Pannare un brano solo piano acustico e voce

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Pannare un brano solo piano acustico e voce

      New

      Ecco un bel dilemma etico/tecnico.
      Come missereste un brano solo piano acustico + voce?
      Se sul piano (verticale) ci sono 2 soli mic messi esattamente L e R, con il sinistro che prende le note più gravi, tendenzialmente bisognerebbe pannare questo vicino al centro, e mettere l'altro tutto a destra, ma se in un brano non c'è altro, a parte la voce, il mix finito sarebbe molto sbilanciato sulla destra.
      Forse la questione parte dalla registrazione... bastano 2 mic per il piano, o meglio cercare di fare le corde gravi con un terzo mic?
      E poi questi 3 come si gestiscono / pannano in mix?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      New

      Io terrei totalmente aperto LR Total left e total right con la voce al centro.
      Se hai RX potresti anche pannarli con lo stereo imager...i risultati spesso sono più che accettabili.
      Interfaccia: Apollo quad Mics neumann u 67, 414, ribbon CGE Pre spl goldmike, octopre Outboard dbx 160a(x2) Urei 545 EQ Drawmer 1968 Mercenary Edition Ascolti Krk K-rok, Ns-10 Studio monitor.
      e tanta voglia di fare musica!

      New

      Izotope Rx...
      Lo stereo imager ha la possibilità di farti scegliere dove posizionare determinate frequenze, aprendo o chiudendo la figura stereo.

      Comunque si, terrei DX e SX belli separati...
      Anche perchè in questo modo Hai tutto più bilanciato a livello di immagine stereo.

      Un altra possibilità è tenere il piano aperto al 50% circa e mettere total left e right il riverbero della voce.
      Interfaccia: Apollo quad Mics neumann u 67, 414, ribbon CGE Pre spl goldmike, octopre Outboard dbx 160a(x2) Urei 545 EQ Drawmer 1968 Mercenary Edition Ascolti Krk K-rok, Ns-10 Studio monitor.
      e tanta voglia di fare musica!

      New

      A dire il vero non ho ancora materiale registrato, quindi magari mi sto facendo una fissa inutile, ma probabilmente riprendendo con 2 mic non estremamente close (anche perché se no vado a mettere a fuoco solo una manciata di corde) immagino che anche a destra arriverà una accettabile quantità di basse che poi andrebbero a sommarsi al centro con il mic R.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      New

      che microfoni userai??
      Interfaccia: Apollo quad Mics neumann u 67, 414, ribbon CGE Pre spl goldmike, octopre Outboard dbx 160a(x2) Urei 545 EQ Drawmer 1968 Mercenary Edition Ascolti Krk K-rok, Ns-10 Studio monitor.
      e tanta voglia di fare musica!

      New

      parti col decidere come microfonare... tutti e due dal lato della martelliera o di lungo uno verso i martelli alti e l'altro verso la coda. Poi pensa a se devi replicare un evento reale quindi il pianista a sinistra della cantante... ecc ecc .
      se vendete il database mi incazzo.

      New

      DBarbarulo wrote:

      parti col decidere come microfonare


      Barbarù... è un piano verticale! :D
      Io userei i due rode, total pannati, all'altezza del mobile, e giocherei di posizionamento, a cominciare da un metro di distanza (se è possibile) e ad avvicinarmi all'occorrenza. Il suono di un buon verticale è comunque "diverso" da un coda o mezzacoda.
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!

      New

      BjHorn wrote:

      Il suono di un buon verticale è comunque "diverso" da un coda o mezzacoda.

      E spero migliore dei campioni :D
      Battute a parte, grazie a tutti per le dritte, a dire il vero sto ancora decidendo se mettermelo in studio questo piano, è mio ma sto sgombrando casa dei miei, da me purtroppo ho poco posto, se faccio il sacrificio di trovarglielo volevo cominciare a capire se e come posso sfruttarlo.
      L'ambiente è discreto, la distanza dei mic la potrei gestire, è un buon piano che ha lavorato poco ma sicuramente dovrò fare i conti con qualche scricchiolio e qualche rumore meccanico, a volte sono parte del fascino, a volte rogne...
      Ma secondo voi un terzo mic in omni per riprendere la room, alle spalle del pianista?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      New

      Se l’ambiente suona bene l’omni ci sta, in ogni caso tu provi e poi se ti va lo usi se no lo togli.
      Un verticale è molto diverso come suono e anche come microfonazione, se è tuo fai parecchie prove con posizioni diverse e ascolta come viene meglio, a volte soluzioni strane possono funzionare bene.

      New

      poi, come sopra, se la voce canta mentre suona o sono 2 individui distinti e voglio rappresentare la distinzione spaziale. Riguardo alla room, tentar non nuoce, ma di solito in ambienti di fortuna il problema è togliere la room dai microfoni diretti piuttosto che aggiungerne ancora... ;)
      se vendete il database mi incazzo.

      New

      DBarbarulo wrote:

      quindi microfoni sopra o sotto (invece che alla coda..)

      Ma infatti io l'avevo intesa così e si può sempre provare.
      Purtroppo nei verticali verso il basso si incappa anche nei pedali e basta qualche cigolio o un rumore di scarpa per rovinare delle take, quindi forse conviene prediligere la parte alta.
      Per la room proprio di fortuna non è, è una stanza abbastanza trattata anche se solo con pannelli in lana e non con bass trap, niente roba accordata, però per riprendere uno strumento acustico dovrebbe avere una risposta abbastanza naturale e soprattuto corta, minima, poi certo che potrebbe non piacere lo stesso, ma il bello è sperimentare.
      Sicuramente nei 2 mic close di ambiente ne rientrerà poco, il terzo posso provare anche a metterlo nel corridoio e sentire cosa prende a distanza, potrebbe essere interessante.
      Per il resto il canto lo registrerei separatamente, ma lo immergerei al centro dello strumento.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      New

      Per qualche motivo nel mio ambiente (non so se in altra stanza sarebbe lo stesso) sul piano molta diffusione accompagnata a un moderato assorbimento funziona molto meglio del solo assorbimento, che tende subito a renderne il suono cupo e opaco. Viceversa, l'assorbimento a manetta, anche con zero diffusione, funziona bene sulla batteria. Prendila come esperienza personale e aneddotica, non saprei se la cosa ha un qualche fondamento...
      Valuta qualche diffusore, Thomann ne ha di economicissimi...

      New

      In sostanza bisogna sempre fare molte prove, a volte ci sono strane sorprese.
      per esempio il piano Yamaha che è più metallico lo preferisco con gli oktava 012 mentre il coda bosendorfer lo preferisco con i neumann 184 che sono più aspri.
      poi dipende moltissimo dall’ambiente