Hardware per mastering

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Hardware per mastering

      Salve a tutti!
      E' già da un po' che sto lavorando come tecnico di master. Ad oggi lavoro solo ITB processando tutto in digitale. Ebbene, sono qui a chiedervi dei consigli su processori hardware da acquistare così da integrarli nella catena effetti che utilizzo. Vorrei prendere un equalizzatore, un compressore ed un limiter come prima cosa.
      Sul mercato ci sono tanti modelli da prendere in considerazione, ma non avendo tanta esperienza in campo hardware sperò di trovare qui qualche buon consiglio.
      Secondariamente vorrei prendere anche un saturatore un exciter ed uno stereo expander, ma qui non so dove mettere mano.
      Budget complessivo 5000 euro.
      Non per fare sempre il bastian contrario, ma perché sei interessato a un compressore di cui, salvo il blablabla di qualche forum, non si sa praticamente nulla, una macchina di cui il più grosso negozio d'Europa ha venduto UN solo pezzo in 3 anni, e che non è un classico da mastering?

      Non potrebbe essere più semplice "copiare" dalle stanze serie di chi fa mastering serio?

      Magari cercando prima un classico ?


      Ué, opinioni personali, non necessariamente condivisibili...
      Senza polemica.
      :D

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      grazie teetoleevio!
      Sono qui apposta. Non so quali sono i classici ed in rete non so dove andare a cercare le configurazioni standard. Mi sono rivolto al forum con la speranza di avere qualche parere da chi ha le idee chiare in fatto di hardware in campo mastering.
      Mi hai già dato una mano per quanto riguarda il comp IGS :D
      Io sono ancora più bastardello e ti dico che per me con 5000 euro é già bello se trovi un eq che ti piace e con cui ti trovi che possa aiutarti in termini di velocità di lavoro e suono rispetto a un ottimo plug.

      Penso che ogni singolo processore "classico da mastering" sia unico nelle sue caratteristiche e nel suo modo di venire utilizzato.
      Sempre per lo stesso motivo, scusami se posso sembrarti aggressivo, ritengo che se un fonico da mastering vuole aggiungere un outboard Hw al suo gear l'ultima cosa che fa é venire su un forum a chiedere.
      Hai scritto che però non hai esperienza in campo Hw e purtroppo io, a parte quelli che utilizzo ogni tanto, non ne conosco molti.

      Ecco i miei consigli:

      Eq: Come eq da mastering ho utilizzato il barry porter net eq che strizza un po' l'occhio al gml8200 e la trovo una grande macchina, affidabile, pulita ma con carattere. Altro interessante é il knif somaeq, eq passivo dell' omonima casa che colora molto e riesce a amalgamare il suono anche solo picchiandoci dentro.

      I classici sono sempre i soliti: Maselec MEA-2 / Sontec(buona fortuna) / Gml (versioni mastering) / SPL (il passeq e il PQ) e compagnia

      Compressore: Avendolo provato penso che l'SPL iron sia uno dei compressori più versatili a disposizione. La possibilità di scegliere fra diversi rettificatori (diodo silicio, germanio, un optocoupler o diodo led non ricordo, ect).
      Arriva a tempi di attacco e release da limiter o estremamente grandi e la sua tecnologia a 120 V lo rende molto pulito e stabile rispetto ad altri compressori di simile fattura.

      I classici sono sempre i soliti: Vari-Mu a non finire, l'alpha compressor (che forse é l'unico col museq che vende), shadows hill (se hai spazio,soldi e un muletto per installarlo eheh)

      Limiter andrei del classico L2 Hw e tanti saluti.

      Queste sono solo mie impressioni post utilizzo ma ripeto che, non conoscendo te, la tua stanza, le tue intenzioni e le tue esperienze, mi viene difficile consigliarti uno piuttosto che l'altro. Io non so se tu già possiedi una stanza trattata per fare mastering, un sistema di ascolto da mastering e non so cosa vorresti farci con le macchine che cerchi.

      Se non sei in chiaro guardati video online che mostrano studi di mastering, visita altri studi e fatti le tue impressioni e poi scegli. Penso sia l'esperienza il fattore principale che ti porta a scegliere quali macchine Hw comprare per lo studio quindi fai esperienza e poi scegli.
      Una controllata alle macchine che ti ho elencato però te la consiglio, potrebbero essere d'aiuto per addentrarti nel mondo.
      Conta che spesso ogni tecnico aggiunge modifiche o variazioni in funzione delle sue esigenze e del suo modo di utilizzare la macchina.
      Ti ringrazio CortiHouseStudio! come detto non ho esperienza in fatto di hardware da mastering. Il mio intento è di migliorare il sound. Mi serve un equalizzatore che sia musicale, che dia carattere ad esempio. Deve risultare migliore dell'eq dell'izotope che utilizzo. Un buon hardware fa la differenza in genere. Anche in fase di missaggio processo tutto in digitale, ma quando ho modo di usare un compressore analogico piuttosto che un equalizzatore analogico, la differenzia c'è eccome rispetto al digitale. La mia idea è di iniziare a prendere qualche macchinario analogico e stop. Sono sicuro che ci saranno a prescindere dei miglioramenti. Questo non perché non sia soddisfatto dei miei lavori, anzi sono molto soddisfatto, cerco solo qualcosa in più per dare carattere al sound. Poi è ovvio, un hardware può essere più adatto rispetto ad un altro per un determinato scopo, ma sono sicuro che qualunque hardware di qualità sia in grado di portare una certa propria musicalità, difficile da raggiungere in digitale. C'è poco da spiegare. Ho sempre lavorato in digitale e nel mastering non ho mai provato niente di analogico. Non conosco studi mastering da andare a visitare, chiedere sul forum è solo una cosa in più che sto facendo.
      Ad ogni modo gran parte del master va fatto in digitale utilizzando plug-in come neodynium, (compressori upward). Cerco solo di prendere qualche macchinario per la fase di "abbellimento e correzione" del suono, visto che il digitale non mi soddisfa pienamente.
      Del resto, darò certamente uno sguardo ai macchinari che mi hai consigliato. Grazie!

      Il messaggio è stato modificata 5 volte, ultima modifica da “crm88” ().

      Nessuna delle macchine citate è una macchina che "colora" ad eccezione dell'Iron, dello Shadow Hills e a tratti del Passeq, quest'ultimo forse unico intorno ai 5000. Il Soma non colora e ad esempio costa quasi 9000 euro, GML non colora e costa 12000, Shadow Hills 9300 ecc. ecc. Il tutto sempre al netto di una conversione DA-AD on spec che non mortifichi la qualità di outboard di questo livello che sono altri 5k almeno per partire.
      se vendete il database mi incazzo.

      DBarbarulo ha scritto:

      Nessuna delle macchine citate è una macchina che "colora" ad eccezione dell'Iron, dello Shadow Hills e a tratti del Passeq, quest'ultimo forse unico intorno ai 5000. Il Soma non colora e ad esempio costa quasi 9000 euro, GML non colora e costa 12000, Shadow Hills 9300 ecc. ecc. Il tutto sempre al netto di una conversione DA-AD on spec che non mortifichi la qualità di outboard di questo livello che sono altri 5k almeno per partire.


      Tralasciando la domanda dell'utente, io il soma lo sento molto colorato quando si spinge (paragonato al barry porter) ma forse sarebbe meglio dire molto più musicale (forse in virtù della possibilità di avere per ogni banda la curva bell o shelf, di come sono strutturate le bande di frequenza e di come é costruito). Non ho mai sentito il passeq (demo vst a parte) ma di primo acchito potrei azzardare a dire che sono macchine abbastanza simili come comportamento e utilizzo (anche se il soma ha la campanatura variabile e il passeq il sistema di cut e boost) o anche al manley massive passive. In linea generale chiaro, ognuna ha le sue caratteristiche e forse dei tre il knif é il più pulito nonostante le valvolozze al suo interno.
      Fammi sapere cosa ne pensi e se riesci a dirmi un po' (visto che lo usi) le tue maggiori differenze di utilizzo fra i tre eq passivi sopracitati.
      Tutto troppo costoso al momento. Io penso che si possono fare ottimi mastee anche in digitale,non ho pronlemi a ruguardo ma voglio avvicinarmi all hardware. Penso che qualche macchina hardware aiuta acaratterizzare il sound, trasparente o no che sia.
      Hai usato il Soma di persona?
      Io no, ho parlato con qualcuno che lo ha ed abbiamo fatto delle prove. Non è un eq colorato, è pulito, morbido ma non invasivo. In comune con l'SPL e il Manley ha solo il fatto che è un design passivo. L'SPL è uno stato solido con trasformatori e un funzionamento un poco amorfo per quello che riguarda campanature e frequenze. Il Soma è molto più tradizionale e prevedibile nei controlli e secondo me può essere sicuramente più versatile degli altri due.
      se vendete il database mi incazzo.
      no, non è bandita la parola "colorare". Potrebbe considerare un fatto tipo "BLACK BOX ANALOG DESIGN HG-2" che nasce per colorare piuttosto che un eq o un compressore. Resta sempre il fatto che in mancanza di buone conversioni gli effetti dell'outboard possono essere fortemente condizionati.
      se vendete il database mi incazzo.
      no, non è bandita va usata con giudizio. Quelli che la bandiscono sono i tecnici cacasotto che fanno della trasparenza il loro credo per il semplice fatto di non volersi assumere responsabilità. Spesso il materiale di oggi necessita di un po' di aiuto e non di trasparenza.
      se vendete il database mi incazzo.

