Mastering personale vs Professionale, aiutino!

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Secondo me bisogna partire dalla realtà: pochi ragazzi oggi ascoltano musica con "device" diversi dal cellulare, e se non sono le cuffiette sono le casse bluetooth portatili.

      Detto questo la maggior parte dei "device" punta l'attenzione sulle Basse e anche nel mondo pop le basse vengono spesso enfatizzate per far "pompare" il pezzo.

      La dinamica dal punto di vista del mercato è nemica delle vendite, sappiamo che per un ascoltatore non attento, un pezzo con RMS maggiori è più "carino", "piacevole"...

      Parlo spesso di musica con i ragazzi e le filosofie di pensiero alla fine sono due:

      1) Fan della Botta (boom boom boom) e chissenefregadelresto
      2) Fan della Voce (la la la la la la) e chissenefregadelresto

      Dobbiamo ripartire dall'educazione musicale dei ragazzi/bambini.
      Ognuno cominci dalla propria casa :D

      Almeno, questo è il mio piccolissimo parere.
      ..."ci vuole un fisico bestiale", ma forse anche un Ingegnere Chimico può bastare!

      U87 - TLM103 - CAD E-200 - AT4040 - ATLAS Prism Sound - Fireface 800 - Genelec 8040 - Focal CMS65 - Rupert Neve Portico 5015 - Focusrite MKII Oktopre Dynamic - MBP Retina 15" - Logic Pro - Le mie orecchie ;)
      Mi aggrego anche se in ritardo cercando di contribuire su alcuni punti

      1. Il generare 5 pagine in un thread criticando la FOTO di un master e' semplicemenete ridicolo. Se il pezzo fosse un pezzo black metal sarebbe anche troppo dinamico ;)
      La musica si ascolta...non la si guarda.
      2. Il voler "educare" le masse e' a dir poco anacronistico. La musica e' un business e come tale va trattata...di conseguenza sono le masse a dettare il tipo di prodotto richiesto. Pls. dont' shoot the messenger ;)
      3. Mettersi in cattedra con i propri clienti che richiedono un prodotto diverso da quello offerto non e' molto saggio in termini di business ...me think :rolleyes:
      4. Recentemente, chi schianta viene penalizzato in streaming. Non ci sono cazzi che tengano. Le cose sono cambiate. Un master schiantato funziona solo su CD. Radio, Streaming e vinile (chiaramente) hanno bisogno di un approccio molto piu' dinamico.
      5. Di conseguenza ora posso far notare che il master schiantato funziona al meglio solo da CD e che se lo vogliono mettere in rete suonera' da schifo. Chiaramente non vogliono pagare per un master separato, il che li porta tutto d'un tratto a cambiare idea e ad accettare compromessi ;)
      6. Un master che suona a -6 RMS (AES) non necessariamente suona da schifo. Dipende dal tipo di musica. Fare di tutta l'erba un fascio e' pericoloso IMO
      7. Arrivare agli RMS che il mercato richiede/richiedeva e' un arte non da poco. Masterizzare arrivando al limite della distorione senza compromettere l'intelligibilita del mix originale aggiungendo botta, profondita, estensione del panorama stereo e annullando tutte le "distrazioni" che rendono un master commerciale accettabile va MOOOOLTO oltre il richiamare un paio di presets di Ozone, come affermato in precedenza.
      8. Nessuno piu' dell'ME vuole mantenere un "integrita' sonica" nei propri masters e di sicuro non e' la mia prerogativa di mettere come priorita' il livello degli RMS (o meglio di LUFS).
      9. Alle volte (sapendo qui di farmi pochi amici dicendo questo) la dinamica e' piu' un fattore negativo/inutile. Ci sono generi musicali come dubstep, grime, DnBass, Black Metal, Metalcore, Industrial, dove essa non sia assolutamente un pregio o una necessita'
      10. in un anno circa non si parlera' piu' di loudness grazie alla loudness normalisation automatica in YT, Spotify, iTunes Radio (e spero presto anche Goggle Play) La guerra e' finita e abbiamo vinto noi...so chill out!

      AB
      Salve,

      ho riflettutto molto su questo affare della dinamica in fase di "finalizzazione" perchè sto combattendo con i miei brani ultimamente proprio in questo senso.

      Ho scelto , credo, una via di mezzo. Innanzitutto cerco una certa omogeneità di livelli fra i brani. nel senso che scelgo , attraverso Cubase e Wavelab , e con il riferimento della scheda audio e l'ascolto , sia monitors che cuffie, un livello di riferimento generale uniforme tra i vari brani.

