Mixare ITB attraverso Compressore HW

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Condivido al 100% il fatto che siano procedure a sola discrezione dell'operatore, che si possa far benissimo anche senza e che ognuno fa a modo suo, ma per me il senso ce l'ha eccome specialmente per certi tipi di sound.
      Sicuramente prima di approcciarsi al mondo hardware bisognerebbe aver appreso bene le infinite possibilità digitali e sfruttarle al massimo, anche per poter capire pregi e difetti delle macchine stesse, visto che oramai ci sono plugin che funzionano veramente bene;
      Se si guarda un pò il sound moderno dove la precisione del digitale ormai regna per me l'hardware trova ancora il suo posto e vedo sempre più spesso sistem ibridi in cui il cuore del sistema è ITB ma con quelle 2-3 macchine harware sul master che sostituiscano sistemi più ingombranti tipo mixer. Un bus compressor può darti qualcosina in più ma per me ci sono macchine che sul master sono insostituibili per certi generi, tipo una coppia di pultec.
      For every complex problem there is an answer that is clear, simple, and wrong.

      DBarbarulo ha scritto:

      hardware o plug, quello che ti piace alla fine va sempre bene ma, come ti è stato già detto, non sposta il risultato. Come quando si parla di grandi master implicitamente si parla di grandi mix, così quando si parla di grandi mix si parla anche di grandi riprese. Un errore che spesso ho riscontrato è quando un mix non ha carattere nelle scelte, è tutto ok ma non emoziona. Non ha a che fare con il colore di nessun box o plug esterno.


      Questo andrebbe inciso su una roccia :thumbup:
      For every complex problem there is an answer that is clear, simple, and wrong.
      Combinazione, da poco é uscito il nuovo plugin di CLA " Mixdown", che dovrebbe simulare la catena attraverso la quale lui mixa sempre (SSL, Limiter, Pultec se non sbaglio).
      Leggendo le info, lui consiglia proprio di missarci attraverso, e non di piazzarlo sul masterbus a fine missaggio...Magari é solo marketing, peró si cerca sempre di prendere spunto dai grandi, no?
      Toccherá provarlo :D
      Se si costruisse la casa della felicità, la stanza più grande sarebbe la sala d'attesa.
      Capirai. Il master di CLA è composto da una catena da 50mila dollari su per giù.Sicuramente il plugin Waves da 29$ suonerà uguale. s i c u r a m e n t e ​

      ah non suona uguale? :D
      era ovvio che non volevo fare un paragone con la sua catena, non sono mica rinco...volevo solo dire che missare attraverso un comp o comunque una catena ad hoc non è poi così strana come idea....ad alti livelli, come a bassi, ci sono persone che lo fanno perché probabilmente pensano sia meglio...tutto qui' :)
      Se si costruisse la casa della felicità, la stanza più grande sarebbe la sala d'attesa.
      non so. Ultimamente mi sembra che si sia perso il lume della ragione. Ci sono software che fanno PAURA, hardware abbastanza economici che fanno il loro sporco lavoro e la gente si perde ancora in queste cose. Secondo me manca il manico, e non solo (ahimè) solo nel mercato semi-professionale.. Non mi riferisco a te Steve 74 sia chiaro.
      Ascoltavo una batteria ripresa in uno studio molto prof. qua in toscana ( non chiedetemi dove, non ve lo dirò…), 17 microfoni, montagne chilometriche di rack. Faceva ca. are. Morta di dinamica ipercompressa. Anche qualche professionista ha preso questo andazzo e si è "perso". :D
      Solo 10 anni fa avevi un Tla 5021 e un Aphex Compellor 320 e spaccavi!

      PAPEdROGA ha scritto:

      2-Bus ha scritto:

      mentre ringrazio @Nordberg4 per la preziosa esperienza personale condivisa, devo dire che anche io sono interessato all'argomento. Anche perché ho letto diverse interviste di 'famosi' mix engeneers che mixano ITB con un comp analogico sul master. Probabilmente lo fanno per dei motivi a me oscuri ed è per questo che vorrei chiedere la partecipazione al 3D di @PAPEdROGA @teetoleevio e @DBarbarulo, se possibile.

      Grazie.


      Imho ha senso. Anche molto senso, volendo.
      Essendo l' ultimo anello della catena, sul 2 buss, tutto sarà influenzato da quel compressore, che potrebbe quindi diventare persino un collo di bottiglia. Andare su un buon compressore hardware ci aiuterebbe ad evitare questa situazione.
      MA, imho, questo "step di miglioramento" ha realmente senso solo dopo essere arrivati ad un livello così alto da aver ormai capito a fondo il digitale, averlo sfruttato al massimo, aver raggiunto i suoi limiti ed aver bisogno di quel quid in più che sentiamo necessario per non peggiorare il brano/mix.


