Le basse in mono

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Le basse in mono

      Quando usate plugins per portare le basse in mono di un intero mix?
      ​Avete dei generi musicali dove prediligete tale trattamento?
      Che frequenza di crossover usate?
      Cominciate a mixare col pluggo acceso dall'inizio o lo inserite alla fine?

      Fateci sapere!!! :)
      "...Deve esserci un nemico che non può essere sconfitto".
      Per quel che mi riguarda, per i miei brani (genere house/techno/elettronica) il problema è sostanzialmente risolto a monte con la prevenzione (mi rendo conto che in altri generi non sia possibile altrettanto).


      Per mantenere le basse frequenze mono mi assicuro di lavorare con materiale mono e, se applico effetti, cerco di fare in mono che non comportino problemi di fase tra LR sulle basse. Evito di applicare effetti "stereo" sui suoni ricchi di basse ed, in genere, quando uso effetti di questo tipo (su qualsiasi tipo di materiale) valuto se è il caso di equalizzare (o prima o dopo dell'effetto).
      Considerando che per le linee di basso uso sempre il Minitaur (oppure, in casi eccezionali, qualche altro monofonico) e che lo registro sempre rigorosamente su una traccia mono, il problema nel mio caso si restringe ai campioni di cassa (che però, nelle librerie commerciali, spesso offrono già una buona gestione delle basse... se c'è qualcosa di strano, si nota sicuramente subito).


      In fase di "finalizzazione" (non posso chiamare mastering un lavoretto faidaté eseguito in una situazione amatoriale come la mia), se proprio avessi bisogno di rendere mono le basse (nel mio caso probabilmente indicherebbe la presenza di problemi in fase di tracking e mix, visto come lavoro) credo userei un eq in mid-side (ho da anni IIEQ Pro che può lavorare in M/S ed è dovrebbe essere dotato anche di un filtro ellittico se non ricordo male; ora come ora sto valutando lo SlickEQ Mastering Edition per avere un equalizzatore capace tra le altre cose di lavorare in M/S senza bisogno di altri plugin di supporto e dovrebbe pure includere un tool per rendere mono le basse frequenze).


      Se sono proprio costretto, equalizzo/filtro in M/S (anche già in fase di mix, su singoli suoni), se pur posso però preferisco lavorare equalizzando insieme L e R (sia sul segnale dry che sulle mandate, non necessariamente in modo identico, a seconda delle esigenze) e prima ancora curare la scelta dei suoni ed il tracking. Però mi rendo conto che faccio un tipo di musica in cui posso permettermi di portare queste scelte veramente all'estremo...
      bye bye
      possiamo identificare il punto , cioè in quale processo siamo ? stiamo parlando di questo mentre facciamo un mix ? una stesura di arrangiamento ? un master ?

      a prescindere da questo la mia risposta , in ambito Hip Hop è :

      - basslines e kicks in mono , sempre
      - il resto dipende

      serve veramente un plug in per mettere dei bassi in mono?
      se esiste , potresti indicarmene uno a caso , per capire e documentarmi ...?
      TDR SlickEQ – M (Mastering Edition) è l'ultimo eq uscito sul mercato dotato di un filtro dedicato a questa attività... ma è sufficiente cercare "bass monoizer" con un motore di ricerca e saltano fuori tanti plugin, come Basslane, NuGen Monofilter e via dicendo, c'è solo l'imbarazzo della scelta. Gira e rigira, alla fine si tratta di rimuovere i bassi dal side...
      bye bye

      sin night ha scritto:

      TDR SlickEQ – M (Mastering Edition) è l'ultimo eq uscito sul mercato dotato di un filtro dedicato a questa attività... ma è sufficiente cercare "bass monoizer" con un motore di ricerca e saltano fuori tanti plugin, come Basslane, NuGen Monofilter e via dicendo, c'è solo l'imbarazzo della scelta. Gira e rigira, alla fine si tratta di rimuovere i bassi dal side...

      grazie mille... non avevo mai pensato a questa cosa...

