Panning

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Panning

      Come da voi suggeritomi ho adottato la tecnica della doppia registrazione per raggiungere la stereofonia con alcuni strumenti come le chitarre...
      ora però ho notatoi questo: l'effetto stereo è bellissimo però c'è una cosa che non mi spiego
      Ho registrato la stessa parte di chitarra elettrica 2 volte , una col pick up al ponte, l'altra col pick up al manico... poi panpotto una a destra e una a sinistra ma succede un fatto strano, o almeno per me lo è
      a parità di db quando le due chitarre suonano insieme sento uno sbilanciamento verso la chitarra col pick up al ponte e quindi verso destra, specialmente se ascolto tutto all'interno del mix, per bilanciare devo alzare la chitarra al manico, quindi, e quindi il canale di sinistra
      Ora è risaputo che i pick up al ponte sono più potenti, o cmq hanno più spinta rispetto a quelli al manico, ma possibile che a parità di db uno suoni o cmq si avverta più forte dell'altro?
      Ciao Vin ti dico la mia, la parte con il pick up al ponte avrà sicuramente più medio alte frequenze rispetto a quella col pickup al manico.
      Il fatto che le frequenze medio alte siano più direzionali (ovvero riesci ad individuare chiaramente da dove provengono nel panorama stereo) fa sì che tu percepisca maggiormente la chitarra col pick up alponte a parità di dB.
      Può dipendere da tanti fattori, che siano più "potenti" i PU al ponte non è detto, ma il suono della corda lì è più squillante rispetto quello che è ripreso al manico, di solito più scuro e morbido, e già questo può creare una prima differenza a favore del PU al ponte che risulta più squillante e sopra il resto.
      In più bisogna vedere se sulla tua chitarra la regolazione dei PU è identica o se magari favorisce più volume al ponte, intendo la distanza dei PU dalla corda, che incide sul volume.
      Ma al di là di tutto questo, è normale non aspettarsi due segnali identici (li doppiamo apposta) quindi sentiti libero di missare a orecchio finché non senti che entrambi prendono il giusto spazio.
      Sarà un aggiustamento di un paio di db al massimo per trovare un equilibrio, regolati anche con quello che indicano i due meter sulle tracce, ma in ogni caso come detto anche le frequenze di una delle due possono essere più o meno invadenti e prescindere il volume della traccia, quindi prima di tutto dai retta alle orecchie :)
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Quoto
      Questione di transienti e frequenze
      Prova a registrare una armonica a bocca o un tambourine. Vedrai che a db bassissimi avranno comunque una grande presenza.
      Le corde pizzicate al ponte producono un suono più bright e un attacco più deciso.
      Ciao
      Tutto é Soggettivo

      PAPEdROGA ha scritto:

      Non fare L manico - R ponte


      Mi sento responsabile in quanto il suggerimento l'avevo dato io in un altro 3ad.
      Ma visto che "in natura" o live questa cosa avviene anche con chitarre e ampli differenti, quindi con suoni molto diversi, dici che fare manico da un lato e ponte dall'altro sia così un problema?
      Faccio presente che lo scopo iniziale era proprio differenziare per fare percepire meglio il muro di chitarre.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Ciao, mi inserisco nella discussione perche' mi interessa.

      Ti hanno consigliato di "ribattere" la stessa chitarra cambiando i pickup e panpottarle in stereo?

      Benche' questa "tecnica" possa in qualche modo funzionare perdi compatibilita' mono e quando le due chitarre suonano sommate si dovrebbero cancellare in frequenze e periodi random.

      Fidandomi di Steve Albini, la soluzione per "fare di 1 chitarra 2", e' proprio cambiare chitarra. Registra la seconda chitarra con una diversa chitarra... fisicamente, diverso strumento, si dovrebbero cancellare molto meno in fase e poi le panpotti dove meglio ti conviene.

      Ciao!

      Il messaggio è stato modificata 2 volte, ultima modifica da “The clown 2.0” ().

