Panning

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Sì ok ma consiglierei di non continuare a parlare di utilizzare ponte - manico.
      E' una soluzione che nella prassi non esiste, a parte rare e specifiche eccezioni.
      Stiamo parlando con un utente che, da quello che abbiamo sentito e letto, è alle prime armi, perché riempirgli la testa di concetti che sono meno che sfumature rispetto al livello a cui si trova attualmente? Se "lavorerà" bene e si formerà per bene, tra 5 - 10 anni forse potrebbe sentire la necessità di sperimentare anche la differenziazione tra L ed R e capire per se stesso quando usarla e quando no.
      Attualmente, sapere che per avere "una chitarra stereo" deve preoccuparsi di avere un buon suono e di fare due buone esecuzioni (entrambe cose tutt' altro che facili), mi pare ciò di cui ha bisogno. Il resto serve solo a complicargli la vita.
      O sbaglio?
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer

      Vin ha scritto:

      quindi secondo te per non far cancellare frequenze e per avere maggiore compatibilità mono, a parte il discorso di cambiare chitarra che tecnica suggeriresti per chi ne ha una sola?


      No no, ferma tutto, non secondo me, secondo iddio o Dio a dir si voglia, 1 chitarra suona come 1 chitarra, cioe' 1 elemento in un panorama 3D.

      Se te vuoi far diventare la stessa chitarra 2 chitarre differenti premendo "ctrl+d" e non funziona te la devi prendere con chi ha creato l'audio, in senso generale.

      Le leggi della natura dicono che se riproduci 2 chitarre assieme esse verranno identificate come 2 chitarre, che suonino la stessa roba non ha importanza, ma 2 chitarra devono essere. Se esse sono la stessa chitarra si cancelleranno, succeda quello che succeda.

      Se, uno, come in molti di noi credono, prende una traccia audio e la duplica, la effetta o fa quello che gli pare e poi non funziona questa e' la vita, cioe', in un senso filosofico, non possiamo fregare Dio.

      Il punto che voglio fare e' perche', artisticamente o tecnicamente, ci dovrebbe essere una seconda chitarra che suona la stessa roba?

      Cio' che non ho capito e' perche'?

      Il messaggio è stato modificata 4 volte, ultima modifica da “The clown 2.0” ().

      The clown 2.0 ha scritto:

      La chitarra e' 1, Lo stereo e' 2.

      Nessuna chitarra al mondo e' stereofonica.

      2 Chitarre che suonano a destra e sinistra sono stereofoniche... 2 chitarre.
      Eh, peró si fa, funziona ed anche bene. Che tu ti accorga che siano 2, 3 o 4 poco importa...

      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk

      MacGyver ha scritto:

      Che tra l'altro come procedimento (doppiare le chitarre) non è che sia cosí strano o inusuale, anzi...



      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk


      In quale paese e in quale modo di fare?

      In UK se trovi una sessione con 2 traccie "simili" di chitarra significa che il recording engineer ne ha preso 2 in caso che una delle due sia deteriorata e/o inutilizzabile. Il mixing engineer subito muta una delle due o, meglio, la cancella proprio dal progetto.
      Ognuno lavora come vuole
      Se prendo la mia chitarra, registro due tracce, le equalizzo e le riverbero in modo differente e magari una delle due la registro in close con un dinamico in struming col plettro e l'altra a 40 cm con un condensatore usando il fingerpicking dubito che si possa capire in mix che la chitarra é sempre una. Peró quoto quello che dici. Io se posso mi attengo alla realtà e nella realtà uno strumento non puó trovarsi contemporaneamente in due posti diversi. Per questo si usano due microfoni per una ripresa stereo più vicina alla realtà oppure un riverbero stereo. Ma é un punto di vista da puristi. Ci saranno migliaia di dischi pure famosi dove si usa uno strumento per più parti nella stessa canzone
      Tutto é Soggettivo
      Fermi tutti, nessuno ha chiesto di avere una chitarra stereo, ma il TO voleva sapere come si ottiene un suono di chitarre che riempiano bene lo l'apertura stereo a disposizione, con canali L e R distinti.
      Era partito dall'idea di doppiare la traccia, che ovviamente non funziona a meno che non si applichi qualche artefazione, la più comune è ritardare una delle due tracce, ma ovviamente con una resa limitata.
      Risuonare un'altra traccia è invece la tecnica che dà i frutti migliori, non per fingere che una chitarra diventi stereofonica, ma semplicemente per replicare ciò che avviene nella realtà, ossia due chitarristi in carne e ossa che fanno uno stesso accompagnamento.
      Il resto sono dettagli su come farlo meglio, tipo cambiare chitarra e ampli tra una traccia e l'altra, e magari lievi differenze sugli accenti delle pennate per avere anche esecuzioni un minimo differenti.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      The clown 2.0 ha scritto:

      MacGyver ha scritto:

      Che tra l'altro come procedimento (doppiare le chitarre) non è che sia cosí strano o inusuale, anzi...



      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk


      In quale paese e in quale modo di fare?

      In UK se trovi una sessione con 2 traccie "simili" di chitarra significa che il recording engineer ne ha preso 2 in caso che una delle due sia deteriorata e/o inutilizzabile. Il mixing engineer subito muta una delle due o, meglio, la cancella proprio dal progetto.


      semplicemente il modo in cui si fanno tutti i dischi di rock/hard rock/metalprogressive/metal/etc..etc.etc.?
      e due sono poche. di solito ne fanno da 4 in su.

      loyuit ha scritto:

      Per creare artificiosamente una percezione stereofonica


      mark88 ha scritto:

      The clown 2.0 ha scritto:

      MacGyver ha scritto:

      Che tra l'altro come procedimento (doppiare le chitarre) non è che sia cosí strano o inusuale, anzi...



      Inviato dal mio SM-A520F utilizzando Tapatalk


      In quale paese e in quale modo di fare?

      In UK se trovi una sessione con 2 traccie "simili" di chitarra significa che il recording engineer ne ha preso 2 in caso che una delle due sia deteriorata e/o inutilizzabile. Il mixing engineer subito muta una delle due o, meglio, la cancella proprio dal progetto.


      semplicemente il modo in cui si fanno tutti i dischi di rock/hard rock/metalprogressive/metal/etc..etc.etc.?
      e due sono poche. di solito ne fanno da 4 in su.


      Ma quali dischi?!!!

      Quelli della macchina? :)



      Ahahahaha

      Pilloso ha scritto:

      Fermi tutti, nessuno ha chiesto di avere una chitarra stereo, ma il TO voleva sapere come si ottiene un suono di chitarre che riempiano bene lo l'apertura stereo a disposizione, con canali L e R distinti.
      Era partito dall'idea di doppiare la traccia, che ovviamente non funziona a meno che non si applichi qualche artefazione, la più comune è ritardare una delle due tracce, ma ovviamente con una resa limitata.
      Risuonare un'altra traccia è invece la tecnica che dà i frutti migliori, non per fingere che una chitarra diventi stereofonica, ma semplicemente per replicare ciò che avviene nella realtà, ossia due chitarristi in carne e ossa che fanno uno stesso accompagnamento.
      Il resto sono dettagli su come farlo meglio, tipo cambiare chitarra e ampli tra una traccia e l'altra, e magari lievi differenze sugli accenti delle pennate per avere anche esecuzioni un minimo differenti.


      Esatto, se l'obbiettivo e' avere 1 chitarra "piena" la risposta e' il pan binaurale o ad ongni modo spostare 1 chitarra da destra a sinistra non solo per intensita' ma anche per ritardo tipo Haas effect.
      ragazzi vi ringrazio molto delle preziose info
      io cmq ho trovato nel cambio pick up una valida soluzione, magari nn farò ponte manico ma primo e secondo scatto oppure minihumbucher pieno e splittato (anche perchè due chitarre identiche con stessa configurazione pick up, anche se saranno sempre un po diverse è possibile che suonino in un live e quindi la cosa si verificherebbe anche nella realtà o sbaglio?)
      vi posterei la traccia ma nn posso in quanto sto lavorando per una casa discografica che attratta dal mio pezzo hard rock Rock Blaster (che postai tempo fa anche qui)) mi ha chiesto di comporne di altri sullo stesso genere e qualità...
      ovviamente nn mi ha chiesto soldi sennò col cazzo che lo facevo :D ... anzi pare che se i pezzi saranno accettati li daranno loro a me... in ogni caso è bello e brutto nello stesso tempo vedere come in queste cose nn c siano pareri univoci e che in buona parte tutto è relativo :P
      The Clown, credimi, non puoi essere più lontano dalla realtà delle cose.
      Il double tracking sulle chitarre elettriche è una tecnica basilare e consolidata da, boh, almeno 40 anni.
      ...e si usa anche in UK. Come si usa in Italia, in America, in Germania, in Svezia, in Lapponia e nel resto del mondo.
      Che poi si possa decidere se utilizzarla o meno, non ci piove, ma di certo non è una tecnica inusuale e men che meno "un errore".

      Ma proprio no.
      Credimi, qui siamo all' ABC del mix pop/rock/metal/punk/prog.
      Ovviamente parliamo di due take differenti, quindi stessa parte risuonata due volte, non di un ctrl-c ctrl-v di una stessa take.

      Intanto Vin continua a cambiare pickup...
      Evvabbè, se ti trovi bene va bene :)
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      eheh, avete tutti dato delle risposte interessanti, ma anche un po' diverse tra loro per cui io ho sperimentato e ho scelto poi la soluzione migliore per me e quella del pick up differente mi piace, ripeto vorrei postarvela ma non posso per le ragioni di cui sopra:)
      cmq grazie mille anche a te papedroga sei stato utile, grazie a te ho capito tramite sperimentazioni che la combinazione ponte manico nn è delle migliori anche se dava un risultato niente male sbilanciava cmq e si sentiva un po' la differenza di presenza tra i due canali, quindi ho provato con delle combinazioni differenti meno drastiche ed è uscita una bella cosa ;)

      Il messaggio è stato modificata 6 volte, ultima modifica da “Vin” ().

      PAPEdROGA ha scritto:

      The Clown, credimi, non puoi essere più lontano dalla realtà delle cose.
      Il double tracking sulle chitarre elettriche è una tecnica basilare e consolidata da, boh, almeno 40 anni.
      ...e si usa anche in UK. Come si usa in Italia, in America, in Germania, in Svezia, in Lapponia e nel resto del mondo.
      Che poi si possa decidere se utilizzarla o meno, non ci piove, ma di certo non è una tecnica inusuale e men che meno "un errore".

      Ma proprio no.
      Credimi, qui siamo all' ABC del mix pop/rock/metal/punk/prog.
      Ovviamente parliamo di due take differenti, quindi stessa parte risuonata due volte, non di un ctrl-c ctrl-v di una stessa take.

      Intanto Vin continua a cambiare pickup...
      Evvabbè, se ti trovi bene va bene :)


      se posso chiedere una perla di saggezza visto che siamo in argomento:
      nella situazione di una registrazione in presa diretta di una band dove c'è una sola chitarra (chitarra, basso, tastiera, batteria). come sceglieresti di pannare la chitarra? parliamo di metal/progressive.

      ho provato mettendola a sinistra e copiandola con un delay a 30ms a destra (Canale gruppo, delay in insert). il risultato non mi dispiace, e vorrei mantenere una sola presa di chitarra nel progetto senza aggiungere editing. e mettendola stereo (falso stereo ma tant'è) aiuta a rendere più chiari voce e basso che stanno tranquillamente al centro.
      sbaglio qualcosa?
      Sempre in attesa di Pape:
      il tempo del delay potrebbe essere 70ms o giù di lì (non è un must, ma una soluzione che a volte suona bene)
      Chiaro che la soluzione migliore è risuonarla, ma se stai missando roba che ti portano e c'è una chitarra sola, si fa di necessità virtù e si prova così.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.