      Mad Dog ha scritto:

      sin night ha scritto:

      TDR SlickEQ – M (Mastering Edition) è l'ultimo eq uscito sul mercato dotato di un filtro dedicato a questa attività... ma è sufficiente cercare "bass monoizer" con un motore di ricerca e saltano fuori tanti plugin, come Basslane, NuGen Monofilter e via dicendo, c'è solo l'imbarazzo della scelta. Gira e rigira, alla fine si tratta di rimuovere i bassi dal side...

      grazie mille... non avevo mai pensato a questa cosa...


      già...
      ma occhio che l'effetto è tutt'altro che neutro.
      Aldilà della differenza inevitabile di rendere mono un determinato spettro di freq.
      bisogna fare attenzione a questi processi, perchè per quanto semplici nasconodo insidie a volte mica tanto microscopiche.
      A livello sonoro a volte ho la sensazione di, passatemi il termine tecnico-anglosassone, sfanculamento nella zona d'intervento dell'algoritmo.
      Concordo con Gobert4; per quello ho scritto quel pistolotto in cui affermo che preferisco prevenire.

      Poi non so se la presenza di materiale sulle basse frequenze del side sia tollerabile entro certi limiti, suppongo dipenda dal tipo di musica (ad esempio un brano chitarra acustica e voce, oppure un brano edm), dal formato di destinazione (vinile, cd...), e via dicendo... ma su queste cose non sono ferrato, è materia per i mastering engineer.

      Per le mie orecchie, un attimino di "stereofonia" sulle basse non mi infastidisce, però più le basse sono profonde e/o intense e meno riesco a tollerare la stereofonia (questo al di là delle considerazioni tecniche che riguardano supporti come il vinile, che ha difficoltà nella gestione della stereofonia sulle basse). In linea di massima, sono contento quando le basse sono mono.
      bye bye
      Le basse frequenze sono omnidirezionali quindi vanno benissimo in mono.
      In più sui vinili che tanto amiamo :D mettere le basse in mono era obbligatorio per problematiche tecniche del supporto.
      Comunque, nel mio setup, a questo scopo, FabFilter Pro-Q, generalmente HPF sul Mid 24db tra i 20 e i 30 hz. HPF sul Side tra i 70 e i 90 hz con pendenza molto più dolce.
      Non lo faccio mentre mixo ma poi, in fase di mastering.
      ...ma io lo so chi è Mark Lanegan, arrogante bottegaio indegno della roba che vendi qui dentro, alternativo dei miei coglioni che quando io ascoltavo i Dead Kennedys tu nemmeno ti facevi le pippe...

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “novalium” ().

      novalium ha scritto:

      Le basse frequenze sono omnidirezionali quindi vanno benissimo in mono.


      Imho c'è un po' di incomprensione diffusa su questo argomento.
      "Le basse sono omnidirezionali". Ok. Ma quali basse?
      Le sub... ma occhio che già 50Hz non sono più "totalmente omnidirezionali".
      50 - 70 - 100Hz, per quanto non siano sicuramente direzionali come una sinusoide a 3k, sono cmq ben collocabili nello spazio.

      Prova ad esempio a mandare uno sweep da 50 a 100Hz solo su L o solo su R e prova a controllare se lo senti centrale o laterale ;)
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      La direzionalità aumenta con la frequenza. Onestamente mi sono sempre fidato, magari farò delle prove, però in giro i fisici danno per totalmente omnidirezionali i 100 hz che onestamente sa pure a me un po' eccessivo.
      ...ma io lo so chi è Mark Lanegan, arrogante bottegaio indegno della roba che vendi qui dentro, alternativo dei miei coglioni che quando io ascoltavo i Dead Kennedys tu nemmeno ti facevi le pippe...
      Prova e facci sapere ;)

      Mi venne la prima volta la curiosità facendo delle rilevazioni acustiche e notando che all' aumentare della "bontà" del trattamento in regia aumentava la percezione della collocazione delle basse frequenze.

