trattamento voce nel parlato/doppiaggi

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      trattamento voce nel parlato/doppiaggi

      Ciao!
      sono sempre stato affascinato da un certo tipo di suono "fermo", "pulito", definito, che si sente in certe registrazioni di "parlato" (doppiaggi, voci narranti, pubblicità, ecc...),. Mi capita ogni tanto di registrare delle voci per delle colonne sonore di spettacoli teatrali, ed il risultato che ottengo è sempre iperamatoriale (ovviamente non registro in studio, ma in camera, con mic "decenti" ma non spaziali, senza particolari pre....ecc...). Mi rendo conto che per ottenere risultati top ci voglia tutto l'ambaradan necessario (acustica trattata, catena adatta, manico, ecc).
      Volevo però chiedere comunque, sia a chi si trova a registrare/mixare "parlati" in studio pro, sia a chi registra/mixa in ambiente "home", come si comporta con il trattamento della voce, soprattutto in fase di mixaggio (se usate particolari compressioni, effetti, tecniche di mix particolari...)
      grazie!
      Una registrazione di parlato è amatoriale prima di tutto quando ci sono le prime riflessioni della stanza. Quindi la prima cosa da fare è il trattamento acustico (al quale in questo caso si può parzialmente sopperire usando i reflexion filter o cose simili). Altrimenti, devi poi usare il deReverb per togliere le riflessioni, ma questo incide anche negativamente sulla voce, ovviamente.
      Quindi ti consiglio di investire su un trattamento acustico di base, facendoti consigliare bene da un tecnico.
      Ciao,
      come già ti è stato risposto, la prima cosa da fare nel caso di speakeraggio/doppiaggio è registrare un ambiente assolutamente dry.

      Per fare questo in una situazione home, potresti usare il classico sistema dell'armadio pieno di vestiti, ovvero posizionare il mic davanti all'armadio aperto e registrare parlando verso l'armadio. Solitamente con questo sistema si ottengono buoni risultati.

      Altrimenti dovrai realizzare un trattamento come si deve alla stanza, e magari costruirti un vocal booth trattato a regola d'arte.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      grazie mille ad entrambi per le risposte :)
      la "tecnica dell'armadio" la uso, e diciamo anche che camera mia -per la quantità infinita di oggetti e libri che c'è- è bella "asciutta".
      una volta che uno riesce a fare una presa "dry", poi come procedete? ipercomprimete? compressioni esoteriche parallele? o è "tutto" nella qualità della ripresa?
      certe voci che sento mi sembrano veramente irraggiungibili.....
      Ciao,
      Nel mio studio in passato abbiamo registrato diversi speakeraggi con voce femminile e devo dire con ottimi risultati, ma considera che la ragazza che registrava è una speaker professionista e dal mio punto di vista questo è fondamentale come per qualunque altro strumento che tu vada a registrare.

      Sostanzialmente, se parliamo di voci irraggiungibili, considera pure che la prima cosa "irraggiungibile" deve essere la voce stessa... non so se mi spiego, ma è chiaro che la voce per prima deve essere perfetta ed "educata" allo speakeraggio professionale.

      Come per tutto il resto... è un conto avere in studio Mina a registrare.... per fare un nome a caso.... e la ragazzina che si diverte al karaoke...

      Anche qui, nella mia esperienza ho avuto in studio cantanti professionisti e "dilettanti allo sbaraglio" e ovviamente ho registrato tutti con le stesse modalità, ambiente ed attrezzature, ma alla fine fra i risultati c'era ovviamente un abisso.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.

      mirco_band wrote:

      Ciao,
      Nel mio studio in passato abbiamo registrato diversi speakeraggi con voce femminile e devo dire con ottimi risultati, ma considera che la ragazza che registrava è una speaker professionista e dal mio punto di vista questo è fondamentale come per qualunque altro strumento che tu vada a registrare.

      Sostanzialmente, se parliamo di voci irraggiungibili, considera pure che la prima cosa "irraggiungibile" deve essere la voce stessa... non so se mi spiego, ma è chiaro che la voce per prima deve essere perfetta ed "educata" allo speakeraggio professionale.

      Come per tutto il resto... è un conto avere in studio Mina a registrare.... per fare un nome a caso.... e la ragazzina che si diverte al karaoke...

      Anche qui, nella mia esperienza ho avuto in studio cantanti professionisti e "dilettanti allo sbaraglio" e ovviamente ho registrato tutti con le stesse modalità, ambiente ed attrezzature, ma alla fine fra i risultati c'era ovviamente un abisso.



      E cioè come hai registrato se si può dire il peccato oltre che il peccatore?
      Sulla traccia dry, come chiede il TS hai poi applicato compressione,effetti,de esser etc?
      Tutto é Soggettivo
      Solitamente per lo spekerato abbiamo messo una compressione ma mai troppo invasiva.

      Gran parte del lavoro è invece l'editing manuale.
      Cosa importante tagliare tutti i silenzi, togliere i respiri e, qualora ci fossero parti relizzate con maggiore enfasi per esigenze interpretative, andare prima di tutto a correggere manualmente i picchi più elevati, prima ancora di applicare la compressione.
      Saluti Mirco.
      ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
      @mart
      Se hai intenzione di comprare un comp vst prova l'mv2 della waves. È una bomba sui doppiaggi e facile da settare se non hai troppe competenze. Certe profondità nel parlato si raggiungono con uno bravo a farlo o/e con alcuni accorgimenti e/o setup. Un amico che ha appena iniziato a lavorare nel settore estero a volte, ripeto, a volte, usa dei tool specifici e una tonnellata di suite concepite per la restaurazione audio, tipo rx,Cedar. Togliti dalla testa l'ultimo :) Casi più o meno estremi flux trax , bla bla bla. C'è una montagna di roba dietro, ma prima devi avere l ambiente e la strumentazione. Secondo me ti conviene risparmiare i soldi, andare in studio almeno per la registrazione, e poi cercare di arrangiarti, puoi trovare un buon compromesso, almeno per le registrazioni, che, mio parere, nel doppiaggio, sono fatidiche. A volte non hai possibilità di cammuffare come in un pezzo musicale dove puoi giocare con arrangiamento, se la registrazione è scarsa, apparirá sempre e comunque scarso, più di ogni altra cosa.