      E' tutto qui. D'accordissimo. :thumbsup:
      Secondo me se impari a portare il digitale molto avanti, poi puoi apprezzare seriamente l'hardware, "sentirlo" e integrarlo nel tuo sistema.
      Il contrario, ossia partire con l'hardware anche più blasonato della terra, per me è quasi controproducente, anche e soprattutto - e non è facile poiché ci vuole molta disciplina - senza prendersi la briga di matchare il livello quando la macchina è inserita e quando è in bypass. Cosa che tendenzialmente non fa nessuno, purtroppo.

      L'hardware all'inizio può darti un vantaggio perchè la soddisfazione, anche e soprattutto se non matchi il livello, è molto evidente.

      Però se fai il contrario, ossia se parti a sfruttare al massimo il digitale, poi qualche pezzo di hardware può anche aiutarti molto.

      Sul compressore hardware: per me devi missarci dentro quasi fin dall'inizio. Non capisco però perchè si portino come esempi compressori moderni NON classici, tipo l'Elysia, o altre marche di boutique, à la Gearslutz, quando tutti i top da vent'anni usano altro... Gearslutz FA MALE.... :D
      Gli standard sono SSL e varianti tipo Alan Smart. Neve 33609 / 2254. Focusrite... Da qualche anno Shadow Hills...
      Non molto di più... Oppure guarda indietro alla merafiglioza Cermania degli anni 70...
      Non capisco perchè uno debba inventare tutto da capo quando li vedi consolidati da tutti i migliori del mondo.

      Su Nebula. E su ogni macchina in genere. (I)
      Anziché "bersi" i forum o basarsi sul "sentito dire" che al 90% spesso proviene da chi sta a scrivere ma non ha mai provato realmente quello di cui sta parlando ...provalo.
      Se ti funziona lo tieni nel tuo setup. Se non ti funziona lo butti. Questo vale per tutte le macchine, rosse, blu, gialle, hardware o software.

      Non perdere troppo tempo sui forum. Usa il tempo per missare o portare avanti il tuo setup, LA TUA LINEA.
      Questo è l'unico modo per crearti negli anni un setup personale che porti i tuoi lavori al migliore livello.

      Su Nebula (II) Nessun tecnico mondiale semplicemente né conosce Nebula - perchè non è diffuso - perché ha ancora una pessima nomea di affidabilità, anche se può funzionare bene.

      Se non lo conosce, non lo usa o lo usa con estrema parsimonia in progetti seri.

      * Perchè se non lo wrappi all'interno di altri plugin rischi di perdere i settaggi e non puoi fare il recall
      * Perchè oggettivamente succhia molto.
      * Perchè la gestione di chi lo produce è per molti incomprensibile e poco professionale.

      Detto questo Nebula nella mia esperienza non è lontanamente paragonabile a un sistema algoritmico tipo UAD.
      E' semplicemente diverso. E' un altro pianeta.

      Ovvio, bisogna metterci del tempo per inserirlo nel sistema.
      Ovvio, bisogna sbattersi non poco per imparare ad usarlo secondo me wrappandolo o usandolo offline.
      Ma è oggettivamente bellissimo.
      E oggettivamente ....costa UN DECIMO di un sistema UAD.
      Personalmente l'ho appena inserito nel flusso con Reason 9.5 che ora legge i VST (e anche AU con un wrapper...). Compensato. Ne puoi aprire poche istanze ma per me ogni plugin suona il doppio rispetto allo stesso inserito in ProTùlz. Pazzesco.

      Opinioni strettamente personali e di parte, non necessariamente condivisibili. :D

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !

      Teleborian ha scritto:


      Solo 10 anni fa avevi un Tla 5021 e un Aphex Compellor 320 e spaccavi!


      D'accordissimo. Perchè si cercava il brano e si usava la tecnica. Non le macchine.

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      Grazie 1000 Teeto per i consigli!
      Vedo che comunque in linea di massima siete tutti d'accordo nel dire che missando dentro un comp, piú che altro, mi incasinerei la vita....

      Non capisco però perchè si portino come esempi compressori moderni NON classici, tipo l'Elysia, o altre marche di boutique, à la Gearslutz, quando tutti i top da vent'anni usano altro... Gearslutz FA MALE....
      Gli standard sono SSL e varianti tipo Alan Smart. Neve 33609 / 2254. Focusrite... Da qualche anno Shadow Hills...

      Mah, principalmente una questione di prezzo... un Elysia di cui ho letto solo bene, lo porti via a 1000€, un Neve 33609 meno di 3000 non se ne parla.

      Anziché "bersi" i forum o basarsi sul "sentito dire" che al 90% spesso proviene da chi sta a scrivere ma non ha mai provato realmente quello di cui sta parlando ...provalo.
      Se ti funziona lo tieni nel tuo setup. Se non ti funziona lo butti. Questo vale per tutte le macchine, rosse, blu, gialle, hardware o software.

      Su questo ti do ragione, alla fine ci si basa sempre sul sentito dire e/o su recensioni che alla fine non si sa fino a che punto possano essere attendibili, visto che ormai il marketing inquina qualunque cosa...

