Curiosità Sul Mastering Finale

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Curiosità Sul Mastering Finale

      Ciao a tutti ragazzi è un pezzo che non venivo a farvi visita... Mi sono appena riletto un pò di thread interessanti nel forum, che mal grado il mio buon impegno mi hanno lasciato delle perplessità.
      Noto che per cominciare bene un master si consiglia sempre di lasciare vuoto il canale master, e di esportare la traccia per riaprirla in un altro progetto come Master. La mia domanda era: perchè si fa questo? Quale vantaggi porta all'acustica del progetto finale? E inoltre, a quanti Db si consiglia di tenere la traccia prima di proseguire il master, in modo da avere sufficiente HeadRoom? Grazie mille a chiunque riesca a delucidarmi poichè non ho trovato molto nel Web. Grazie a tutti! :thumbsup:

      Bwoy wrote:

      Noto che per cominciare bene un master si consiglia sempre di lasciare vuoto il canale master, e di esportare la traccia per riaprirla in un altro progetto come Master


      ​Mhmh...non riesco a capire, mi sa che hai fatto un po' di confusione...

      Forse intendevi dire che una volta finito il mix, per fare il mastering è meglio esportare la traccia e farlo in un nuovo progetto?

      Ad ogni modo, non è detto che la traccia che porti in mastering non debba aver ricevuto precendentemente trattamenti sul canale master.
      Un caso classico è il compressore sul master in mix. La traccia arriva in mastering con quella compressione applicata.

      Il fatto di esportare il mix per farne il mastering in un altro progetto proviene essenzialmente da due cose.
      O almeno queste mi vengono in mente, non sono un tecnico...

      Il primo è che quando si fa il mastering solitamente si fa su più tracce. Quindi è comodo averle tutte in un progetto.
      Il secondo è che in mix abbiamo probabilmente usato molte risorse del pc. Essendo i plugins da mastering belli pesanti il più delle volte, si tende a fare tutto in un nuovo progetto.
      "...Deve esserci un nemico che non può essere sconfitto".