Clipper prima del limiter nel mastering

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Clipper prima del limiter nel mastering

      Ciao a tutti, qualcuno usa un clipper prima del limiter nel mastering? E in quali generi musicali? E per quale scopo, loudness o trasparenza?
      Io faccio solo demo, quindi tutto da solo, dalla ripresa alla finalizzazione.
      Dopo aver provato un po' di limiter vorrei capire se in effetti usare un clipper (in hard clipping suppongo) prima del limiter può aiutare ad ottenere una maggiore trasparenza dal limiter stesso. Così ho letto, infatti, ma devo dire che finora i risultati con i clipper che ho provati (incluso il consigliatissimo Sir Standard Clip) sono proprio scarsi... nel senso: ottengo quasi immediatamente distorsione, sia con soft clipping (di più) che con hard clipping (di meno), anche con 1 db o poco più di clipping.
      Il mio scopo non è comunque la loudness, ed i generi musicali sono soft o comunque acustici. Il clipper dovrebbe aiutarmi casomai per facilitare il lavoro al limiter ed ottenere ulteriore trasparenza.

      Giusto come segnalazione al forum: se andate su plugin boutique e comprate un plugin anche di 1 euro vi regalano Ozone 8 elements (che è proprio il limiter con cui mi sto trovando meglio).
      qui parlavo solo di master... Sulle singole tracce mi capita qualche volta di usare un limiter per togliere un paio di db di picchi sulle voci... per il momento mai usato per altro (sulle tracce).

      Per quanto riguarda il master io il limiter lo uso, però voglio appunto che sia il più trasparente possibile. Anzi, prima del limiter metto pure un compressore. Entrambi danno secondo me quel famoso "glue" alla traccia... fanno suonare tutto in maniera più armonica, come un insieme piuttosto che come strumenti separati. Però trattandosi di strumenti acustici e non interessandomi la loudness, parlo sempre di interventi molto leggeri... per esempio, il mio compressore preferito sul master bus è al momento uno dei comp di Magenta 4 (strip veramente stupenda): lo puoi mettere anche a un db massimo di riduzione, già comunque si farà sentire... Magenta poi è uno di quei plugin dove si sente a pieno il "3D" di Nebula: conferisce dimensionalità al suono.
      Metto poi pure un limiter, ma parliamo sempre di non più di 2 db, e solitamente meno...
      In questi giorni ho fatto molte prove... al di là dell'action, i limiter comunque non "suonano" tutti uguali. Per esempio confrontando il Pro-L2 di Fabfilter con altri devo ammettere che il Pro-L non è così trasparente come credevo e come di solito si dice sui forum... E' uno strumento pazzesco, interfaccia stupenda, ma purtroppo non mi piace il suono rispetto ad altri limiter. Suona leggermente "digitale" e mi dà l'impressione di stringere leggermente l'immagine stereo. Si tratta di cose appena percepibili, ma mettendolo a paragone con altri limiter la differenza salta fuori.
      Mi ha stupito per esempio un limiter freeware: Unlimited di Sonic Anomaly. A parte la trasparenza, mi sembra che incida meno sull'immagine rispetto a Pro-L, e il risultato è un suono più naturale e aperto. Ozone (elements) è poi anche un po' superiore quando la gain reduction diventa maggiore (cosa che poi in realtà non mi interessa).
      Comunque ripeto: a me la compressione e limiting del master interessa solo per questo effetto "glue", quindi pochi db e più trasparenti possibili.
      Inoltre ti garantisco che mettere Magenta sul master bus lo migliora anche solo senza compressione...
      Nebulafilo come sempre vedo...
      Provato il ProL e il ProL2
      Stesse impressioni
      Più in generale trovo appunto in ogni limiting in master una perdita di stereofonia, di separazione e un impoverimento generale della qualità e dei transienti. Oltre ovviamente della dinamica del mix.
      In ambito acustico perlomeno. Il glue preferisco ottenerlo col riverbero. Sul miglioramento del suono in master, se non é già buono così, credo che un buon equalizzatore analogico stereo sia la mia soluzione
      ottimi consigli come sempre...
      allora, in realtà già faccio spesso anche questo: metto un riverbero (room o chamber) sul 2 BUSS, e assolutamente contribuisce al glue... è però rigorosamente un Nebula! :))

      sono contento che condividi le mie impressioni sul Pro-L , vuol dire che non sono pazzo :D

      l'EQ sul master la uso pure, ma poco e di solito in una maniera particolare: un preset di Nebula fatto apposta per il master buss... fa un po' una curva ad u, ma con il solito pazzesco effetto nebula. A volte ci sta, a volte no.. e in linea di massima lo uso in wet/dry al 50%

      Comunque guarda, per il limiter secondo me il punto è trovare il limiter adatto per generi acustici, e sono daccordo che la trasparenza non è mai sufficiente. Per questo infatti chiedevo del clipper.
      Comunque prova un po' Ozone elements, meglio di Fabfilter secondo me...
      e anche questo Unlimited, gratis...
      Mi riferisco più in generale, al discorso del peggioramento sul materiale audio, causato dall'uso di compressori (perdita dell'immagine stereofonica, impastamento di freq., transienti "mangiati).

