analogico che clippa?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      analogico che clippa?

      ciao a tutti
      di recente sono stato in uno studio "vero" per allenarmi a mixare.
      avevo una console studer serie 900 a 8 canali (gli altri erano rotti) gli altri canali assieme al mixer andavano su un sommatore thermionic culture fat busterd e un sacco di outboard vintage tipo 1176 la4a 1178 e via dicendo e delle genelec.
      tutto fomentato per questo setup vado a mixare, i bassi escono spettacolari. la voce però risulta clippata, "cartonosa" con un sacco di distorsione. il ragazzo dello studio mi dice che é una paranoia, perché il gain staging di ogni macchina é a posto. però fatto sta che la voce, che coi plugin che mi sono spippolato a casa suonava perfetta, e ora fa letteralmente schifo. la compressione è ok, volumi ed eq potevano uscire meglio... ma la voce clippa! cosa potrebbe essere secondo voi? il gain staging? o la console é rotta? (tra l'altro dovevo tenere i fader a metà perché sennò il mixer andava in overload) oppure il fatto che dovevo mixare metà col mixer metà col sommatore?


      grazie e scusate per il poema
      Italiano a parte... 9 volte su 10 se un segnale distorce è perché non stai operando nel modo corretto a livello di gain staging. Non si capisce molto bene la catena audio, però nel tuo caso è probabile che entri troppo alto nel canale del mixer. Prova a controllare il livello che hai in uscita dalla scheda (e in ingresso al mixer): se sei vicino allo 0 dB FS abbassati almeno di 20 dB.
      Uno studio vero è uno studio che funziona.
      Uno studio con attrezzatura analogica di un certo spessore non può lavorare zoppo con problemi tecnici che nascono come funghi ogni mezz'ora. Non esiste lavorare con un banco rotto e doversi imbattere in problematiche come quella sollevata da te.
      Non può ne essere professionale ne rappresentare un serio riferimento per coloro che richiedono o vogliono farsi un'idea di un determinato tipo di sound.

      Il problema riscontrato può essere causato da mille fattori ma se assicuri che la catena di outboard nella quale è convogliata la voce è realmente a posto, credo che la causa sia facilmente da imputare al banco Studer.
      Se è un serie 900 mi aspetto che abbia un numero decente di canali e se solo otto "funzionano", sarebbe auspicabile usarlo più come appoggia memorabilia in salotto che banco da mix.

      Specifica più dettagliatamente qual'è la catena della voce. Magari non è il banco ma è lo stage d'ingresso dell'1176 in distorsione. Cosa che si fa volutamente in molti casi, ma non con questo risultato.
      Con quale livello sei entrato nell'1176, qual'era la posizione della tacca sull'input e quanti db riduceva sul meter?

      E comunque ribadisco una cosa importante: studio vero non significa ne studio rigorosamente analogico, ne presenza di apparecchiature datate. Vero è un set up che funziona senza intoppi e che sforna risultati di qualità.
      Che poi la presenza di analogico sia uno dei fattori determinanti l'immaginario collettivo di uno studio e necessario per l'ottenimento di un certo livello qualitativo ci può stare ma la roba deve essere operativa e perfetta.
      Il risultato analogico NON è quello.
      Ci credo che poi la gente passa alla scatola.
      Analog and digital mixing.
      Blues Cave Studio
      Italiano a parte... 9 volte su 10 se un segnale distorce è perché non stai operando nel modo corretto a livello di gain staging.
      ...
      nel tuo caso è probabile che entri troppo alto nel canale del mixer. Prova a controllare il livello che hai in uscita dalla scheda (e in ingresso al mixer): se sei vicino allo 0 dB FS abbassati almeno di 20 dB.


      perdona l'italianese. ci scommetterei che era quello. ho sbagliato con gain staging: molti valori erano molto spesso attorno ai -6dBFS di picco, altri a -2 ecc...
      c'è da dire che il banco era starato, o meglio non ho saputo nulla su come era tarato, i vu meters erano rotti. per sapere se clippavo dovevo vedere la lucetta "overload". tra l'altro i compressori del canale erano SEMPRE attivi, non bypassabili (altrimenti davano problemi). lezione che ho imparato: fatti dire prima se è tarato il banco, a quanto è tarato e se tutto funziona. se non è così, avrai problemi.

