase è sempre stato a 32 bit fino dal vst, una versione di 15-16 anni fa, quando logic nemmeno aveva l'audio
      secondariamente, non so ste state usando gli stessi plugins, nè lo stesso percorso di routing (sono evidentemente diversi). quello che mi sento di escludere è che cambi qualcosa abbassando il master out. lo so che affermo una cosa che voi invece sentite, però il discorso fa il paio con il mix scuro di cubase o la differenza tra il bounce in tempo reale e quello interno.
      per conto mio, l'unico modo di sentire delle differenze è il confronto doppio cieco, cosa che è evidentemente impossibile fare con due software che usano plugins diversi. fate due bounce, pareggiateli di loudness, poi fate un confronto doppio cieco con una terza persona che non sappia nulla di tutto questo e poi ditemi i risultati. magari si scopre che avete ragione, non pretendo di avere la verità in tasca.
      il fatto è che, quando uno è convinto di una cosa, non lo si smuove più. non esiste un discorso possibile che riesca a dimostrare che non è vero.

      mrk_lab ha scritto:

      [...]si utilizza anche la distorsione digitale del canale[...]


      Penso che il problema stia qui.

      Né Cubase né Logic dovrebbero clippare internamente (entrambi hanno un motore audio a 32 bit floating point), il clip si manifesta solo all'uscita se la somma supera la soglia di 0dBFs... Per scrupolo ho fatto una prova su Logic 9 con un test tone sinusoidale su un canale sparato a +6dB ed uno analizzatore di spettro (span) sul master, che non ha mostrato alcun armonico (quindi nessuna distorsione).

      Dal mio punto di vista, ci deve essere qualche passaggio che fate "inconsapevolmente" su Logic per farlo clippare prima del master e che non riproducete su Cubase. La soluzione più semplice che conosca per ottenere del clipping su Logic è usare il bitcrusher come clipper: se nella catena che usate ce n'è uno, sicuramente è quello il punto in cui ottenete il clipping... però bisognerebbe analizzare tutta la catena di effetti, testando ogni effetto in isolamento con un tono sinusoidale fino ad individuare chi fa il clipping (io partirei dagli effetti a valle e da quelli di uso ricorrenti).

      Sicuramente l'utilizzo di effetti diversi su Cubase non aiuta, nel senso che una volta individuato cosa va in clipping su Logic, bisogna riprodurlo con gli strumenti i Cubase, che verosimilmente suonano in modo diverso... tanto per fare un esempio, non so se il bitcrusher di Cubase possa essere usato come clipper come quello di Logic (non ho mai provato, probabilmente funziona).

      Quello che mi sento di escludere è che il master fader abbia un qualche ruolo, perché sono sicuro al 99,99999% che sia post somma su entrambi i software... Piuttosto, dato che il processing è abbondante, non è che state usando gli insert 7-8 congiuntamente al fader del canale su Cubase? Ovviamente sto facendo un'ipotesi al buio non sapendo quale sia la catena in questione ed il modo in cui lavorate; comunque, se così fosse, sicuramente si sarebbe individuato un punto di differenza critico dato che i 15 slot insert di Logic sono tutti pre-fader mentre su Cubase i primi 6 sono pre-fader e gli ultimi due post-fader.

      Purtroppo, senza analizzare la catena specifica, è un po' difficile fare delle ipotesi più mirate/precise. :(
      bye bye
      No Gobert , i sequencer non sono "tutti praticamente uguali" infatti Barbetta57 conferma ciò che dico io e cioè che il routing di C5 non è il routing di C7.5 !
      Detto ciò , io per primo (come scrivo nel post iniziale) ho il dubbio di stare a perdermi qualcosa.
      Inoltre (@Barbetta) non sto cercando di paragonare C5 a C7.5 , ma neanche al Logic , ma sto cercando di capirne le differenze (se e dove possano esserci).
      SinNight , uno dei punti cruciali sono proprio gli effetti (bit crusher di Logic in primis ;) ) .
      Riguardo gli insert pre/post invece no , siamo stati attenti a rispettare la logica di inserzione.
      Vedrò di uploadare il cpr del cubo dove si manifesta il sopracitato fenomeno.

      P.S.
      Chiedo gentilmente a chi risponde di rimanere in ambito prettamente tecnico per non fomentare inutili polemiche.
      Grazie
      Quindi, se l'ipotesi dovesse essere quella giusta, il problema starebbe nel fatto che nella catena di effetti sul Cubo manca un plugin che vada in clipping a 0dBFs...
      Nel pomeriggio faccio qualche prova con C7.5, sono curioso di verificare il comportamento dei plugin di serie (io non li mando mai in clipping, quindi non mi sono mai posto il problema).
      bye bye

      mrk_lab ha scritto:

      No Gobert , i sequencer non sono "tutti praticamente uguali" infatti Barbetta57 conferma ciò che dico io e cioè che il routing di C5 non è il routing di C7.5 !