      Sul dual mono, dipende....
      l'effetto glue, non è comunque una cosa da ottenere soltanto sul master, ma parte dalle singole tracce, dai bus....

      gobert4 wrote:

      Mi riferisco più in generale, al discorso del peggioramento sul materiale audio, causato dall'uso di compressori (perdita dell'immagine stereofonica, impastamento di freq., transienti "mangiati).

      Sul dual mono, dipende....
      l'effetto glue, non è comunque una cosa da ottenere soltanto sul master, ma parte dalle singole tracce, dai bus....


      quello che cerco di capire soprattutto è quanto questi peggioramenti su immagine stereo, transienti, mancanza di separazione, dipendano dagli strumenti usati. Un limiter usato in stereo mi dà necessariamente questo effetto di peggioramento del materiale audio, o dipende dal limiter? bisogna cambiare limiter o abolirlo? A me sembra che da questo punto di vista Ozone è meglio di Fabfilter.
      Per il dual mono: farò delle prove, Magenta ha la funzione per il completo o parziale unlink dei due canali L e R. Comunque già concettualmente mi pareva un po' strano, da quello che ho capito comprimendo diversamente L ed R puoi avere dei continui "spostamenti" del centro fantasma verso il lato non compresso (o meno compresso).
      Ma guarda...
      tutto andrebbe ben contestualizzato; difficile dare risposte chiare ed univoche.

      Di sicuro, come per ogni altro strumento, ci sono limiter buoni e limiter meno buoni...
      In secondo luogo, supponendo di usare attrezzatura di livello ed indicata per il tipo di mix, bisognerebbe valutare la gestione della dinamica per ogni traccia, cercando di capire se è stato fatto tutto a dovere...

      Io la vedo così...
      compressori e limiter sono impiegati da decenni in tutte le produzioni (dal rock al jazz, dalla techno al pop...); prendi le produzioni top e ascoltale...per me fanno paura!Suona tutto bene...i transienti, l'immagine stereo...

      Quindi LORO sanno come fare...
      Io no!!
      Altro che colpa ai compressori...

      Comunque, per me il 90% lo fa il lavoro sulle singole tracce (dalla take
      al mix)...stop!
      È lì che ti giochi la stereofonia, la dinamica ed i transienti; a questo punto sui bus e sul master hai bisogno solo di levigare (eccetto giochi come compressioni estreme, comp parallele, sidechain assassini),
      per valorizzare maggiormente il tutto...

      E qui, per cose di fino, un mid/side, un hpf per comprimere solo da tot. Hz, un knee, una tipologia piuttosto che un'altra...


      In sostanza, non credo che un clipper aiuti a far lavorare meglio un limiter...
      E francamente, fare tutto questo in master...boh...Forse avrebbe un significato per un preciso sound...Una cosa nata non come intervento correttivo, ma sviluppata dopo sperimentazioni su sperimentazioni per arrivare al suono voluto.

      Piccola parentesi sul dual mono ed il link...
      Io sull'API 2500 ho potuto apprezzare la possibilità di comprimere i 2 canali in maniera indipendente (o con un una tot. % di dipendenza e con pure lo shape!!) su un bus di percussioni, dove ogni elemento aveva la sua collocazione L, C ed R.

      Chiaro, su un master...mmm...
      Ok, certo, dici cose interessanti e condivisibili...
      Probabilmente sperimentare con i programmi e i plugin mi porta ad esagerare. E' già successo in passato e ho progressivamente eliminato quello che non funzionava. Ma d'altro canto senza fare questi spippolamenti come fai a capire se una cosa non funziona? Probabilmente hai ragione ed il clipper non mi serve, non per il genere acustico.
      Dopo un po' di tentativi ed errori però alcune cose sono rimaste, come il "powered bus", un programma Nebula di STN che riproduce una catena che include come ingrediente principale questo: purpleaudio.com/products/lilpeqr/
      Magenta 4 è fatto benissimo, per me la migliore strip di Acustica fino ad ora, ed ha rimpiazzato diverse altre cose e cosette Nebula che c'erano prima. In linea di massima tendo a semplificare quando posso.

      Sicuramente hai anche ragione sul saper come fare... e certo, lo so.
      Però appunto in parte è anche lo strumento: cioè, già sono scarso, mi devo far fare pure penalizzare da strumenti non al massimo?

