EQ Setting per Voce

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      EQ Setting per Voce

      Buongiorno ragaz, gironzolavo sul web alla ricerca di un preset EQ per la mia Motu Ultralite Mk2 adatto per cantare perchè non riesco a trovare il tempo per studiare quell'EQ.. fantastica scheda la Motu, se imparassi ad usare il CueMix per bene ci farei davvero delle ottime registrazioni. Per ora però vorrei solo avere una linea di massima su come mettere un pò di pepe alla mia voce. Premetto che mi sto attrezzando con paravento medico ricoperto di quadrati fono assorbenti per fare una sorta di cabina con la quale registrare voce e chitarra (stile Pino Daniele - e sono mò), mi sono reso conto attraverso i vostri interventi su questo forum, che fondamentalmente meno ci si mette la mani meglio è, e una reply in particolare mi ha colpito : smanetta e senti con il tuo orecchio (non era proprio così ma rende l'idea) e mi fa pensare che anche li occorre trovare la propria EQ adatta per la propria voce e non ci sono regole standard, MA siccome ci sono sicuramente standard di registrazione, vorrei si trovare la "mia" EQ ma vorrei partire da uno standard definito, quindi in sostanza chiedo a voi qual'è questo standard in una situazione tipo questa? rec casalinga/live chitarra voce percussioni. Grazie e buona musica a todos ;)
      Ebbene, no non ci sono "standard" :D ogni voce è diversa, ogni EQ è diversa.
      Ci sono delle linee guida più o meno applicabili su tutte le voci, ad esempio mettere un filtro passa alto per pulire la zona bassa, magari un piccolo boost sui 3k se manca di brillantezza, un leggero boost sopra i 10/12k per l'aria... Insomma "regolette" così molto indicative... Infine esistono su tutti i plugin(penso pure quelli motu) dei preset di base che sono proprio basati su regolette di massima come sopra, da customizzare sulla propria voce.
      Che DAW utilizzi? Apri un qualsiasi plugin stock di una DAW a caso e copia un preset sulla motu (ammesso di avere le stesse bande a disposizione).
      Oppure senza scomodare i libroni, molti manuali di mixer hanno queste regolette di massima al fondo. Un esempio, il manuale PDF del Presonus StudioLive al fondo ha delle regolette base per EQ generici su diverse sorgenti. Potresti guardare e partire da quello.
      Per partire alla fine bastano 5min, per non andare a caso puoi seguire una di quelle soluzioni :)
      MA si hai ragione, è che sono un pigro della madonna, non leggo e smanetto e poi quando mi viene la fissa di imparare cerco soluzioni rapide sul web come sto facendo ora ;-).. Cmq ho Cubase 7.5 mi trovo bene ma siccome la Motu è ottima pure senza PC collegato, devo necessariamente imparare ad usarla al meglio, anche perchè poi da li esco diretto e registro il live stereo con Audition.. Ci vorrebbe un fortum dedicato a CueMix di Motu ;)
      Certo lo so hai ragione, ma senza confronto con le altre persone mi resta difficile comprendere concetti un pò lontani da me e come forse saprai alla mia età c'è sempre meno tempo per studiare e non si ha più l'elasticità mentale di un tempo. Ripartirò dal PDF motu certo, e lo studierò con attenzione. Ciao zio e grazie :D (ahò io scherzo eh...)
      Mi accodo anche io allo studiare, perchè oltre a come gia detto ogni voce è diversa dall'altra c'è da dire che anche il contesto in cui è inserito è diverso di volta in volta.

      Io per esempio valuto il mood generale del brano, quali sono gli strumenti che stanno sulle stesse freq. o che comunque ci si avvicinano e quindi decidere di dare più o meno importanza ad uno strumento piuttosto che all'altro, tralasciando poi i discorsi della tonalità del brano.

      Certo il preset a mio modo di vedere è un ottimo punto di partenza ma poi va smanettato in base al tipo di voce e al tipo di brano, avolte fino ad arrivare al completo allontanamento dal preset
      Dipende anche dal tipo di microfono. Certo, un buon microfono a condensatore da studio ha una risposta quasi piatta, mentre un dinamico ha, solitamente, una spiccata personalità. Questo accade sia perché un microfono a condensatore è intrinsecamente lineare per il suo principio di funzionamento, mentre un dinamico per la stessa ragione non lo è, sia perché un microfono da studio viene da sempre utilizzato con apparecchiature sofisticate e da gente esperta in tutta tranquillità, che applicano tutte le correzioni necessarie con cura, mentre un dinamico, per la sua intrinseca robustezza e per il minor costo (almeno fino ad alcuni anni fa) è più usato dal vivo, in condizioni meno tranquille, dove un microfono con la giusta personalità semplifica il lavoro e dà risultati prevedibili.

      Ad esempio, ho sempre visto Gino Paoli cantare con l'SM58, Papa Giovanni Paolo II parlare con l'SM58 e Papa Benedetto XVI parlare con l'AKG D190. Usare sempre lo stesso microfono per una voce vuol dire avere sempre l'equalizzazione già fatta, o comunque richiede pochi interventi, anche cambiando il resto dell'impianto
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “Datman” ().

      Ho un Beringer a condensatore per casa e live uso un Sm58 (credo) quello con la testa tonda (mi sa che non è il 58).. quindi ovvio che saranno due settings differenti, adesso mi concentro su quello per casa.. Il beringer che tutto sommato è un buon mic per un novizio come me...
      Sicuramente le impostazioni di equalizzazione devono essere differenti sia a seconda del microfono che a seconda che si riprenda una voce o un'altra o uno strumento musicale o un altro. Un'impostazione di partenza classica per l'SM58 sulla voce dal vivo è: bassi a -8~9dB; alti a +2~3dB.
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4
      non esiste UNA regolazione, dipende dalla voce, dal timbro, dalla tecnica vocale e microfonica utilizzata dal cantante e da come vuoi che esca la voce.

      ad esempio per una voce bartonale con una spiccata componente formantica ripresa con un microfono a condensatore valvolare cinese utilizzo una regolazione simile ma non uguale tra la componente diretta (a sx) e quella in compressione parallela (a dx) che poi sommo insieme.


      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “serpava” ().