Master e picchi! Che mal di testa!

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Master e picchi! Che mal di testa!

      Allora, il master sopra è mio quello di sotto è di un brano scaricato da internet.
      Come vedete quel brano sotto ha la classica forma a “ salsiccia “ pulita, mentre il mio no. Mi spiego meglio: nel mio tra un picco e l’altro ci sono dei vuoti, ed ecco perché non riesco a spingere di rms perchè I picchi più alti arrivano prima di tutto e quindi poi distorce tutto. Anche nel limiter L2 della Fabfilter noto che i picchi arrivano prima e sono alti.Ragazzi so che è una domanda banale, ma come posso risolvere? Non tutti i master mi vengono fuori così per fortuna, però spesso mi capitano queste situazioni. Sono tre foto con livelli di zoom differ
      enti.
      Images
      • 135569F5-E490-4386-8C0D-F95F03795AD4.jpeg

        408.87 kB, 1,200×1,600, viewed 14 times
      • 2820DF7F-CAA2-4056-89FB-9E49FBE0F06E.jpeg

        402.62 kB, 1,200×1,600, viewed 9 times
      • 6D4AE6D8-F547-40D0-BE7D-02C835D167E2.jpeg

        404.59 kB, 1,200×1,600, viewed 13 times

      loyuit wrote:

      Devi controllare di più le dinamiche in mix, meglio ancora in tracking. Se il tuo scopo é avere rms alti preservando allo stesso tempo un minimo l'integrità delle singole tracce e la qualità complessiva dei tuoi lavori.


      È un arrangiamento composto da suoni vst, gli unici strumenti registrati sono la voce e delle acustiche. Come dovrei fare?
      non è questione se sono dei vst o sono suoni veri. Ammettiamo che i picchi che vediamo sono "cassa e rullante" che tieni evidentemente troppo fuori rispetto al resto, ammettiamo sempre basso chitarre e voci. Potrebbe essere un bel mix (non ho modo di saperlo) che si basa propio su questa dinamica molto ampia. A questo punto non puoi fare il salsicciotto che è esattamente l'opposto di un mix dinamico. Allora riparti dal mix, livelli e compressioni delle "percussioni" rispetto al resto e già vai nella direzione toblerone.
      se vendete il database mi incazzo.

      DBarbarulo wrote:

      non è questione se sono dei vst o sono suoni veri. Ammettiamo che i picchi che vediamo sono "cassa e rullante" che tieni evidentemente troppo fuori rispetto al resto, ammettiamo sempre basso chitarre e voci. Potrebbe essere un bel mix (non ho modo di saperlo) che si basa propio su questa dinamica molto ampia. A questo punto non puoi fare il salsicciotto che è esattamente l'opposto di un mix dinamico. Allora riparti dal mix, livelli e compressioni delle "percussioni" rispetto al resto e già vai nella direzione toblerone.


      Quello che forse da i picchi maggiori È il
      loop composto da cassa e snare. Ho visto un video su internet dove spiega l utilizzo dell overdrive: Elimina il picco è fa aumentare l rms del suono, l’ho trovato molto interessante. Lui consiglia ri metterlo in tutte le tracce o perlomeno in quelle che hanno maggiori picchi, forse potrebbero essere questa la soluzione ?

      AndreaFerro wrote:

      DBarbarulo wrote:

      non è questione se sono dei vst o sono suoni veri. Ammettiamo che i picchi che vediamo sono "cassa e rullante" che tieni evidentemente troppo fuori rispetto al resto, ammettiamo sempre basso chitarre e voci. Potrebbe essere un bel mix (non ho modo di saperlo) che si basa propio su questa dinamica molto ampia. A questo punto non puoi fare il salsicciotto che è esattamente l'opposto di un mix dinamico. Allora riparti dal mix, livelli e compressioni delle "percussioni" rispetto al resto e già vai nella direzione toblerone.