      Interessante anche il fatto che il bilanciamento lo fai in mix. Sì ne sono consapevole, infatti cerco solo che quello che metto sul master bus non impatti negativamente su immagine stereo e transienti così come escono dal mix. Non faccio usi estremi nè del compressore sul 2Buss nè del limiter. Interventi sempre minimi. Però questo benedetto glue sul master buss esiste, e sicuramente si può ottenere senza distruggere transienti e immagine. E tra l'altro non è solo questo: pro-l2 suona digitale, artificiale... Magenta suona come deve suonare.

      Ok anche per quello che dici sulla compressione dual mono: sì infatti su un bus, di batteria o percussioni, già riesco a comprenderlo di più. Comunque... dovrei sperimentare anche questo, di fatto non ho mai provato.
      <p>@Gobert 4 :</p>

      Io sull'API 2500 ho potuto apprezzare la possibilità di comprimere i 2 canali in maniera indipendente
      Ciao a tutti , non capisco questa tua affermazione , cioè come hai fatto ad apprezzare compressioni indipendenti in un compressore che non è dual mono?
      Fatto passare un segnale alla volta? non ho capito bene scusa se può sembrare scirocco ma le grigliate fanno effetti anche peggiori.
      che vuoi dire mollyer? l'API 2500 può funzionare in dual mono impostando "Link" su 0. Se metti su 100 hai invece compressione stereo, cioè eguale su entrambi i lati, indipendentemente dal lato che ha triggerato il compressore. Da 50 a 90 sono delle vie di mezzo, dei 'link' parziali.
      Magenta 4 può fare la stessa cosa...
      Quoto quanto detto da Gobert e aggiungo: qualcuno che ne sa più di me mi disse che quando la compressione é "visibile" sul master significa che hai sbagliato il mix.

      Post was edited 1 time, last by “loyuit” ().

      sì daccordo anche io...
      però al di là di tutto (tutto molto interessante e condivisibile, e ringrazio sempre per le risposte competenti che date) la domanda iniziale era in realtà semplicissima, solo forse non espressa bene: è vero che un clipper può smussare i transienti in modo più trasparente di un limiter?
      Ho letto che sì su gearslutz, ma dalle mie prove sui clipper non ho avuto risultati positivi. Forse sto facendo una eccezione per Clip Shifter di LVC Audio, che mi pare il meno peggio di tutti quelli che ho provato. Ma certo, si tratta in ogni caso di sottigliezze forse eccessive, mi rendo conto.

      Clipper prima del limiter nel mastering

      In Mastering si fanno clippare i convertitori . La domanda è semplice e risposta "anche ..." solo che io ad esempio non ho capito cosa intendi fare andare in clip .. se usi un plugin ..È una tecnica che funziona e che però l'efficacia dipende anche dalla qualità dei convertitori. Io conosco i miei ma penso che ci siamo dei convertitori che reggono 2 ,3 db alti arrivano a 4 ,5 db sopra lo 0dbfs senza effetti disastrosi udibili . Il picco viene decapitato con una lama indolor ☺️
      In ogni caso se ho detto cose ridette mi scuso perché non ho proprio letto bene tutti gli interventi :).

      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro

      Post was edited 1 time, last by “mollyer” ().

      No no, hai detto benissimo, solo che io parlavo di clipping software attraverso un plug-in. Alcuni limiter software hanno anche un clipper integrato (ad esempio il Limiter di tdr). In alternativa ci sono dei clipper come kazrog kclip, sir audio standard clip, lvc audio clip shifter, boz big clipper, ecc....

      Ovviamente i clipper software non hanno bisogno di livelli sopra lo 0dbfs, possono tagliare i picchi qualunque sia il livello dell'audio.

      Clipper prima del limiter nel mastering

      gobbetto wrote:

      è vero che un clipper può smussare i transienti in modo più trasparente di un limiter?


      Imho, si. Ma gli artefatti sono sempre dietro l’ angolo.

      Ovviamente tutto è personale e legato a mille fattori, ma per me la risposta dinamica di un clipper non è paragonabile a quella di un limiter. Il secondo tende a piallare e far perdere la percezione del punch, degli attacchi, il primo tende a mantenere maggiormente la percezione della dinamica ma paga spesso lo scotto di una maggiore saturazione.

      Cosa scegliere e come dipende da te.

      In linea di massima il clipper introduce maggiore distorsione con segnali audio continui. Quindi inizi effettivamente a sentirlo lavorare in modo invasivo sugli strumenti armonici e melodici.
      Il limiter si percepisce maggiormente sugli elementi ritmici e percussivi, sui transienti, che vengono mangiati rendendo il mix più piatto e statico.
      (...sempre in linea di massima)

      Saper scegliere quelli giusti e saperli bilanciare è una cosa non semplice.

      Tornando al tuo caso specifico...
      Su materiale acustico, specie in arrangiamenti semplici con pochi elementi ben registrati e missati, con tanta aria e dinamica, l’ intervento di limiter e clipper si fa facilmente più udibile.
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios