Mix e Master con analizzatore di spettro hardware vs software

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Mix e Master con analizzatore di spettro hardware vs software

      Ciao ragazzi,
      premesso che non sono sono un ingegnere del suono professionista, ho mixato e masterizzato alcune tracce con un analizzatore di spettro software (lo SPAN della Voxengo). La persona che mi ha commissionato il lavoro possiede un Audioscope 2813-e (questo per intenderci) e lo usa come metro di misura per valutare la correttezza delle tracce definitive che gli propongo (in termini di frequenze e pressione sonora). Ho notato che pur avendo finalizzato tutte le tracce a 0db, sull'Audioscope alcune arrivano a 0 altre a +3, altre ancora a -3 nonostante al mio orecchio suonino molto simili. Le tracce in questione hanno arrangiamenti diversi, alcune hanno solo due strumenti (piano/batteria, basso/batteria o chitarra/batteria) altre basso/batteria/chitarra/synth/. I generi delle tracce sono rock/metal/elettronica/blues. Essendo basi su cui poter fare esercitare allievi di chitarra la cosa più importante è che tra una traccia e l'altra non ci siano sbalzi di volume, per non costringere la persona ad alzare ed abbassare il volume dalle casse.

      La mia domanda è:
      Quale parametro devo tenere in considerazione sul mio analizzatore software o sul mio sequencer (uso Cubase) perchè sull'Audioscope
      risultino tutte equiparate a 0db e quindi con la stessa pressione sonora?

      Se può esservi di aiuto gli RMS sullo SPAN (con il metering impostato su DBFS+3) sono:
      - per i brani con solo due strumenti: in media -12
      - per i brani con tutti gli strumenti: in media -8.5

      L'Audioscope invece è impostato così:
      - db Scale: 3
      - input attenuator: 0db
      - db/LED scale: 3
      - integration time select: F+

      Grazie in anticipo!

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Dynablaster” ().

      Ciao, grazie per la risposta!
      Credo sia tarato correttamente, almeno è quello che mi è stato detto.

      C'è un modo per ottenere la stessa visualizzazione dell'audioscope sullo SPAN? E come posso settare lo 0db sull'audioscope se in base alla traccia che ascolto a volte va a +3 o +6. Nel senso che se prendo un brano di riferimento commerciale e imposto il livello di ingresso dell'audioscope sullo 0, quando cambio brano i picchi vanno anche oltre lo 0. Non ha senso dover cambiare continuamente il livello di ingresso. E' come se non rilevasse i picchi ma l'rms (o altri parametri che non conosco).
      l'audioscope è un analizzatore di spettro e non di livello di picco nè di rms in senso stretto. Infatti l'unica striscia utile per questi fini è l'ultima denominata Wide Band, ma non sono certo di come funzioni dovendo rappresentare con un solo dato la somma di L+R. Quindi bisogna tarare l'audioscope ad esempio immettendo una sinusoide stereo a 0dB e regolando il trim in modo che misuri 0dB sulla colonna WB. Solo in questo modo saremo certi che il picco massimo sia uguale con gli altri analizzatori. Poi, se del caso, bisognerà regolare il tempo quindi valutare in che modo riesce a rappresentare un segnale momentaneo.
      se vendete il database mi incazzo.

      Dynablaster ha scritto:

      Un'ultima curiosità che chiedo direttamente a te che sei un professionista: come mai non vedo spesso (quasi mai in realtà) nei gli studi professionali analizzatori di spettro hardware tipo l'audioscope? Tu lo usi?


      In realtà in molte realtà professionali ITA è molto usato, in particolare per chi fa elettronica e/o EDM / IDM, eccetera.
      Detto questo, io personalmente non ho mai capito il fascino né l'utilità di questo specifico hardware, che non è standard, in particolare nei tempi di rilascio.

      Eppure ha molti proseliti...


      All'estero non ne ho mai visto uno.

      Opinioni personali, ovviamente...

      E si scoprì che DB usava quattro Audioscope in parallelo... L R / M.. S... :D


      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !
      l'analizzatore di spettro può essere utile quando si rompono i monitor così tu guardi la risposta a terzi di ottava ed equalizzi di conseguenza :D .
      Gli unici meters che servono sono rms (lufs ecc.) e fase.

      edit: e manco quelli se hai un monitor controller calibrato con matrice sum & difference, ma comunque si usano.
      se vendete il database mi incazzo.