DDP per vinile: Quali regole ?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      DDP per vinile: Quali regole ?

      Buon dì popolo di HSI, vengo oggi con in tasca una domandina facile facile...

      Devo fareun DDP per stampa su vinile, in rete ho trovato alcune regole tipo:

      Taglio netto sotto i 40 Hz e sopra i 15 KHz

      Side con livelli inferiori di almeno 6/9 dB rispetto al Mid

      Monoizzare fino a 180 Hz

      Non andare oltre i 24 minuti per lato per un 33 giri con brani con un volume " moderno"

      A Tal proposito non ho ben capito a che volume RMS dovrei far riferimento ( pensavo di non andare oltre i -12 )
      e soprattutto che distanze tenere tra brano e brano nel DDP compreso spazio prima del primo brano

      Se qualcuno di voi è avvezzo al vinilaggiamento e ha voglia di darmi qualche dritta ( compreso confermare o sconfessare le regole suddette ) sarà ben accetto e ricompensato con un grande Grazie
      :thumbsup:
      Sono regole che fanno appello ad una più complicata serie di cose che non posso stare quì a specificare.
      In breve: un DDP non serve per stampare i vinili ma i CD. Per passare dai files digitali ad un vinile c'è bisogno di un taglio che viene effettuato con un tornio per l'incisione dei vinili. Ogni tornio in base alla tecnologia che usa ed alle capacità del tecnico che lo usa richiede delle specifiche per ottenere il miglior vinile possibile, tutte cose che da casa tua non sei in grado di prevedere e che regolerà il tecnico in fase di trasferimento. L'unica mezza verità è che le facciate degli LP pongono in relazione lo spazio fisico disponibile con il livello quindi più minuti metti più piccoli i solchi devono essere. Più piccoli i solchi minore volume e minore rapporto segnale rumore. Per fattori fisici invece grosse informazioni di stereofonia sulle basse non vengono ben digerite dai torni, ma parliamo di cose tipo chorus pingpong sul basso ecc. Di media il miglior compromesso è 18 minuti per lato. Manda 2 files, uno per facciata, alla massima risoluzione a cui hai lavorato e a 24 bit. Non ti accanire con compressori e limiter perchè probabilmente fornirai già dei mix che sono più forti del dovuto e soprattutto non tagliare nulla, 40, 180, 15k i side ecc perchè non sai cosa stai facendo e lascialo fare al tecnico di taglio.
      se vendete il database mi incazzo.

      Post was edited 2 times, last by “DBarbarulo” ().

      Buona sera Davide,
      innanzi tutto grazie per la tua disponibilità.
      In origine avevo pensato al DDP più per una questione di praticitàdi impacchettamento e sicurezza ( il check dei files all' apertura del progetto ) dando per scontato che il tecnico avesse la possibilità di aprirlo e copiarlo sul supporto che dovrà usare, poi, sapendo che il vinile ha una procedura diversa mi sono informato sulla teoria e mi son detto : se proprio devo farlo vediamo di affrontare anche questa... Sapere che la cosa migliore da fare sia consegnare una versione del CD non limitata e a 24 bit mi solleva non poco.

      Aggiungo una birra a quelle che già ti devo...
      ^^
      non mi attribuire affermazioni che non ho fatto... :D
      Le versioni CD per me sono enormemente più compresse dei mix e non le invierei per il taglio del vinile. Manderei i mix "masterizzati" nel senso di suono/eq e "dinamica" ma non cotti al limiter. Per fattori di sicurezza sull'integrità del trasferimento zippa le cartelle e lo zip fa da checksum.
      se vendete il database mi incazzo.