      Quello che forse da i picchi maggiori È il
      loop composto da cassa e snare. Ho visto un video su internet dove spiega l utilizzo dell overdrive: Elimina il picco è fa aumentare l rms del suono, l’ho trovato molto interessante. Lui consiglia ri metterlo in tutte le tracce o perlomeno in quelle che hanno maggiori picchi, forse potrebbero essere questa la soluzione ?


      la soluzione è imparare il mestiere!!
      non i trick e track dell'overdrive, dell'eq, del comp...
      Non c'entra nulla quel tipo di approcio....
      una saturazione (sia dovuta da un tape recorder, da un preamp/compressore/eq/saturatore analogico/digitale, transistor, valvola, nastro magnetico) modifica anche i transienti...Quindi sì, può essere un trick (SE si sa cosa si sta facendo).

      Nel tuo caso, c'è ben altro....
      A partire dal fatto che stai chiedendo consigli su come agire, postando degli screenshot di materiale audio...

      Magari caricassi il mix...

      AndreaFerro wrote:

      Quindi non c’entra nulla la saturazione? Comunque sapete consigliarmi qualche overdrive carino?

      ps: in merito alla forma d’onda del master invece?


      Prova Wavesfactory Spectre, un parallel eq che aggiunge anche saturazione, ma solo sulla banda che stai enfatizzando. Inoltre puoi scegliere anche l'algoritmo di saturazione ("colori" diversi), o puoi escludere del tutto la saturazione usando il solo eq parallelo (algoritmo "clean"):

      wavesfactory.com/spectre/

      questo anche per andare nella direzione che ti stanno consigliando, del "sapere dove mettere le mani", e in generale di un maggior controllo delle cose. Puoi saturare ed enfatizzare una banda sola, o più di una. E soprattutto suona molto bene.

      Come dice Gobert dovresti comunque postare i file audio per capire di che parliamo...

      edit: per un plugin di saturazione senza equalizzazione, con una sola levetta da alzare, ma pazzesco, ti consiglio "density" di airwindows.

      Post was edited 1 time, last by “gobbetto” ().

      Ragazzi di suonare suona, ma perché i miei transienti ( immagine sopra) hanno un taglio proprio netto mentre quell’altro master no? Cioè se guardate il mio ha una linea tirata sopra.. da cosa dipende?
      Images
      • 4779C148-16E0-44FF-B73B-2D551BA15262.jpeg

        305.74 kB, 901×1,600, viewed 13 times
      Non sono certamente un conoscitore dei trick per la loudness, ma dal grafico mi sembra che tu abbia semplicemente schiantato il tuo mix contro un limiter sul 2buss, mentre quell'altro brano è stato pensato per la loudness già a partire dal mix.

      Un'altra cosa che ho letto che si può fare per aumentare la loudness è un low cut a 40Hz sul master buss. Ma in ogni caso suppongo che tutto parta dal mix, e comunque è ovvio che la loudness a tutti i costi inciderà negativamente sul suono.
      Tra le altre cose, e a parte la saturazione, puoi provare i clipper sugli strumenti percussivi, e i limiter talvolta anche sulle tracce.
      Comunque, la cosa fondamentale penso te l'abbia detta Gobert, non è tanto o solo che strumento usare, ma come e quando usarlo. Nessuno strumento e nessun trick possono essere usati indiscriminatamente o a prescindere.
      Intendo dire che probabilmente avrà pensato alla loudness di ogni singolo strumento, ottenendo che fossero livellati già in mix. Nel tuo caso avrai invece probabilmente alcuni strumenti (batteria) con picchi ed escursione dinamica notevolmente superiore a quella degli altri.
      Non sono proprio un mago della loudness, ma ti suggerivo di provare con limiter sui canali (alcuni sono pensati proprio come limiter per le tracce piuttosto che per il 2buss) e con i clipper (soprattutto ma non solo sulla batteria), che sono un altro modo per ammorbidire i transienti in modo più o meno trasparente, e quindi ridurre l'escursione dinamica delle tracce. Naturalmente i saturatori sono un altro modo.
      Ovviamente ti dicevano bene, ogni cosa va fatta con criterio, perchè ad agire sui transienti non si è mai completamente trasparenti, e c'è un impatto sul suono.

      gobbetto wrote:

      Intendo dire che probabilmente avrà pensato alla loudness di ogni singolo strumento, ottenendo che fossero livellati già in mix. Nel tuo caso avrai invece probabilmente alcuni strumenti (batteria) con picchi ed escursione dinamica notevolmente superiore a quella degli altri.
      Non sono proprio un mago della loudness, ma ti suggerivo di provare con limiter sui canali (alcuni sono pensati proprio come limiter per le tracce piuttosto che per il 2buss) e con i clipper (soprattutto ma non solo sulla batteria), che sono un altro modo per ammorbidire i transienti in modo più o meno trasparente, e quindi ridurre l'escursione dinamica delle tracce. Naturalmente i saturatori sono un altro modo.
      Ovviamente ti dicevano bene, ogni cosa va fatta con criterio, perchè ad agire sui transienti non si è mai completamente trasparenti, e c'è un impatto sul suono.