      A questo punto proveró a scaricarmi la versione free di Nebula 3 (se esiste ancora?) e proveró a sbatterci un pò la testa, magari mi si apre un mondo :)
      Se si costruisse la casa della felicità, la stanza più grande sarebbe la sala d'attesa.
      Io i nebula li ho provati, saranno anche ottimi ma non posso perdere tutto quel tempo appresso alle problematiche che si portano e delle gui pessime. Non mi va.
      Peccato, mi dispiace. Un prodotto così ottimo che potrebbe essere gestito molto meglio. Inconcepibile.

      Tornando IT cerchiamo, se possibile, e mi ci metto anche io, di rimanere IT sul comp nel master o su una catena di master. Senza andare troppo in generale col ITB VS OTB.

      Io ad esempio non riuscirei mai a tenere un pultec sul master. Anche se so che molti anche non rinomati lo usano con ottimi risultati, di solito per dare più basse intorno ai 100 e alte ai 12k utilizzando boost e attenuazione contemporaneamente che genera una curva particolare.

      Quando utilizzo un EQ sul master lo uso sempre dopo il compressore, e ancora non so se sarebbe meglio usarlo prima, a dirla tutta. Parlo cmq di plugins.

      Mixare ITB attraverso Compressore HW

      Vorrei proprio sentire dei campioni processati da 'sto fenomeno di Nebula.....
      pensa un po' in Italia abbiamo la soluzione dellelaborazuone audio e nessuno lo sa ... :) mi scuso per il sarcasmo .. ma ce vo'.

      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “mollyer” ().

      mollyer ha scritto:

      Vorrei proprio sentire dei campioni processati da 'sto fenomeno di Nebula.....


      Se li vuoi "solo" sentire, qualche post più su ho postato un link alla pagina di AlexB (emulazione AMS 88RS). Ci sono i files da sentire in fondo alla pagina.
      Se lo vuoi provare credo ci sia la demo, o il free.
      Ad ogni modo per capirne la "qualità" puoi anche scaricarti una demo di un plugin Acustica della serie Aqua.
      Prova il Purple, ad esempio, emulazione Pultec.
      Io ho provato la demo 15 giorni fa e l'ho confrontata con UAD... ancora rido...

      by the way, io non ho resistito e oggi ho preso Ebony in pre-order :D
      Ma quindi, scusare l'ignoranza, nebula ed i plug Aqua sono due cose distinte? Cioè gli Aqua sono nativi AU da installare come si fa di solito, oppure bisogna installare per forza Nebula? Se sono nativi e sono così superiori al resto, compresa uad, come mai sono ancora così di nicchia rispetto a Waves, slate digital, ecc...? cosa mi sfugge? Perché qualcosa mi sfugge...
      Se si costruisse la casa della felicità, la stanza più grande sarebbe la sala d'attesa.

      Ste74 ha scritto:

      Ma quindi, scusare l'ignoranza, nebula ed i plug Aqua sono due cose distinte? Cioè gli Aqua sono nativi AU da installare come si fa di solito, oppure bisogna installare per forza Nebula? Se sono nativi e sono così superiori al resto, compresa uad, come mai sono ancora così di nicchia rispetto a Waves, slate digital, ecc...? cosa mi sfugge? Perché qualcosa mi sfugge...


      Se ne è parlato un bel po' qui sul forum in alcuni thread.
      La risposta è complicata... (e non sono io la persona giusta per darla)

      Senza spingermi in giudizi o sentenze di alcun tipo, posso dire che le scelte di Acustica Audio tanti utenti spesso non le hanno capite.
      Diciamo che ci sono alcune cose che li rendono ancora "di nicchia" come dici tu:
      - I plugin e alcune release di Nebula a volte hanno manifestato numerosi bug al momento del lancio ufficiale, bug che si sono protratti anche per parecchio tempo senza essere risolti. (Ad ogni modo la situazione sta migliorando molto nelle ultime release).
      - la tecnologia Aqua/Nebula è pesantissima sulla CPU, un vero dinosauro. (ma anche qui ci sono dei continui miglioramenti).
      - Il marketing di AA è molto "soft" rispetto ad altri competitor (vedi Slate o UAD su tutti) e come hai sottolineato tu, molta gente non conosce i prodotti né tantomeno la tecnologia che c'è dietro.
      - Mentre gli Aqua plugin (che esistono da meno tempo) sono "pronti all'uso", per far funzionare Nebula e ottimizzare il workflow devi sbatterti un po... a volte anche parecchio, e questo per molti utenti è scoraggiante (lo è stato anche per me in passato).

      Ci sarebbe ancora molto da dire, ma a mio avviso una parte delle motivazioni credo sia questa.
      Manca una parte alla mia risposta precedente...

      Plugs Aqua e Nebula sono fatti dallo stessa software house e sono basati sulla stessa tecnologia (più o meno). Gli Aqua sono plugs "standard", da installare ed utilizzare. Nebula è un po' più complicato e necessita di qualche operazione in più per essere sfruttato al meglio.
      Per utilizzare gli Aqua, NON serve Nebula.