      Faccio canzoncine , diciamo così, pop mooolto all'italiana, quindi cercare un livello di riferimento non è solo una questione numerica. Sui meters di Cubase scelgo di accettare lo zero se questo è causato dalla batteria (che prediligo "in face") .Il resto sta sotto anche a -6 . Punto.

      La voce sta esattamente in mezzo. Intellegibile ma non invadente.

      Fatto il mixdown (ah , parliamo di Cubase 8 Pro) , che lascio a 32 bit ,vado a leggere il livello ottenuto con Wavelab.

      Utilizzo una catena di Ozone da circa un paio d'anni e mi trovo bene avendomi favorito nel trovare l'omogeneità di livelli fra i brani di cui sopra.

      Infatti di Ozone uso : l'equalizzatore , l'imager ed il maximizer inseriti in questo ordine.

      A quel punto in Wavelab rispetto SEMPRE il suo zero. Con il maximizer gioco un pochino sulla scelta di quel pelo di compressione che lascia una sorta di headroom entro la quale si muove il brano. Parliamo sempre di non scendere , mediamente , sotto il -6 del meter di Wavelab.

      La mia compagna adesso ha uno smartphone LG G2. Fino ad oggi non conoscevamo quel mondo se non che attraverso amici.Ma mai provato a sentire i brani che finalizzo con questi sistemi. Comunque alcuni brani li ho già convertiti , quale serie di pre-mix e pre-finalizzazioni di test (in realtà mancano ancora da fare voci decenti), nel fatidico mp3 seppur mantenendo un 256Kb che non vanifica e mortifica del tutto il lungo lavoro fatto.

      Detto fra noi?Tutta questa "mosceria" dovuta all'ascolto su questi terminali io non è che la senta così evidente. Certo è che ci sono brani pop attuali , italiani e non , messi a confronto, che suonano più forti e , in alcuni casi , anche più "piatti" .

      Se si necessita di dinamica , intesa nella modalità classica, ovvero la possibilità che l'arrangiamento includa un relativo rispetto delle dinamiche ad esso correlate , e tutta la gamma che da ciò discende, beh ,concordo con molti in questa discussione che ormai il discorso , visto cosa e come va sui media , non ha più senso.

      Se si cerca la dinamica , e quindi solo una "pressione" maggiore , allora sappiamo tutti come fare salvo poi schiacciare definitivamente quel poco di dinamiche che un brano potrebbe presentare ad un ascolto non certo da smartphone. Basterebbero un paio di diffusori decenti ed una 25ina di watts puliti e dinamici per apprezzare certe differenze.

      Si , lo so , e concordo con quelli che hanno sottolineato questo aspetto : non è un problema solo di business ma ancor più culturale. A questo punto , se ne parliamo , perdiamo in partenza.

      Saluti

      P.S. : vorrei farvi ascoltare qualcuna delle mie canzoncine anche per questo discorso che , secondo me, va focalizzato partendo anche da un presupposto ovvero il target al quale ,idealmente , ci si vorrebbe rivolgere promuovendo i brani. Come posso fare , senza infrangere regolamenti vari e SIAE, su queste pagine premesso che dispongo già dei links ai quali scaricarli e/o ascoltarli?

      Grazie
      ...Musicalmente Parlando...

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “luigi864” ().

      luigi864 ha scritto:

      P.S. : vorrei farvi ascoltare qualcuna delle mie canzoncine anche per questo discorso che , secondo me, va focalizzato partendo anche da un presupposto ovvero il target al quale ,idealmente , ci si vorrebbe rivolgere promuovendo i brani. Come posso fare , senza infrangere regolamenti vari e SIAE, su queste pagine premesso che dispongo già dei links ai quali scaricarli e/o ascoltarli?

      Grazie

      La cosa più semplice è aprire un account su soundcloud o youtube e postarli lì.
      Se invece ce li vuoi fare ascoltare a buona definizione (il che è indispensabile per un ascolto critico) dovresti uploadarli su un servizio di file sharing.
      Le mie foto...
      SenzaLegge
      Il mio soundcloud

      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...
      Al di là di tutto, volevo chiedervi a voi che a quanto vedo di mastering ne capite... Per farlo si deve avere una traccia Wave a -6/-7 e poi (nel mio caso cubase) inserire sul master i vari effetti, è questo il procedimento oppure c'è un ulteriore fase?