      Vin ha scritto:

      quindi secondo te per non far cancellare frequenze e per avere maggiore compatibilità mono, a parte il discorso di cambiare chitarra che tecnica suggeriresti per chi ne ha una sola?


      Cambiare cabinet/cono, ma non posizione del pickup.

      Quella di cui parla The Clown (ed Albini) è una tecnica molto nota.
      Modificare il timbro tra L ed R permette di avere da una parte minori cancellazioni, dall' altra minore contenuto simile su M, quindi più presenza sul Side, ovvero un' apertura stereo più definita.
      Ma, a meno di voler creare effetti particolari, per quanto i suoni saranno diversi si cerca di fare in modo che le timbriche siano compatibili. Quindi non usi una Tele su L ed una Les Paul su R, ma due Tele differenti tra L ed R, o una Tele ed una SG, o una Les Paul ed una ESP (esempi buttati lì, perché poi chiaramente molto dipende da pickup e setup, che fanno il suono finale, come da tanti altri fattori. Nella realtà è sempre un errore generalizzare, come sto facendo ora).

      Quindi segnali differenti ma con timbriche similari, per non avere evidenti sbilanciamenti tra i due canali, che non porterebbero più ad un effetto stereo ma a due suoni slegati.

      Per far questo, se non puoi cambiare chitarra, puoi cambiare qualcos' altro nella catena.
      Una scelta, anche questa piuttosto classica, è cambiare il cono. Utilizzi un cono su L ed un altro su R. Anche in questo caso con timbriche compatibili, non certo uno brillante da un lato ed uno scuro e carico di basse dall' altro. Due v30 differenti, o un v30 ed un Greenback, sono soluzioni abbastanza condivise.

      In quest' ottica il cambio di posizione del pickup è del tutto sconsigliabile, specialmente su chitarre che cambiano drasticamente il loro suono in base alla posizione del PU come una Strato. Non che per altre chitarre il suono non cambi, ma su una strato passare dal ponte al manico ti porta a timbriche praticamente opposte.
      Avresti un lato scuro ed impastato, che ti ruba headroom e definizione senza far ben capire l' esecuzione, ed un lato medioso e definito che buca il mix. Di base sentiresti distintamente solo il lato con pu al ponte, mentre l' altro resterebbe nell' ombra, costringendoti ad alzarlo (e filtrarlo), rubandoti definizione.

      Consiglio?
      Per ora non starti a preoccupare di queste cose. Da quello che leggo avere sfumature diverse tra L ed R è una problematica minore, rispetto ad altre cose ben più importanti e basiche che ti ho visto scrivere/chiedere.
      In più considera che "lì fuori" ci saranno milioni di dischi fatti con una sola chitarra, un solo pickup ed una sola catena per L ed R. Quello della differenziazione tra i segnali dei due canali è un plus non indispensabile.
      Giampiero Ulacco
      Mixing Engineer
      capito, quindi secondo te il segreto è differenziare ma non troppo... io ho un solo ampli e una sola chitarra elettrica, (o meglio una sola che sia professionale, l'altra è una squier) quindi per differenziare devo per forza usare i pick up a
      meno che non equalizzo a posteriori, ma da come ho capito nn è consigliabile.... e se differenziassi tra due pick up che hanno meno differenze timbriche, tipo nn so quello al manico e il secondo scatto, cioè combinazione di centro e manico, oppure centro e ponte o anche splittando il pick up al ponte, quindi minihumbucker e single coil?
      Due registrazioni differenti anche se effettuate con la stessa chitarra, soprattutto se si scelgono impostazioni differenti come quelle adottate ponte e manico, difficilmente produrranno cancellazioni di fase rilevanti.
      Poter registrare con strumenti diversi é sicuramente una scelta più raffinata ma credo soltanto per una questione estetica. Sempre valida se si cerca più realismo e meno artefatti la registrazione stereofonica con due microfoni oppure l'applicazione di un riverbero stereo alla sorgente mono.
      Tutto é Soggettivo