      Io non capisco perché il mio master abbia quel taglio netto. L’unico limiter che c’è sul master ha semplicemente out celing a 0,02
      per non andare in clip e basta.
      Eh, ma quanto stai limitando (leggi: cosa indica il meter della gain reduction) con quel limiter?


      E' un po' come dire che ad un concerto c'è una corsia di (butto un numero a caso) 3 metri tra palco e spettatori: può essere che la gente stia dietro le transenne in modo tranquillo e ordinato e ci sia tutto lo spazio necessario per muoversi, come può essere che sia accalcata alle transenne e magari che subito dietro ci sia chi spinge pogando. La transenna garantisce sempre quei 3 metri di spazio libero tra spettatori e palco, ma il lavoro che svolge è ben diverso nelle due situazioni...
      La transenna è il tuo limiter.


      Ad ogni modo:
      - come già scritto da altri, servirebbe un pezzetto di audio per poter discutere in modo più concreto.
      - la loudness si ottiene partendo dalla scrittura, dalla scelta dei suoni, dal mix... la fase di mastering è solo l'ultimo anello
      - per favore, se hai l'esigenza di allegare degli screenshot, non fare una foto dello schermo (o peggio di una parte); cerca "screnshot pc" (o mac, a seconda di cosa usi)... ad esempio (ma non sono le uniche soluzioni) su mac c'è lo strumento "istantanea", su pc ti basta premere "stamp" e poi incollare su paint (dove puoi anche ritagliare, nel caso)
      Il rispetto si costruisce solo insieme.

      sin night wrote:

      Eh, ma quanto stai limitando (leggi: cosa indica il meter della gain reduction) con quel limiter?


      E' un po' come dire che ad un concerto c'è una corsia di (butto un numero a caso) 3 metri tra palco e spettatori: può essere che la gente stia dietro le transenne in modo tranquillo e ordinato e ci sia tutto lo spazio necessario per muoversi, come può essere che sia accalcata alle transenne e magari che subito dietro ci sia chi spinge pogando. La transenna garantisce sempre quei 3 metri di spazio libero tra spettatori e palco, ma il lavoro che svolge è ben diverso nelle due situazioni...
      La transenna è il tuo limiter.


      Ad ogni modo:
      - come già scritto da altri, servirebbe un pezzetto di audio per poter discutere in modo più concreto.
      - la loudness si ottiene partendo dalla scrittura, dalla scelta dei suoni, dal mix... la fase di mastering è solo l'ultimo anello
      - per favore, se hai l'esigenza di allegare degli screenshot, non fare una foto dello schermo (o peggio di una parte); cerca "screnshot pc" (o mac, a seconda di cosa usi)... ad esempio (ma non sono le uniche soluzioni) su mac c'è lo strumento "istantanea", su pc ti basta premere "stamp" e poi incollare su paint (dove puoi anche ritagliare, nel caso)


      Il limiter praticamente non lavora, lo metto solo con outceling a 0,02 per evitare il clip.. Quindi il “ problema “ dei bordi tagliati netti quale potrebbe essere?
      Andrea, stai riducendo un poco troppo la questione. Non si parla di grafica. La domanda che dovresti porti è: "come suona?". Stai utilizzando il limiter in un modo che potrebbe essere improprio, potresti avere clipping prima, il tuo brano potrebbe suonare sfracellato, non ci è dato sapere. Le variabili del perchè le onde appaiono diverse sono molte, il bpm, una pausa, l'arrangiamento ecc. tutte cose che ti ho già detto. Non badare ai disegni e concentrati sul capire come suona.
      se vendete il database mi incazzo.