      DBarbarulo ha scritto:

      Hai usato il Soma di persona?
      Io no, ho parlato con qualcuno che lo ha ed abbiamo fatto delle prove. Non è un eq colorato, è pulito, morbido ma non invasivo. In comune con l'SPL e il Manley ha solo il fatto che è un design passivo. L'SPL è uno stato solido con trasformatori e un funzionamento un poco amorfo per quello che riguarda campanature e frequenze. Il Soma è molto più tradizionale e prevedibile nei controlli e secondo me può essere sicuramente più versatile degli altri due.


      Usato di persona no ma ho sentito un po' di prove con il sopracitato net eq e io l'ho sentito più corposo nelle basse e anche un po' più colorato in alto (nonostante theequalizer dice che in mastering non vada usato come termine io mi cimento comunque) del barry porter. Sicuro più versatile e intuitivo del passeq anche visto la disposizione "quasi artistica" dei controlli dell'SPL che non lo rendono un mostro di intuitività. Mi aveva impressionato il fatto che entrando molto alti, senza chiaramente toccare niente, l'eq introduca molta saturazione rispetto al net eq e comprima anche un po' le basse frequenze . Non so se avete provato pure voi a saturare leggermente il knif ma io lo definisco "colorato" per questa caratteristica.
      Oh...poi magari son pazzo io a sentire ste cose, probabile.
      Come conversione uso l'rme firfece 802. La scheda audio. Ha cmq ottimi convertitori. Entrando in merito, ho la stanza trattata acusticamemte e buoni ascolti. Credo di fare ottimi master in digitale ma cerco quslcosa di più. Di fatto mi ritrovo quasi sempre a dare brillantezza sulle altissime per esempio... Un buon equalizzatore sarebbe meglio di un ottimo plug-in sdcondo me. La compressione down-ward non la uso quasi mai in fase di master, ma penso che un buon hardware sia in grado di dare rotondità e compattenza qual'ora servisse. Un secondo compressore lo utilizzerei per la.compressione parallella. In fine un buon limeter analogico che funzioni bene...anche se io lo uso pochissimo, limito di 0,5 db. Penso che integrare questi componenti analogici possa aiutare in positivo in fase di master. Rispettando il budget su indicato cercavo qualche consiglio anche su questo forum
      7

      crm88 ha scritto:

      Come conversione uso l'rme firfece 802. La scheda audio. Ha cmq ottimi convertitori. Entrando in merito, ho la stanza trattata acusticamemte e buoni ascolti. Credo di fare ottimi master in digitale ma cerco quslcosa di più. Di fatto mi ritrovo quasi sempre a dare brillantezza sulle altissime per esempio... Un buon equalizzatore sarebbe meglio di un ottimo plug-in sdcondo me. La compressione down-ward non la uso quasi mai in fase di master, ma penso che un buon hardware sia in grado di dare rotondità e compattenza qual'ora servisse. Un secondo compressore lo utilizzerei per la.compressione parallella. Il limeter analogico che funzioni bene...anche se io lo uso pochissimo, limito di 0,5 db


      Nulla a togliere alla cara 802(ottimo livello e avercela eheh), non so come la vede @DBarbarulo ma per me per far lavorare al meglio e sfruttare appieno macchine come quelle sopracitate serve ben altro a livello di convertitori. Un ottimo circuito di monitoring con diffusori da mastering (ATC, Nautilus, ect) dei convertitori da mastering per il monitoring (prism, antelope, merging, forsell e chi più ne ha più ne metta) e una stanza progettata e trattata per fare mastering.
      Chiaro non dico che senza i prism o i lynx non si possa fare ma per me se si vuole aquistare una macchina di quel genere tutto l'ecosistema di lavoro deve essere al top.
      Io poi lavoro solo itb per questione soldi, spazio, inesperienza e necessità quindi son solo mie opinioni.
      Sscondo me non è così indispensabile avere tutto così ad alto alto livello. Ovviamente ha il suo perché ma sono anche convinto che è possibile fare ottimi master con un piccolo laptop ed un paio di cuffie. Master che suonano meglio, ma tanto tanto meglio della maggior delle produzioni che si trovano sul mercato.... Tantissime produzioni suonano malissimmo a causa di un errato processo di mastering. Sscondo me la maggior parte degli studi di mastering non fanno uso di compressioni upward per la riduzione della dinamica, per non pralare del dc-offset, si trovano brani che hanno solo 60 db di dimanica causa mamcata rimozione del dc-offset