      Barbetta dice infatti che non ha alcun senso paragonare un Cubase5 (vecchio ed obsoleto), quando ne sono già seguite 2versioni, più tutti gli aggiornamenti...
      altrimenti che facciamo?ci mettiamo a paragonare anche il routing dei primi sequencer con il nuovo PT11?

      se vengono dette imprecisioni, mi riservo di intervenire e farlo presente...
      esattamente come ti ho detto a quanti bit di risoluzione lavora il mixer di Cubase, facendoti notare che non sono modificabili.

      In questo caso specifico poi, stiamo parlando di una serie di processing fatti con plugin diversi (che poi...quali?); tanto che i sequencer proprio non c'entrano nulla.

      sin night ha scritto:

      [...]Nel pomeriggio faccio qualche prova con C7.5[...]


      Ho fatto qualche prova: il bitcrusher di Cubase, a differenza di quello di Logic, non va in clipping. La differenza è estremamente udibile.
      Provando a rimpiazzare il clipper con uno dei limiter di serie, il risultato non è lontanamente paragonabile, non viene introdotta altrettanta distorsione (per fortuna, aggiungerei!). Per avvicinarmi al bitcrusher di Logic, ho provato ad usare la sezione clipper (ho disattivato il resto) di Limiter 6 e ci si avvicina molto.

      Quindi, dal mio punto di vista, la soluzione è aggiungere un clipper alla catena di processing; anche se intravedo un possibile problema nelle 3 curve di clipping offerte dal bitcrusher di Logic che dubito siano replicate esattamente in altri plugin... magari ci si può avvicinare lavorando con i controlli offerti dal clipper di turno, però bisogna capire quanto il tipo di clipping incide sul suono finale. :|


      ps: riguardo al routing, se non ricordo male Cubase 7 ha introdotto solo le channel strip, per il resto il routing dovrebbe essere del tutto identico a quello delle versioni precedenti (io sono passato da Cubase Studio 4 a Cubase 7 con una "pausa di riflessione" di un paio d'anni su Logic Express 9 e, a livello di routing, non mi pare ci siano altre differenze tra le varie revisioni)

      edit: ho fatto casino col quote
      bye bye
      Il confronto doppio cieco non lo devi fare tra Logic e cubase, ma fra due bounces diversi di cubase, uno con il master su ed uno con il master giù
      Il routing di cubase 7 è diverso da cubase 5
      solo per fare un esempio, in cubase 5 se creavi due gruppi il primo poteva andare nel secondo ma non viceversa
      comunque, per fare un confronto con Logic, Logic ha gli aux (se non è cambiata qualcosa nel frattempo, io ho la certificazione 101 sull'8, ho il 9, mi rifiuto di comprare anche l'x)
      un aux è una canale indifferenziato che può servire da fx, da gruppo o da qualsiasi cosa ti possa venire in mente, e può puntare a tracce o ad inputs ed outputs fisici
      cubase ha una categoria diversa per ogni scopo
      questo può essere dispersivo o no, a seconda di come si è abituati. Io per esempio mi trovo bene a creare un gruppo quando mi serve un gruppo e un effetto quando mi serve un effetto
      Attualmente cubase funziona così
      Una traccia audio gestisce un file audio e può puntare ad un' uscita fisica, ad un gruppo, al master out. In ogni traccia ci sono 8 insert e 8 send, in ciascuno dei quali può essere caricato un fx, un gruppo od un bus, e 4 cue out che puntano ad una control room separata. In ingresso può ricevere un bus con ingressi fisici della scheda, un canale fx od un gruppo
      Un canale fx gestisce fino ad 8 effetti contemporaneamente ed ha a sua volta 8 mandate e 4 cue, può puntare ad un gruppo o al master out, oppure all'ingresso di una traccia audio
      Un canale gruppo ha sempre 8 insert, 8 send e 4 cuei e può puntare ad un altro gruppo, ad una traccia audio o al master out può ricevere in ingresso qualsiasi canale di cubase (riferito alla parte audio, ovviamente, quindi i canali audio degli strumenti virtuali, ma non le tracce midi)
      Una traccia audio può essere pilotata da una traccia midi (esempio classico i plugins di pitch), e può puntare direttamente ad un plugin fornito di ingresso sidechain
      Un discorso a parte meritano le connessioni vst
      Qui è possibile configurare, oltre che ai normali bus di ingresso e di uscita (che, ripeto, possono anche essere messi in send o in insert nelle tracce) anche dei bus particolari mono, stereo, 4,5.1,7.1, che possono gestire un effetto od una tastiera esterna. Questi bus, una volta creati, appaiono nella lista degli effetti o in quella degli strumenti virtuali e possono essere caricati come tali
      La control room, se attiva, prevede la creazione di diversi tipi di connessione, compresi bus talkback. Particolarità generale è che ad ognuna di esse, ed indipendentemente come volume, è possibile assegnare o no il click
      (Cosa che comunque è possibile fare per ogni bus di uscita)
      Le tracce esternal fx hanno perfino gain in ingresso ed in uscita per ottimizzare il livello di mandata e di ritorno e dispongono anche di una routine che calcola la latenza totale del giro