      Non si capisce molto bene la catena audio,


      Voce esce da PT a -6 di picco, a -12 dbFS di media (se non ricordo male) -> convertitore -> Universal Audio 1176 -> UREI LA4 -> Mixer -> sommatore Thermionic Culture.

      1176 -> sui valori di Input e output non ricordo bene: l'input era a 7 o a 8, output era basso. ratio era 4:1 attacco a 5 release a 7 (se non erro). i vu meters (sempre se non erano starati) erano quasi fermi per IN e OUT, la GR si muoveva abbastanza e non stava mai ferma.

      La4 -> non ricordo, ma comprimevano gentilmente e non molto come gli 1176. Ratio simile. discorso simile per i vu meter.

      Mixer -> non ho idea, tenevo il trim bassissimo, usavo l'EQ del banco (boost sulle alte), e i fader stavano a 1/4 della corsa totale, praticamente bassissimi. e distorceva.

      Io ho sempre lavorato coi plug-in (a parte i pre e i microfoni) e sto cercando di scoprire il mondo analogico per conto mio, quindi sto cercando di entrare nella mentalità analogica (che spiega anche molte cose sul perché certe cose nel computer vengono fatte in un certo modo). non vorrei che il comprimere con un fet e poi con un opto possa aver sgranato il suono, cosa che sui plug in non si sente, mentre magari con le macchine vere funziona. la cosa strana è data dal fatto che prima dei settaggi e dei cablaggi non distorceva, dopo aver riascoltato bene (e magari compresso un po') distorceva. distorceva in entrata ai compressori, o nell'entrata del mixer?

      comunque ribadisco una cosa importante: studio vero non significa ne studio rigorosamente analogico, ne presenza di apparecchiature datate. Vero è un set up che funziona senza intoppi e che sforna risultati di qualità.


      hai ragione. io magari ho solo plug in ma i clienti sono iper soddisfatti. di fatto, da cliente di uno studio, ho appreso che il nascondere i problemi non è indice di professionalità. penso che uno studio, se mette a disposizione le macchine, deve avere il bancone tarato e riferire tutti i problemi prima, in modo da procedere senza intoppi. l'assistente dovrebbe essere come un plug-in vivente. ho sbagliato anche io, in primis, perché non ho subito puntualizzato la cosa (forse avrei dovuto dire al proprietario/assistente: "questo suono inizia a distorcere, questa cosa non mi piace, ritorna a dove eravamo prima, e se non ci riesci o scalami dall'affitto il tempo che ci metti"). per la prossima volta (sempre se andrò in quello studio) devo tenere a mente queste due lezioni. fatti dire i problemi prima, e ottieni potere decisionale massimo. se sei tu che mixi, sei tu che prendi le decisioni. quindi se il distorto sulla voce non va bene, allora non va bene e fino a che la voce non suona pulita, io non schiodo (e non ti pago le ore extra se il mixer è rotto).


      Post was edited 2 times, last by “partyhero” ().

      Esatto, se paghi devi poter lavorare con attrezzature che funzionano, alternativamente diventa un giochetto.
      Di base le macchine che sono da riparare non dovrebbero nemmeno essere messe a disposizione.

      In merito al problema voce distorta, se per 7/8 di input sull'1176 intendi che si trovava a circa ore 4, praticamente quasi a fine corsa e che l'output era molto basso, beh, c'è buona probabilità che tu abbia saturato il trafo d'ingresso.
      Sei anche uscito dalla daw con un buon segnale quindi predisposto alla saturazione con input alti.

      In tal caso LA4 e banco non avrebbero colpa e comunque puoi stare tranquillo, 1176 e LA4 si sposano senza problemi in catena.

      Se vuoi postare due secondi di take è più facile individuare se si tratta di classica saturazione di stage d'ingresso. L'1176 in queste condizioni suona piuttosto caratteristico, tra l'altro.
      Analog and digital mixing.
      Blues Cave Studio

      analogico che clippa?

      A titolo informativo il thermionic Fat Bustard ti permette di entrare davvero con livelli molto alti rispetto a parecchi altri mixer o sommatori analogici con morbide saturazioni e, se udibili , comunque piacevoli. A meno che tu non ti fiondi con dei valori moolto vicini allo 0 dbfs. L'ho avuta l'ho amata e adesso che non ce l'ho più mi manca !