      Personalmente qui in regia riesco a distinguere senza sforzi o problemi la collocazione di una sinusoide a 40Hz. Ho appena fatto un blind test per curiosità. Indovinato 10 volte su 10.
      A 30 invece inizia a diventare più random.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      Immagino perché le riflessioni venivano limitate e la fonte diveniva più evidente

      Inviato dal mio LG-D855 utilizzando Tapatalk
      ...ma io lo so chi è Mark Lanegan, arrogante bottegaio indegno della roba che vendi qui dentro, alternativo dei miei coglioni che quando io ascoltavo i Dead Kennedys tu nemmeno ti facevi le pippe...
      Ragazzi mi sa che mi sono spiegato malissimo...

      Facciamo un passo indietro.

      Ho visto/sentito/letto che alcuni in fase di mix, usano plugins tipo questo...

      bozdigitallabs.com/product/mongoose/

      ...sul canale master, al fine di portare al centro le basse del mix.

      L'utilizzo di tale plugin, da quello che ho capito e secondo la mia ignoranza, non lavora come un eq mid side.
      La differenza dovrebbe risiedere nel fatto che il plugin sovralinkato non taglia nulla ma sposta "fisicamente" quello che c'è "di lato" verso il centro. E questo lo fa in una percentuale a nostra scelta.
      Se andiamo a restringere le basse, il volume di esse cambia.
      Abbiamo infatti un controllo per modificare il volume del contenuto della nostra beneamata crossover frequency.

      Ora, sperando che abbia compreso appieno il funzionamento del plugin (se qualcuno ne sa di più, una spiegazione tecnica fa sempre piacere), vorrei chiedervi se voi usate questi tool o meno sui vostri mix.
      "...Deve esserci un nemico che non può essere sconfitto".
      Così su due piedi, per "spostare" dai lati al centro dovrebbe lavorare in mid/side, estraendo il side, splittandolo in due parti (high e low) e poi ricostruendo il canale destro (in genere è mid - side) come "mid - side high + side low". Non oso immaginare cosa avvenga dove il contenuto di side high e side low si sovrappone (cancellazioni di fase). Non mi pare una soluzione realistica.

      Francamente mi pare più verosimile che vada a tagliare sul side e, al limite, applichi un'equalizzazione "complementare" sul mid per compensare quanto rimosso...

      Poi magari mi sbaglio, eh...
      bye bye
      Lo puoi fare benissimo con Ozone Imager…o con brainworks control mi sembra. Lo fa anche il finalizer della TC electronics parlando di HW..! Come ti hanno già spiegato, è una cosa che si usava nel mastering prima di stampare i vinili, perché l'eccesso di basse frequenze causato da problemi di fase nelle basse frequenze, poteva bucare il vinile al momento dell'incisione!
      Portando tutto il segnale sotto una determinata frequenza in mono, si ovviava a questo problema.
      Ora lo si fa meno, perché il cd non lo buchi quando masterizzi, però ha una sua utilità se si vuole dare più incisività nella parte bassa e magari togliere appunto un po' di confusione quando sotto è troppo carico o aperto. Io personalmente l'ho usato spesso senza eccedere e l'ho trovato una buona cosa. In altri casi invece peggiorativo..dipende dal materiale.!
      E' inserito in tool per mastering, perchè è un togli difetti come dico io… :D, ma si può lavorare meglio in mix per far si che non serva…..!
      Pro Tools, Studio One Pro, Antelope Orion 32, Urei LA4, Focusrite ISA430 MK2, DBX 160SL, Tascam MX2424, Tascam da78-hr, Drawmer 1968 Mercenary Edition, Drawmer 441, Sommatore MCI R500, TC Electronics Finalizer Plus, Yamaha NS10, Yamaha HS50, Focal CMS 65, Aphex 204 Aural Exciter & Big Bottom, Schoeps CMC6MK2-MK4, Neumann Km184, Aphex 460, Oktava Mk012, Akg 414Tl2, Audix Drum set.